Premessa: Il re, la regina e il pappagallo, fa parte di una trilogia intitolata Il pappagallo che comprende anche Il pappagallo del nonnaccio ed Epicuro, il pennuto i cui testi risultano senza apparenti legami. 
---


Erika, la bellissima principessa di Norvega, a ventitré anni compiuti divenne regina poiché andò in sposa a Zeno, il re guerriero di Itala. Egli era considerato un tipo spietato e temuto, forte come un roccia, virile come un toro ed estremamente geloso nei confronti della regale consorte. Quest'ultima, oltre alla già citata bellezza, aveva un'altra caratteristica degna di nota, ovvero l'essere focosa e di conseguenza un'amante del sesso.
Un giorno, Itala dichiarò guerra a Lybian. Si prevedeva un conflitto bellico dalla durata indefinita. Il sovrano, prima di prendere armi e bagagli, incaricò un fedele servitore, di nome Alessandro, di reperire una contenzione fisica per la regina al fine di coprirle dal basso il di dietro e il davanti. In proposito, si vociferava che durante le precedenti trasferte del marito, costei, eludendo la sorveglianza di alcuni emissari, fosse andata a letto con un domestico, con un valletto e con vari visitatori. Al di là della mancanza di prove inconfutabili, bisognava comunque correre... ai ripari. 
«La vedi questa?» disse il re alla regina l'indomani, ondeggiando tra le mani un apparecchio di ferro munito di serratura. «Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave.»
«Come farò senza di te? Oltretutto per chissà quanto tempo!» piagnucolò la monarca nel mentre le veniva applicata la cintura di castità. 
«Mi aspetterai. Tra l'altro, nella sala del trono, ti terrà compagnia Pollon, un pappagallo che proprio stamattina mi ha regalato il principe di Roccamaldina.»
Entrambi non sapevano che quel volatile assai carino, pur essendo poco loquace, aveva il dono dell'intelletto e della perspicacia. 
Il regnante, abbracciò la regnatrice e, a passo marziale, si avviò sul piazzale per partire assieme alle truppe armate fino ai denti in direzione del territorio nemico. 
Undici mesi dopo, re Zeno riuscì nell'impresa di soggiogare il regno lybiano per poi, trionfante, rimettersi in marcia per ritornare alla reggia. Il suo primo pensiero fu per Erika, d'altro canto aveva le "palle piene" delle estenuanti battaglie, soprattutto per via di una lunga astinenza sessuale. 
A corte, appena si ritrovò dinanzi alla sovrana, ebbe un'amara sorpresa: era incinta. 
«Porca puttana! Ma com'è possibile? Solo io ne detengo la chiave!» ruggì re Zeno con una potenza tale da far tremare persino le armature allineate alle pareti. 
«E che ne so io? Sarà stata opera del diavolo!» si giustificò Erika con un'espressione di finta desolazione. 
All'improvviso, alla destra del seggio cerimoniale, Pollon, il pappagallo, da sopra un trespolo placcato in oro, cominciò a sbattere le ali e a garrire, sembrava che volesse attirare l'attenzione. 
«Sire, il vostro caro pennuto colorato probabilmente desidera cantare!» osservò Rino, il giullare, in tono sardonico.
In quegli attimi di silenzio tombale, i presenti si focalizzarono su Pollon prendendo dal suo becco. 
«Non è stato altro che Sandro Palissandro, il fabbro di Alessandro, tanto furbo quanto scaltro!»
In men che non si dica esplose un autentico pandemonio, le urla di re Zeno si sentirono in tutto il castello, per di più, preso dalla collera, distrusse una moltitudine di oggetti, tra cui quadri, mobili e suppellettili del vasto salone reale. Quel che è peggio è che qualcuno ci lasciò le penne. E quel qualcuno non fu di certo il pappagallo.

 


Nota dell'autore: la linea di dialogo [Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave] cita il titolo di un film dalle venature erotiche datato 1972. 

