Aprì la porta, vide che l’uomo teneva le mani in tasca, sicuramente aveva con se un’arma, a pochi passi dall’entrata l’uomo si affrettò verso di Thomas e l’informò in tono basso che aveva una pistola, proseguì ordinandogli di abbracciarlo come se fosse un vecchio amico che non vedeva da molto tempo. Obbedì e nell’abbracciarlo Thomas si accorse della Señora Alvarez, la sua vicina di casa che osservava la scena:

«Frank! Vecchio bastardo, figlio di una cagna in calore, come stai!? Ma come cazzo ti sei vestito, sembri un’opera d’arte contemporanea. Quanto tempo è passato, ma ti ricordi quando da ragazzini ti infilavo la testa nella tazza del cesso e poi tiravo la catena o quando giocavamo a Kensington Square, e poi...» cercò di essere il più gentile possibile per un vecchio compagno che non vedeva da molto tempo.

«Dacci un taglio con i complimenti e fammi entrare», intimò l’uomo facendogli sentire la canna della pistola sul fianco, poi con un certo imbarazzo entrò in casa, Thomas salutò la Señora Alvarez che osservò la scena leggermente stranita.

Una volta chiusa la porta: «Saluti così tutti gli amici, tu?» chiese l’uomo.

«Solo quelli stronzi come te che mi rapiscono la figlia e mi chiedono un riscatto da 800.000 dollari... Ma che ci voi fare con tutti questi soldi? Guarda che se ti servono per una rinoplastica i connotati te li posso cambiare anche io. Ho una mano discreta» scherzò Thomas.

«Bravo, fa lo spiritoso. Meno sai meglio è», fece la voce in tono misterioso. «Sono qui dentro i soldi?» s’informò l’uomo guardando le due sacche rosse davanti alla poltrona.

«Sì, son lì dentro, ma prego accomodati. Gradisci qualcosa da bere? Non so: whisky, brandy, cognac o magari del buon gin inglese, eh!» gli propose Thomas senza perderlo di vista.

«Ti ringrazio, sei molto gentile nonostante la situazione, comunque sì, prenderò uno scotch se non è troppo disturbo...», disse con affabilità la voce e andò a sedersi vicino al riscatto.

«Disturbo! No, ma figurati, quale disturbo. Ti sei già preso mia figlia, che cazzo vuoi di più...!?», disse Thomas andando verso il minibar del salotto per preparare le bevande.

Thomas gli porse il suo scotch e rimase al suo fianco col suo bicchiere nella mano sinistra e la bottiglia nella destra.

«A che brindiamo? Agli affari?», chiese il rapitore sollevando il bicchiere in segno di brindisi.

«Io brindo a mi figlia e che tu possa marcire per il resto della tua miserabile vita in una prigione federale», disse Morris che gli stava accanto con tono duro, si scambiarono dei brevi sorrisetti in tralice e svuotarono tutto d’un fiato i loro bicchieri contemporaneamente.

«Tuttavia, devo ringraziarti per come hai trattato la bambina, per telefono l’ho sentita molto tranquilla, segno che sta prendendo la cosa come un gioco e di questo, te ne sono grato. Sai, a lei piace molto giocare con le bambole», disse Thomas riempiendo il bicchiere del sequestratore con una seconda dose di whisky.

«Vacci piano amico mio, non vorrai mica farmi ubriacare! E poi sì, tua figlia è una tipetta molto allegra e giocosa, ti assomiglia molto anche se ha gli occhi della madre...»

«Come hai detto scusa!»

«Mmmph! Niente, niente», disse l’uomo portandosi il bicchiere alle labbra con una tale rapidità che il vetro gli sbatté contro i denti, bevette talmente in fretta che per poco non ci si strozzò, tossì con forza e si asciugò le labbra con la manica della giacca.

Aveva detto qualcosa che non doveva. Nella mente di Thomas ritornò il ricordo di quel sorriso ammiccante al quale associò un paio di baffetti da... “No! Non era possibile, Zorro! L’amante della mia ex moglie”. Quando tornò alla realtà dai suoi pensieri vide l’uomo che affondava le mani nelle due borse tirando fuori mazzette di carta straccia.

«Hey! A che cazzo di gioco stiamo giocando, dove sono i miei soldi», disse con rabbia.

«No, “amico mio”, questa è una frase che dovrei dire io, non è forse così: Zorro!».

Gli lanciò la bottiglia di whisky che andò ad infrangersi contro la televisione, per schivarla l’uomo, si buttò sul tavolino, si frugò nervosamente nelle tasche della giacca in cerca della pistola, per farlo lasciò cadere il suo bicchiere sul tappeto, Thomas si avventò su di lui per immobilizzarlo, il vigliacco cercò di scappare verso la porta. Thomas fece in tempo ad afferrarlo per l’orlo dei pantaloni, cadde col volto sul pavimento, perse dalle mani l’arma che andò a finire qualche metro più avanti a pochi passi dall’entrata. Con un balzo Thomas riuscì a raggiungere l’arma prima del sequestratore, la prese e la puntò contro quel luridissimo rivenditore d’auto usate.

«Allora... Frank, ‘amico mio’, come sta la mia cara ex moglie? Alzati pezzo di merda!», gli intimò Thomas puntandogli l’arma in faccia. Frank si alzò mettendo le mani in alto.

«Mi chiamo Jimmy... Jimmi Tudesky», precisò l’uomo mettendosi in piedi.

«Come preferisci, Frank!»

«Senti Thomas, ti posso spiegare tutto.»

«Oh! Certo che lo farai, ma mettiti comodo, siediti su quel divano lì, sì, così da bravo. Ora rispondi a questa mia semplice domanda: Dove è mia figlia?»

