Katie osservò la nuvola fermando lo sguardo alla vetrata del salotto: in principio sembrò un monte lontano, con il trascorrere dei minuti il monte prendeva una forma decisamente delineata che si stagliava nel cielo. Dal grigio cenere, al blu, al nero. Il colore mutava rapidamente. Katie restò paralizzata davanti a quello spettacolo e avvertì un brivido attraversarle il corpo. Di colpo staccò gli occhi dalla nuvola e li trasferì al mare: ribolliva. Stesso colore plumbeo. Improvvisamente un bagliore attraversò il cielo scomparso e, per un istante, tutto fu chiaro. Katie si allontanò dalla vetrata il più possibile ma non riuscì a trovare un nascondiglio sufficientemente sicuro che le avrebbe permesso di evitare l’irreparabile. La risacca, violentissima, risucchiò tutto il mare, portandolo al largo, così al largo che Katie lo vide sparire improvvisamente. Cosa stava accadendo? Gli occhi ancora posati sulle nuvole che, muovendosi ad una velocità impressionante, si gonfiavano del nero più nero.

Sentì il rombo. Tornò al mare con i suoi occhi azzurri. Una linea grigiastra increspata di bianco all’orizzonte. Ancora rombo, ancora fulmini, nuvole gonfie e l’onda che arrivava, sempre più alta. Una montagna d’acqua che si stagliava contro le nuvole e sembrava ingoiarle. Esse la nutrivano di forza e velocità e terrore e disgrazia.

A un passo. L’onda gigante si era fermata ad un passo da casa sua, come se si fosse presa un istante per pensare. Più in alto ancora, più in alto. Katie, con il cuore in gola, la vide partire: per un attimo la casa restò nell’incavo cilindrico blu scuro mentre la schiuma lattiginosa aveva già superato il tetto. Ci volle un’eternità prima che si decidesse a sfondare la vetrata da cui Katie era solita guardare. L’impatto con l’acqua fredda, dura e salata dell’oceano le tolse il fiato e le arrestò il cuore. Rimase avvolta nel silenzio, occhi spalancati, voglia di aria.

Succhiò avidamente una boccata, cercando ossigeno ma l’acqua le riempì prima la bocca e il naso poi la gola e infine i polmoni.

“Katie, Katie!” Una voce lontana “Katie, svegliati! Attacco d’asma? Di panico? Mangiato aglio? Hai ancora gli incubi? Piccola, così non funziona, io devo andare a lavorare, non posso svegliarmi alle 3 tutte le mattine perché fai brutti sogni.”

Katie respirò. Finalmente aria. Tossì leggermente, per assicurarsi che non vi fosse acqua nei suoi polmoni, tutto perfetto. Scese dal letto e andò in soggiorno. La vetrata era integra. Sbirciò fuori curiosa: il cielo limpido e stellato, il mare placido e calmo. Un sogno, solamente un brutto sogno. Jo se ne sarebbe andato ma lei sarebbe rimasta ancora a sognare nuvole e mare.

Tutti i racconti

1
2
6

Se avessi solo pensato

16 May 2022

Se avessi solo pensato che avrei spostato montagne un giorno, anche solo con un dito Non avrei camminato da solo per lungo tempo Se avessi solo pensato che le mie braccia si sarebbe aperte un giorno Non avrei comprato maglioncini troppo larghi per nascondere timidezze Se avessi solo pensato [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Se! Già, bisognerebbe vivere due volte, ricordando la vita precedente. [...]

  • Patapump: grazie Adri, aspetto tuoi lavori :) Ricky

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
2

Aforisma

15 May 2022

A volte bisogna pur dare uno sguardo alla persona che eravamo lungo il cammino del passato, per comprendere oggi quanto l'esperienza ci abbia cambiato realmente con le sue perle di vita! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
1
5

Aforisma

14 May 2022

A volte è pura fatica riuscire a parlare con chi ha un'anima pulsante, per timore di spezzargli il cuore con una verità amara! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Complimenti Laura, la tua lirica è romantica con venature lunari che [...]