Tutti i racconti

0
0
9

CELEBRIAMO di Emma Watson

22 June 2024

Nel regno dell'amore, dove i sogni prendono il volo, Due anime convergono, immerse nella luce soffusa dell'amore. Attraverso i colpi di scena del grande disegno del destino, I loro cuori battono all'unisono, nel ritmo divino. Nei momenti di tranquillità, trovano la loro pace, Un santuario dove [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
7

Oltre il silenzio

22 June 2024

Nelle lontane terre del Nord America viveva un anziano signore di nome Haru. Un nome che i compianti genitori gli avevano dato senza essere consapevoli del suo intrinseco significato. Quel "nato in primavera " da sempre aveva costituito un invito a rinascere nella sua lunga ed inarrestabile [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
7

Senza Titolo

22 June 2024

LETTERA ALLA FORMICA Cara formichina ti vorrei parlare, se tu mi vorrai ascoltare. Vorrei parlare a te, al ragno e all’ape, a voi custodi di una terra morente, che piange di dolore per le mille offese a lei inferte. Se mi vorrai ascoltare, ti dirò che ammiro infinitamente la tua saggezza e il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
7

UN RICORDO DI EMMA WATSON

21 June 2024

UN RICORDO DI EMMA WATSON Un bacio, quella bella cicatrice, Colpito dalla lama arrendevole dell'amore, Senti il ​​gradito tonfo della freccia, Mentre vaghiamo nel succo lussureggiante della vita. I ricordi furono cancellati per un attimo Con le labbra dell'amante che si aprono, Poi di nuovo in [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
7

Aforisma

21 June 2024

La volta celeste, velata da nubi, funge da drappo che la natura lascia cadere per sussurrarci che persino nell'oscurità più densa, si può dissimulare la grazia. Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

3
0
10

l'universo

21 June 2024

se non fosse vero quello che ti hanno detto su di te, se non fossi il tuo lavoro, se non fossi quello che pensi di te, se non ti ritrovassi nei tuoi pensieri e convinzioni, cosa saresti? chi saresti? se non fosse la tua storia a definirti, i tuoi soldi ed i tuoi averi, chi saresti? chiediti sempre… [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
15

I racconti di Bianca

Bianca Boxe

21 June 2024

C'era una volta Bianca, che alla vigilia delle sue vacanze diventa sempre triste. Bianca, in queste occasioni, sente crescere dentro di lei la lotta tra l'entusiasmo e la malinconia. L'entusiasmo si presenta sottoforma di grande voglia di partire e la malinconia invece sottoforma di grande voglia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
12

IL PICCOLO MONDO ANTICO VISTO DA EMMA WATSON

20 June 2024

THE SMALL ANCIENT WORLD SEEN BY EMMA WATSON Perfect woman, meat apple, hot moon, The thick smell of seaweed, crushed flowers and light. What dim glow opens between your pillars? Which ancient night does man touch with his senses? Loving is a journey with water and stars. With suffocating air and [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
9

Haiku

20 June 2024

alari in volo - spilloni sulle spiagge spruzzate al sole Laura Lapietra © NB= In questo Haiku dalla metrica 5/7/5 si cogliere il kigo ( riferimento stagionale) nel secondo verso poiché si parla di spilloni sulle spiagge - fiori che sbocciano in estate sulle dune.

Tempo di lettura: 30 secondi

5
9
23

Bastardi dentro

20 June 2024

Estate. Panetteria sul far del mezzogiorno. All’esterno una tenda striminzita protegge da un sole impietoso. All’interno, sudore e poca aria. Due commesse esauste servono due clienti. Sugli scaffali sono rimaste tre michette, quattro ciabatte e un pasta dura. «Che fa? Entra?». Eccolo. Ce n’è sempre [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Gennarino: Complimenti!

  • Rubrus: PS Una tecnica secondo me ancora valida per costruire una storia, comica ma [...]

1
4
10

I colori della vita

19 June 2024

I colori della vita Tantissimi secoli fa nel lontano Oriente viveva una principessa molto bella di nome Misaki. Chi la conosceva la definiva una donna affascinante sotto ogni aspetto e molto sensibile alle problematiche sociali. Non era la solita principessa insomma.. ogni difficoltà, ogni [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
9
30

Pasticcio

19 June 2024

PASTICCIO Corrieri corrono Corriere percorrono Cani sani gatti fatti Lupi pupi frane rane che raggirano la fame Non si curano rassicurano miscelando oro ora con il soffio della bora

Tempo di lettura: 30 secondi

  • stapelia: Grazie! A domani. Leggerò tutti, nessuno escluso, e tenterò di [...]

  • Gennarino: Bello e cadenzato. Complimenti!

Torna su