 

Santiago Montrés

CONTINUA...

1
1
2

a morte la morte

17 November 2018

Finalmente anch’io ho la mia Rivoluzione. Se permettete la più eclatante. Ho costituito un tribunale severissimo, inflessibile. Il Tribunale, dopo attento esame ha deliberato senza appello la condanna alla fucilazione del tiranno estremo. Morte alla Morte! La poverina c’è rimasta male, ha cercato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

VIAGGIO

17 November 2018

Mai un istante di solitudine Pur vivendo Giorno per giorno Accanto agli altri. Uno scoglio eroso dal mare Millenni di vita Dimenticati al sole. Non c’è vento Figlio di Eolo: La tua vita è costretta fra quattro mura! Un abisso ti circonda: Sentimenti e parole Simili al tempo, vuoto inutile falso. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
3

LA CIVILTA’ SCOMPARSA

17 November 2018

Quel giorno Dio si sentiva stanco, scarico, e una sorta di irritazione gli impediva di riposare. Gli uomini sulla terra lo stavano dimenticando dando fondo ai loro peggiori istinti, a vizi, perversione e ogni sorta di aberrazione, intenti a soddisfare ogni sorta di debolezza, dipendenza e compulsione. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
0
5

Pamela, la B.E.S.

16 November 2018

Non era mai stata accettata dai suoi compagni di classe perché nel quartiere si vociferava che la sua famiglia fosse malfamata. In particolare le malelingue ce l'avevano con sua madre, che si diceva andasse con altri uomini perché i soldi non bastavano mai (ma era vero?) e anche con suo padre, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
4
9

Il volo dei passanti

16 November 2018

Sullo svincolo per l'aeroporto passano tante macchine, eppure non accade mai nulla. Sullo svincolo per l'aeroporto tutti sono di fretta e di passaggio: un aereo che sta per decollare o uno che è appena atterrato. Il tempo stringe e non resta che sbrigarsi. Su quello svincolo nessuno attiva la freccia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Patti credo che per distinguerti dall'altro nostro Giuseppe ti chiamerò [...]

  • Giuseppe Patti: Ciao Walter,
    non ho ancora trovato il nome con cui firmare i miei lavori, [...]

6
9
23

L'Albero Nero

Sequel de "L'Impavido"

16 November 2018

Corro. Gli alberi sembrano come prendere vita. Ho le traveggole oppure è l'effetto di una qualche magia nera? Capitombolo per poi ruzzolare rovinosamente a terra. Le foglie rosso e gialle vorticano in turbinosi mulinelli. Mi rialzo con tenacia, non sarà certo una caduta a fermarmi. Fortunatamente, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

L'UOMO CHE SORRIDE

15 November 2018

Se ne stava seduto sul penultimo pilone dell’unico pontile di Rouge-du-mer. Chiunque fosse passato sulla sponda di pietra ornata di culi di cannoni lo avrebbe visto in quella posa. Lo sguardo rivolto all’orizzonte del mare, la pipa lunga e bianca di spuma tra le labbra e il gomito appoggiato sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
8

COME  L'EROE  DANESE…

15 November 2018

"Come l'eroe danese, la mente vaga..." E non riusciva ad andare oltre. Erano mesi che tentava di terminare quella sceneggiatura e il produttore si faceva sempre più insistente. Avrebbe voluto scrivere un film sulla sua condizione, ma non si sentiva più un Amleto, o almeno così gli sembrava. Stava [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Adalberto, mi hai letteralmente sorpreso con questo componimento, [...]

  • piero: Mi è piaciuto. Originale e al tempo stesso verosimile. Una specie di [...]

3
6
13

Quell'11 novembre 2007

15 November 2018

Sembrava essere una serata normale quella di quel sabato 10 novembre di undici anni fa, una tranquilla cenetta in casa con una coppia di amici, ormai ex, terminata allo scoccare della mezzanotte. In quel periodo se ne facevano diverse di cene in casa mia con gli amici , se non altro per tenermi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
9
25

Due nuvole

14 November 2018

Alzo lo sguardo nel cielo terso. Due strati argentati si avvicinano proprio come noi. Per cambiare le loro forme e per unirsi così delicatamente senza scontrarsi. Alzo lo sguardo nel cielo terso. Due strati argentati si uniscono e si modellano a forma di cuore. Amore mio, abbiamo un appuntamento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Ilaria chi ti ha fatto arrabbiare? Ti riferisci a qualcosa di passato? Perché [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter Fest: Grazie, non dimenticherò mai questo 2018. L'anno [...]

2
2
9

L'acqua

14 November 2018

La Sicilia, circondata dalle acque fresche e azzurre del mar Mediterraneo, è sempre stata un’isola fra l’acqua senza acqua. Questo fatto non è dovuto al clima mediterraneo che a volte si mescola a quello equatoriale ed africano, dato che ogni anno si avvicina con la placca di qualche centimetro [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
8
18

Che fatica l'arte

14 November 2018

«Ecco il lavoro ultimato, letto e riletto. Mi sembra buono» «Ok, ma diamogli un'occhiata prima, noi non guardiamo solo le possibili vendite ma anche la qualità. E questo sarebbe un lavoro buono?» «Non lo è?» «Sì, ma ci sono ancora alcune cose da sistemare.» «Non lo escludevo, per questo prima si [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Patti: Non saprei risponderti: se intendi fare editing professionale a un testo, sto [...]

  • Walter Fest: Giuseppe, allora in bocca al lupo se ci metti passione ed entusiasmo ce la [...]

Torna su