La notte era da poco cominciata e, caldo a parte, prometteva niente male.

Prima corsa completata e 30 euro in saccoccia, per lasciare in aeroporto un’accoppiata di argentini dal sorriso molto acceso e dalla mancia molto facile.

Tipi come loro andavano clonati. Senza se e senza ma. Il mondo e l’esistenza, specie quella sua, ne avrebbero giovato. 

Si accodò ai suoi colleghi fermi in sosta lì al Rossio. Spense il quadro. Si mise ad osservarli. Mentre stavano appoggiati alla fiancata di un tassì ad aspettare un’altra corsa. Paulo Fonseca con Marcelo e Abelardo. Nel ronzio della città. Sigaretta tra le labbra e mille chiacchiere da bar che si perdevano nell’aria. 

Preferiva starne fuori. 

Ogni volta che poteva.

Da buon lupo solitario, si bastava in abbondanza. E dentro alla sua Dacia, aveva già una comfort-zone rassicurante e protettiva.

Era Jorge.

Jorge Alves.

Di anni 41.

Con licenza di tassista.

Sulle strade di Lisbona.

Dal pacchetto tirò fuori una Gitanes. L’accese e aspirò. Profondamente. Si mise in sintonia con la frequenza preferita tra le tante dalla radio. “Rock Forever”. I classici del genere a go-go h24. “Angie “ degli Stones s’impossessò dell’abitacolo. Jagger era un dio, non c’è che dire. Quella timbrica gracchiante, a tratti cruda e sofferente, toccava molte corde provocando vibrazioni. Nell’anima e nel corpo. Reclinò di qualche grado lo schienale. Aspirò dalla Gitanes, un braccio al finestrino e poi si abbandonò, completamente, all’ impregnarsi di quei doni. 

Il grande rock dei seventies.

Le luci della notte. 

Tabacco e nicotina.

I suoni di Lisbona. 

Ci fosse stato poi anche un cicchetto di Ginjinha, non lo avrebbe barattato, quel momento, per qualsiasi eternità di qualsivoglia paradiso. Fosse in cielo oppure in terra.

Fanculo Catarina. Fanculo a quella troia che lo aveva scaricato con la scusa di una pausa. Come se l’amore si potesse relegare ad una pausa caffè o all’intervallo tra i 2 tempi di un Benfica-Sporting Braga.

Gli anni spesi insieme, cancellati by WhatsApp. Con un semplice messaggio che, più o meno, recitava: 

“Trascinarsi in questo modo rende tutto senza senso. 

Ho bisogno di staccare. 

Per riflettere e capire se sia il caso di trovare 

un buon motivo per riprendere.” 

Le piaceva il melodramma. Quella frase lo provava. La realtà era che in fondo, la puttana, aveva fame di altri cazzi. Di altri culi cui aggrapparsi. E altri idioti da fiaccare coltivando amori tossici. Di quelli le cui scorie si smaltivano a fatica e le cui tracce, distruttive, rimanevano indelebili sul fisico e nel cuore. 

Sbloccò il fedele Samsung. Trovò l’interessata e pigiò l’icona OK, lanciando la chiamata. Ci vollero 2 squilli.

- Perché continui a insistere?

Il tono era glaciale. Profondo e distaccato.

- Perché non dovrei farlo?

- Perché ci ho messo un punto.

- Ed io sono alle virgole.

- Dovresti rassegnarti.

- Dovrei ma non ho voglia. E aspetto un altro round.

- Non credo l’otterrai.

- Sei solo una puttana.

- Non meriti risposta.

- Da chi ti fai scopare? Scommetto da Fernando. Oppure è Tiago Souza? Avrei dovuto fargli il culo, a quei bastardi! Già da molto tempo...

- Sei malato. E’ guerra persa. Necessiti assistenza.

- Maledizione, TI AMO!! Non posso cancellarti!

- Impegnati di più. Vedrai che ci riesci. Di certo non sei il primo. E l’ultimo è distante…

Cinica. Impietosa. Del tutto indifferente.

Sentì che riattaccava. Senza appelli da concedere. A lui che reclamava soltanto un’altra chance in un confronto senza storia.

Era inutile. Le donne, o certe donne, vincevano comunque. Quando amavano con forza e, soprattutto, se smettevano di farlo. Maestre senza pari. Sapevano colpire. Mirando ai punti deboli da lucidi cecchini. E quando non bastava, godevano a umiliarti. Lasciandoti impotente col tuo ego proverbiale. Ridotto in mille pezzi o a dimensione di batterio.

Si sporse al finestrino e scatarrò con decisione. In bocca troppo amaro. Veleno misto a fiele in dosi multiple e massicce. Decise di abdicare. Il mondo, d’altra parte, pullulava di altre donne. Non c’era che da scegliere. La prossima compagna di un amore a lieto inizio. E dalla fine deludente…

 

 

 

 

 

 

 

Tutti i racconti

2
4
11

A Piero

26 June 2022

Piero…. Non ho più il mare davanti agli occhi, non sento più il suo profumo, non sento il suo rumore. Mi allontano malavoglia a bordo della mia auto, su un’autostrada che forse non potrei nemmeno definire tale, visto che non la pago. Ho fatto questo viaggio innumerevoli volte e puntualmente ho [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: benvenuta e...ai prossimi lavori, che contiamo saranno numerosi. Ricky

  • U1441: Grazie. Si ne ho scritto qualcuno, attendo solo l'approvazione per essere [...]

