"Non devi avvicinarti a lei, mi hai capito?"

"Io faccio quello che voglio! E non mi sembra che per lei sia un problema!"

Nella solita scuola dai colori sgargianti dove da qualche tempo aveva preso vita un corso di non violenza quel giorno nell'aria vi era una certa tensione.

Pedro e Juan si squadravano e a tratti si urlavano a vicenda.

"Che succede? Perché litigano?", domandò Ramiro preoccupato.

"Problemas de minas.", rispose Jaime, "Sai com'è..."

"Sì, sembra che prima Pedro abbia mollato Maia e in seguito si sia sentito geloso perché Juan ci prova con lei.", spiegò Candela noncurante mentre si limava le unghie.

Le cose cominciarono a farsi serie quando le voci tra i due si alzarono.

"Basta! Smettetela!", intervenne Maia cercando di separarli.

"Dios... se van a matar!", esclamò Luz sembrando quasi scontenta di non avere la sua macchina fotografica a portata di mano.

"Stanne fuori tu!", si rivolse Pedro brutalmente a Maia.

"Con lei no te metas!", rispose di rimando Juan spingendo Pedro.

Gli altri compagni sembravano troppo spaventati o troppo curiosi di vedere come andava a finire per intervenire.

"Oi... vogliamo filmare?", propose Jaime a bassa voce a Ramiro e ad Agustín.

"Ma sei matto?!", esclamò Ramiro scioccato.

"Due ragazzi litigano per una piccola calenta pibes.", disse Agustín ridacchiando.

Jaime cominciò a riprendere e le proteste di Ramiro divennero inutili.

"Questo va direttamente online!", esclamò Agustín entusiasta.

Ramiro scosse la testa incredulo, mentre nel frattempo la discussione tra Pedro e Juan cominciava a degenerare diventando sempre più violenta e arrivando infine a passare alla violenza fisica.

"Dios, paren!"

"Fermiamoli!"

"Basta, basta!"

"Smettetela!"

Ma in quel momento anche qualcos'altro stava accadendo all'insaputa degli altri.

Luca ed Emilia approfittando della situazione si appartarono in un angolo e cominciarono a scambiarsi qualcosa di nascosto cercando di non farsi vedere.

"Quando ti senti giù di tono prendi questa...", sussurrava Luca guardandosi intorno per controllare che nessuno li stesse osservando.

"Perfetto! Poi mi dici quanto...", rispose Emilia.

E come se non fosse successo niente i due tornarono vicino al luogo della discussione che era diventata ormai un caos.

"Loco...  quei due si ammazzano!"

Juan e Pedro infatti se le davano di santa ragione.

 

5 minuti dopo

 

"Basta! Ma che succede qua?"

L'insegnante di etica Camila Flores insieme ad altri colleghi accorsero attirati dalle urla.

"Pedro, Juan! Smettetela immediatamente!"

"Cosa sta succedendo?"

Anche il direttore Felipe aveva sentito le grida degli studenti e con l'aiuto degli altri insegnanti riuscirono infine a separarli.

"Andate tutti immediatamente dentro l'aula!"

"Camila anche tu per favore." riferì Felipe alla professoressa che non poteva credere alla scena a cui aveva appena assistito.

 

"Spiegatevi!"

Nessuno apriva bocca.

"Allora, avete perso la parola? Come vi salta in mente di litigare come delle bestie?"

Camila teneva le braccia incrociate e guardava i suoi studenti.

La delusione nei suoi occhi diventati freddi come il ghiaccio era palese, ma fu in seguito distratta da un piccolo bip e quando prese il suo telefono in mano la sua espressione divenne di shock puro.

Felipe si avvicinò accigliato per vedere cosa avesse tanto turbato l'insegnante e quando lo vide il suo cuore cominciò a battere forte.

"Adesso mi direte chi ha avuto il barbaro coraggio di riprendere tutto e metterlo online!"

Nessuno alzava la mano.

Camila era sconsolata, i suoi sforzi sembravano essere stati tutti inutili.

"Ragazzi, siete nei guai.", riferì il direttore appoggiando le mani sulla cattedra.

"Non m'interessa sapere per quale ragione abbiate creato tutto questo scompiglio, ma forse dobbiamo spiegarvi di nuovo il regolamento di questa scuola."

