15 Settembre 1995. Il giorno, il mese e l’anno in cui è nata Elisa, la mia sorellina. A poche settimane dalla sua nascita, in puro spirito meridionale, i parenti e gli amici, gradualmente vennero a casa nostra per farci visita. Chi portava in dono dei giocattoli, chi dei vestiti per bebè, chi delle buste contenenti delle banconote e chi dei dolci. Erano giorni di festa, in soggiorno si trovavano vassoi di paste di vario tipo accompagnati da una miriade di confetti rosa. Ghiotto com'ero ne divoravo in grandi quantità e a darmi manforte l’altrettanto golosa Cettina, la mia sorella più “media”. Un undicenne e una novenne in combutta, una sorta di Bonnie & Clyde con quell'intrufolarci di nascosto nel salone per poter arraffare, visto che i nostri genitori ci proibivano di toccare i dolciumi destinati agli ospiti.

A farci visita per ultimi furono zio Giovanni e zia Anna, rispettivamente cognato e sorella di nonno paterno, da sempre bollati come i più tirchi del mondo. Per rendere meglio l'idea, dalle nostre parti esiste un simpatico detto: non cagunu pi no spaddari catta igienica (non cagano per non sprecare la carta igienica).

Malgrado ciò, quel pomeriggio notammo che zia Anna teneva in mano una larga busta di colore giallo in cui erano disegnati Topolino e Pluto. Io e i miei familiari ipotizzammo un bel regalo per Elisa, ad esempio un giocattolone. Invece si trattava di un super pacco di biscotti, precisamente la versione economica dei GranTurchese, di quelli che nei supermercati a quei tempi costavano al massimo 4 mila lire. Alla vista di quei frollini con le mini grate, restammo negativamente sorpresi.

«Per i ragazzi!», disse zio Giovanni, indicando me e Cettina. Successivamente nell'accomiatarsi zia Anna si scusò spiegando che non sapeva cosa regalare alla picciridda. 

«È il pensiero che conta!», ringraziò nostra madre provando a celare la delusione. Nostro padre, si limitò semplicemente a sorridere di cortesia. 

Dopo che gli zii se ne andarono, dal momento che era presente pure Enza, nostra nonna materna, si lasciò andare ad una serie di epiteti indirizzati ai due taccagni sostenendo che avevano fatto una figura di merda.

Nonostante tutto, essendo ora di merenda, decisi di dissigillare quell'involucro trasparente e di sgranocchiare tre o quattro frollini. Tuttavia ahimè, lo aprii malamente, lacerando quasi per metà la parte laterale. Cettina non ne volle mangiare, affermando che quei biscotti le ricordavano gli ospedali e le Case di Cura.

Mi sedetti sul divano del soggiorno, constatando di come quei “gratati” di sottomarca fossero abbastanza croccanti e sdegnosi. Nel frattempo, nella stessa stanza, Elisa dormiva come un angioletto nel passeggino, tra l’altro vicinissima alla nonna che in un angolo se ne stava seduta ad osservarla dolcemente.

Stavo per dirigermi in cucina con l’intento di cercare una molletta per chiudere nel migliore dei modi quel paccone di frollinacci e riporlo sopra la mensola, finché mi sentii chiamare a bassa voce dalla nonna, chiedendomi stranamente di darle qualche biscotto considerando che circa un quarto d’ora prima li aveva maledetti. Non l’avesse mai fatto! 

A ogni modo commisi l’imprudenza di passarle quei cacchio di friabili alzando la danneggiata confezione da sopra il corpicino di Elisa. 

All'improvviso… swoashhhh!!! La confezione si ruppe, l’innocente fagottino venne interamente travolto da un ammasso di biscotti, manco fossero state le macerie di una qualunque abitazione terremotata.

La nonna, come un provetto vigile del fuoco, tempestivamente prese la lattante in braccio “evacuandola” dalla carrozzina e scrollandole velocemente quei cosini forellati, per di più mettendole un dico in bocca per assicurarsi l’assenza di frammenti. Povera Elisuccina, divenne tutta rossa in viso per poi piangere in modo disperato. Per fortuna non ci furono conseguenze.

Mamma, papà e Cettina accorsero realizzando che era successo qualcosa di serio, tra l’altro all'insegna della sceneggiata napoletana da parte della “salvatrice.” Naturalmente fui rimproverato, venendo paragonato a Gian Burrasca. 

La piccina, una volta tranquillizzata, fu adagiata nella culla e infine il passeggino venne ripulito scrupolosamente.

«Ah, i biscuttazzi di Iana! (Ah, i biscottacci di Anna!)», esclamò borbottando nonna Enza gettando i frollini nella pattumiera.

