Dopo Rio, Miami e Barcellona, Alcaraz aveva vinto anche il torneo di Madrid.

Aveva battuto in sequenza Rafa Nadal, suo maestro, poi Djokovic, il numero uno del ranking, quindi in finale anche Zverev, che prima di lui era stato un giovane prodigio. Anzi lo aveva proprio stracciato.

Dopo anni di dominio di tre tra i giocatori più forti della storia, ci si chiedeva da tempo chi sarebbe potuto esserne il successore. E adesso era spuntato questo ragazzino. A 19 anni era già numero 6 del mondo e si stava avvicinando a passi da gigante alla prima posizione. Tra le sue caratteristiche, la potenza, con un servizio che arriva a 220 km/h.

Il tennis era da tempo discusso. L’evoluzione tecnica aveva offuscato la spettacolarità e si era tentato qualche timido intervento sulle regole per correre ai ripari.

Nei tornei minori si era sperimentata qualche nuova formula di punteggio ed era stato abolito l’utilizzo intensivo dell’asciugamano tra un punto e l’altro, dato che mancava solo che i giocatori chiedessero al raccattapalle di farsi incipriare il naso invece che godersi il punto che avevano appena fatto.

Qualcuno aveva ipotizzato di rimpicciolire il campo, o alzare la rete, per tentare di neutralizzare in parte questi noiosi cannonieri moderni. Qualcuno aveva addirittura osato proporre di eliminare la possibilità di avere due tentativi al servizio, sarebbe stata una rivoluzione.

Dopo Madrid si entrava nel vivo della stagione sulla terra rossa, con i tornei di Roma e poi il Roland Garros. Ma soprattutto mancavano poche settimane al torneo di Wimbledon, che anche se ormai non era più spettacolare come un tempo restava in assoluto la vetta dell’anno, con la sua storia e le sue tradizioni.

L’unico torneo in cui i giocatori continuavano ad indossare la divisa bianca, anche se Nadal già da ragazzino aveva eliminato le maniche e ognuno aveva il suo vezzo.

Bene, quell’anno successe l’incredibile. Alla vigilia di Wimbledon, senza nessun preavviso, venne comunicato che ci sarebbe stata una variazione delle regole.

I sensori di velocità che normalmente servivano a incuriosire il pubblico con i record di potenza dei colpi, avrebbero rilevato un limite stabilito e il segnale acustico conseguente avrebbe autorizzato il giocatore avversario ed utilizzare anche i corridoi laterali del campo, quelli che i profani di questo sport si chiedono a cosa servano.

In pratica, chi avesse tirato troppo forte ne avrebbe pagato le conseguenze, perché l'avversario per il tiro seguente avrebbe avuto a disposizione un campo più ampio dove rispondere.

Beh, ci fu spettacolo. Spettacolo, insieme a dibattiti e polemiche ovviamente. Non era stato dato alcun preavviso appositamente. Quell’anno, il torneo delle tradizioni aveva voluto sbalordire.

Era troppo tempo che non si vedevano più le discese a rete e gli scambi spettacolari che avevano dato un nome a quel campo centrale, così si era voluto osare. Nessun compromesso, o la tradizione o lo spettacolo, lo spettacolo che aveva creato e reso possibile la tradizione.

Non si giocò più così in seguito. Seguirono proteste e dibattiti infiniti per settimane, mesi. Ci furono minacce e interventi degli sponsor.

Però il punto decisivo di quella finale è rimasto nella storia. Un francese di colore, già noto per i suoi numeri in numerose occasioni, si era tenuto la carta migliore per l’ultimo punto. Lo aveva fatto intenzionalmente, perché lui prima ancora che uno sportivo era uno showman.

Aveva risposto al servizio dell’avversario con una palla smorzata, a cui erano seguiti una serie di scambi con colpi lenti e mirati vicini alle righe sui due lati del campo.

Poi all’improvviso si è giocato la sua carta. Ha tirato un dritto supersonico in fondo al campo e si è precipitato a rete dove l’avversario lo avrebbe passato col solito missile nel corridoio laterale. Ma lui se l’era già preparato nella testa quel finale e come un portiere si butta nel rigore decisivo di una finale dei mondiali, così lui si è tuffato a colpo sicuro sulla sinistra e con la punta del telaio della racchetta è incredibilmente riuscito ad agguantare quella pallina giusto perché superasse di poco la rete.

Non si è più giocato in quel modo, si è continuato a seguire la tradizione, ma nella sala dei trofei di Wimbledon, a sovrastare le riproduzioni delle coppe, c’è ora una gigantografia orizzontale di quell’incredibile tuffo fuori dalle regole.

Tutti i racconti

3
7
24

Aforisma

30 January 2023

Tra le stille dell'irresoluto passato i tremori dell'anima coltivano germinali di ottimismo, a illuminare quella pace che vuol rincuorare col suo abbraccio ogni vicissitudine!

