Joshua sapeva cosa doveva fare e per giunta da solo.
Quella sera non aveva nulla da fare, come una decina di sere a questa parte.
Febbraio era appena cominciato, i bar stavano per riempirsi dopo il lungo periodo di meditazione economica che accompagnava i dirigenti alcolisti del paese. 
Stava per cominciare quella che tutti chiamavano vita.
Lui l'aveva vissuta quella vita, fatta di serate, belle donne, vestiti precisi e stirati, visi curati, peli superflui abbattuti a suon di cerette pomeridiane. Uomini e Donne avevano di certo un paio di generazioni su cui sperimentare la loro influenza stupida sulle masse popolari sedentarie.
Litri e litri di alcool brulicavano le loro anime prima del grande salto sociale che tutti sognavano. Anche Joshua lo sognava; anche lui voleva essere uno di loro.
Sognava di tutto, sapeva che avrebbe potuto diventare ciò che aveva sempre voluto essere.
Quella sera uscì intorno alle nove e trenta: né troppo presto, né troppo tardi, un orario calcolato per poter trovare almeno il bar aperto. 
Lungo il tragitto da casa al bar fumava almeno due o tre sigarette e una birra doppio malto che andava di moda tra quelli come lui. Pensava a quanto fosse stato strano il fatto di aver trasformato una birra rozza e cattiva in una specie di simbolo d'appartenenza ad una setta. Qualcuno aveva persino ipotizzato la presenza di una droga non segnalata sugli ingredienti che la componevano. Le altre birre erano passate in secondo piano da un po', come chi prova una birra superiore lascia perdere quelle precedenti. 
Lo stesso discorso vale per le donne se volete. 
Ogni tanto gli capitava di incontrare un vecchio conoscente della sua infanzia. 
Ma non quella sera. 
Lui lo aveva già intravisto giorni prima in paese. Sapeva che prima o poi con lui ci avrebbe parlato. Si sarebbero scontrati di nuovo a suon di sguardi e sorrisi provocatori, ma non sarebbero arrivati alle mani un'altra volta. Non avrebbe vinto nessuno dei due.
“Sali”. Disse col tono di uno che aveva qualcosa di importante da fare.
“Che devi fare?”
“Una cosa, Muoviti”.
Joshua salì dopo aver buttato metà sigaretta.
Caso volle che sbatté con forza lo sportello dell'auto e lì il primo sguardo di stizza tra i due.
Ah, come si chiamava lui? Beh, lui era Dorian, il fratello fortunato di Joshua, quello che era partito in Svizzera dal padre. Il più invidiato del paese.Ormai faceva persino fatica a vivere, lui sì che aveva vissuto il vero freddo. Come tutti quelli che partivano in quel periodo era tornato con una barca di soldi e qualche vizio in più. 
Si misero a parlare di musica e droga, le uniche cose che avevano in comune.
“Ultimamente di che ti fai?” Dorian andava dritto al sodo.
“Emozioni,e tu?”
Dorian rimase un attimo a pensare: rallentò prima della curva, ma solo per poco.
Scaricò tutti i cavalli della macchina nuova.
Joshua rimase tranquillo, con quel suo solito sorriso diabolico sulle labbra. Era soddisfatto ed estasiato da tutto ciò che lo circondava.
Dorian si era accorto di tutto questo e frenò di scatto come se avesse visto la morte in faccia. 
Si rivolse a Joshua con tono divertito: “ Anche io...”
Non era tornato per niente, non era mai partito.
Sapeva che c'era ancora un conto in sospeso fra i due, ed era arrivato il momento di mettere in ballo tutto ciò che avevano imparato. Erano passati più di cinque anni.
Joshua si rese conto di avergli salvato la vita, era stato clemente con lui, lo aveva fatto vincere. 
Era arrivato il momento di chiedere la rivincita. Dorian non si sarebbe tirato indietro. 
Vincere ad ogni costo era la terza cosa che li accomunava.
Joshua aveva perso tanti amici quel giorno di cinque anni fa, ma non lui, il suo miglior nemico.
Finirono per fumare un po' prima di tornare in paese.
Joshua entrò nel bar con la solita fretta. Un posto frequentato per la maggior parte da facoltosi universitari, piccole prostitute, single quarantenni e neo-divorziati in preda all'estasi post pannolino. Un bordello insomma.
Il proprietario e i dipendenti non facevano mai domande, ecco perché ci andava ogni sera. Adorava il loro silenzio; ormai non chiedevano più cosa prendesse da bere, la doppio malto era il suo simbolo stampato in fronte.
“Mi puoi fare un favore?” Joshua non era portato per fare la voce grossa.
“Puoi metterci dell'assenzio?"
Il barista non batté ciglio, Joshua pagò e si sedette al solito posto. Ne bevve due altre altro stesso modo. 
Aveva scritto tanto quella sera, ma sopratutto aveva trovato il finale perfetto per il suo dannato libro di merda.
 Intorno a mezzanotte richiuse la penna, il block notes,prese la birra, il pacco di sigarette ormai vuoto ed andò verso il bancone del bar. Chiese un tappo per chiudere la birra. Beh, immaginate la faccia del barista a tale richiesta, chi chiederebbe un tappo di birra in un bar. Ma sopratutto per farci cosa?
Joshua scolò in un sorso la birra rimasta e ci mise dentro la penna, la richiuse e la diede al barista con un sorriso. 
Blaterò qualche incomprensibile ma mai più sincera parola verso quel suo carissimo amico e andò via da quel bar di depravati, finti genitori ed improvvisati intenditori di vini scadenti. 
Barcollava come non mai quella sera. In più aveva finito le sigarette. 
Sapeva che il giorno seguente sarebbe stato un inferno.
Tutti a spettegolare di un povero ventenne pazzo. In più, doveva fare i conti con sua madre.

