La colazione al bar più smandruppato, più scalcinato, più bettoloso del luogo era una gran bella scena. I nostri due eroi, nati negli anni '40, erano seduti al tavolo la cui base era praticamente un vecchio fusto del lubrificante sul quale poggiava come tavola la metà di un cartello pubblicitario "Bevi yogurt dry". Le sedie non erano altro che due fusti di olio marino con sulla sculata una bella coppia di cuscini Neo Zelandesi, però il cappuccino e le brioches erano veramente speciali... Ohhhhh avevo dimenticato di dire, nel bar c'era anche un juke box taroccato perchè per farlo funzionare non servivano le monete, da dietro il bancone Pablone, per gli amici "Poppi", aveva un telecomando per selezionare la musica che solo lui poteva mettere in funzione nei momenti più sonnacchiosi della giornata; era un fine intenditore pertanto nessuno si lamentava. Oreste e Adriana avrebbero potuto far colazione nel loro locale, ma il cazzeggio da Poppi, insieme a tutta la fauna che frequentava il bar, era divertente, perciò ogni inizio di giornata era come un rito mistico terminato il quale ognuno andava a lavorare più felice e così mano nella mano la nostra coppia arzilla faceva il giro per le provviste da portare in cucina. Al ristorante di Adriana, Oreste era un simpatico tutto fare, si occupava di piccoli lavori e sapeva rendersi utile dove c'era bisogno. Lavorare era un piacere e poi alla fine della giornata i due amanti tornavano a scambiarsi tenerezza sulla spiaggia, comodamente seduti su una poltrona Rococò. Non si sà come sia finita lì, venne trovata sull'arenile qualche giorno fà e così Oreste pensò di rimetterla in sesto fissandola su un mezzo pontile, dove l'acqua arrivava alle ginocchia e stava a disposizione di tutti, ma la notte era solo per loro due. Quella notte era un tranquillo giovedì di Luglio quando fra lo sbrilluccichio delle costellazioni sfrecciò come una saetta una stella cadente... ffsssssshhh!!!... e fece splash proprio davanti ai nostri due amici che non si mossero e senza battere ciglio continuarono a guardarsi sdolcinati come il miele negli occhi. Probabilmente alla loro età ormai non c'era più niente che potesse impressionarli, ma davanti alla loro poltrona Rococò galleggiava un coso, un qualcosa di indefinito.. azzo, non era una stella cadente ma una navicella volante! Ve lo giuro, io non centro nulla, non è stata colpa mia se da quel coso uscirono due cosi. Ecco si avvicinano, possiamo vederli meglio perchè salgono sul pontile di legno, ma anche in quel frangente Adriana e Oreste non si scomposero, i due cosi usciti dalla navicella erano in piedi bagnati come due veri pulcini.

-Vi conviene asciugarvi.

Adriana con un gesto cordiale gli passò l'asciugamano.

-Secondo te chi sono questi due cosi?

-Boh?

-Non ti sembra che hanno una carnagione di colore arancione? Avranno preso troppo sole?

-Sentite un pò, avete una bella abbronzatura, dove l'avete presa?

-Sul pianeta 4 X 8

-Oreste, secondo te sono due alieni? Ora che li vedo meglio hanno pure le orecchie tipo Star Trek!

-Scusate ma allora siete due marziani, perchè siete atterrati qui?

-Tutta colpa di un concerto dei Rolling Stones che ci ha mandato in tilt il sistema operativo.

-E già i vecchi Rolling Stones!

-Volete una birra?

-Adriana credo che siano rimasti un pò di gnocchi; vado a prenderli al volo in cucina e porto anche altre birre, voi non vi muovete, eh!

E così di fronte a un bel piatto di gnocchi e birra a volontà, Oreste e Adriana passarono tutta la notte a chiacchierare del più e del meno con i due marziani. Parlarono perfino di scommesse di cavalli e dei film di Alberto Sordi, insomma il tempo passò in fretta e stava per iniziare un nuovo giorno.

-Forse è meglio che ve ne andiate, sulla terra c'è gente un pò strana, se vi beccano vi fanno fare la fine di E.T.

-Volete venire con noi?

-Marziano non dire stupidaggini, lassù mica troveremo tutta la bella roba che abbiamo quà, ma a proposito come vi chiamate?

-Io Petronio.

-E io Nerone.

-Nerone? Petronio?

-Sono nomi imposti dalla confraternita galattica.

-Ah, allora addio, mi raccomando state lontani dai concerti live, ci sono ancora un sacco di vecchi musicisti in circolazione.

-Sì, lo sappiamo, a mia moglie Sophia Loren piace Gianni Morandi.

-Dai facciamoci un selfie!

E così dopo un selfie e un caloroso abbraccio, Nerone e Petronio risalirono sulla loro navicella e partirono verso lo spazio.

-Adriana, è stata una bella chiacchierata con quei due marziani, si è fatto giorno che facciamo?

-Io avrei un'idea.

Amici lettori mi dispiace, anche questa volta devo lasciarvi fuori dalla porta, c'è un cartello con scritto "Do not disturb". Andiamo a fare un giro su letturedametropolitana, troveremo altri amici per scambiare due parole, mi raccomando non parlate dei due marziani, magari qualcuno potrebbe crederci.