"Primo: la violenza è assolutamente vietata. Secondo: non è permesso riprendere e mettere dei video online senza permesso, soprattutto non dei video che incitano alla violenza, oltretutto non è assolutamente permesso invadere la privacy altrui."

Felipe fece una pausa prima di continuare. Gli costava sgridare i suoi alunni ma se loro si comportavano male qualcosa bisognava fare.

"Noi qua v'insegniamo il rispetto e voi lo sapete, e a risolvere le problematiche senza che ci sia bisogno di scaldarsi troppo. Se c'è un problema se ne parla e non che ci si prende a botte. Non siamo in un ring qua."

Felipe era furioso e deluso e anche se non stava urlando le sue parole tagliavano come un coltello.

La delusione di lui e Camila era troppo grande.

"Siete in un'età particolare ed è proprio da qua che prenderete la strada che potrà determinare il vostro futuro."

"Oggi una litigata, domani un assassinio.", agginse Camila guardandoli uno per uno.

"Oggi un video online, domani diventate hacker."

"E per non parlare che da una pasticca si arriva a una siringa in mezzo alla strada.", disse Camila come intuendo quanto detto.

"Ragazzi... bisogna stare attenti a questa età, la strada che prenderete oggi sarà il cammino di domani."

"Non è facile, lo so, e noi siamo qua per guidarvi e insegnarvi le cose importanti, ma non è semplice neanche per noi. Voi dovete anche in qualche modo venirci incontro. Nessuno ci ha insegnato veramente questo mestiere e ripeto, non è facile. Dovete stare attenti e fidarvi di noi e parlarne quando c'è qualche problema.", terminò Camila con voce triste.

"Niente da dire?"

Nessuno sembrava voler dire nulla.

"Perfetto, allora niente ricreazione e niente corsi per voi oggi.", decise Felipe a malincuore.

Un mormorio di proteste si diffuse nell'aula, mentre Camila e Felipe uscirono chiudendo la porta.

 

Un'ora dopo

 

"Professoressa, direttore... volevamo chiedere scusa per quanto successo."

Gli studenti si ritrovarono tutti davanti alla sala dove si trovavano Camila e Felipe.

Pedro e Juan spiegarono senza scendere troppo nei dettagli perché avevano cominciato a discutere e si chiesero scusa a vicenda.

Jaime e Agustín ammisero che l'idea del video e di caricarlo era stata loro e dopo aver chiesto scusa ai loro compagni cancellarono il video.

Luca e Emilia invece, toccati dalle parole dell'insegnante, decisero di comune accordo di buttare tutte le loro scorte dentro al water.

"Molto bene. Questo è un segno di maturità.", disse Felipe, lieto che i suoi alunni fossero riusciti a chiedere e chiedersi scusa e a riappacificarsi.

"Questa è stata un'altra preziosa lezione alla fine."

"Ora state attenti mentre proseguiremo con il nostro corso.", disse Camila orgogliosa e felice dei suoi studenti.

"Tuttavia qualcosa ora dovrete fare, qualcosa in più intendo. Qualche intervento di volontariato creativo. Voi decidete il compito pratico e come svolgerlo.", aggiunse Felipe. 

"L'importante però è che abbiate capito che tutto si può risolvere e senza dover utilizzare la...", cominciò Camila.

"... violenza... senza violenza.", concluse Ramiro sorridendo.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
0
20

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
5
10

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

2
4
14

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Direi che Giuseppe ha detto tutto quello che penso dopo aver letto questo componimento... [...]

  • U1096: Grazie

3
1
9

La cassaforte - 2/3

Seconda parte

20 October 2020

Pur comprendendo la necessità del dottore di mantenere un distacco emotivo dall’efferatezza della scena, Rolando trovò quasi irrispettoso il suo identificare le vittime con dei numeri. Fece qualche passo per dare un’occhiata ai corpi. – Stia attento a dove mette i piedi! –, l’ammonì Milani. Il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Interessante come la prima parte!
    Aspetto il finale che m'incuriosisce [...]

