15 Settembre 1995. Il giorno, il mese e l’anno in cui è nata Elisa, la mia sorellina. A poche settimane dalla sua nascita, in puro spirito meridionale, i parenti e gli amici, gradualmente vennero a casa nostra per farci visita. Chi portava in dono dei giocattoli, chi dei vestiti per bebè, chi delle buste contenenti delle banconote e chi dei dolci. Erano giorni di festa, in soggiorno si trovavano vassoi di paste di vario tipo accompagnati da una miriade di confetti rosa. Ghiotto com'ero ne divoravo in grandi quantità e a darmi manforte l’altrettanto golosa Cettina, la mia sorella più “media”. Un undicenne e una novenne in combutta, una sorta di Bonnie & Clyde con quell'intrufolarci di nascosto nel salone per poter arraffare, visto che i nostri genitori ci proibivano di toccare i dolciumi destinati agli ospiti.

A farci visita per ultimi furono zio Giovanni e zia Anna, rispettivamente cognato e sorella di nonno paterno, da sempre bollati come i più tirchi del mondo. Per rendere meglio l'idea, dalle nostre parti esiste un simpatico detto: non cagunu pi no spaddari catta igienica (non cagano per non sprecare la carta igienica).

Malgrado ciò, quel pomeriggio notammo che zia Anna teneva in mano una larga busta di colore giallo in cui erano disegnati Topolino e Pluto. Io e i miei familiari ipotizzammo un bel regalo per Elisa, ad esempio un giocattolone. Invece si trattava di un super pacco di biscotti, precisamente la versione economica dei GranTurchese, di quelli che nei supermercati a quei tempi costavano al massimo 4 mila lire. Alla vista di quei frollini con le mini grate, restammo negativamente sorpresi.

«Per i ragazzi!», disse zio Giovanni, indicando me e Cettina. Successivamente nell'accomiatarsi zia Anna si scusò spiegando che non sapeva cosa regalare alla picciridda. 

«È il pensiero che conta!», ringraziò nostra madre provando a celare la delusione. Nostro padre, si limitò semplicemente a sorridere di cortesia. 

Dopo che gli zii se ne andarono, dal momento che era presente pure Enza, nostra nonna materna, si lasciò andare ad una serie di epiteti indirizzati ai due taccagni sostenendo che avevano fatto una figura di merda.

Nonostante tutto, essendo ora di merenda, decisi di dissigillare quell'involucro trasparente e di sgranocchiare tre o quattro frollini. Tuttavia ahimè, lo aprii malamente, lacerando quasi per metà la parte laterale. Cettina non ne volle mangiare, affermando che quei biscotti le ricordavano gli ospedali e le Case di Cura.

Mi sedetti sul divano del soggiorno, constatando di come quei “gratati” di sottomarca fossero abbastanza croccanti e sdegnosi. Nel frattempo, nella stessa stanza, Elisa dormiva come un angioletto nel passeggino, tra l’altro vicinissima alla nonna che in un angolo se ne stava seduta ad osservarla dolcemente.

Stavo per dirigermi in cucina con l’intento di cercare una molletta per chiudere nel migliore dei modi quel paccone di frollinacci e riporlo sopra la mensola, finché mi sentii chiamare a bassa voce dalla nonna, chiedendomi stranamente di darle qualche biscotto considerando che circa un quarto d’ora prima li aveva maledetti. Non l’avesse mai fatto! 

A ogni modo commisi l’imprudenza di passarle quei cacchio di friabili alzando la danneggiata confezione da sopra il corpicino di Elisa. 

All'improvviso… swoashhhh!!! La confezione si ruppe, l’innocente fagottino venne interamente travolto da un ammasso di biscotti, manco fossero state le macerie di una qualunque abitazione terremotata.

La nonna, come un provetto vigile del fuoco, tempestivamente prese la lattante in braccio “evacuandola” dalla carrozzina e scrollandole velocemente quei cosini forellati, per di più mettendole un dico in bocca per assicurarsi l’assenza di frammenti. Povera Elisuccina, divenne tutta rossa in viso per poi piangere in modo disperato. Per fortuna non ci furono conseguenze.

Mamma, papà e Cettina accorsero realizzando che era successo qualcosa di serio, tra l’altro all'insegna della sceneggiata napoletana da parte della “salvatrice.” Naturalmente fui rimproverato, venendo paragonato a Gian Burrasca. 

La piccina, una volta tranquillizzata, fu adagiata nella culla e infine il passeggino venne ripulito scrupolosamente.

«Ah, i biscuttazzi di Iana! (Ah, i biscottacci di Anna!)», esclamò borbottando nonna Enza gettando i frollini nella pattumiera.

