La signora Marie viveva in un attico e, sebbene avesse un'età avanzata, era ancora una donna agile e dalla memoria di ferro. Aveva vissuto una lunga vita piena di gioie, ma anche di tristi dolori.

Nonostante tutto aveva formato una bella famiglia con tanti nipotini, e tutti loro adoravano la nonna e bisnonna Marie.

Quella mattina Marie si era alzata dal letto, anche se per lei diventava sempre più difficile prendere sonno, e si era ritrovata una bella sorpresa ad attenderla in cucina: i suoi due nipotini erano venuti a farle una visita!

Mía e Cristían erano i gemelli nipoti della figlia di Marie ed era dunque la loro bisnonna, ma loro erano soliti chiamarla nonna lo stesso.

Marie abbracciò i due gemellini che erano molto uniti.

"Allora piccoli miei, avete qualcosa di piacevole da raccontarmi?", domandò Marie allegramente, visto che normalmente avevano sempre qualcosa da dire.

Mía e Cristían cominciarono a parlare di tutto quello che era successo in quella settimana.

"E avete infine preso i biglietti?"

Mía aveva detto alla nonna Marie che era da tempo che cercavano dei biglietti per uno spettacolo unico che non si sarebbe ripetuto mai più!

"Per fortuna ne abbiamo trovati tre!", esclamò Cristían soddisfatto.

"Perché tre? Vi porterete qualche amichetto?", domandò Marie.

"Sì! Si tratta di Celeste!", spiegò Mía sorridendo.

"E questa Celeste chi sarebbe?", chiese Marie affabile sorridendo.

"Celeste è una bambina nuova.", rispose Mía.

"Sì, è molto carina, ma è un po' taciturna e sembra un po' strana... forse per via del suo passato."

"Passato?", domandò Marie preoccupata guardandoli attentamente.

"Beh nonna Celeste ci ha detto che stato adottata da poco e che prima viveva in un orfanotrofio del... dell'America! Sì dell'America!", disse Mía.

"Esatto, e siccome è nuova e non conosce bene il posto abbiamo voluto invitarla!", aggiunse Cristían.

Marie guardò i due nipotini fiera del loro bel gesto.

"Nonna secondo te perché è così triste?"

"Le mancherà l'orfanotrofio?", azzardò Cristían.

Marie ci rifletté su.

"Non sappiamo perché si senta abbattuta come dite voi...  magari le è successo qualcosa prima di essere adottata o forse non le piace la sua nuova famiglia."

"Celeste ha detto che adora i suoi genitori adottivi!"

"Nonna, gli orfanotrofi sono posti molto brutti?", domandò Cristían lentamente.

Il volto di Marie si rabbuiò per qualche secondo, ma poi si riprese e ritornò a guardare i suoi nipotini.

"Posti molto felici non sono, se ci pensate bene nessun bambino merita di finire in un orfanotrofio."

Mía e Cristían si misero ad ascoltare attentamente la bisnonna.

"Sapete vorrei raccontarvi una piccola storia. Non voglio che vi spaventiate, cercherò di non renderlo un racconto troppo pesante. Una volta esisteva un orfanotrofio che, benché avesse un nome, erano tutti soliti chiamare il luogo delle ombre."

Marie fece un respiro profondo e cominciò il suo racconto.

"Il luogo delle ombre era un posto spesso affollato ed era anche molto lugubre, spoglio e ogni muro sembrava intriso di tristezza. Difatti nessuno poteva dire di essere felice di trovarsi in un tal posto. Sembrava non esserci tempo per pensare ai sogni e alla speranza. Ora non voglio spaventarvi, ma è bene sapere", rifletté Marie.

"In questo posto bisognava rispettare le regole, tutti erano vestiti uguali e a volte purtroppo coloro che lavoravano là dentro ricorrevano anche a delle punizioni."

"Punizioni?", chiese Cristían inorridito.

