Anna scivolò veloce giù per il tronco del vecchio pero, graffiandosi l'interno delle cosce sulla corteccia ruvida.

Il movimento inatteso zittì l'assordante concerto delle cicale.

Qualcosa si muoveva nell' erba alta.Non un serpente che avrebbe lasciato una scia lunga,poteva essere un topo o un riccio.

Si avvicinò con prudenza a piedi nudi, i sandali erano ancora su un ramo del pero.

Sorrise vedendo l' esserino nudo.Un passerotto ancora implume che tra i fili d' erba batteva disperatamente i due moncherini che un giorno sarebbero diventati ali.

Si chinò e lo prese tra le mani con delicatezza.Le zampette erano già fredde e lei le riscaldò alitando.

Era un cosino grinzoso, poco più grande di una noce, la testa enorme con i bulbi degli occhi neri e chiusi che sporgevano sotto la pelle tesa e un largo becco,vistosamente bordato di giallo.

Anna lo sfiorò con un dito e l' uccellino , pigolando e agitandosi con una vivacità insospettabile, lo spalancò mostrando una tenera e famelica voragine rosso-arancio.

Doveva essere caduto dal nido in cima al pero, quello che Anna aveva sentito pigolare, ma non era riuscita a raggiungere per spiare i piccoli.

Pensò dapprima a come riportarcelo,poi si ricordò di aver letto che a volte il più piccolo e debole della nidiata veniva spinto fuori dai fratelli che così si assicuravano pasti più frequenti e abbondanti.

Lo accarezzò di nuovo sul becco e l' uccellino ripete' la pantomima di prima.

Anna corse in casa a cercargli del cibo.

Pensò che se i biscottini plasmon andavano bene per la cuginetta magari poteva darli anche al suo uccellino, ne prese uno di nascosto, lo sbriciolò, lo bagnò con un po' d' acqua e provò a darlo al passerotto con uno stuzzicadenti a cui aveva tolto la punta .

Fu un successo.

Il passerotto apri più e più volte il beccuccio finchè Anna non vide il gozzo pieno sotto la pelle trasparente.

Sapeva che un esserino cosi piccolo andava nutrito di continuo e che se voleva vederlo crescere forte e sano avrebbe dovuto variare la sua dieta. Poteva dargli della frutta schiacciata, era il momento giusto, c' erano fichi, albicocche, ciliege e poi mosche, lei era brava a prenderle al volo, e piccoli grilli e di tanto in tanto avrebbe aggiunto al biscotto sbriciolato un po' di rosso d' uovo.

Decisa l' alimentazione gli ricavò il nido con degli stracci in una scatola per le scarpe.

Restava da scegliere il nome.

"Cirl"

pensò Anna dapprima, visto che " cirl cirl cirl " ripeteva l' uccellino quando chiedeva di essere imbeccato.

Ma era così piccolo, ed il nome Cirl le sembrava troppo piccolo e insignificante. Il nome avrebbe dovuto sostenerlo, un nome importante gli avrebbe dato importanza.

"Vercingetorige"

le piaceva il suono, "Vercingetorige" ripetè.

E Vercingetorige fù.

 

 

 

 

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
1

Il fiore sul banco

03 June 2020

L’edificio che ospitava la scuola media dove frequentavo il terzo anno era fatiscente, un vecchio palazzo un tempo occupato da uffici comunali e da abitazioni. Nei primi giorni di aprile furono notate alcune lesioni sui muri maestri. Il Preside interpellò con urgenza i tecnici comunali i quali, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
1
5

Senza Titolo

03 June 2020

I centri commerciali sono come stazioni spaziali su pianeti inesplorati. Fulgide e mistiche oasi per società collassate su agi in avaria. Ma dovevo pur fermarmi a pisciare da qualche parte... e fermarsi in autostrada non sembrava una buona idea, soprattutto quando si è inseguiti da occhi maniacali [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
5

Senza fissa dimora

03 June 2020

Oggi è stata una grande giornata: Ho trovato una scarpa sinistra. E pensare che la mattina era iniziata come tante altre... Le campane di San Qualcuno Martire mi fanno da sveglia (la messa è finita, andate in pace, se la trovate) mentre la vecchia cara lombalgia è sempre la prima a darmi il buongiorno [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
12