Tempo di lettura: 30 secondi

4
9
27

SIGNOR CONIGLIO

29 January 2023

Sono passati molti anni ormai, ma il suo ricordo è ancora vivo in me e mi accarezza come allora. L' appartamento dei miei ha un terrazzo molto grande, che ai miei occhi di bambina sembrava gigantesco, e nelle assolate ore del primo pomeriggio, estivo o primaverile, in cui non si poteva scendere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
35
55

Chi trova un amico trova un tesoro

e io di amici ora ne ho tre

29 January 2023

Del valore e del significato dell'amicizia se ne parla da sempre, si sono scritti milioni di libri, milioni di canzoni, cinema, teatro, televisione hanno ampiamente narrato storie di amicizia, tutti sappiamo cosa sia, che ci gratifichi oppure ci deluda l'amicizia è necessaria e vitale, Mario er [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Roberta21: gli amici...sono davvero rari,ma quando li trovi sono un bel dono😀

  • Walter Fest: Roberta21 e' sempre un piacere averti qui, che aggiungere alla tua riflessione? [...]

1
0
4

Aforisma

28 January 2023

È puro quell'estratto sgorgato a fiotti dal profondo di me stesso per offrirlo a te come unguento di predilezione, cospargendolo sul tuo cuore sofferente di mal d'amore per guarirti nella mia sostanza!

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
20

IL GATTO MERAVIGLIOSO

THE WONDERFUL CAT

28 January 2023

Con l’arrivo del nuovo anno il meraviglioso gatto, viaggiò di nuovo nel tempo del suo racconto che rivelò il suo essere fantastico. Emerse così un essere secolare, un immagine amorosa e fragile come il tempo avvenire. Egli s’immedesimò in vari concetti che esplosero nella dolce armonia, nate [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
12
20

Bianche latte

27 January 2023

Si divertiva a girovagare tra quelle cataste di lamiere ammaccate, rugose di ruggine, che prima di trovare eterno riposo tra rigagnoli d’olio e acqua erano state giunoniche automobili. Alcune erano state abbandonate per vetustà, altre erano state abbraccio mortale, altre ancora erano state mezzi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: avevo scritto qualcosina di simile, mi sembra si xhiamasse " lo scasso" [...]

  • Walter Fest: Ciao a tutti, purtroppo ancora nisba mail, in teoria Andrea al momento che [...]

0
2
9

Teuta Sulaj , poeta

Un libro di esordio

27 January 2023

Il primo libro di Teuta Sulaj, poeta. Abbiamo letto e riletto le poesie della prima raccolta pubblicata e scritta da Teuta Sulaj e dobbiamo subito rilevare che queste liriche redatte con grande e semplice umanità ci hanno lasciato molto ben disposti verso le insopprimibili esigenze dello spirito [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
1
2

Aforisma

26 January 2023

Parole increspate tra di noi in ingestibili emozioni altalenanti in campana, pronte per romperla e spiccare in volo verso livori che tinteggiano una fine.

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
5
16

IL TEMPO PUÒ ASPETTARE

Eva

26 January 2023

Era l' imbrunire di una fredda e serena giornata di gennaio. Eva indugiava, seduta col cappotto nello sdraio in giardino, lo sguardo smarrito nelle striature rossastre del cielo, che dipingevano di nero gli alberi in lontananza. Respirava lentamente, assaporando la bellezza e la poesia dei profumi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • NickBen: "li dove gli universi si sfiorano"

    mi piace moltissimo.
    Complimenti.

  • Astrid: NickBen grazie 🌷

5
9
24

Solo

25 January 2023

Solo quando sentirai quel leggero vento sulla schiena, ti girerai e mi vedrai, come fosse la prima volta Solo quei piedi si bagneranno per prendermi tra le tue braccia Solo quelle labbra confonderanno il sale e la mandorla Solo noi due ed il cielo Seulement quand tu sentiras ce léger vent dans [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

Aforisma

24 January 2023

Leggiamo storie adorne di ogni genere di fantasia colme di sentimenti in cui ci lasciamo cullare dalle commozioni, ma poca è la voglia di leggicchiare le pagine della nostra vita.

Tempo di lettura: 30 secondi

7
20
25

Teodora e Laerte

24 January 2023

Si conobbero tra i banchi del ginnasio, Tea e Lae. Fu un colpo di fulmine, ma non amoroso; era molto più profondo e penetrante. Erano contemporaneamente il sole e la pioggia, la calma ed il vento. Studiavano insieme, bighellonavano per i viottoli di campagna insieme. Sulle panchine del parco lui [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: un genere in cui non mi sono mai cimentato, ma in maniera dotta, i richiami [...]

  • Andrea Occhi: @patapump Tu mi conosci anche altrove...sono fra amici di scrittura e lettura...ti [...]

Torna su