Dopo Rio, Miami e Barcellona, Alcaraz aveva vinto anche il torneo di Madrid.

Aveva battuto in sequenza Rafa Nadal, suo maestro, poi Djokovic, il numero uno del ranking, quindi in finale anche Zverev, che prima di lui era stato un giovane prodigio. Anzi lo aveva proprio stracciato.

Dopo anni di dominio di tre tra i giocatori più forti della storia, ci si chiedeva da tempo chi sarebbe potuto esserne il successore. E adesso era spuntato questo ragazzino. A 19 anni era già numero 6 del mondo e si stava avvicinando a passi da gigante alla prima posizione. Tra le sue caratteristiche, la potenza, con un servizio che arriva a 220 km/h.

Il tennis era da tempo discusso. L’evoluzione tecnica aveva offuscato la spettacolarità e si era tentato qualche timido intervento sulle regole per correre ai ripari.

Nei tornei minori si era sperimentata qualche nuova formula di punteggio ed era stato abolito l’utilizzo intensivo dell’asciugamano tra un punto e l’altro, dato che mancava solo che i giocatori chiedessero al raccattapalle di farsi incipriare il naso invece che godersi il punto che avevano appena fatto.

Qualcuno aveva ipotizzato di rimpicciolire il campo, o alzare la rete, per tentare di neutralizzare in parte questi noiosi cannonieri moderni. Qualcuno aveva addirittura osato proporre di eliminare la possibilità di avere due tentativi al servizio, sarebbe stata una rivoluzione.

Dopo Madrid si entrava nel vivo della stagione sulla terra rossa, con i tornei di Roma e poi il Roland Garros. Ma soprattutto mancavano poche settimane al torneo di Wimbledon, che anche se ormai non era più spettacolare come un tempo restava in assoluto la vetta dell’anno, con la sua storia e le sue tradizioni.

L’unico torneo in cui i giocatori continuavano ad indossare la divisa bianca, anche se Nadal già da ragazzino aveva eliminato le maniche e ognuno aveva il suo vezzo.

Bene, quell’anno successe l’incredibile. Alla vigilia di Wimbledon, senza nessun preavviso, venne comunicato che ci sarebbe stata una variazione delle regole.

I sensori di velocità che normalmente servivano a incuriosire il pubblico con i record di potenza dei colpi, avrebbero rilevato un limite stabilito e il segnale acustico conseguente avrebbe autorizzato il giocatore avversario ed utilizzare anche i corridoi laterali del campo, quelli che i profani di questo sport si chiedono a cosa servano.

In pratica, chi avesse tirato troppo forte ne avrebbe pagato le conseguenze, perché l'avversario per il tiro seguente avrebbe avuto a disposizione un campo più ampio dove rispondere.

Beh, ci fu spettacolo. Spettacolo, insieme a dibattiti e polemiche ovviamente. Non era stato dato alcun preavviso appositamente. Quell’anno, il torneo delle tradizioni aveva voluto sbalordire.

Era troppo tempo che non si vedevano più le discese a rete e gli scambi spettacolari che avevano dato un nome a quel campo centrale, così si era voluto osare. Nessun compromesso, o la tradizione o lo spettacolo, lo spettacolo che aveva creato e reso possibile la tradizione.

Non si giocò più così in seguito. Seguirono proteste e dibattiti infiniti per settimane, mesi. Ci furono minacce e interventi degli sponsor.

Però il punto decisivo di quella finale è rimasto nella storia. Un francese di colore, già noto per i suoi numeri in numerose occasioni, si era tenuto la carta migliore per l’ultimo punto. Lo aveva fatto intenzionalmente, perché lui prima ancora che uno sportivo era uno showman.

Aveva risposto al servizio dell’avversario con una palla smorzata, a cui erano seguiti una serie di scambi con colpi lenti e mirati vicini alle righe sui due lati del campo.

Poi all’improvviso si è giocato la sua carta. Ha tirato un dritto supersonico in fondo al campo e si è precipitato a rete dove l’avversario lo avrebbe passato col solito missile nel corridoio laterale. Ma lui se l’era già preparato nella testa quel finale e come un portiere si butta nel rigore decisivo di una finale dei mondiali, così lui si è tuffato a colpo sicuro sulla sinistra e con la punta del telaio della racchetta è incredibilmente riuscito ad agguantare quella pallina giusto perché superasse di poco la rete.

Non si è più giocato in quel modo, si è continuato a seguire la tradizione, ma nella sala dei trofei di Wimbledon, a sovrastare le riproduzioni delle coppe, c’è ora una gigantografia orizzontale di quell’incredibile tuffo fuori dalle regole.