Tutti i racconti

1
0
8

Uno zufolo incontra un gatto - 2/2

07 March 2021

In me è l’anima a decidere cosa fare, è la mia padrona, in lui è la realtà a dominare sui sensi. Le sue decisioni sono dettate dalla realtà tangibile e vera, le mie dall’immaginazione, dai sogni, belli o brutti che fossero. E’ questo che pensai. Lui non immagina nulla, i suoi sensi rispondono [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
3
14

Un amico d'altri tempi

07 March 2021

Ancora un controllo agli ingranaggi e la mia macchina sarebbe stata pronta per affrontare il lungo viaggio. Il mio sogno sembrava destinato a rimanere tale, poi il miracolo, il ritrovamento di un manoscritto mi aveva permesso di renderlo concreto. Col progetto c’era un foglio con delle note firmato [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: moolto carina. una lettura piacevole. apresto. Ricky

  • Zio Rubone: Per fortuna non ha avuto il tempo per farti provare una delle sue macchine [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
5
14

Letterando

07 March 2021

Ho incontrato la Cantatrice calva che aspettava Godot insieme ai Promessi sposi per andare in treno a trovare i Fratelli Karamazov, Jacopo Ortis, Liolà e le Sorelle Materassi. Dovevano festeggiare Don Chisciotte, Il maestro di Vigevano e Robin Hood che aveva attraversato il Deserto dei Tartari [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Tenchiuverimac, buona domenica a tutti.

  • U0392: Molto simpatico l'attacco, tutto il resto regge bene. Complimenti

2
2
11

Riflessione allo specchio

07 March 2021

La domanda era: ma se lei volesse, un giorno, tornare da te, tu, cosa faresti? Non rispose mai a quella domanda, Carl, perché sapeva di amarla tantissimo e per lei avrebbe fatto i salti mortali. Non accettò mai di essere stato lasciato e, ora che le cose andavano bene, cercava di capire chi scegliere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: amore, eros,speranze,desideri,dissolutezza,un buon mix...benvenuto/a in ldm

  • Giuseppe Scilipoti: Salve U1308, benvenuta su Letture da Metropolitana. Se puoi firmati con un [...]

5
4
17

Albert & Andy

06 March 2021

C'era una volta uno scienziato di nome Albert, che passava intere nottate in laboratorio, in compagnia di Andy, il suo fidato e intelligente robot che non aveva il dono della parola, tuttavia si faceva capire. Talvolta, all'automa venivano innestati altri componenti con amorevole cura, al fine [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
6
17

Casa colonica siciliana

06 March 2021

Una casa distrutta, lasciata in balia del tempo, lasciata da sola, a marcire. Una casa fantasma senza fantasmi. Una casa vuota, eppure piena di ricordi, una casa che una volta aveva un'anima chiamato focolare domestico. Evocazione e suggestione. Ecco cosa provo. Io, soldato, mi ritrovo col tipico [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
5
17

Erano labbra

06 March 2021

Erano labbra che sapevano baciare Labbra che quando parlavano non potevi non esserne rapito Due ciliegie rosse che spandevano profumi E quando si socchiudevano aprivano viaggi e pensieri Un rossetto ne esaltava la femminilità E il dito per aggiustarlo la sua sensualità Lo specchio complice sorrideva [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Uno zufolo incontra un gatto - 1/2

06 March 2021

Una precisazione è doverosa: lo scritto che segue è un’evidente provocazione, poco adatta a stomaci deboli. L’uso del surreale e, a volte, del grottesco è stato suggerito dallo sforzo di andare oltre le cose, suscitare una riflessione più libera che razionale. Non c’è la pretesa di definire nulla. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Walter Fest: aspetto domani per dire di più, comunque aspettati da me carota e bastone....

1
3
10

UNO - 2/2

06 March 2021

"And it's how are you kid and what's your name?" A pair of brown eyes (Pogues) Cominciai a fumare marijuana. Ogni volta che fumavo invece di rilassarmi mi sentivo male. Una volta finì al pronto soccorso perché pensavo di avere un infarto. L'infarto quello vero però venne a mio padre. se ne andò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

15
12
65

Dolce dormire con te

06 March 2021

Con le labbra socchiuse dormi dolcemente, i tuoi respiri fluiscono nella mente che s’adagia sul tuo seno, lasciandomi avvolgere dalla melodia dei battiti del cuore tuo.

Tempo di lettura: 30 secondi

3
6
21

Evviva questa politica

05 March 2021

Pioveva a dirotto da più di un'ora, il cielo era stato ripetutamente squarciato da lampi che a tratti rendevano visibile la grande pianura intervallata da numerose villette circondate da fitta vegetazione a custodia di una privacy di alto livello. Montedoro, piccolo centro dell'entroterra siciliano, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: un bel messaggio, che a volte le cose vanno davvero come si vorrebbero. che [...]

  • Adribel: Grazie Patapump 🤞🤞

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
7
98

Apnea

05 March 2021

L’essere umano è appagato dalle sue stesse illusioni, spesso finisce per lottare e mettere in gioco ogni sfaccettatura di sè pur di difenderle, odia chi lo riporta alla realtà. Come quando al mare ci si lascia sprofondare a peso morto, finché ogni centimetro di corpo diventa talmente leggero da [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: piaciuta! e voglia di quel mare. benvenuta da Ricky

  • Mirtilla: Ciao Ricky! Grazie a te per l'accoglienza, magico quel mare...

Torna su