La primavera è arrivata a metà del suo percorso, cavolo, mi sembra un inizio alla Snoopy, comunque è vero, lo capisco principalmente dalle gambe femminili che,  finalmente libere dalla costrizione delle calze, si offrono nuovamente alla vista ed al godimento maschile.

“Guardare e non toccare è roba da crepare” Mah, sicuramente è un proverbio scritto da donne ed il significato recondito è “ok, a me piace mostrare, tu sogna ma lasciami in pace, decido io se farti approfondire la questione!” ecco, per me è sufficiente sognare, senza approfondire, perché lì inizierebbero i problemi.

Non divaghiamo, dopo aver atteso troppo finalmente sono a Porta di Roma, grande supermercato per grande spesa mensile, oltre ovviamente allo shopping da single.

Inizio da IKEA, il classico posto in cui vai anche se non ti serve nulla ed esci solo dopo aver speso un minimo di duecento euro, patatine e polpette svedesi comprese. (Mi spiegate perché le patatine finiscono immancabilmente prima di arrivare a casa? Cavolo! Sono convinto che nell’impasto ci sia  una droga che dà assuefazione).

A proposito, le gambe mi sono venute in mente vedendo due ragazze che stanno provando un divano reclinabile, giocano, scherzano, le gonne si alzano in maniera direttamente proporzionale al mio crescente desiderio per quelle quattro bellissime cosce ed anche al mio desiderio di rimanere solo.

Soddisfatte del risultato (non quello che mi hanno provocato) si rialzano. Cala il sipario.

Sì, è vero, sono un quarantaduenne solitario, l’ho già fatto capire, tre fidanzamenti lunghi, l’ultimo finito da un paio di mesi, sto diventando sempre più misogino.

“Basta! Rimango single a vita!” Sono stato bravo, stavolta sta durando un po’ più a lungo il giuramento, evidentemente invecchiando divento più intrattabile. Come diceva Nanni Moretti “sono uno splendido quarantenne” aggiungo “rompiballe”.  

Comunque, slip avana 1 – slip bianco 1. Parità! Lo slip bianco vince ai punti perché colei che lo indossava aveva anche un visetto dolcissimo.

La mia soddisfazione nell’aver raggiunto l’obiettivo upskirt mi fa sentire stupidamente orgoglioso, a 15 anni ero giustificabile, gli ormoni in subbuglio mi costringevano a sbirciare, solamente due anni dopo avrei iniziato anche a provarci con le ragazzine, con risultati man mano migliori.

Ho un bell’aspetto, non ho mai avuto problemi con l’altro sesso, però la sbirciatina di controllo è sempre rimasta, anche dopo aver espletato i miei doveri da maschietto amavo guardare il mio fugace amore che si rivestiva, adoravo il momento in cui s’infilava una scarpa per volta, rimanendo in piedi alzando la gamba. Il paradiso emergeva dalla sua penombra.

A quel punto anche qualcos’altro si ergeva e si ricominciava.

Sono stupido? Sì!

Ok, sono arrivato, reparto cucine piccole, devo trovare un modo intelligente per sistemare al meglio la mia cucinina. Hai voluto l’appartamentino al centro? Adesso soffri! Non mi posso permettere cento metri quadri vicino al Pantheon.

«Carlotta, sono costretto a scegliere, o la cucina media o te!»

«Che bel modo di parlare di una signora, oltretutto assente, simpatico il maschietto misogino!»

«Carlotta è la mia gatta, stavo scherzando, non rinuncerei mai a lei, ma non avrei problemi a lasciare una donna per molto meno».

Rispondo così, già incazzato, senza sapere ancora chi ha osato mettere bocca sui miei pensieri vocali.

Mi giro.

Cavolo se è bella!

Mora con occhi neri, non continuo la descrizione perché è tutta da dieci e lode… ah, però le gambe sono da centodieci e lode con bacio accademico!