"Sì.", confermò Marie. "Ma non starò qui a spiegarvi che genere di punizioni, solo mi basta che pensiate che non era mai veramente giusto subirle. La direttrice inoltre era molto antipatica e spesso rispondeva male a tutti. Comunque, nessuno le meritava per davvero. Erano pochi coloro che avevano pazienza e il più delle volte potevano esserci anche ragioni economiche dietro; motivi ben precisi per cui molti bambini si trovavano dentro a questi luoghi."

"Ma perché se era un posto così orribile nessuno lo ha chiuso o denunciato?", domandò Mía.

"Perché probabilmente non tutti sapevano cosa succedeva dentro a queste case, o forse a molti neanche interessava. Di bambini orfani ce ne sono sempre molti e di certo non è colpa loro. Hanno dovuto inventare dei luoghi adatti per queste povere creature, solo non sempre sono stati gestiti correttamente. Non sempre i direttori sono brave persone."

"Ma questo che ci hai raccontato nonna non dovrebbe essere permesso!", disse Cristían.

"Ascoltatemi bene! Non dovete avere paura di quanto vi ho raccontato, ma è giusto che sappiate che nel mondo esistono anche ingiustizie e non tutti hanno la nostra fortuna di avere una bella famiglia."

"Ma forse si può  fare qualcosa!", tentò Mía.

"Si potrebbe mettere fine a tali ingiustizie solamente unendoci. Sapete quale può essere una buona idea? Raccontarlo. Scrivendolo anche magari. Potreste scrivere quello che vi ho appena narrato. Dovete sempre tenere a mente che nessuno merita di soffrire e a nessun bambino deve succedere di passare per questo genere di violenze. C'è bisogno di unione per provare a metter fine a tutte queste sofferenze, d'altronde l'unione fa la forza ed è anche quella che servirebbe per salvare il mondo. E soprattutto non bisogna mai perdere la speranza e mai smettere di sognare e questo può diventare possibile. Ne sono più che sicura; un giorno succederà!"

"Forse a Celeste è capitato tutto questo che ci hai detto?", domandarono i gemellini.

"Non saprei, magari no! Sono sicura che non tutti sono uguali, non tutti vivono o hanno vissuto nel luogo delle ombre."

I due gemellini si sentirono un po' più tranquilli, ma in qualche modo avrebbero tenuto fede alla loro bisnonna e chissà se un giorno avrebbero veramente narrato del luogo delle ombre e questi avrebbero cessato di esistere.

"Nonna...", tentò Mía.

"Sì?", disse Marie sorridendo affabile come sempre.

"Ma te come sai di tutto questo, come sei venuta a conoscenza del luogo delle ombre?"

La bisnonna rivolse un sorriso ai nipotini, il sorriso di qualcuno che ne aveva passate delle brutte ma che era riuscite a superarle per poi raccontarle.

"Perché io, cara Mía, sono stata una bambina come tante altre che per un bel po' di tempo ha vissuto proprio nelle ombre."

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
20

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
5
9

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

2
4
14

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Direi che Giuseppe ha detto tutto quello che penso dopo aver letto questo componimento... [...]

  • U1096: Grazie

3
1
9

La cassaforte - 2/3

Seconda parte

20 October 2020

Pur comprendendo la necessità del dottore di mantenere un distacco emotivo dall’efferatezza della scena, Rolando trovò quasi irrispettoso il suo identificare le vittime con dei numeri. Fece qualche passo per dare un’occhiata ai corpi. – Stia attento a dove mette i piedi! –, l’ammonì Milani. Il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Interessante come la prima parte!
    Aspetto il finale che m'incuriosisce [...]

4
5
25

L'Aquila e i 6 Avvoltoi

20 October 2020

Non passò molto che i 6 apparentemente candidi Culbianchi si mostrarono per quello che realmente erano: 6 tetri e infingardi Avvoltoi. A tradimento fecero capitolare l'Aquila, volteggiando beffardi sopra gli austeri monti. Il più perfido del gruppo, un mefistofelico Rosarias Cannizzus, si innalzò [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Sara: ti ringrazio un milione! Tosto il periodo e... tosto non poteva che [...]