1
0
8

L'ultima vendemmia

www.salvatoreviola.it

15 September 2019

-È fatta!- pensò Marcello Ricciardi mentre Bertoli esponeva la nuova strategia di marketing che avevano messo a punto insieme, lavorando fino a notte fonda. – Il cliente sorride. Il lavoro è nostro!- Andò proprio così. Umberto Spinosa, capo dell’agenzia pubblicitaria, era al settimo cielo. Il contratto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
6

Mosto e felicità

Racconto breve

15 September 2019

Eravamo una sgangherata banda di ragazzini tra i sei e gli undici anni. Trascorremmo un'Estate felice e indolente, a pescare nei fossi o a farci la guerra nei campi bruciati dal sole. Conoscevamo ogni zolla, ogni sasso, ogni piega d'albero. Più di qualsiasi altro momento della giornata, ci piaceva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
0
7

Il barcaiolo

14 September 2019

Ho visto un barcaiolo barricato in casa con una barra di burro, una birra bionda e un barracuda barattato con una borraccia di Barbera presso un bar di Barranquilla, gestito da un ex coltivatore di barbabietole con la barba brizzolata e con un debole per la borraggine e per i bicchieri di Baccarat [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

15
18
74

Riposo

Aforisma

14 September 2019

Il vero riposo non è nei momenti di relax o in cui c'è mancanza di attività fisica oppure non ci sono sforzi da fare, ma quando il cuore e la mente si rilevano tranquilli e positivi. Inoltre, è importante curare i nostri pensieri, poiché tutto quello che pensiamo ci porta ad essere ciò che realmente [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
11

Petra

14 September 2019

La luce del tramonto filtrava attraverso le spesse tende del Museo. Si stava avvicinando l'orario di chiusura. I visitatori della mostra erano stati parecchi quel giorno e qualcuno di loro ancora si attardava nelle ampie stanze dell'edificio chiacchierando a bassa voce, quasi a non voler turbare [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Necronomidoll: Ringrazio entrambi per i commenti graditissimi. Il racconto si basa su una [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Necronomidoll lieto di di sapere che hai molto gradito la mia "recensione." [...]

1
2
7

Rally, vivere un'emozione

13 September 2019

Rally, cinque lettere, sinonimo di emozione allo stato puro. Se i rally saranno la passione della tua vita, i tuoi genitori se ne accorgeranno sin da quando sarai in tenera età, perché il sacro fuoco della velocità, se presente, farà parte di te fin dalla nascita. Sarai uno di quei bambini che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Claudio, appena ho letto la parola "Rally" nel titolo, [...]

  • Terrible's: Al "solito" mi ritrovo a ringraziarti per i tuoi commenti riguardanti [...]

1
2
10

Come Paolo e Francesca

13 September 2019

Immerse nel mondo le anime nobili Corrono in circoli di vortici ombrosi Si separano le pelli ma gli animi resistono A folate di vento come lame taglienti Mai lontani seppur distanti Si cercano gli occhi, bramosi di ritrovarsi A confermare che la strada che percorrono i passi È sempre la stessa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
10

Cuor di madre

Il risveglio

12 September 2019

George fu preso dal panico quando il giorno 7 giugno si svegliò di gran lena. Aveva fatto tutti i procedimenti post riposo-notturno, si era alzato, aveva sbadigliato, si era lavato; ma quando si era guardato allo specchio aveva subito notato qualcosa di strano. Lo specchio non rifletteva la sua [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
2
8

Vicoli

12 September 2019

Alle spalle il mare. Di fronte a me case incollate tra di loro. Sinuose, impenetrabili, misteriose. Il colore su ogni facciata le fa sembrare un vero arcobaleno. Ne percorre la città da destra a sinistra. Dall’alto in basso, impennandosi al suo centro. Voglio immergermi in esso. Allungo la mano [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

17
18
86

Alle poste

11 September 2019

Ore 11:00 In una piccola posta di una piccola città della Sicilia la fila viene bloccata da un anziano signore che, a quanto pare, ha dei problemi a ritirare la pensione. Immancabilmente ogni fine mese, per svariati motivi, si crea una certa baraonda, con la sola differenza che stavolta le persone [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Un film wester...pistole parole spianate e...l'anziano pistolero l'ha [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Flavia: pensavo che nel rinomato e inquadrato nord Italia le Poste erano [...]

3
2
19

Siamo tutti prostitute

11 September 2019

Guardo fuori dalla finestra. Silenzio assoluto. Sono le due e quaranta di notte. Non ho sonno, non ho mai sonno da quando non faccio altro che sognare te. Mi manchi, è vero; non l'ho mai negato. Però vederti ogni notte mi fa male e anche questo non l'ho mai negato. Mi allontano dalla finestra per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
13

Radiologismi

10 September 2019

Ho ridato una radio a un radiologo di Rodi che rideva di rado ai raduni di rasta a Ravenna e che raramente si radeva col rasoio, tra riarse radure di rossi rododendri, durante il Ramadan. Io, essendo un rude, di rado mi rodo se rompo il radiatore e, anzi, me la rido riccamente e, per ripicca, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Rara Avis, stai a Rabbuffare, Raccogli Raggiungendo Riccamente Risultati Ragionevoli, [...]

  • Rara avis: Ciao Scily, ti Ringrazio con una Rapida Risposta al tuo Report... Rallegramenti.

Torna su