Tutti i racconti

0
0
1

Ho visto un gabbiano mangiare la pizza

che era rossa al pomodoro

22 May 2022

Ho visto un gabbiano mangiare la pizza la pizza era rossa e il gabbiano era pazzo per la pizza gli piaceva così tanto che senza paura se la pappava in mezzo alla strada da solo perché era pazzo per la pizza che era rossa con il pomodor e che cazz così bon che nessuno lo doveva disturbar che bella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
3

Aforisma

21 May 2022

La vita non è che un momento inciso su pellicola astratta del fato col soffio di speranza quiete, sotto i nembi dei travagli a ungere di ferrigno ogni suo mutamento sulla pelle dell'essere umano! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
5
14

Il titolo

20 May 2022

Cercavo un titolo Ma stasera non avevo legami di alcun genere E così sono andato nella stanza e ho preparato una valigia Non devo partire Ma volevo solo creare un avvenimento E cosi sono uscito E sono andato alla stazione Al deposito dei bagagli Ho ritirato il mio biglietto L’ho infilato in tasca [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Betty: Incalzante brano che ti prende. Leggendolo mi sembrava di essere sopra un'altalena: [...]

  • Patapump: oh grazie a tutti! quando scritto questo la serenità era assai distante, [...]

2
4
15

Particelle

18 May 2022

Seduto a quel muretto della mia casa Tutta bianca Guardo fuori Piove Mani appoggiate e gambe molli Sulla mia testa, particelle Come ricordi che vengono fuori In questo pomeriggio Dove mi sento e sono solo Come un pulviscolo stellare sono agitate Da venti cosmici e tempeste terrestri Attratte [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Una seconda chance di ottimismo, bravo Pata' è così che te [...]

  • Patapump: Ciao a tutte/i. >e grazie.Per la conversazion Walt nada problema, ma non [...]

2
9
26

Il braccio sinistro

17 May 2022

Valentine, come ogni mattina, iniziò a sfogliare il quotidiano e giunse alla pagina dei necrologi. La sua curiosità venne attirata da poche ma significative righe: Non è più tra noi Mr Larry Fisher Lo piangono la moglie Laura e i figli Jason e Eden. Proseguì: i funerali si terranno presso la Parrocchia [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: bel racconto..mai una volta xhe mi capiti un ereditiera! :) storie di James, [...]

  • Betty: Patapump, o uno zio ricco in America 🤣🤣

2
4
14

Se avessi solo pensato

16 May 2022

Se avessi solo pensato che avrei spostato montagne un giorno, anche solo con un dito Non avrei camminato da solo per lungo tempo Se avessi solo pensato che le mie braccia si sarebbe aperte un giorno Non avrei comprato maglioncini troppo larghi per nascondere timidezze Se avessi solo pensato [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
6

Aforisma

15 May 2022

A volte bisogna pur dare uno sguardo alla persona che eravamo lungo il cammino del passato, per comprendere oggi quanto l'esperienza ci abbia cambiato realmente con le sue perle di vita! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

0
1
8

Aforisma

14 May 2022

A volte è pura fatica riuscire a parlare con chi ha un'anima pulsante, per timore di spezzargli il cuore con una verità amara! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Complimenti Laura, la tua lirica è romantica con venature lunari che [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
1
16

" A scumbinata "

13 May 2022

Bassina, rotondetta, comunicativa con toni ultra squillanti, più ciarlante che semplicemente parlante, Anna Vicinanza era un’indigena del quartiere periferico di P. nella città di S., luogo natale di cui ella esaltava, con orgoglio campanilistico, le bellezze e i pregi e ometteva bruttezze e difetti. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ....visto la tua provenienza, collocherei "a scumbinata" come una [...]

0
0
6

Aforisma

13 May 2022

Le parole illudono seducendo d'incanto, ma talvolta chi le pronuncia disincanta in un baleno! Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

3
12
52

Presto o tardi

L'auto di cortesia

12 May 2022

“Scenda dal veicolo.” “Cosa?” “Scenda dal veicolo Signora.” Il tono si fece perentorio. Inizialmente pensai a uno scherzo. “Che succede mamma?” “Tranquillo, non so, ora scendo e sistemo tutto.” Era una situazione ridicola. Fermata per un controllo a un posto di blocco sulla via più trafficata della [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • U1444: Ciao rompicojoni (rompipalle, rompiscatole, provocatore), ma tutto per un confrontopositivoWalter. [...]

  • Walter Fest: U1444 mi piaci, sì mi piaci un sacco ma ti aspetto alla prossima non [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
18

Here

12 May 2022

Qui Ricordo di esserci stato Qui Non è cambiato niente in questa piccola strada Qui Ho assaggiato il miglior gelato che possa ricordare Qui Ho dato il mio primo bacio Qui Ho corso a perdifiato Qui Ho varcato la soglia della scuola con il mio grembiulino blu Qui Conobbi quello che sarebbe diventato [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Betty: Si ma ora mi hai messo la scimmia della curiosità: qui dove? 😅

  • Patapump: Giuseppe, colto bene. Betty, e lascia stare le scimmie....😂 abbraccio a tutti

Torna su