Vorrei sapere perché non trovo mai le chiavi di casa nella mia borsa. Per quale misteriosa legge fisica sembrano smaterializzarsi nell'istante in cui la mia mano affonda nell'apertura della cerniera. Succede naturalmente tutte le volte che a un bimbo scappa la pipi fuori dalla porta di casa o peggio ancora quando un adulto che non sono io (ma sotto censura pena la mia decapitazione seduta stante)
si becca un qualche virus intestinale molto bifido e poco bifidus, e per niente interessato alle mie beghe con una borsa dispettosa.
Poco importa se l'adulto in questione ha lasciato le proprie chiavi all'interno della casa stessa (sicuramente al sicuro ma poco pratiche), la sequela di insulti e parolacce dalle quali neanche un'abluzione direttamemte in acquasantiera mi porrebbe adeguato riparo, si è già fatta strada rincorrendomi giù per le scale (naturalmente l'innominabile si trova già sofferente sull'uscio mentre io sto arrancando in salita con un figlio in braccio e una mano nella malefica borsa) e quasi mi sposta facendomi tornare indietro come una pedina del Monopoli quando va in prigione.
O meglio, ci tornerei indietro io col pensiero da quelle scale, sai che bello scherzetto all'urlatore spazientito, abbandonato a se stesso e al perfido virus...
Fortuna che i pensieri sono molto più veloci delle azioni: mi rendo conto che l'effetto di questa goliardia non sarebbe per niente divertente e ritiro cosi in un angolo il mio pensierino cattivo riservandomi comunque una qualche piccola simpatica vendetta da stabilirsi a tempo debito (tabasco spalmato sotto una fetta di pane alla nutella?).
Ecco sono ancora io, quella sulle scale che rovista nella borsa come un ladro in cerca di soldi, anche se quelli sicuro non li trovo, e mentre gli oggetti vari circolano come in una centrifuga comincio a chiedermi se possa essere stata vittima di un prematuro episodio di Alzeimer, perché proprio sono certissima di avere messo le chiavi in borsa, ma altrettanto inesplicabilmente sto constatando che di loro s'è persa ogni traccia.
L'estrema soluzione in questi casi si sa è il rovinoso rovesciamento della borsa, che per una donna è un po' come cambiarsi in un camerino con la tenda che lascia la fessura di una spanna (maledetta, proprio quando hai l'intimo di nonna Papera).
Ed ecco che sotto la montagna di oggetti, alcuni dei quali, devo riconoscere, ignoti alla mia stessa conoscenza, NON si rimaterializzano le chiavi incriminate.

Qualcosa non quadra, non doveva finire così la storia, il lieto fine prevede che le chiavi appaiano, la toilette segni occupato, la borsa si ingarbugli di nuovo e tutti vissero felici e contenti, ma con noi no, scherziamo? Troppo facile.
Rimango per un istante perplessa. In sottofondo un poco rassicurante "Butto giù la porta!" mi riporta immediatamente alla realtà e, come per far uscire quel coniglio indispettito dal cilindro del povero mago, scuoto la mia borsa vuota che risponde tintinnando beffarda.
Cosa suoni che sei vuota!
E invece no, é proprio come il cappello del mago... la malefica ha nascosto un bel buco sulla tela, ma non nel centro, troppo visibile, in un angolo di una tasca laterale. Un piccolo buco occulto degno di una squadra di un airport security.
Trasformo le mie dita in preziose pinzette per le sopracciglia e stano non senza difficoltà le agognate chiavi di casa.
Beh, dai... almeno ho trovato un ovetto fondente per niente sciolto, mi consolo.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
11

Insurrezione emotiva

24 September 2020

L’ombra del diavolo si allungava sulle macchie di ginepro, distribuendosi nera e fumante sull’innocenza del paesaggio. Il dolo umano aveva invocato Lucifero. Il capriccio terreno a torto di madre natura; quanta povertà d'animo, quanta bassezza in quelle calunnie che rasentano la brutalità, come [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
8
29

PAURA DI ME

23 September 2020

Ho paura che sappiano come la notte mi intrappola tra le tue ciglia e quanto le tue labbra mi pungano il piacere Non sanno che è lei che ha scelto di amarti l'altra me, all'ombra del suo fuoco nella stanza oscura del non detto Non capirebbero che è cosi che so amare davvero, in [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ..è cosi che so amare davvero....:)

  • Vivi: Grazie Carlo Alberto. Ducapaso amo gli avverbi prepotenti. Patapump è [...]

5
8
27

Il cono

23 September 2020

Avete presente i coni stradali, detti anche coni segnaletici di colore arancione? Ebbene, anni fa mentre stavo passeggiando notai uno di quei birilli sopra il marciapiede, precisamente di fronte a un'abitazione dalla porta rosa confetto. Evidentemente la manovra errata di qualche automobile l'aveva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Sì il maxibon è anche il mio gelato confenzionato preferito hahah [...]

