"Disillusione avanza"
disse la fanciulla Blu appoggiando la teiera sul tavolo. Avanzò una donna sulla cinquantina con in testa un grande cappello circolare di seta, appoggiato sulla visiera c'era un fiore fatto di rete e piume. Indossava un vestito tipico anni 60, con abbinati dei lunghi guanti color panna. Con composta eleganza sedette sulla poltrona al fianco della fanciulla Blu.
"Perciò, hai ancora bisogno dei miei servigi" disse, avvicinando quella che lei  aveva deciso essere la sua tazza alla bocca.
"Se sei tu la prima a cercarmi, allora vuol dire che siamo ancora in tempo. Il tutto potrebbe durare il meno del previsto, basta che non mi fai brutti scherzi.", continuò la donna osservando la fanciulla con spinosa attenzione. Poi guardandola dritta negli occhi chiese:
"A quante settimane siamo? Quanto è forte il sentimento rinchiuso nel tuo pancino questa volta?"
Con grande impertinenza allungò un dito verso il ventre della fanciulla, che scostò quell'invadente gesto della donna.
"Ma se fai così non va bene! Devi essere collaborativa, non sono io la cattiva, sei tu ad aver chiesto il mio aiuto.” disse Disillusione appoggiando la tazza da tè e accendendo la prima sigaretta.
"Sì lo so, l'ho fatto perché pare sempre essere la soluzione migliore. Non credo sarei capace di coltivare e crescere questo sentimento."
Rispose la fanciulla Blu con la testa china, osservando il fumeggiare dell'acqua del tè.
“Sono... Tre settimane. Ma secondo me possiamo farcela, la prego Disillusione mi dica cosa devo fare"
"mm... Che giovane e ingenua fanciulla. Sei sicura di poter reggere anche questo? Sei più fragile di quanto ricordassi"
rispose Disillusione, notando il gracile corpicino della fanciulla.
"E perché credi sia così fragile?" si sentì dire da una voce lontana. Una bellissima, formosa donna di colore, con passo pieno di carattere e determinazione, avanzò.
"Non sei forse stata tu a spingerla all'aborto l'ultima volta?"
Continuò la nuova arrivata, sedendosi sulla terza poltrona.
"Uff! Ma sei stata tu ad invitarla?" Chiese Disillusione alla fanciulla Blu.
"Mi chiedevo come fosse possibile che non fossi ancora arrivata a disturbare il nostro banchetto, Speranza."
"É vero sono io, Speranza. Nonché una delle tue più grandi nemiche, che mai smetterà di metterti i bastoni tra le ruote. Cosa pensi, che io non lo sappia? Questo aborto é un crimine! Chi é il fanciullo che acconsente a tale orrore? Almeno glielo abbiamo chiesto? Lui lo sa di essere il padre?"
Disse speranza gesticolando e urlando con forza e potenza, facendo benissimo intendere quanto lei fosse contraria.
"Oh! Ma per favore! Piantiamola con questi discorsi sull'etica e la giustizia. Questa scelta vale l'incolumità di tutte e tre. Credi davvero saremmo capaci di crescere un piccolo marmocchio?" ribatté Disillusione lasciandosi sfuggire la sigaretta dalle dita.
"Senza alcun dubbio" rispose Speranza, battendo il tacco.
"Ma fammi il favore! Ma lo vedi com’è messa? Già potrebbe non riuscire a reggere "l'aborto" come lo chiami tu. Figurati crescere un bambino. Immagino tu sappia altrettanto bene che nessun'altro potrebbe crescerlo al posto suo." Disse Disillusione indicando la fanciulla.
"Allora cosa suggerisci di fare? Sopprimerlo? Vuoi uccidere il sentimento che si porta dentro?"
"Lo sai vero che se quel sentimento non sarà corrisposto o che se lei morirá nel crescerlo, anch'esso morirá? Lo sai? E se lei muore io e te siamo fottute!"
"si lo so, ma io sono Speranza e credo fermamente che questa gravidanza possa renderla più forte e aiutarla ad andare avanti."
"Balle!"
"scherzi?"
"Balle, sono solo balle!  Illusa, credi davvero andrà come pensi? Ma cerca di essere un minimo realistica.  Fatti raccontare dalla fanciulla Blu quanto la tua folle idea sia poco verosimile. C'è un cancro che la divora! Ma non lo vedi? Combatte già ogni giorno, con tutte le sue forze, per la vita. Chi credi di essere per dirle cosa deve e cosa non deve fare?"
"E tu credi di essere tanto diversa?"
"È lei ad avermelo chiesto questa volta."
"Già, questa volta, infatti si vede quanto é peggiorata per la scorsa. Sopprimere quel sentimento vorrebbe dire sopprimere una delle più forti parti di lei. Cara sei sicura di voler rinunciare fin dal principio?"
Chiese speranza alla fanciulla Blu mentre, con fare materno, le intrecciava i capelli.
"Io... Sono stanca" disse la fanciulla con voce tremolante.
"Vorrei solo che si fermasse il tempo. Vorrei solo non trovarmi lui, quel ragazzo, davanti ogni volta che cammino. Perché sento come una piccola mano di bimbo afferrarmi il polso. Quel bimbo é Sentimento, che mi chiede di camminare insieme. Ma io non voglio. Qualunque cosa voi scegliate a me va bene. Vorrei solo non dover scegliere se allontanare Sentimento o portarlo via con me. Bloccate il tempo vi prego, mi sembra una responsabilità così grande e io mi sento così infinitamente piccola."  Continuò guardando il vuoto e lasciando che ogni lacrima le cadesse con enorme pesantezza sulle guance.
"Allora prendi le distanze, scegli di non pensarci. Scappa. Quando ti sembra che si ripresenti il problema, cambia strada. Forse così facendo Sentimento non crescerà e magari morirá nell'attesa di una tua risposta."  Disse Disillusione con sguardo serio e infastidito.
"Sei sempre la solita bambina, quella stessa insicura, tremolante bambina che si poneva vittima del mondo. Mi dai troppo sui nervi! Lo sai quanti bambini abbiamo ucciso per la tua irresponsabilità? Chissà se anche questo nuovo padre acconsentirà all'abbandono di Sentimento, e se invece sceglie di riconoscerlo? Cosa pensi di fare? Il tuo malinconico mondo di eterna vittima cadrebbe. Saresti davvero capace di cambiare o come una codarda scapperesti lasciandoci fare il lavoro sporco? Cresci una buona volta!"
Concluse Disillusione alzandosi dalla poltrona, poi accese la seconda sigaretta e se ne andò. La fanciulla Blu ferita e contrariata da quelle rudi parole fuggí, come solo un disegno sa fare. Speranza si sedette al posto della fanciulla e prese a sorseggiare il tè.
"Dove pensate di andare? Siamo chiuse in un circolo vizioso."


