"Buongiorno a tutti." 

La signorina Flores era entrata con il suo solito modo di fare allegro e pacifico in quella classe dai muri e banchi sgargianti di quella scuola che sembrava esistere solo nelle fantasie più profonde di qualche artista pazzo.

Vestita con una maglietta e un pantalone colorato e con una fascia particolare che copriva i rasta che portava in testa sembrava una coetanea, ed era quello che lei stessa cercava di fare. 

Credeva che per capire gli studenti a volte bisognava comportarsi come loro e provare a ritornare ad avere la loro età.

Gli studenti risposero a quel saluto anch'essi vestiti con delle divise colorate. Alcuni ancora sembravano dormire in piedi, mentre altri erano già svegli e pronti ad imparare. 

A volte tra di loro si punzecchiavano ma riuscivano sempre a risolvere i loro problemi perché in quella scuola portarsi rispetto a vicenda era la cosa più importante, ma non sempre era facile. Un po' per gli ormoni, un po' per lo spirito ribelle del classico adolescente, ma nel fondo erano amici, o per lo meno cercavano di esserlo. 

Ma la violenza poteva essere sempre in agguato poiché il parassita che s'insinuava dentro le loro anime poteva essere sempre pronto a scattare per un piccolo gesto, per una parola. E questo valeva per tutti, studenti e insegnanti compresi, tuttavia il compito di questi ultimi era cercare di trovare sempre una soluzione per far ritornare la pace.

I professori di quella scuola erano convinti che se riuscivano a trovare il modo di insegnare il rispetto, l'amore e la speranza ai suoi studenti essi sarebbero diventati grandi adulti in grado di gestire le loro emozioni. 

Ma come potevano fare? Come trovare una soluzione?

Ecco che un giorno alla signorina Flores, l'insegnante di etica, venne un'idea. E proprio quel giorno l'avrebbe messa in pratica per la prima volta.

"Bene ragazzi, intanto mi auguro che oggi vi sentiate tutti bene perché proprio in questa magnifica giornata di sole cominceremo un nuovo corso."

"Un nuovo corso? Non ne facciamo già tanti? Proprio ieri il corso di Tai Chi mi ha steso!", si lamentò Pablo. 

Alcuni ragazzi e ragazze si dissero d'accordo con Pablo.

"E il corso al Beauty Center? Anche quello era stancante!", affermò Candela. 

"Stancare fare due unghie... come no...", rispose Emilia, sua sorella.

Candela tirò un pezzettino di carta a sua sorella che subito rispose con un altro pezzo ancora più grande.

I ragazzi cominciarono a scatenarsi e urla e movimenti rapidi seguirono quel diverbio.

"Ragazzi! Calma tutti quanti." 

La signorina Flores ci mise un po' ma alla fine riuscì a convincere la classe a calmarsi di nuovo.

"Quello che avete appena visto accadere tra Candela ed Emilia è stato un piccolo scontro generato da diversi punti di vista. E questo è qualcosa che non deve accadere. Il rispetto reciproco, lo ricordate no?" 

Qualcuno guardò l'insegnante con aria di sfida, ma nessuno osava interrompere. 

"E qui è dove voglio arrivare oggi. Oggi inaugureremo il corso di non violenza." 

I studenti si guardarono tra di loro stupiti e curiosi allo stesso tempo.

"Vedo che ho catturato la vostra attenzione."

La professoressa si sedette sul banco, cosa che i ragazzi adoravano e per cui riuscivano a prestare maggiore attenzione.

"Prima di tutto cerchiamo di capire cosa vuol dire commettere una violenza. Perché spesso si arriva a sentire una rabbia così profonda che genera tutta una serie di azioni che in modo naturale sfociano in un atto di violenza? Qualcuno saprebbe dare una risposta?" 

"Forse perché a volte ci sentiamo frustrati... o perché non possiamo ottenere qualcosa che desideriamo... o qualcuno ci ha deluso...", azzardò Pedro, un ragazzo moro di cui tutte facilmente s'innamoravano.

"Ne sai forse qualcosa?", sussurrò Maia a bassa voce guardando Pedro con amore, al che anche lui si girò verso Maia con un affetto e una voglia di abbracciarla.

