L’ombra del diavolo si allungava sulle macchie di ginepro, distribuendosi nera e fumante sull’innocenza del paesaggio.

Il dolo umano aveva invocato Lucifero. Il capriccio terreno a torto di madre natura; quanta povertà d'animo, quanta bassezza in quelle calunnie che rasentano la brutalità, come voler indispettire una quieta bellezza muliebre con una fiala d'acido. E così le fiamme avevano devastato tutto un lembo di terra; e il maestrale, povero vento, non poteva più pavoneggiarsi del profumo di bacche di mirto che si portava spesso e volentieri addosso, come il seducente odore lasciato sulla pelle da giocose amanti.

Fumo e terra bruciata.

E il mare, che aveva assistito allo scempio, nella sua inerzia si sentiva chiuso in una busta di plastica, tipo quelle che forniscono alle giostre quando vinci un pesce rosso; e nel suo moto di rinnovo, tra una risacca e un timido effluvio, ricordava i sospiri bianchi e soffocati di un vecchio. Vanitoso invece, il sole si specchiava sulle splendenti acque cobalto, manco che lo stesse contemplando Monet; la badiale esplosione di magnificenza in dono alle orbite vuote dell'uomo moderno.

La natura vestiva gli ultimi giorni di Agosto e come ogni fine estate portava nell'aria turbini di rabbia per le offese subite dall'arroganza del turista medio. Sarà per tale motivo, forse, che troppo spesso s'accendeva, e qualche figlio suo, per appicciare la scintilla, lo trovava sempre. Attendeva un profeta che la liberasse e nel mentre bestemmiava. Bestemmiava come impazzita, un’ossessa a cui non riconoscono diritti. “Possano trovare appeso l'invasore”, l'italiano medio con i sandali e l'accento fangoso, quello che spende 3 euro al giorno per mangiare panini alla mortadella, che si lamenta dei trasporti, delle strade, dell'acqua corrente, delle strutture. Il colonizzatore di ‘sto cazzo. Proprio quell'individuo lì, l'avrebbe voluto vedere a penzoloni, accoglierlo con lo scoppiettare di mitra, amputargli ambedue le orecchie, strappargli gli occhi e riempirne le orbite con la sabbia che ostinatamente continua a rubare.

C'era un uomo. Un certo Ismael, figlio di quella terra sarda. Stava a ridosso della scogliera, seduto sulla nuda terra con il sole che gli batteva sulla pelle cotta e sui folti capelli neri. Accanto a lui, tra un giovane tronco di olivastro e un palmo di margherite, una coccinella annaspava prigioniera nella tela di un ragno che, calmo e guardingo, ne attendeva la morte. Il broncio di Ismael, una mezza luna capovolta, non tradiva reazione, le morti troppo scontate non lo inebriavano. Lui era un piromane, il miserabile padre del fuoco, colui che ogni anno di mano propria contribuiva a deturpare ettari su ettari. Non c'era, seppure la volessimo cercare nella sua psicologia bacata, una ragione che giustificasse tale scempi. Tuttavia, Ismael non aveva fatto i conti con l'ordine degli eventi, il copione dettato dal più grande figlio di puttana mai esistito che, seppure fosse stato esso un semplice algoritmo, doveva avere un debole per il fiorentino volgare e un’inclinazione alla legge del contrappasso. Analogia e contrasto.

Alla madre di Ismael un cancro aveva precluso la vita, consumandola dentro, come un fuoco maledetto che passa e divora tutto. Ora in lui, figlio di quella terra tradita, rimaneva soltanto la puzza di birra pisciata che beveva ogni giorno, fragile palliativo, come cercare di annegarsi in un bicchiere d'acqua e non pensare alla misera persona che era. Fece l'unica cosa che un appicca incendi dovrebbe fare: si levò in piedi svuotando la 66 d'jchnusa sulla terra e, concentrandosi in uno slancio di rivolta emotiva, saltò dalla scogliera. Il mare l’accolse con riluttanza, accontentandosi di stringergli il fiato per ucciderlo lentamente.

Tutt'intorno, nel mentre, avveniva qualcosa di sicuramente singolare o quantomeno non captabile agli occhi dei sordi: i verzellini cinguettavano, sapevano che nel giro di un autunno l'economia sarebbe collassata. Un granchio cantava una canzone fregiandosi dell'idea che il sistema sanitario nazionale non avrebbe retto, il piccolo crostaceo tempo prima aveva perso una chela per via di un pezzo di plastica da imballaggio. Una volpe si inseguiva la coda in tondo, festosa, numeri alla mano contava i contagiati che rientravano in continente di ritorno dalla Sardegna.

Questo racconto finisce così, tuttavia è doveroso da parte mia informare il lettore riguardo le sorti della coccinella che riuscì a liberarsi dalla ragnatela e, spiccando il volo, canzonò il ragno e tutto l'intricato sistema di viluppi appiccicosi.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

1
0
20

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
5
9

La cassaforte - 3/3

Terza parte

21 October 2020

Gli occhi di Rocciu ebbero un guizzo malizioso, ma il commissario lo attribuì alla stravaganza di un vecchio che viveva da solo lontano dal mondo. Pensò che, nonostante la riservatezza dell’uomo, qualcuno doveva aver avuto sentore di quella cassaforte. Forse Rocciu ne aveva parlato al bar e la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Lo farò senz'altro. Abbi un po'di pazienza. Sono in quarantena [...]

