Joshua sapeva cosa doveva fare e per giunta da solo.
Quella sera non aveva nulla da fare, come una decina di sere a questa parte.
Febbraio era appena cominciato, i bar stavano per riempirsi dopo il lungo periodo di meditazione economica che accompagnava i dirigenti alcolisti del paese. 
Stava per cominciare quella che tutti chiamavano vita.
Lui l'aveva vissuta quella vita, fatta di serate, belle donne, vestiti precisi e stirati, visi curati, peli superflui abbattuti a suon di cerette pomeridiane. Uomini e Donne avevano di certo un paio di generazioni su cui sperimentare la loro influenza stupida sulle masse popolari sedentarie.
Litri e litri di alcool brulicavano le loro anime prima del grande salto sociale che tutti sognavano. Anche Joshua lo sognava; anche lui voleva essere uno di loro.
Sognava di tutto, sapeva che avrebbe potuto diventare ciò che aveva sempre voluto essere.
Quella sera uscì intorno alle nove e trenta: né troppo presto, né troppo tardi, un orario calcolato per poter trovare almeno il bar aperto. 
Lungo il tragitto da casa al bar fumava almeno due o tre sigarette e una birra doppio malto che andava di moda tra quelli come lui. Pensava a quanto fosse stato strano il fatto di aver trasformato una birra rozza e cattiva in una specie di simbolo d'appartenenza ad una setta. Qualcuno aveva persino ipotizzato la presenza di una droga non segnalata sugli ingredienti che la componevano. Le altre birre erano passate in secondo piano da un po', come chi prova una birra superiore lascia perdere quelle precedenti. 
Lo stesso discorso vale per le donne se volete. 
Ogni tanto gli capitava di incontrare un vecchio conoscente della sua infanzia. 
Ma non quella sera. 
Lui lo aveva già intravisto giorni prima in paese. Sapeva che prima o poi con lui ci avrebbe parlato. Si sarebbero scontrati di nuovo a suon di sguardi e sorrisi provocatori, ma non sarebbero arrivati alle mani un'altra volta. Non avrebbe vinto nessuno dei due.
“Sali”. Disse col tono di uno che aveva qualcosa di importante da fare.
“Che devi fare?”
“Una cosa, Muoviti”.
Joshua salì dopo aver buttato metà sigaretta.
Caso volle che sbatté con forza lo sportello dell'auto e lì il primo sguardo di stizza tra i due.
Ah, come si chiamava lui? Beh, lui era Dorian, il fratello fortunato di Joshua, quello che era partito in Svizzera dal padre. Il più invidiato del paese.Ormai faceva persino fatica a vivere, lui sì che aveva vissuto il vero freddo. Come tutti quelli che partivano in quel periodo era tornato con una barca di soldi e qualche vizio in più. 
Si misero a parlare di musica e droga, le uniche cose che avevano in comune.
“Ultimamente di che ti fai?” Dorian andava dritto al sodo.
“Emozioni,e tu?”
Dorian rimase un attimo a pensare: rallentò prima della curva, ma solo per poco.
Scaricò tutti i cavalli della macchina nuova.
Joshua rimase tranquillo, con quel suo solito sorriso diabolico sulle labbra. Era soddisfatto ed estasiato da tutto ciò che lo circondava.
Dorian si era accorto di tutto questo e frenò di scatto come se avesse visto la morte in faccia. 
Si rivolse a Joshua con tono divertito: “ Anche io...”
Non era tornato per niente, non era mai partito.
Sapeva che c'era ancora un conto in sospeso fra i due, ed era arrivato il momento di mettere in ballo tutto ciò che avevano imparato. Erano passati più di cinque anni.
Joshua si rese conto di avergli salvato la vita, era stato clemente con lui, lo aveva fatto vincere. 
Era arrivato il momento di chiedere la rivincita. Dorian non si sarebbe tirato indietro. 
Vincere ad ogni costo era la terza cosa che li accomunava.
Joshua aveva perso tanti amici quel giorno di cinque anni fa, ma non lui, il suo miglior nemico.
Finirono per fumare un po' prima di tornare in paese.
Joshua entrò nel bar con la solita fretta. Un posto frequentato per la maggior parte da facoltosi universitari, piccole prostitute, single quarantenni e neo-divorziati in preda all'estasi post pannolino. Un bordello insomma.
Il proprietario e i dipendenti non facevano mai domande, ecco perché ci andava ogni sera. Adorava il loro silenzio; ormai non chiedevano più cosa prendesse da bere, la doppio malto era il suo simbolo stampato in fronte.
“Mi puoi fare un favore?” Joshua non era portato per fare la voce grossa.
“Puoi metterci dell'assenzio?"
Il barista non batté ciglio, Joshua pagò e si sedette al solito posto. Ne bevve due altre altro stesso modo. 
Aveva scritto tanto quella sera, ma sopratutto aveva trovato il finale perfetto per il suo dannato libro di merda.
 Intorno a mezzanotte richiuse la penna, il block notes,prese la birra, il pacco di sigarette ormai vuoto ed andò verso il bancone del bar. Chiese un tappo per chiudere la birra. Beh, immaginate la faccia del barista a tale richiesta, chi chiederebbe un tappo di birra in un bar. Ma sopratutto per farci cosa?
Joshua scolò in un sorso la birra rimasta e ci mise dentro la penna, la richiuse e la diede al barista con un sorriso. 
Blaterò qualche incomprensibile ma mai più sincera parola verso quel suo carissimo amico e andò via da quel bar di depravati, finti genitori ed improvvisati intenditori di vini scadenti. 
Barcollava come non mai quella sera. In più aveva finito le sigarette. 
Sapeva che il giorno seguente sarebbe stato un inferno.
Tutti a spettegolare di un povero ventenne pazzo. In più, doveva fare i conti con sua madre.

0
0
2

Figura plastica

12 December 2019

Raccolta a sè Il corpo raggomitolato Le braccia che cadono sulle gambe levigate La forma del bacino invece appoggia sul piano I piedi ossuti sono ben saldi Un anellino nel pollice I tratti non sono del tutto chiari Ma tra i capelli si scorge il viso Sensuale, birichino, un po’ folle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Alessia, storia di una bambina

monologo

12 December 2019

Entra Alessia in camicia bianca, tenendo una bambola nuda per un braccetto. Forse non mi conoscete! Sono Alessia, ho undici anni. E sarei una ragazza ormai. Alcuni dicono che noi, bambini, ragazzi, siamo fortunati perché non facciamo niente. E allora qualcuno pensa che anche noi dobbiamo lavorare. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
7

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
7

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
11

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

3
3
9

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
8
17

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su