"No, non si può continuare così! Il lavoro, dov'è stu travagghia? Ogni mattina vado in piazza ad aspettare che qualcuno cerchi un onesto lavoratore, ma niente, niente di niente! Potrei fare qualsiasi cosa, lo spircuddaturi, lu zappaturi, sacciu cucinari, ditemelo voi che vi serve ed io lo faccio, perché a casa ho tre figli da sfamare ed una moglie, ormai una canna per l'abbili, pari na cannula ca si consuma 'zuppiddu. Voglio lavorare pecche un uomo senza lavoro che è, una nullità. Ecco perché poi qualcuno va a rubare e si convince che quello è un lavoro, s'illude che basta portare da mangiare a casa e tutto è lecito. Ma questo atteggiamento non é "cosa pi mmia". Ho delle braccia e delle mani e con queste mi voglio vuscari u pani' Ormai sta piazza mi sta diventando antipatica. Non porta lavoro, nessuno dei campieri cerca personale perché le macchine, ora ci sono le macchine che lavorano al posto dell'uomo ed un cristiano può morire di fame perché il padrone si compra le macchine e guadagna di più. Come mastru Turi che ha licenziato i suoi operai, patri ri famigghia, e fa lavorare le macchine! Ah, dannata tecnologia, dannata tecnologia! Ca leva travagghiu a li famigghi! Potrei fare anche lo scavatore. Me cucini Tanu mi ha raccontato che a Carrapipi si potrà trovare lavoro perché lì ci sono le miniere."

Sariddu era amareggiato di questa vita di stenti e rimaneva lì, in piazza dalle cinque del mattino, sperando che qualcuno potesse offrirgli una giornata di lavoro. Un giorno, quando ormai le speranze erano cadute, un campiere cerava i raccoglitori di manderini e lui fu preso. Poche lire al giorno ma bastevoli per ritornare a casa con qualcosa. Ma durò pochi giorni e si ritovò più povero di prima e di nuovo senza lavoro. Poca cosa, poca cosa.

Maria, sua moglie, le aveva provate tutte. Cucinava la verdura raccolta nei campi liberi e tutte le sere c'era cicoria, pane che il fornaio regalava quando gli rimaneva invenduto e Maria lo ringraziava con un sorriso e diceva che era un sant'uomo. Si mangiava. Ma fino a quando?

Sariddu allora si convinse che doveva andare via da quel paese ingrato e seguì i consigli del cugino. Mi nni vaju a Carrapipi.

Fu così che Sariddu prese il treno e partì fra le lacrime della moglie e dei figli. "Nun  ti scantari, stai u tempo necessariu pi jnchiri sta valigia di cartoni di picciuli e ritornu" fece alla moglie. E prese il treno pì Carrapipi. Non si seppe mai se Sariddu arrivò mai a destinazione, sta di fatto che non tornò più al paese. E dopo un anno Maria si vestì di nivuru e continuò a raccogliere la cicoria o il finocchietto selvatico senza più il suo Sariddu, partito per Carrapipi e mai più ritornato.

Forse sarebbe stato meglio che Sariddu fosse partito per la guerra! Almeno si sarebbe potuto pensare che era morto in battaglia. Ma così non fu. E Maria rimase sola con i suoi tre figli. E tutte le sere passava dalla stazione, sperando ancora nel cuore che il suo Sariddu sarebbe sceso dal treno proveniente da Carrapipi. E ritornando a casa, sconsolata, si chiedeva sempre: " Ma dovi sta stu Carrapipi?"

1
1
4

Occhi di bimba

14 December 2019

Quel vialetto nel parco era davvero lungo Portava verso quell’enorme casermone, tempio della finanza Due persone lo percorrevano con movimenti lenti Godendo di ogni attimo del loro passeggio Il padre indossava un enorme cappotto grigio La bimba un graziosissimo cappottino rosso Spiccava fra quei [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
2
5

A' Pandazza e la Lancia Musa

14 December 2019

C'è chi vende la propria macchina a malincuore e chi invece... la vende con tutto il cuore. Cinque anni fa, decisi di liberarmi di una spartana Fiat Panda bianco cadavere classe 1986 a favore di una graziosissima e spaziosa Lancia Musa metallizzata anno 2008. A' Pandazza, da me soprannominata [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
6
25

In prima pagina

Un errore giudiziario

13 December 2019

Era strano ma, quando un fotografo gli aveva sparato il flash in faccia, l'euforia per l'assoluzione si era dileguata e aveva desiderato soltanto di tornare a casa. In quel momento infatti si era reso conto che nessuno dei suoi amici era lì, perché ormai di amici non ne aveva più. E non c'erano [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: Mio figlio direbbe nel lessico giovanile.."TOP". Sempre fluido e [...]

  • Manuela Cagnoni: Grazie Ricky! Mi fanno davvero piacere i vostri commenti!

3
5
16

Ho attraversato un sogno

dalla raccolta "L'Ora Blu" 2009e: "La morte si sconta chattando"

13 December 2019

Ho come l'impressione che la centralina corticale si sia bruciata per sempre cadaverici ricordi - strazianti conati - grumi di sangue rosè si emanano come vapori dalle tubature veneree fino alle caldaie inguinali me ne sto a sudare fango fino a scivolare in vortice dentro il lavandino Sbrigati [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • U1004: Giuseppe hai ragione è più cruda che evocativa. Ne sai più [...]

  • Manuela Cagnoni: Un testo postmoderno, che resta impresso proprio per le scelte lessicali. Mi [...]

2
2
14

Figura plastica

12 December 2019

Raccolta a sè Il corpo raggomitolato Le braccia che cadono sulle gambe levigate La forma del bacino invece appoggia sul piano I piedi ossuti sono ben saldi Un anellino nel pollice I tratti non sono del tutto chiari Ma tra i capelli si scorge il viso Sensuale, birichino, un po’ folle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
13

Alessia, storia di una bambina

monologo

12 December 2019

Entra Alessia in camicia bianca, tenendo una bambola nuda per un braccetto. Forse non mi conoscete! Sono Alessia, ho undici anni. E sarei una ragazza ormai. Alcuni dicono che noi, bambini, ragazzi, siamo fortunati perché non facciamo niente. E allora qualcuno pensa che anche noi dobbiamo lavorare. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravissimo Francesco a proporre a tutti questo monologo, purtroppo sono notizie [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Un monologo che mi ha fatto venire la pelle d'oca, lo giuro, il monologo [...]

4
2
8

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
8

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
11

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

3
3
9

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
8
17

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su