4
5
8

Brutta esperienza - 1/2

pedofilo

21 May 2019

Elvira e Giacomo, due anziano coniugi, sessantaquattro anni lui, sessanta lei, percorrevano i loro quarant'anni di matrimonio con la rilassatezza tipica della noia dovuta all'abitudine e dall'usura del troppo tempo passato insieme. Non avevano avuto figli. L'unica sorella di Elvira, Emma, molto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Mi sono ispirata ad una storia vera da voltastomaco

  • Walter Fest: Flavia mi hai sorpreso ancora una volta, dovevi proprio essere incazzata al [...]

3
4
11

12 maggio 2019

Festa della mamma

21 May 2019

Grazie a tutti per i miei messaggi, emotion, pensieri e video che mi avete inviato, scusate se non ho ancora risposto ma sono stata un po' impegnata. Stamattina, dopo aver preparato la colazione per tutti, ho attaccato la lavatrice, ritirato i panni dallo stendino, stirato, riordinato i cassetti, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Buongiorno.. grazie ragazzi, si Giuseppe hai ragione è una sorta di [...]

  • Walter Fest: É una missione dettata dalla natura, un compito duro ma necessario e [...]

3
6
23

IL BUON GESU' E IL CATTIVO CRISTO

20 May 2019

Una riscrittura del Vangelo in chiave forse polemica, narrata come un romanzo storico. Un romanzo, appunto, dove ognuno può leggere le proprie convinzioni e/o idee. Philip Pullman (1946) immagina che Maria partorisca a Betlemme due gemelli: Gesù, sveglio e vivace sin dalla nascita, e Cristo, smunto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: E' bello che tu ti accorga delle piccole imprecisioni si vede che conosci [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Adalberto ma come mai la mia recensione della recensione è sparita?