  • Patapump: Non amo la panna...ma sono molto fragile sulla zuppa inglese (una parvenza [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
14

Immensità notturna

22 September 2020

Oggi lo so che agli occhi di tutti appaio una scema, colei che appare assai fuori mentre non devo badare chi é totalmente fuourimano. Pian piano tutto tornerà tranquillo e normale, devo ritrovare la forza di superare ciò che vien detto male sotto il pregiudizio paranormale. Sguardo sincero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • ducapaso: Che lavoro difficile volersi bene quando nessun'altro lo fa!

  • Giuseppe Scilipoti: Una bella poesia, singolare e stringente, che riesce a racchiudere tutte le [...]

5
19
32

La collana magica

22 September 2020

In un piccolo paesino viveva una volta un vecchio signore che molto tempo fa aveva espresso un grande desiderio: quello di possedere la magia. La vecchia strega che ascoltava i desideri e i sogni di tutti decise di aiutarlo e di fargli un dono: consegnò al vecchio una collana d’oro. “Ogni qualvolta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Walter Fest: (è la mia personale opinione).........io ritengo che sia più [...]

  • AmorLibre: Mi è piaciuta la tua opinione invece! Il fatto è che io sono [...]

7
7
29

Preferivo allacciarmi le scarpe

21 September 2020

Certo Fra le cose che mi capitano quotidianamente, preferisco allacciarmi le scarpe La sveglia la mattina con urla di metallici dolori mi provoca una forma di repulsione e la mano violentemente sbatte contro quel maledetto tastino che vibra per farlo tacere per sempre Gli scarichi del bagno del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
12
32

Allo Château Mignotteaux

21 September 2020

14 Febbraio, giorno di San Valerio, emh, San Valentino. Da buon innamorato e rispettoso, per non dire obbligato, dalla ricorrenza in questione mi è venuta la brillante idea di portare Francesca, la mia fidanzata, a mangiare fuori nientepopodimeno che allo Château Mignotteaux, presumibilmente il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Carino, ma ci sono rimasta male leggendo tra i commenti che era una storia [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Angelo: un graziessissimo!!! Giusto per rimanere in tema: il genere humour [...]

4
2
16

PER SEMPRE

20 September 2020

Si svegliò verso l'alba. Nelle sue orecchie ancora risuonavano le urla di bambini scalmanati che si rincorrevano per le scale. Porte che sbattevano, tonfi che scuotevano il solaio come bastoni su tamburi africani. Una bolla d'aria si staccò dalla sua bocca, come una parola che volesse uscire da [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Mi é piaciuto davvero molto! Un racconto breve nella quale l’impianto [...]

  • Silvia: Grazie Giuseppe! È un gran piacere leggere questo commento visto che [...]

2
2
14

Choc 1

20 September 2020

Ho avuto uno choc perdendo scioccamente uno cheque e così, inconsciamente, in preda all'angoscia con una sciabola di uno shogun, ho tagliato una sciarpa di uno scienziato di Sciaffusa piuttosto sciatto, vestito con degli shorts in shantung molto chic mentre, su una TV Sharp, guardava il sequel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Oddio ma non è mica facile scrivere tutti questi scioglilingua :O
    Troppo [...]

  • Rara avis: Grazie A. L per aver gradito.. ti dirò che queste supercazzole mi vengono [...]

4
5
20

Con la scusa del caffè

19 September 2020

"Sei testarda come tua madre", mi hai detto tantissime volte. Sapevi di toccare il mio punto dolente, non per ferirmi, ma per incoraggiarmi a non arrendermi. "Tu sai tenere testa alle cose, e se lo vuoi puoi...", poche parole ma dirette le tue. Mi piace immaginare di averti ora qui da me. Bere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
20

Mio cugino Rodolfo

19 September 2020

Nei miei verdi anni, esattamente nel periodo dell'adolescenza, ricordo che c'era un po’ di pudore nell'esporre certe cose, figuriamoci a farle. Ma intendiamoci, noi ragazzi avevamo comunque una mente curiosa e di certo non eravamo bianchi come meloni (frase idiomatica utilizzata dalle mie parti), [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Hai capito il cuginetto. Con la bambola ha superato ogni fantasia...Amazon [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, grazie per il commento. Su Amazon le trovi ma rispetto ad altri [...]

2
1
10

P-HEC

Incipit di un romanzo che mai finirò

18 September 2020

Mi svegliai lentamente. Nessun dolore, nessuna emozione, nessun acciacco. Il processo di «oggettizzazione» era iniziato da una settimana e solo ora mi rendevo conto con stupefatta lucidità del peso di ciò che li avevo autorizzati a fare. Ancora 7 giorni nel centro P-HEC e mi avrebbero svuotato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su