Se avessi 10 anni di meno ed il carattere simpatico e rimorchione di una volta, continuerei con: «Ovviamente ci sono delle eccezioni, lei ne farebbe parte a pieno merito».

Ormai non più, non riesco più a fingere, tutto mi rompe i coglioni, specialmente con chi sa di essere bella e non è abituata ai “NO!”

Mi risponde: «Ha ragione, direi anch’io così, la mia Camilla vale più di qualunque essere umano di genere maschile».

«Gatta?»

«Ovvio, altrimenti la chiamavo Alvaro».

«Se si chiama Camilla, ovviamente avevo capito che è femmina, cos’ha signora, è abituata di solito a relazionarsi con i tronchetti della felicità? Devo spiegarle ogni frase che dico? Ci ragioni, suvvia, sappia che esistono anche persone con un quoziente d’intelligenza superiore al suo, quanto arriva? 40? Volevo sapere il genere d’animale, non so se nella vita se n’è resa conto, ma esistono anche altri animali casalinghi: cani, pappagalli, pesci rossi, criceti, tartarughine, porcellini nani, iguana, vuole altri esempi?»

«Permalosetto!»

«Ovvio, odio essere trattato da stupidotto, oltretutto da qualcuno che mi da un parere non richiesto!»

«Paola, e non è il nome di un altro animale di casa, ma il mio».

«Roberto, e non è il nome della sedia di IKEA, ma il mio».

Risatina

«Ok, ricominciamo, ci diamo del tu?»

Al mio cenno d’assenso continua.

2
2
6

Al Golfarone

20 July 2019

Approfitto di un giorno di ferie per andare a sperdermi in un bosco. C'è una cascatella vicino a un ruscello e puoi godere di una piscina full-immersion nella natura. Così preparo lo zaino, prendo il casco e mi faccio una girata di un'oretta per raggiungere uno slargo su una strada provinciale. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Nulla di meglio che un pomeriggio rilassante nel bosco vicino ad una piccola [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ducapaso, è da un pezzo che non pubblichi un pezzo. Adoro i racconti [...]

1
0
4

Morire qui

20 July 2019

Al mercato una donna sedeva davanti alle rose, c'erano bancarelle ovunque e i venditori urlavano a buon prezzo la merce consumata in alcuni punti di traforo e cuciture. Sotto al sole le maglie si bagnavano di sudore, le signore più anziane erano intente in un buon affare per la frutta e la verdura [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

6
7
19

U' suonno

il sonno

19 July 2019

La stanza poco prima era completamente al buio. Come una sorta di sfida, il sole volle fare capolino da dietro il Monte Faito e i suoi raggi si infilarono prepotenti tra le stecche delle persiane, ancora chiuse. Invasero quel luogo in una sorta di gioco di luci, creando lunghe scie che si rifrangevano [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Sandro Amici: Ho letto questo scritto con interesse raddoppiato perché amo Napoli [...]

  • Patapump: Sempre un grazie a tutti. Questi personaggi nascono sempre da un vissuto. Che [...]

5
10
24

Notte di sogno

richiamo d'amore

19 July 2019

Cammino nella notte, ammirando le stelle Piccole fiammelle tremolanti nel velluto della notte Mi stai seguendo in silenzio Sento i tuoi passi soffici sull'erba Non sai che percepisco la tua presenza silenziosa Non so cosa vuoi, ma sei sempre più vicino Mi fermerò vicino al laghetto delle ninfee [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
12
33

Lady Fair

ha i suoi cristalli che riflettono

18 July 2019

Io non modulo una personalità consona, non ci riesco, sono fatta di vita e di libertà e non voglio neanche “modularmi”, ma mi piace ascoltare e vedere. E ti ho ascoltata, sempre, ogni tua parola, questo mi ha permesso di vederti, perchè non ne ho potuto fare a meno e quello che vedo è commovente. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Heidina wolf: Beh io ho la mia musa ispiratrice.. :)

  • Hélène De Lafièvre: Gliel avrò detto milioni di volte che è brava a scrivere, e che [...]

