Aveva stipulato un accordo con il becchino del paese. Lei gli avrebbe procurato clientela, magari appostandosi nei pronto soccorso della zona per verificare i pazienti in arrivo e quando avesse percepito qualcuno in fase terminale, lei avrebbe consigliato alla famiglia in ambasce la rinomata ditta per il servizio completo compresa pure la vendita del loculo se non avessero un luogo già di loro proprietà e lui la avrebbe stipendiata come prefica con un listino prezzi per gli atteggiamenti da adottare, se piangere sommessamente per un certo prezzo, se gridare ed osannare il defunto con altro prezzo e poi infine se avesse dovuto piangere in maniera teatrale strappandosi pure i capelli, ci si sarebbe addentrati in un prezzo deluxe  Che lavoro strano! Eppure tutto è necessario perché quando un familiare ci lascia non sempre la famiglia è preparata ad organizzare il funerale e ci vogliono sollecitazioni di chi conosce  il suo mestiere, di chi sbriga le pratiche ed organizza l'evento, magari anche pubblicizzandolo su facebook o su il social netwoork più frequentato. Poi a fine tumulazione, la prefica avrebbe riscosso il suo stipendio ed il becchino avrebbe salassato i familiari, chiedendo migliaia di euro per tale servizio funerario tanto poi i soldi non sarebbero serviti più al defunto. Meglio far godere chi era rimasto in questa valle di lacrime a penare la quotidianità e che si sarebbe prodigato ad una dignitosa tumulazione.

Il mestiere di prefica è molto antico. Già nel periodo greco il mestiere aveva assunto una certa importanza quasi come quello più antico del mondo. Ora era ritornato di moda e l'agenzia aveva pure pubblicizzato il servizio come completamento della sua affidabilità ed onesta professionale. Aveva tanto pubblicizzato tale servizio che la concorrenza era rimasta arrabbiata di tale slealtà professionale. Scomodare l'antica Grecia per pubblicizzare la donna che piange a pagamento. Qui ci volete rubare la clientela, aveva gridato dietro la saracinesca dell'agenzia la concorrenza. Ma la donna riscuoteva successo presso i funerali tanto che aveva deciso di fare anche dei bigliettini da visita da distribuire per pubblicità. Ma si sa, queste cose finiscono presto! E nella notte una bomba aveva fatto saltare la saracinesca del negozio.Chissà  perché? si sarebbe chiesto il proprietario della ditta funeraria. Ed allora schifato per questo misfatto aveva licenziato la donna, che però gli aveva fatto una vertenza sindacale chiedendogli una cifra esorbitando perché non l'aveva messa in regola con il contratto lavorativo. Il proprietario si fece prendere  da gran collera e rimase colpito da un infarto che lo portò a morire in pochi minuti. Alla donna non restò che piangere al suo funerale  questa volta forzatamente gratis, senza pubblicità, perché non v'era alcun familiare per quell'uomo dal momento che quell'uomo non ne aveva . E perse pure il lavoro. Nessuno più la chiamò. E si  ritrovò  sola e disoccupataa piangere per se stessa e per la sua inopportuna stupidità professionale.

0
0
2

Zolfo - 1/2

19 March 2019

Mi immergo nell'acqua sulfurea, chiudo gli occhi e mi distendo. L'altezza è quella giusta, sfioro il pelo della superficie e mi appoggio sulla ghiaia del fondo. Il cielo, nonostante sia inverno, è assolutamente azzurro e limpido, sulla pelle la sensazione calda dell'acqua. Nelle orecchie il ritmo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
1
6

MA… DOV’È FINITO?

19 March 2019

Due giovani ragazze brune entrano nell'Osteria ALLA STAZION D'ORO, segnalata dalle Guide più conosciute. Il locale è piccolo: una stanzetta fronte strada e un'altra, altrettanto piccola, in cima a una ripida rampa di scale. Cucina in basso 'a vista'. Si mangia casereccio, si servono piatti che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
15

Che gli dico a quelli

fine partita

18 March 2019

La partita era terminata da almeno dieci minuti e l’euforia dei vincitori contrastava nettamente con i volti tesi di chi aveva perso, la squadra perdente si era ritirata negli spogliatoi con aria mogia e le facce tristi. L’aria era pesante e l’allenatore stava guardando in faccia i suoi uomini [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Lorenzo, anche allenatore!!! Che materia c'è che non conosci?