"Bene questo potrebbe essere un inizio. Pedro non ha sbagliato. Le emozioni negative spesso arrivano a causa di una delusione, di un'aspettativa, da incomprensioni. Pensiamola come a un parassita. Immaginiamo che sia come un granello che entra dentro e s'impossessa di noi e ci fa commettere errori. Un miscuglio di emozioni negative: rancore, rabbia, odio, invidia, frustazione. E tutte queste emozioni sfociano nella cosiddetta violenza." 

"E come possiamo fare per contrastare tutto questo? Per fare in modo che non accada?", domandò Valeria, la più saggia della classe e appassionata di scrittura.

"Prendendo parte al corso di non violenza.", rispose semplicemente la professoressa sorridendo. 

I ragazzi sembravano ancora non capire.

"E in cosa consiste il corso?", domandò Luca a cui sembrava una sciocchezza.

"Come prima cosa il corso di non violenza funziona solo se siamo uniti. Piano piano continueremo il nostro programma di rispetto verso noi stessi perché, come tutti voi sapete, solo rispettando e amando la persona che siamo possiamo provare lo stesso per gli altri. 

E questa sapete che sta alla base dell'etica, quello che cerco d'insegnarvi. E attraverso queste due basi fondamentali possiamo arrivare alla pace e a poter praticare la non violenza." 

"Allora accettate la sfida? Organizzaremo piccoli interventi, chiameremo persone che ci aiuteranno, leggeremo e questo sarà l'obiettivo finale del nostro anno scolastico. Voi sapete che in questa scuola quello che per noi conta davvero è rendervi brave persone che potranno portare ed essere il cambiamento che tutti vogliamo in questo mondo. Ma questo cambiamento deve partire dentro ognuno di noi. Sì anche noi insegnanti." 

"E ci sarà anche un'esame finale?", chiese Jaime. 

"Certo. Consisterà nel prendere parte a un piccolo intervento che penserete voi mettendo in pratica le nozioni fondamentali della non violenza. Un mondo che pratica un corso di non violenza è un mondo che conoscerà la meritata pace. Ma ora non posso raccontarvi tutto. Piano piano ci proveremo e vedremo a che risultati arriveremo. Esigo il massimo impegno e so che non mi deluderete." 

Alla fine la professoressa riuscì a convincere i suoi studenti, anche coloro che inizialmente erano dubbiosi riguardo a questa iniziativa. Inoltre fu in grado anche di riappacificare Candela e Emilia che si chiesero scusa a vicenda.

"Professoressa." 

Valeria aveva raggiunto l'insegnante alla fine della lezione.

"Dimmi Valeria."

"Posso scrivere quanto lei ci ha detto oggi? Posso fare pubblicità al corso di non violenza?" 

"Ma certo!", rispose la signorina Flores entusiasta.

"Solo deve dirmi una piccola cosa, se può..." 

"Cosa?" 

"Per quale motivo ha dato  vita a questo corso?"

La signorina Flores si guardò intorno per qualche secondo prima di posare nuovamente il suo sguardo sull'alunna.
"Perché come ho detto prima Valeria, un mondo che ha la possibilità di prendere parte a un corso di non violenza e talvolta anche riuscire a metterlo in pratica sarà un mondo migliore che riuscirà a salvare la pace." 

 

https://www.youtube.com/watch?v=Sc23vVlvccA

 

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
0
20

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
5
9

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

2
4
14

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Direi che Giuseppe ha detto tutto quello che penso dopo aver letto questo componimento... [...]

  • U1096: Grazie

3
1
9

La cassaforte - 2/3

Seconda parte

20 October 2020

Pur comprendendo la necessità del dottore di mantenere un distacco emotivo dall’efferatezza della scena, Rolando trovò quasi irrispettoso il suo identificare le vittime con dei numeri. Fece qualche passo per dare un’occhiata ai corpi. – Stia attento a dove mette i piedi! –, l’ammonì Milani. Il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Interessante come la prima parte!
    Aspetto il finale che m'incuriosisce [...]