2
1
10

Al Capone

20 May 2019

Ho incontrato un dì Al Capone con il mitra e il sigarone tre scagnozzi su una Ford ...nel baule un uomo mort scorazzava per Chicago con in tasca la sua Colt e i rivali, pim pum pam li stendeva uno per volt era il boss delle cantine e delle bische clandestine e correva grandi rischi a produr [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
11
25

Due "vecchie" amiche

19 May 2019

Agli inizi degli anni novanta abitavo a Trabia, una cittadina della provincia di Palermo, in un piccolissimo quartiere fatto di case non proprio piacevoli alla vista e con un sovrastante palazzo grigio che senz'altro rendeva ulteriormente monotona la zona. Avevo sette anni e, mentre stavo rientrando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Walter ha ragione! Flavia scrivi quando vuoi anche email! Non sei sola😘😘😘

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia mi accodo al pensiero di Walter e Francesca, ricordati che ci siamo [...]

4
7
17

Punto e virgola

19 May 2019

Ogni tanto ripenso a te. Sono quattro mesi che non ho tue notizie, come se non fossi mai esistito. Ho finalmente smesso di piangere e sono fiera di me stessa per essere riuscita a tornare a ridere. Solo ora mi rendo conto che con te hai portato via tutto, e non parlo solo dei mobili che dicevi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò..ma che ti sei messo d'accordo con Francesca?(scherzo eh!)...tranquillo, [...]

  • Francesca: Ciao Walter credo di aver aver capito cosa intendi.. ok scrivere bene ma cercare [...]

1
2
28

La ciotola

18 May 2019

«Niente Raffa, non so capendo proprio niente. Ma poi dove cavolo è?» «Eccola là, in fondo». «Ma quale?» «Quella là che sembra Cicciolina dei poveri». «Ah, di bene in meglio. Dai, vieni con me e facciamoci spiegare cosa dobbiamo fare per questa pagliacciata». «Aspetta che fin là il tragitto è lungo, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao, il testo mi piace perché ben scritto e sono riuscita ad immaginarmi [...]

  • PillsofJoy: Ciao Francesca,
    Grazie mille per il tuo feedback! Certo che esiste un [...]

7
5
48

Noi

18 May 2019

Mi sono girata e ti ho visto. Per un attimo è stato come se tutto questo tempo, e anni, e giorni, si fossero dileguati. È stato come se ci fossimo solo noi, io e te, quelli di tanti anni fa. Era bello guardarti e scoprirti così simile ad allora, anche se leggermente invecchiato. E nello stesso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
13
24

La Vestale - 2/2

Roma antica

17 May 2019

<<E' una setta che viene da Gerusalemme, si chiamano cristiani e ascolta che scandalo, rinnegano l'imperatore e praticano riti dove si cibano e di carne e sangue umano>> <<Che orrore, sei sicura di quello che dici?>> <<Sicurissima me lo ha detto Sara, la nostra schiava [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: Sei una amica e ricambio l'abbraccio con simpatia

  • Puccia: Brava, come sempre riesci a coinvolgere il lettore ed a trasportarlo in tempi [...]

2
1
12

Anime spente

17 May 2019

Radici contorte tra pudiche labbra nel sogno riflesso di rocce roventi ammaliano anime intrise di noia tra gracili steli di rose purpuree cresciute a fatica nelle crepe spaccate di antichi manieri andati in rovina dimora sicura di ragni e di serpi di gracili uova appese agli sterpi e indicibili [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
17

La Vestale - 1/2

Roma antica

16 May 2019

La giovane sacerdotessa uscì dal tempio di Vesta dove l'avevano nominata Prima Custode del fuoco sacro, nonostante la giovane età. Aveva solo quindici primavere e non l'avrebbero mai elevata a tale rango se non fosse stata la nipote di Vespasiano. La sua famiglia era una delle più ricche di Roma [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
15

Intimi e soli

16 May 2019

Per un po' di tempo siamo stati a punzecchiarci. Allusioni, provocazioni, ammiccamenti, sorrisi, poi abbiamo prenotato un weekend in un b&b. Ho chiuso la porta con i gomiti perché le mani erano impegnate. La bocca, le mani, i pensieri, tutto quanto ballava una danza fatta di preliminari e abiti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Audace.. però senza nemmeno un attimo di tenerezza non si può!bravo

  • ducapaso: Grazie ragazzi, i vostri commenti sono sempre benvenuti!

Torna su