4
5
25

L'Aquila e i 6 Avvoltoi

20 October 2020

Non passò molto che i 6 apparentemente candidi Culbianchi si mostrarono per quello che realmente erano: 6 tetri e infingardi Avvoltoi. A tradimento fecero capitolare l'Aquila, volteggiando beffardi sopra gli austeri monti. Il più perfido del gruppo, un mefistofelico Rosarias Cannizzus, si innalzò [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Sara: ti ringrazio un milione! Tosto il periodo e... tosto non poteva che [...]

  • Patapump: e come sempre tanto di cappello..nel parlare di te e delle tue vicende (a volte [...]

3
2
17

Vivere

20 October 2020

Bisogna succhiare e mordere la vita fino all'ultimo respiro. Stringere le mani a coppa per non far disperdere le emozioni. Spalancare gli occhi per riempirli di colori. Trasformare il cuore in una spugna e ritrovarsi in un abbraccio in cui disperdere tutto l'amore che è in noi Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia molto, molto significativa, da mettere letteralmente in pratica. Già, [...]

  • AmorLibre: Poesia breve, ma bella, e come dice Giuseppe molto significativa.
    In quelle [...]

3
7
27

Sponsoredby

Incipit di un romanzo che mai finirò

19 October 2020

“Cominciò tutto nel lontano 1974, all’epoca di Nixon, l’epoca in cui l’America sembrava poter diventare la grande nazione che poi, di fatto, divenne... Ordina il set di pentole Magic Food, con i primi sei pezzi in omaggio e la teglia in ghisa direttamente a casa tua. Chiama lo 02.5151088. L’Italia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • V A N E S S I: Gouseppe, se mi conosci bene sai che sarcasmo ed ironia sono il mio pane quotidiano, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, allora siamo in due, ma questo già lo sai visto che hai avuto [...]

3
3
17

La cassaforte - 1/3

Prima parte

19 October 2020

Il commissario Rolando parcheggiò su uno spiazzo a lato della strada sterrata. Poco più avanti c’erano le volanti della scientifica e il carro mortuario. Un cofano di plastica era stato appoggiato sull’erba secca. Rolando, dopo una rapida occhiata, pensò che i becchini avrebbero dovuto fare altri [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
4
18

Ti cercavo

19 October 2020

Tra mille rigoli dell’acqua Tra il calar del sole e il comparir della luna In pagine di giornali che sapevano d’inchiostro Lungo viali alberati in compagnia di un cane Seduta ad un caffè mentre ti riscaldavi davanti ad una tazza fumante Ti ho cercato fra molte gambe e occhi che guardavano un orologio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: E vabbè ma poi l'hai trovata? e che profumo aveva? E oltre le gambe?..hahahahah....tutto [...]

  • Patapump: Grazie a tutti..... eh già senza amor proprio non si può stare. [...]

3
9
28

Er tabbaccaro

omaggio ad un poeta sconosciuto

18 October 2020

Fra tanti negozzi che fanno n'bòn servìzzio prìncìpàrmènte cè nè stà uno che nun tè fà perde er vizzio, stò negozzio dè merce cè n'ha tanta trovi pèrfino la carta pè n'pacchettà regali vari sìcùràmènte avète càpito bene dèntro stà bòttèga trovèrète àr primo pòsto dietro er banco sali e tabbacchi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Giuseppe, adesso capisco tutto, capisco perché fai delle recensioni [...]

  • Walter Fest: Aldo Viano, grazie di cuore per l'apprezzascion, per ora altro non ho, [...]

4
2
15

Senza Titolo

18 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un racconto o comunque un resoconto in formato narrativo da incubo. Il sussegursi [...]

  • Aldo Viano: Mi è piaciuto. Il racconto ti "immerge", nel senso che vorresti [...]

4
2
14

La mascherina

18 October 2020

Nessuna mascherina, nessun ingresso, nessuna uscita, così brillava l'insegna al neon sopra l'hotel a cinque stelle. A rendere più tediosa la situazione, un drone di nome Nikita dalla robotica voce che ripeteva, o meglio rimproverava, gli ospiti con le stesse identiche parole qualora fossero esenti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Azz!Mi sei piaciuto un sacco è così che ti voglio!Non aggiungo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, grazie per il commento. L' argomento Covid-19 ha "contagiato" [...]

Torna su