  • Lo Scrittore: più che uno scrittore vero e proprio mi ritengo un artigiano. chi lavora [...]

5
6
17

Abraxas – Riti dell’oltretomba

18 March 2019

“Abraxas - Riti dall’oltretomba”: terzo lungometraggio di Roger A. Fratter, regista indie bergamasco che si cimenta da più di vent’anni anni nella cosiddetta cinematografia di genere, rivivendola con peculiare dedizione e competenza, richiamando attraverso i suoi lavori gli antichi fasti di quel [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: WOW, superlativo, puoi aggiungere un altro tassello al tuo curriculum di scrittore. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Dario: amico mio, grazie per l'augurio molto più che positivo, [...]

0
1
13

Il ragazzo d'oro - 2/2

17 March 2019

Dalle casse fuoriuscì la voce del front man dei New Trolls che cantava: «Quando tornava mio padre sentivo le voci, dimenticavo i miei giochi e correvo lì. Mi nascondevo nell'ombra del grande giardino e lo sfidavo a cercarci: io sono qui». Prese un lungo respiro. Guardò fuori. Buio. Era l'atmosfera [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
9

Rapido romanzetto

17 March 2019

Rotolandomi come un ramarro rugoso dell'Isola di Rarotonga, nella rena di una spiaggia di Rapallo, mi ricordai di dover raccogliere le adesioni per l'organizzazione della "Fiera del rutto libero" di Rivisondoli, subito dopo la "Sagra della bibita gasata" sponsorizzata dalla ditta romana di aria [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
9
14

agiochi di ieri, di oggi e di domani

16 March 2019

i giochi di ieri non erano mai al chiuso, perlopiù avvenivano in strada. Ricordo che all'uscita di scuola giocavo con i miei compagni ai quattro cantoni, moscacieca, nascondino e tante altre forme ludiche con variazioni sul tema e ogni volta si inseriva una variante nuova allo stesso gioco. Come [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
13

Il ragazzo d'oro - 1/2

16 March 2019

– Basta! A pallone non ci giochi più! – sbottò Claudio, suo padre. Quarantacinque anni. Burbero. Alito alcolico. Grasso. Si pulì la bazza con un tovagliolo. Trasecolò due dita di Tavernello. Ruttò. – Ma babbo. Lo sai quanto ci tengo, – miagolò Alan. – Lo sa... – Niente sa, – lo interruppe lui. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Che tristezza l'egoismo dei grandi distrugge.i sogni di un bambino senza.comprensione [...]

  • Ilaria: Triste, spezza il cuore ma riporta alla realtà di questa società [...]

1
0
7

Il libro magico - 2/2

Gertrude si difende

15 March 2019

Così dicendo s’intrufolò in un buco nella parete della cucina, quello che serviva per far uscire i cattivi odori, e scomparve. Gertrude si allontanò per un attimo per poi tornare quasi subito, si mise seduta davanti alla porta e aspettò. Passarono più di dieci minuti prima che la maniglia della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Quando posso

poesia

15 March 2019

Quando posso torno al portone dove non abiti più. Malgrado la vita che ci ha portati lontani il mio polo magnetico resta qui. Qui, dove si dipartono il Nord, il Sud, l'Est e l'Ovest perché tutte le storie del mondo dovrebbero iniziare con l'amore.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
11

Il libro magico - 1/2

il pericolo in arrivo

14 March 2019

Oltre il regno della neve e del gelo dove vive Babbo Natale con gli elfi e le sue amate renne, andando verso oriente e camminando per giorni e giorni si arriva in una città chiamata Blacktown. Un posto altrettanto freddo, ma del tutto privo di luce, di alberi e di animali. In quelle terre c’è un [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
10

Parodia di (Pensieri e parole) di Lucio Battisti

14 March 2019

Che ne sai di un bambino che spiava/ la vicina di casa e si toccava/ delle pippe che faceva su in solaio, che ne sai/ E il pisello già chiuso in una mano/ in un cinema porno di Milano/ che ne sai di sto' cazzo di mania che ne sai? Conosci me, la mia realtà/ son quarant'anni che mi tocco o giù di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su