Le 13.05 una notte in bianco.

Sveglia ormai da più di nove ore, affondo le mie ultime note malinconiche in un bicchiere di wisky di vecchia annata.

Sento qualche melodia incerta di un pianoforte. E' il vicino di casa, amo ascoltarlo, non posso fare altro che scrivere perché ad ogni suo tocco su quei tasti felici e trisi decoro una parola, due o forse tre. 

Versi di romanzi, racconti, favole che vorrebbero essere completate e che, invece, trascino negli anni senza trovare mai uno sviluppo nella trama narrativa o una conclusione per le mie storie.

Passano interi giorni senza scrivere niente, parlo del nulla o parlo della vita, parlo della routine o parlo di una scopata, alla fine sempre la stessa storia, triste, arrogante, insopportabile logorante esistenza. Incontro lui, e poi lui e poi un lui ancora, ma tutti i volti hanno le stesse tracce, uno schema diverso che in conclusione, dimostra di essere lo stesso.

L’amore è quindi come un libro, anche se le parole sono diverse il succo è sempre lo stesso: “Gli diamo un significato per il suo significato, assegniamo una continuità secondo gli stimoli di lettura e magari una conclusione se il libro non ci piace, o un’altra conclusione se il libro è affascinate!

In entrambi i casi il libro finiamo sempre per leggerlo perché il desiderio, la passione e la lettura finiscono col diventare specchi d’acqua trasparenti.

”Nella mia vita incontro sempre persone diverse. Mi donano esperienze, sorrisi, amarezze, lacrime, sussurri. Mi stimolano ad invecchiare passo dopo passo, (invecchiare inteso come concetto di crescita creativa, non è di per sé un’accezione negativa).

Le persone normali, quelle di sempre, quelle che incontri in un bar, ad una stazione di un treno, in un locale, quelle che conosci tramite amicizia, quelle che incontri per caso e poi finisci per rincontrarle dopo anni e anni, insomma, le persone si incontrano sempre e ognuna di queste è un pezzo di un puzzle, e la tua vita finisce col diventare, sempre secondo gli altri, felice o insopportabile a seconda del grado di conoscenza nella società.

Dall’incontro reciproco e condiviso di persone, anime, cuori, respiri e parolle tutto condiziona, tranne la tua libertà. Condiziona il tuo modo di essere, la tua respirazione, il tuo parlare e il tuo agire? Non quello no, è sempre una tua scelta.

C’è chi dice che la libertà è condizionata dal supporto degli altri, non sono d’accordo! La libertà è tua è mia, è nostra, è loro! Facciamo quello che decidiamo di fare. Anche se gli altri ci ascoltano e ci parlano, decidiamo sempre noi, cosi come decidiamo di ascoltare i loro consigli.

Cosi decisi di essere una persona normale, semplice, moderna, aperta e felice. Cosi decisi che la mia vita non doveva essere condizionata dai miei personali alti e bassi: sono tutti stereotipi e io li combatto!

Non mi faccio condizionare dai media, dai servizi terrificanti sulla nave della Concordia, sulla guerra in Siria, dal governo Monti, Berlusconi o Prodi e dagli atti criminali della società civile.

Non mi faccio condizionare dai torti, dai sorrisi, dalle illusioni, dal sonno che mi prende, dal fatto che non ho soldi. Non mi faccio condizionare da un ‘impossibilità, dall’ amore, dal fatto che posso essere innamorata oppure no, dal fatto che posso tenerci ad una persona oppure no. 

Io voglio vivere e vivere significa respirare, essere forti significa dare un senso a quello che fai.

E ogni mio passo è una traccia che io voglio disegnare sulla spiaggia, è un sogno che realizzo quando mi alzo, conservo quando mi addormento e metto in pratica, o almeno ci provo, quando mi risveglio.

La mia vita deve essere piena d’amore, di sorrisi e di soddisfazioni cosi adesso la vedo, e chi mi è vicino ha capito il senso.

Gli altri le elimino, sono per me petali rossi che sono caduti dal loro baricentro, seccandosi hanno fertilizzato un terreno aihmé sterile e sono terminati nel dimenticatoio mentale.

Amo il mio modo di fare, quello che hanno gli altri, gli alti chi? Quelli che danno un senso, quelli che credono nella vita, e nella consapevolezza che le cose vanno coltivate e create giorno dopo giorno.

Questo mio vicino di casa, ci crede. Lui suona, non mi vede!

Chissà potrebbe ascoltare il battito della tastiera, l’anima delle mie parole.

Io avverto la sua musica, la faccio mia e la interpreto!

Chissà, secondo me è proprio cosi! Lui riesce ad ascoltarmi.Sono innamorata della vita…

7
7
21

Semper fortis

10 December 2018

La verità è che questa è una frase che tatuerò presto sulla mia pelle. Devi mandare un segnale, devi lottare e passare attraverso tutte le sfumature della solitudine per capire appieno queste parole. C'è stato un periodo in cui avevo bisogno dell'approvazione e del sostegno. Ma la verità è che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
7

VIAGGIO A BREMA

10 December 2018

Tirolo settentrionale, 1957. "È un po'di tempo che non ci vediamo e mi farebbe piacere rivederti. E farebbe piacere anche a Peter e ai ragazzi". Questo il tono della lettera che Freda aveva scritto a Monika, la sua amica d'infanzia. Così, dopo qualche tentennamento e considerando che era estate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
11

Una storia

09 December 2018

Ero poco più che una bambina, quando l'alito appannava i vetri della stanza e stavo ore ad osservare la neve cadere, fantasticando di giocare a palle di neve affondando i piedi nel ghiaccio o soltanto immergervi le mani per formare un gran bel pupazzo tutto da ammirare. Già, perché le mie fragili [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Bello e bella l'idea di fotografie letterarie, similmente racconti che [...]