  • AmorLibre: Non preoccuparti, non ho fretta :)
    Mi dispiace, purtroppo è una [...]

2
4
14

PANIC

21 October 2020

E poi la gente smise di cantare sui balconi, le radio smisero di trasmettere canzoni, la televisione cominciò a passare solo programmi di repertorio. La protezione civile smise di aggiornare il popolo, medici e infermieri tornarono dalle loro famiglie. Nessuno dette più ascolto a virologi ed epidemiologi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Direi che Giuseppe ha detto tutto quello che penso dopo aver letto questo componimento... [...]

  • U1096: Grazie

3
1
9

La cassaforte - 2/3

Seconda parte

20 October 2020

Pur comprendendo la necessità del dottore di mantenere un distacco emotivo dall’efferatezza della scena, Rolando trovò quasi irrispettoso il suo identificare le vittime con dei numeri. Fece qualche passo per dare un’occhiata ai corpi. – Stia attento a dove mette i piedi! –, l’ammonì Milani. Il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • AmorLibre: Interessante come la prima parte!
    Aspetto il finale che m'incuriosisce [...]

4
5
25

L'Aquila e i 6 Avvoltoi

20 October 2020

Non passò molto che i 6 apparentemente candidi Culbianchi si mostrarono per quello che realmente erano: 6 tetri e infingardi Avvoltoi. A tradimento fecero capitolare l'Aquila, volteggiando beffardi sopra gli austeri monti. Il più perfido del gruppo, un mefistofelico Rosarias Cannizzus, si innalzò [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: x Sara: ti ringrazio un milione! Tosto il periodo e... tosto non poteva che [...]

  • Patapump: e come sempre tanto di cappello..nel parlare di te e delle tue vicende (a volte [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
17

Vivere

20 October 2020

Bisogna succhiare e mordere la vita fino all'ultimo respiro. Stringere le mani a coppa per non far disperdere le emozioni. Spalancare gli occhi per riempirli di colori. Trasformare il cuore in una spugna e ritrovarsi in un abbraccio in cui disperdere tutto l'amore che è in noi Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Poesia molto, molto significativa, da mettere letteralmente in pratica. Già, [...]

  • AmorLibre: Poesia breve, ma bella, e come dice Giuseppe molto significativa.
    In quelle [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
7
27

Sponsoredby

Incipit di un romanzo che mai finirò

19 October 2020

“Cominciò tutto nel lontano 1974, all’epoca di Nixon, l’epoca in cui l’America sembrava poter diventare la grande nazione che poi, di fatto, divenne... Ordina il set di pentole Magic Food, con i primi sei pezzi in omaggio e la teglia in ghisa direttamente a casa tua. Chiama lo 02.5151088. L’Italia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • V A N E S S I: Gouseppe, se mi conosci bene sai che sarcasmo ed ironia sono il mio pane quotidiano, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, allora siamo in due, ma questo già lo sai visto che hai avuto [...]

3
3
17

La cassaforte - 1/3

Prima parte

19 October 2020

Il commissario Rolando parcheggiò su uno spiazzo a lato della strada sterrata. Poco più avanti c’erano le volanti della scientifica e il carro mortuario. Un cofano di plastica era stato appoggiato sull’erba secca. Rolando, dopo una rapida occhiata, pensò che i becchini avrebbero dovuto fare altri [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
4
18

Ti cercavo

19 October 2020

Tra mille rigoli dell’acqua Tra il calar del sole e il comparir della luna In pagine di giornali che sapevano d’inchiostro Lungo viali alberati in compagnia di un cane Seduta ad un caffè mentre ti riscaldavi davanti ad una tazza fumante Ti ho cercato fra molte gambe e occhi che guardavano un orologio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: E vabbè ma poi l'hai trovata? e che profumo aveva? E oltre le gambe?..hahahahah....tutto [...]

  • Patapump: Grazie a tutti..... eh già senza amor proprio non si può stare. [...]

3
9
28

Er tabbaccaro

omaggio ad un poeta sconosciuto

18 October 2020

Fra tanti negozzi che fanno n'bòn servìzzio prìncìpàrmènte cè nè stà uno che nun tè fà perde er vizzio, stò negozzio dè merce cè n'ha tanta trovi pèrfino la carta pè n'pacchettà regali vari sìcùràmènte avète càpito bene dèntro stà bòttèga trovèrète àr primo pòsto dietro er banco sali e tabbacchi. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Giuseppe, adesso capisco tutto, capisco perché fai delle recensioni [...]

  • Walter Fest: Aldo Viano, grazie di cuore per l'apprezzascion, per ora altro non ho, [...]

4
2
15

Senza Titolo

18 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un racconto o comunque un resoconto in formato narrativo da incubo. Il sussegursi [...]

  • Aldo Viano: Mi è piaciuto. Il racconto ti "immerge", nel senso che vorresti [...]

4
2
14

La mascherina

18 October 2020

Nessuna mascherina, nessun ingresso, nessuna uscita, così brillava l'insegna al neon sopra l'hotel a cinque stelle. A rendere più tediosa la situazione, un drone di nome Nikita dalla robotica voce che ripeteva, o meglio rimproverava, gli ospiti con le stesse identiche parole qualora fossero esenti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Azz!Mi sei piaciuto un sacco è così che ti voglio!Non aggiungo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, grazie per il commento. L' argomento Covid-19 ha "contagiato" [...]

Torna su