Uscita ferita e spaventata dalle parole di Disillusione, la Fanciulla Blu nascondendosi fra le braccia di lui e asciugandosi le lacrime disse: ”Ti prego, fammi un’altra promessa.”
“Quale?” chiese lui con tono accondiscendente.
“Promettimi che non t’innamorerai mai di me” rispose lei, ripensando alle parole di Disillusione. Lui anche se consapevole di star mentendo, guardandola dritta negli occhi e subito dopo rubandole un bacio, disse: ”Va bene, ti prometto che non mi innamorerò di te”.

La Fanciulla Blu inondata da un miscuglio di desiderio e rifiuto, di timore e appagamento, per la prima volta ebbe una visione di ciò che poi sarebbe diventato Sentimento: Amore. Ma un fischio lontano la riportò alla realtà.

Un ospite imprevisto aveva fatto visita a Disillusione e Speranza: Paura.

3
3
12

Gertrude - 2/2

22 February 2019

Babbo sorrise sotto la folta barba bianca. La poverina non immaginava a cosa andava incontro, doveva leggere una lista di parecchi milioni di nomi e poi rileggerla quando doveva separarli in due liste. Chiamò uno degli elfi e chiese di avere subito l’elenco dei nomi di tutti i bambini. Appena ricevuta [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
3
10

È il tempo

22 February 2019

A volte devi fare in tempo corri, inciampi, sbagli ufficio prendi una multa perché vai troppo veloce. Poi se in coda alla posta e il tempo lo devi ingannare. Ma è furbo, lui. Quando avevi quattordici anni avresti voluto prenderlo e lanciarlo al di là del muro dove gli adulti vivevano già liberi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Si da troppa importanza al tempo che scorre per conto suo e non tiene conto [...]

  • Lo Scrittore: è l'eterna contraddizione dell'essere umano, non riesce quasi [...]