0
0
3

Gocce

26 June 2022

Siamo gocce d'oceano diamanti liquidi che incantano nell'immenso unico mare che ci unisce nel suo grembo per essere sol un corpo, un sol suono, un sol lamento, un sol canto lesto nell'intensità del suo ceruleo colore, ma non saremo mai gocce uguali per veemenza propria sulla pelle del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
14
43

La festa vuota

25 June 2022

Alla vigilia del matrimonio, colei che doveva vestirsi di bianco, dopo una lunga notte insonne, fece una scelta. Il giorno successivo, nella sala ricevimenti Torre Rubino, le raffinatissime tovaglie sembravano dei fantasmi stesi. Sopra di esse, file di tovaglioli avvolti come coni senza gelato, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Buongiorno Giuseppe, ho messo "mi piace" per come è scritto [...]

  • U1441: Mi piace l'intensità con la quale hai scritto questo racconto. Buon [...]

0
0
4

Campari col bianco

24 June 2022

La coppia ha appena avuto un bambino. Avrà un mese. Si siedono e prima di ordinare le pizze chiedono due Campari col bianco. La figlia della proprietaria, giovane, cinese, non capisce. -Campali col bianco?- -Si. Campari col bianco-, risponde l’uomo con le occhiaie che denotano notti insonni a [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
17
152

La valigia

23 June 2022

Mi trovavo a Fiumicino per prendere un aereo diretto a Varsavia, in attesa di attraversare i controlli di sicurezza. Mentre procedevo a singhiozzo verso gli appositi varchi, una ragazza, chiaramente annoiata da quel profluvio di persone, attaccò bottone con il sottoscritto. Scoprii che la bella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Mario's: Bellissimo ! La giovane Svizzera diretta a Ginevra apprezza - e quindi comprende [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Mario's ti sono grato per la qualità della sua analisi. Mi [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
2

Il Fior Dell'Anima

23 June 2022

Potrai anche privarlo dei suoi vellutati petali lentamente uno dopo l'altro per il gusto di annientare la sua bellezza calpestando i suoi pregi... Ma tra le mani il suo olezzo ti ricorderà quanto infamante è il tuo cuore, pieno di puro egoismo ad avvelenare solo la tua essenza! ©Laura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
6

E nel cammino ( un 8 Marzo )

22 June 2022

E nel cammino mi ritrovai Bambina Ragazza E poi Donna Ora, con molti anni in più E sono ancora qui che guardo le mie scarpe ormai consumate Ma solo quelle Dentro di me non ho che la luce che avevo da bambina Che non smetterà mai di brillare Ormai cammino con altre donne E anche se le strade a volte [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

11
12
50

La Grande Statua

21 June 2022

La Grande Statua in ferro dagli occhi vitrei rivolti verso il cielo, non si lascia impressionare dai violacei e violenti fulmini. Massiccia e levigata la figura, impassibile l'espressione, impossibile rompere quel cuore di pietra. Consapevole di non poter scendere dal piedistallo, con celata rassegnazione [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
12

Il vento

20 June 2022

Ieri c'era il Vento. Stamattina sono andato in giardino e c'era qualcosa di bianco che brillava nel verde dell'erba. Mi sono avvicinato. Era una striscia di carta. Un foglio a quadretti. Sopra c'erano delle frasi scritte con una grafia fragile, stentata, sofferente. Chissà da dove veniva. Sospinto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

11
12
71

A letto insieme

19 June 2022

Si sentì una macchina arrivare e un freno a mano tirato. «Cielo, mio marito!» esclamò Eva agitata, rivolgendosi al suo amato e staccandosi velocemente dall'abbraccio. «Via, via che sta arrivando!» Bruno si girò di scatto e la fissò con gli occhi assonnati ma complici, del resto non era di certo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Eligalb: Sembra uno di quei corti cinematografici, o anche una barzelletta di quelle [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Eligalb, il tuo commento l'ho gradito molto. Beh, perchè [...]

1
3
12

Ciao, amore, ciao

18 June 2022

È ancora notte e sono sveglia. Mi sono svegliata cercando la tua zampa nel lettone. Un tuffo al cuore. Trattengo lacrime o singhiozzi per non svegliare gli altri che ancora dormono. Leggo ciò che diceva Papa Paolo VI a proposito della morte di un animale e anche che Paolo Giovanni ll riteneva i [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Betty: È durissima Adribel, durissima... L'unico difetto dei nostri amici [...]

  • Patapump: un abbraccio Betty, provato sulla mia ex gattina :)

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

19
17
123

6 racconti in in 6 parole

17 June 2022

Sogno o son morto? (racconto horror/parodia) Scoperchio. Mi sento strano. Ho fame! La mia bisnonna (racconto autobiografico) Migliaia di rughe. Migliaia di storie. Incendio (racconto drammatico) Una stufa incustodita. Rimase soltanto cenere. Insieme fino alla fine (racconto drammatico/romance) [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su