2
1
11

Energia: aria terra acqua fuooco

Mondo: spirale di elementi

18 July 2019

Etere che nel tuo spazio tutto raccogli: L'acqua del mare dal movimento continuo, Il fuoco caldo del sole, L'aria della brezza marina, E la terra sabbiosa sulla quale ogni giorno cammino... Tempo che scorre, mentre l'esperienza di vita muta e continua, immersi nella spirale dove nulla è mai fermo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Ilaria, bella poesia, indubbiamente hai dei rimandi con un tuo precedente [...]

1
1
19

P.I.D. - MILANO ANDATA E RITORNO

17 July 2019

Milano, 18 aprile 1975. È sera tardi quando torno al Residence, quell’ex albergone di 13 piani dall'aspetto pretenzioso e dalle stanze molto piccole. È vero, ragionandoci a mente fredda lo ammetti con te stesso: “Hai fatto una piccola stronzata!” Ero seduto sulle scale dell'ingresso principale [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
7
23

Le interminabili nevicate di Agosto

17 July 2019

Le interminabili nevicate di agosto, chi non ne vorrebbe sui propri tetti, proprio quando è più asfissiante la calura, insopportabile l’afa? Basterebbe salire sul terrazzino, tentare coi piedi la prima fila di tegole per sentire immediato dapprima il freddo intenso, concentrato sotto la pianta [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
5
24

BINGO!

17 July 2019

Ho deciso! Mi spendo gli ultimi 50 bigliettoni al Bingo. Visto che ne ho spesi già 10 al Mc Donald per un untissimo mcbushjunior menù, 5 l'ho lasciati di mancia al pagliaccio sulla porta perchè mi sorrideva ed era simpatico. me ne restano giusto 50. wow, la sala vomita e puzza di umanità scaduta; [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Hélène De Lafièvre: Scritto bene nn potrei dire altrimenti ma credo di non poter leggere di altri [...]

  • U1004: Grazie davvero! Metterò nelle avvertenze: " racconto da leggere [...]

4
3
15

RIPOSTIGLIO

16 July 2019

Mi giro i pollici e sorrido La luce che illumina i miei capelli mi rende bui gli occhi E beffarda la bocca... Gomiti appoggiati ai braccioli della poltrona lacera... Mi giro i pollici e sorrido La luce della lampadina vestita di tela di ragno Ora inonda come l’alba i miei pensieri... Guardo nel [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
20

a Monchou e al suo risveglio

nessuno ti farà del male mio piccolo zaffiro, io lo impedirò

15 July 2019

Sali, ascendi, arrampicati gradualmente senza difficoltà, apri ogni porta, gira la chiave, entra, guarda, osserva, ascolta tutto, tutto quanto, l'intuito non ti manca e allora usalo, lascia il pensiero e interiorizza ogni dettaglio, ogni parola, ogni percezione... l'hai fatto, sei capace, ora ti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Heidina wolf: Hahaha, chissà quante volte gliela hai dovuta spiegare, povera bimba. [...]

  • Heidina wolf: Cavolo quella che descrivi possiamo essere io e moine e, ma nn certo monchou. [...]

3
2
9

H. Melvins productions - 2/2

15 July 2019

- Tutto a posto amico? - - si.. Ssi, credo di sì - - Hai detto che questo treno ferma a Metz vero? - - Esattamente - - Hai idea di come sono finito quassú? - - No - - A Lione, ci sono mia moglie e i miei figli ad aspettarmi, dannazione! - - Alla prima potrai aspettere il prossimo - - No cazzo dannazione, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • flavia: Per prendere una decisione ci vuole coraggio, quel coraggio che a volte manca [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ed eccomi alla seconda parte del racconto. Wow, non immaginavo che "H. [...]

Torna su