4
3
11

ed io sì, sono Helene

perchè Giulia era mia madre

22 February 2019

È inutile sfuggire ai messaggi degli dei Pezzettini d me si ricompongono solerti Hanno il dominio ed io martire d me stessa li lascio prendere il loro posto. Mi spaventano eppure non posso resistergli Sanno volere Sanno modellarmi Ma resto anzi scopro me sempre più Come se non mi fossi mai vista [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
14

Gertrude - 1/2

la moglie di Babbo Natale

21 February 2019

Cornelius! Dove sei? possibile che quando servi non ci sei mai? Fosse una volta che rispondesse... Cornelius! Benedetto uomo, sempre con la testa fra le nuvole lui e quei piccoli impiastri di elfi. Gli stanno dietro come pulci su un cane. Capisco che sono indaffarati con tutto quello che hanno [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
8

Memorie malandrine

21 February 2019

Masticando una manciata di mentine in un meraviglioso mercoledì di maggio con una maglia in mohair e la moglie in menopausa, mi venne in mente che, nei pressi di un vecchio monastero di monaci mariani, si svolgeva la sagra del muflone di montagna con la partecipazione di Mara Maionchi e dei sosia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: certo che se mangi tutte ste schifezze è ovvio che scrivi cose pazzesche [...]

5
8
20

Serafino e Angela

21 February 2019

Mesi fa conobbi Serafino. Era uno degli ospiti della Casa di Riposo per Anziani per cui lavoro, e sottolineo "era" in quanto successivamente è stato trasferito in un'altra struttura. «Prima di andare in pensione facevo l'architetto e nel tempo libero anche lo scultore.» mi disse una sera «Dopo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
10

Angeli al Lunapark

20 February 2019

A quel tempo gli angeli li vedevo al Luna Park vestiti di cotone stampato leggero con un cerchietto d'osso nei capelli e sorrisi sbarazzini disarmanti. Cosa fosse una femmina mi era ancora ignoto ma la dolcezza dei lineamenti era sufficiente a innamorarmi per quanto, tale seduzione mistica durasse [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
19

il ragazzo rapito

il primo camper

20 February 2019

Lo riconobbi subito, era solo un ragazzo di diciassette anni, figlio di un'industriale, sequestrato da qualche mese e i rapitori avevano già richiesto un riscatto milionario. Chi lo sorvegliava si muoveva con la tranquillità di chi non ha nulla da temere. Sicuro che intorno non ci fossero occhi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Dario De Santis: Già letto, ma sempre molto bello, brava Flavietta!!

  • flavia: g razie a tutti e come sempre troppo buoni , caro Gius l'idea del film [...]

6
11
26

Alla ricerca di un eroe

Gli eroi ci sono, solo che non li vede nessuno

20 February 2019

Lo ammetto mi sto fissando, credo di avere un problema, voi mi conoscete, è vero sono facilmente impressionabile, ma non sono mica un extraterrestre. Ora pertanto vi sto scocciando con le mie farneticazioni fantasiose perchè è un po' di tempo che la mia attenzione è attirata dal fatto che tramite [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Camillina: Mi piace il tuo sfogo su i tempi che corrono, ormai sono 30 anni che questa [...]

  • Walter Fest: Alida, grazie di cuore anche a te, mannaggia è un discorso facile ma [...]

5
4
13

Kiung mi

la guerriera

19 February 2019

Kim So Yung era lo Shogun del tratto di territorio compreso fra il fiume e la distesa di pianura che arrivava fino ai piedi della montagna sacra. Il suo potere era illimitato, governava con il pugno di ferro, ma era anche disponibile ad ascoltare i suoi sudditi, era inflessibile con chi sbagliava, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
18

LA DONNA GIUSTA

19 February 2019

Un pomeriggio, in un’elegante pasticceria di Pest, una donna racconta a un’amica della sua storia d’amore con il marito, l’unico uomo della sua vita, da cui è separata e che ha sposato un’altra donna, la giovane serva dei suoi suoceri. L’attesa. E’ utile e formativa per il nostro spirito? Espressione [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: molto bello ma troppo complicato per me a me piacciono le storie semplici

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Adalberto, innanzitutto sei un recensore affidabile e bravissimo, [...]

5
8
20

Gius, il Testa Mura

19 February 2019

C'era una volta un ragazzo assai sensibile e sentimentale di nome Gius, con un passato intriso di delusioni e di conseguenza con svariate crepe interiori. «Ne ho i sacchi pieni!» affermò sconsolato successivamente all'ultima cazzuola fatta per amore, tant'è che per proteggersi da ulteriori dolori, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su