4
5
25

L'Aquila e i 6 Avvoltoi

20 October 2020

Non passò molto che i 6 apparentemente candidi Culbianchi si mostrarono per quello che realmente erano: 6 tetri e infingardi Avvoltoi. A tradimento fecero capitolare l'Aquila, volteggiando beffardi sopra gli austeri monti. Il più perfido del gruppo, un mefistofelico Rosarias Cannizzus, si innalzò [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Sara: ti ringrazio un milione! Tosto il periodo e... tosto non poteva che [...]

  • Patapump: e come sempre tanto di cappello..nel parlare di te e delle tue vicende (a volte [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
17

Vivere

20 October 2020

Bisogna succhiare e mordere la vita fino all'ultimo respiro. Stringere le mani a coppa per non far disperdere le emozioni. Spalancare gli occhi per riempirli di colori. Trasformare il cuore in una spugna e ritrovarsi in un abbraccio in cui disperdere tutto l'amore che è in noi Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia molto, molto significativa, da mettere letteralmente in pratica. Già, [...]

  • AmorLibre: Poesia breve, ma bella, e come dice Giuseppe molto significativa.
    In quelle [...]

3
7
27

Sponsoredby

Incipit di un romanzo che mai finirò

19 October 2020

“Cominciò tutto nel lontano 1974, all’epoca di Nixon, l’epoca in cui l’America sembrava poter diventare la grande nazione che poi, di fatto, divenne... Ordina il set di pentole Magic Food, con i primi sei pezzi in omaggio e la teglia in ghisa direttamente a casa tua. Chiama lo 02.5151088. L’Italia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • V A N E S S I: Gouseppe, se mi conosci bene sai che sarcasmo ed ironia sono il mio pane quotidiano, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, allora siamo in due, ma questo già lo sai visto che hai avuto [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
3
17

La cassaforte - 1/3

Prima parte

19 October 2020

Il commissario Rolando parcheggiò su uno spiazzo a lato della strada sterrata. Poco più avanti c’erano le volanti della scientifica e il carro mortuario. Un cofano di plastica era stato appoggiato sull’erba secca. Rolando, dopo una rapida occhiata, pensò che i becchini avrebbero dovuto fare altri [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
4
18

Ti cercavo

19 October 2020

Tra mille rigoli dell’acqua Tra il calar del sole e il comparir della luna In pagine di giornali che sapevano d’inchiostro Lungo viali alberati in compagnia di un cane Seduta ad un caffè mentre ti riscaldavi davanti ad una tazza fumante Ti ho cercato fra molte gambe e occhi che guardavano un orologio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: E vabbè ma poi l'hai trovata? e che profumo aveva? E oltre le gambe?..hahahahah....tutto [...]

  • Patapump: Grazie a tutti..... eh già senza amor proprio non si può stare. [...]

3
9
28

Er tabbaccaro

omaggio ad un poeta sconosciuto

18 October 2020

Fra tanti negozzi che fanno n'bòn servìzzio prìncìpàrmènte cè nè stà uno che nun tè fà perde er vizzio, stò negozzio dè merce cè n'ha tanta trovi pèrfino la carta pè n'pacchettà regali vari sìcùràmènte avète càpito bene dèntro stà bòttèga trovèrète àr primo pòsto dietro er banco sali e tabbacchi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Giuseppe, adesso capisco tutto, capisco perché fai delle recensioni [...]

  • Walter Fest: Aldo Viano, grazie di cuore per l'apprezzascion, per ora altro non ho, [...]

4
2
15

Senza Titolo

18 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un racconto o comunque un resoconto in formato narrativo da incubo. Il sussegursi [...]

  • Aldo Viano: Mi è piaciuto. Il racconto ti "immerge", nel senso che vorresti [...]

4
2
14

La mascherina

18 October 2020

Nessuna mascherina, nessun ingresso, nessuna uscita, così brillava l'insegna al neon sopra l'hotel a cinque stelle. A rendere più tediosa la situazione, un drone di nome Nikita dalla robotica voce che ripeteva, o meglio rimproverava, gli ospiti con le stesse identiche parole qualora fossero esenti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Azz!Mi sei piaciuto un sacco è così che ti voglio!Non aggiungo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, grazie per il commento. L' argomento Covid-19 ha "contagiato" [...]

Torna su