  • Giofilo: Grazie Puccia...mi fa piacere che approvi l'idea di fotografare la realtà [...]

1
1
12

Vivere

09 December 2018

La dottoressa Knopfer preparava la lezione di biologia. Aveva studiato alla Queen Mary of London e ne divenne docente col tempo ottenendo una cattedra in molecolare. Si laureò in anticipo coi tempi; con l'intuito di un facchino sapeva rendersi utile ancor prima che servisse. Aveva appreso il seme [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
8

TERROR  EN  LA  CAPILLA  MORTUARIA

09 December 2018

Carmen si reca al cimitero per far visita ai propri defunti e portare dei fiori. Dopo aver allestito fiori e piante, sta per andar via, quando ricorda di dover portar fuori un secchio con dell'acqua. Scende nella cappella, ma un colpo di vento improvviso fa chiudere il cancelletto della stessa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
16

L'ALTRO NATALE

08 December 2018

E puntuale come ogni anno sta arrivando il Natale, neanche tanto in punta di piedi poi. Lui arriva e basta. Anche se nessuno, me compreso, lo ha invitato. Anche se sinceramente potrei farne a meno. Arriva come ogni anno in uno sfavillio di luci stroboscopiche visibili dalla Luna e odore di caldarroste [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Già potrei darti anche ragione, ciò non toglie che il Natale [...]

  • Fabrizio Arnò: Carissimi Giuseppe, Scrittrice, Walter e Puccia... ognuno di noi vive di emozioni, [...]

8
15
22

Rose blu - Gemelli - 3/3

Natale in giallo (P 3 di 3 Lorena)

08 December 2018

Tre mesi dopo Manuela esce di casa per andare all’università; stamattina esame di sociologia. Sale sul suo scooter, indossa il casco e mentre lo fa con la coda dell’occhio vede una figura che ha un che di conosciuto. L’uomo indossa un paio di Lewis sdruciti, un giubbotto di pelle scuro e occhiali [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Bravi tutti, mi unisco a tutti i commenti e bravo anche Walter, bel discorso!

  • Surya: Bravi,bravi, bravi! Siete il top del top entrambi, messi insieme siete stratosferici, [...]

6
6
12

La banda di mastro Leonardo e il mistero degli amici

Natale in giallo

08 December 2018

Il commissario Trabalza stava impazzendo perché da un po di tempo era subissato di denuncie di furti e strani comportamenti ambientali da parte degli amici, erano stati chiamati così i robot di ultima generazione utilizzati per pubblica utilità. Negli uffici postali dietro gli sportelli c'erano [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe voglio essere ripetitivo, i tuoi commenti sono bellissimi, corretti, [...]

  • Puccia: Divertente, sei uno spasso!

4
2
22

Insegnami l'amore

07 December 2018

Amami come io non so fare insegnami l'infinito. raccontami l'amore con le tue mani. Fammi viaggiare nei deserti della passione. Prestami i tuoi occhi per scoprire le sfumature dell'alba. Allenami il cuore. Accarezza le mie paure fino a farle svanire come rugiada in un giorno di sole. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

VITE  VAGANTI 

07 December 2018

Quattro amici si rivedono dopo un anno e decidono di trascorrere insieme un giorno al mare. Partono in auto da Milano e nelle due ore che li separano dalla costiera ligure, decidono di raccontarsi l'ultimo anno vissuto da ognuno di loro. Andrea è tornato da poco dalla Francia, dove si era rifugiato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
5
19

Rose blu - Gemelli - 2/3

Natale in giallo (P 2 di 3 Dario)

07 December 2018

Il giorno dopo Manuela siede di fronte al commissario Bianchi, è nervosa ed esplode ogni tanto in crisi di pianto, si è costituita mezz'ora fa e ora sta raccontando i dettagli dell’omicidio «Insomma, cavolo, mi stava soffocando, è stata legittima difesa» «La scientifica sta completando gli accertamenti, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: Dario sei veramente un talento gigante :)

  • Surya: Grande, grande, grande!!! E ora vado a leggere il finale di Lorena

8
8
15

Angeli

06 December 2018

Il cielo è un paradiso dove gli angeli danzano e suonano. Risate, felicità e arpe sono la musica del giorno. Melodia più bella non esiste. Gli angeli in cielo vegliano in terra su di te. Ti accolgono, e ti proteggono con le loro ali. Non importa dove ti trovi, non importa chi sei o cosa sei. E [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Wow! Bravo Giuseppe! Ora però stai diventando troppo mieloso.... 😂😂😂Scherzi [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: Carissimo ti ringrazio, in verità questa poesia risale al [...]

Torna su