1
1
9

" A scumbinata "

13 May 2022

Bassina, rotondetta, comunicativa con toni ultra squillanti, più ciarlante che semplicemente parlante, Anna Vicinanza era un’indigena del quartiere periferico di P. nella città di S., luogo natale di cui ella esaltava, con orgoglio campanilistico, le bellezze e i pregi e ometteva bruttezze e difetti. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ....visto la tua provenienza, collocherei "a scumbinata" come una [...]

0
0
3

Aforisma

13 May 2022

Le parole illudono seducendo d'incanto, ma talvolta chi le pronuncia disincanta in un baleno! Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

3
12
46

Presto o tardi

L'auto di cortesia

12 May 2022

“Scenda dal veicolo.” “Cosa?” “Scenda dal veicolo Signora.” Il tono si fece perentorio. Inizialmente pensai a uno scherzo. “Che succede mamma?” “Tranquillo, non so, ora scendo e sistemo tutto.” Era una situazione ridicola. Fermata per un controllo a un posto di blocco sulla via più trafficata della [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • U1444: Ciao rompicojoni (rompipalle, rompiscatole, provocatore), ma tutto per un confrontopositivoWalter. [...]

  • Walter Fest: U1444 mi piaci, sì mi piaci un sacco ma ti aspetto alla prossima non [...]

2
3
15

Here

12 May 2022

Qui Ricordo di esserci stato Qui Non è cambiato niente in questa piccola strada Qui Ho assaggiato il miglior gelato che possa ricordare Qui Ho dato il mio primo bacio Qui Ho corso a perdifiato Qui Ho varcato la soglia della scuola con il mio grembiulino blu Qui Conobbi quello che sarebbe diventato [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Si ma ora mi hai messo la scimmia della curiosità: qui dove? 😅

  • Patapump: Giuseppe, colto bene. Betty, e lascia stare le scimmie....😂 abbraccio a tutti

1
4
28

L'arte moderna cosmodromica

tempi moderni nell'immaginario storto

11 May 2022

MANIFESTO DELLA NUOVA ARTE MODERNA COSMODROMICA Nel panorama dell’arte universale era mancante uno stèreotropico che avvicinasse l’osservatore al piacere di analizzare con analisi cosmica l’immagine dell’arte condivisa. L’arte è un qualcosa che avvicina le aspettative al criterio di illuminare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Betty: Io non c'ho capito granché... come non capisco niente d'arte... [...]

  • Walter Fest: Eccomi ragazzi, allora grazie infinite a Scilipoti che è sempre festa [...]

0
0
2

Aforisma

11 May 2022

Sugli scogli degli errori di certa gente puoi anche salirci sopra per sorpassare oltre dimenticandoli nel tuo perdono, ma non li potrai mai cancellare dalla mente se son creati volutamente dalla malignità per far del male intenzionalmente. ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
9

Vintage ma di... valore

10 May 2022

Considerazioni dedicate anche alle mie amiche silfidi come me La Sìlfide è una figura femminile della mitologia germanica. Si tratta di un genio del vento e dei boschi, e possiede una figura agile e snella... Vintage ma di… valore. E giunse il dì di rimirarsi allo specchio con gli occhi dell’amica [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

Aforisma

09 May 2022

Anche un essere ruvido d'animo quanto grinzoso a causa del fato ostile nella sua vita, quando viene ferito duramente può mostrare cuore e sensibilità nel suo dolore! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
5

E dopo la vacanza la festa " da Madonna"

08 May 2022

Le vacanze estive culminavano con la festa patronale del paesino di neanche 2000 anime. Concludeva in settembre, la stagione della raccolta delle nocciole, ricchezza dei Nebrodi all’epoca, ora forse un po’ meno, si proprio quelle nocciole su cui ero volata Si vendevano o si compravano in quel [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su