  • Patapump: e come sempre tanto di cappello..nel parlare di te e delle tue vicende (a volte [...]

3
2
17

Vivere

20 October 2020

Bisogna succhiare e mordere la vita fino all'ultimo respiro. Stringere le mani a coppa per non far disperdere le emozioni. Spalancare gli occhi per riempirli di colori. Trasformare il cuore in una spugna e ritrovarsi in un abbraccio in cui disperdere tutto l'amore che è in noi Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia molto, molto significativa, da mettere letteralmente in pratica. Già, [...]

  • AmorLibre: Poesia breve, ma bella, e come dice Giuseppe molto significativa.
    In quelle [...]

3
7
27

Sponsoredby

Incipit di un romanzo che mai finirò

19 October 2020

“Cominciò tutto nel lontano 1974, all’epoca di Nixon, l’epoca in cui l’America sembrava poter diventare la grande nazione che poi, di fatto, divenne... Ordina il set di pentole Magic Food, con i primi sei pezzi in omaggio e la teglia in ghisa direttamente a casa tua. Chiama lo 02.5151088. L’Italia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • V A N E S S I: Gouseppe, se mi conosci bene sai che sarcasmo ed ironia sono il mio pane quotidiano, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, allora siamo in due, ma questo già lo sai visto che hai avuto [...]

3
3
17

La cassaforte - 1/3

Prima parte

19 October 2020

Il commissario Rolando parcheggiò su uno spiazzo a lato della strada sterrata. Poco più avanti c’erano le volanti della scientifica e il carro mortuario. Un cofano di plastica era stato appoggiato sull’erba secca. Rolando, dopo una rapida occhiata, pensò che i becchini avrebbero dovuto fare altri [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
4
18

Ti cercavo

19 October 2020

Tra mille rigoli dell’acqua Tra il calar del sole e il comparir della luna In pagine di giornali che sapevano d’inchiostro Lungo viali alberati in compagnia di un cane Seduta ad un caffè mentre ti riscaldavi davanti ad una tazza fumante Ti ho cercato fra molte gambe e occhi che guardavano un orologio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: E vabbè ma poi l'hai trovata? e che profumo aveva? E oltre le gambe?..hahahahah....tutto [...]

  • Patapump: Grazie a tutti..... eh già senza amor proprio non si può stare. [...]

3
9
28

Er tabbaccaro

omaggio ad un poeta sconosciuto

18 October 2020

Fra tanti negozzi che fanno n'bòn servìzzio prìncìpàrmènte cè nè stà uno che nun tè fà perde er vizzio, stò negozzio dè merce cè n'ha tanta trovi pèrfino la carta pè n'pacchettà regali vari sìcùràmènte avète càpito bene dèntro stà bòttèga trovèrète àr primo pòsto dietro er banco sali e tabbacchi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Giuseppe, adesso capisco tutto, capisco perché fai delle recensioni [...]

  • Walter Fest: Aldo Viano, grazie di cuore per l'apprezzascion, per ora altro non ho, [...]

4
2
15

Senza Titolo

18 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un racconto o comunque un resoconto in formato narrativo da incubo. Il sussegursi [...]

  • Aldo Viano: Mi è piaciuto. Il racconto ti "immerge", nel senso che vorresti [...]

4
2
14

La mascherina

18 October 2020

Nessuna mascherina, nessun ingresso, nessuna uscita, così brillava l'insegna al neon sopra l'hotel a cinque stelle. A rendere più tediosa la situazione, un drone di nome Nikita dalla robotica voce che ripeteva, o meglio rimproverava, gli ospiti con le stesse identiche parole qualora fossero esenti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Azz!Mi sei piaciuto un sacco è così che ti voglio!Non aggiungo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, grazie per il commento. L' argomento Covid-19 ha "contagiato" [...]

Torna su