Tutti i racconti

0
0
6

Senza Titolo

16 August 2022

Qui a casa è il caldo torrido che la fa da padrone ed io cerco di sopportarlo stando sdraiato sul letto immobile e ho percepito un attimo, un solo attimo di tranquillità e di pace. La signora anziana che sotto la finestra della mia stanza sta vangando il suo orto, il ventilatore in funzione a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

Parodia di Felicità di Albano

15 August 2022

Felicità /è mangiar gorgonzola usciti da scuola /la felicità / un litrozzo di vino con un tramezzino é la felicità /un prosciutto e melone e lo squaquarone /è così che si fa/ obesità /obesità / Felicità /oramai la mia guancia con tutta la pancia più forma non ha/e c'ho due mongolfiere a mo' di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
4

Il viaggio

Il ritorno di James

15 August 2022

La sveglia iniziò a trillare alle 4.16. Calamaretti sedette sul letto con lo scatto di una molla da vecchio materasso sgangherato. La sua ernia iatale, simultaneamente, si destò, piuttosto contrariata per l’accaduto. Sei ore, solamente sei ore all’imbarco sul Boing 747 che lo avrebbe prelevato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
3

Le case

14 August 2022

Camminando nelle zone più residenziali del paese mi capita di gettare uno sguardo incuriosito alle case. Molte, in questo periodo, hanno le persiane serrate. I loro proprietari sono in vacanza e le case sono come orfane di vita. Questo pensiero mi ha fatto riaffiorare alla memoria quell’intenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
3
14

Guardo fuori

13 August 2022

Qui Da sopra questa carrozza DI questo vecchio treno Di questa maledetto paese Sto fuggendo O sto semplicemente salvandomi la vita Ho appena iniziato il viaggio E la distanza che mi separa da quei volti, da quei luoghi, aumenta sempre più Anche le mie narici stanno meglio E mi fanno meno male [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
5
12

L'ironia della bestia

Dove (e quali) sono i veri mostri?

Fil
13 August 2022

Il ragioniere dalla testa di corvo sistemò le filopiume, lisciò il becco per essere sicuro di non averci parte di cibo incastrate e suonò il campanello tre volte. Il receptionist apparve poco dopo con la faccia mezza addormentata e briciole di biscotti sulla giacca. La notte era solo a metà. Sbrigate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: benvenuto. Un testo molto particolare e non mi è dispiaciuto affatto. [...]

  • Walter Fest: Fil, sono contento e ti ringrazio che sei aperto e ragionevole, in verità [...]

0
5
19

Ma ste' scarpe le vuoi o non le vuoi?

Mica è colpa mia se l'amore è cieco

12 August 2022

C'è gente che la scarpa è un cult, altri per i quali è snob, freak, kitsch, sub, york, bon ton, tom tom, insomma c'è gente che tengono le scarpiere piene a dismisura e quando arrivano i saldi pensano di essere in paradiso, io no, io sono out, sono din, don, dan, sono extra strong e ho solo un paio [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Nicola grazie a te per aver aderito, tu mi piaci, anche se riguardo scrittura, [...]

  • Walter Fest: Patapump, me lo ricordavo che stavi in vacanza, tranquillo stà cosa [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
5
17

ANGELI LUCCIOLE AL NOSTRO FUNERALE

11 August 2022

Non sono un credente e non lo sono mai stato, ma se esistesse il paradiso dovrebbe somigliare certamente ai campi dietro la casa dove sono cresciuto. Si sviluppavano lungo la strada che tagliava a metà il paese ed erano divisi da essa da una lunga striscia di case, come un muro, che teneva nascosto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Andrea B.: cosa ti fa dire questo nicola?

  • Nicola: Era un'impressione. Se non è così vuol dire che mi sono sbagliato. [...]

0
0
2

Poesia Tanka

11 August 2022

Stille di luce su ciglia nel manto blu, gota di speme lene libra stupore una duna d'anima.

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
17

devo comprare un paio di scarpe

10 August 2022

“Un paio di scarpe per il lavoro, uno per le mie serate in qualche pub con gli amici di sempre e le solite ciabatte in plastica che mi accompagnano da anni durante estate e inverno” Pensavo questo, mentre le osservavo, disposte in fila davanti l'armadio all'ingresso. Onestamente non mi importava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • laura: Altrettanto a te

  • Betty: Bel pezzo! Piaciuto molto, brava! Io con le scarpe non ci vado molto d'accordo... [...]

2
5
23

L'uovo di Colombo

Il tema proposto era "devo comprare un paio di scarpe", a me è venuto questo ...

09 August 2022

Anna sta prendendo un caffè con la sua migliore amica. Quanto chiacchierano quelle due! Ma cos'hanno da raccontarsi sempre di nuovo? Quel giorno le sta dicendo della sua nuova passione, da un po' ha infatti scoperto che le piace scrivere. Ma non tenere un diario o articoli per qualche blog in internet [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Betty: Uh, l'uovo di Colombo nato dalle scarpe! Idea geniale... Cosa non facciamo [...]

  • Nicola: Grazie Betty, sei gentile

0
0
9

Oblio

09 August 2022

“Non lo posso lasciare. Ha paura di rimanere solo. Adesso dorme. Prendo una pizza per lui e torno a casa.” Il temporale sta arrivando. E Delia, si chiama così la donna, corre a casa per rientrare nell’inferno di un amore che esiste ancora. Nonostante tutto. Suo marito non la riconosce più. E [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su