Darmha

insieme stiamo bene

03 June 2020

Avevo sonno e il mio unico desiderio era “andare tra le braccia di Morfeo”. Invece leggendo i miei pensieri vi accorgerete che non sono a letto, ma mi trovo davanti al pc cercando di esprimere ciò che sento. Il gruppo di meditazione nello specifico si chiama “Sangha” e ogni volta che discutiamo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
18

La guerra è finita

02 June 2020

Aveva fatto buoni pensieri quella mattina e sapeva che da li al calar del sole non avrebbe cambiato idea sul corso della giornata. Guardava le nuvole stanziarsi sulle montagne, un tempo grigie e innevate, e il libeccio liberarsi sui campi dove il sole splendeva dalle prime ore del giorno, e il [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
0
8

Stati Uniti on the road - 2/2

02 June 2020

Proseguiamo, domani c'è Yosemite. Ho paura che mi innamorerò. Non nascondiamocelo, c'è sempre un po' di timore quando succede. È successo. Ma non è un problema. Perché negli ultimi 10 giorni mi è già capitato per almeno altri 6 o 7 posti. Sono amori platonici in fin dei conti. El Capitan, Half [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
4
17

Fammi splendere!

02 June 2020

Fammi splendere! Te lo chiedo così, d'istinto, da quando ho scoperto che le zone d'ombra fanno deprimere. Allora ti confesso che ho bisogno di luce, non una qualunque, ma una che lasci tracce, che sia indelebile come un'impronta sull'asfalto. Fammi splendere quando avverto la malinconia salire [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
26

Tradimento

02 June 2020

Un ragazzo come tanti pieno di passione un giorno incontrò una ragazza e subito fu amore a prima vista. Le cose andavano bene, tutto sembrava perfetto! Un giorno però il ragazzo ebbe una notizia, anzi un'offerta di lavoro che non poteva rifiutare, valeva la sua carriera e così partì. La sua ragazza [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
5
17

Virulenza!!!

01 June 2020

E basta con questo Coronavirus! Ne abbiamo sentito di tutti i colori: gli americani dicono che è sfuggito da un laboratorio cinese, i cinesi che l'hanno portato gli americani durante un congresso di militari. Poi si dice che abbia fatto un salto di specie dai pipistrelli all'uomo, anzi no! La colpa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Rara avis: Grazie per l'apprezzamento Walter, in quanto alle cicche da gennaio ho [...]

  • Walter Fest: Ferruccio sei un grande ex fumatore!!!!!!...Per il Colosseo certo che te lo [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
9

Stati Uniti on the road - 1/2

01 June 2020

Cieli di un azzurro mai immaginato. Strade dritte fino all'orizzonte, e dall'orizzonte ancora dritte fino al prossimo orizzonte. Los Angeles. Metropoli chiassosa e trafficata. Oceano misterioso che si esaurisce sulle spiagge di Venice. Così come la vecchia Historic Route 66 termina al Pier di Santa [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

3
2
35

L'ULTIMO APPUNTAMENTO

01 June 2020

Non è stato facile fissare questo incontro, per ottenerlo ho dovuto mentire sulla mia identità. Mi aspetta nella hall dell'albergo. Mentre mi avvicino perdo tutta la baldanza che mi ha fatto arrivare fino a qui. Vorrei tornare indietro, ma è troppo tardi: mi ha visto. Due occhi grandi e scuri [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

13
19
65

Armiamoci ed entriamo!

01 June 2020

Nelle ore pomeridiane la banca normalmente è tranquilla. Scendo dall'auto. Conosco ogni singola telecamera esterna e interna, ogni dipendente, ogni porta etc, infatti, ho imparato ogni minimo dettaglio di questa struttura. Prima di dirigermi all'entrata, ripercorro velocemente le svariate cazzate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Ma guarda un po'. Uno pensa sia il mariuolo ed invece è la guardia. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: grazie amico mio per la rilettura e per la ricommentatura. :-) Sei [...]

Torna su