'Fatti sentire, ti devo parlare, un bel po' urgente', lessi sul cellulare.

Sia che debba propormi di fondare il nuovo ordine dei templari o di esordire con una carriera da accabbadora facendo il giro delle case travestiti da Vergine Maria, sicuro come la quarantena che qualsivoglia merda sia, ci sono di mezzo i soldi. Poco male, visto che sono spiantato come una baldracca in settimana santa, e lo sa. Credo che pure lui sia a secco, be', lui è sempre a secco, figuriamoci.
Siamo agli ultimi due giorni di fase uno e Piu ha (riportando testuali parole) un bel po' urgenza di parlarmi. Dico io, ma non può aspettare quarantotto ore? Perché la gente ha sempre fretta? Cosa genera la fretta? Sembra che la cucinino nei laboratori come con la metanfetamina e poi la liberano nell'aria alla stregua di quel virus là. Appunto, esempio calzante: uno vive di fretta tutta la vita, poi gli prende la polmonite da Covid e bye bye. È inutile avere fretta, se devi morire incompleto muori incompleto. La gente cerca di fare più veloce possibile soltanto per avere più tempo per procrastinare, ecco tutto. Ma lui ha un bel po' urgenza. Certo. Stare reclusi non giova alla salute e per “Piu il chirurgo” cos'è, la quarta? La quinta quarantena?

Si era guadagnato il soprannome di chirurgo quando avevamo quindici anni. Era capodanno, e Piu arrivò al festino con mezza pera di eroina rubata allo zio tossico conclamato. Aveva con sé tutto l'occorrente per pungersi meno il laccio emostatico, che rimediò tirando via il cordone della felpa di qualcuno che era lì con noi, non ricordo chi. Rimase tutta la notte stravacato in un angolo, circondato da lattine di birra e flute di spumante che gli posavamo vicino. Era capodanno, volevamo che festeggiasse con noi, ma era troppo distrutto per brindare, la bava alla bocca, gli occhi in gloria. Il giorno dopo tutto il paese sapeva cosa aveva combinato quello sprovveduto, compresi i genitori, che se lo tennero un anno intero rinchiuso in casa.

Un'altra volta, sempre quel grande genio di Piu alias il chirurgo, altrimenti noto come il sinto (per il vizietto zingaresco di appropriarsi di qualsiasi cosa gli capita sotto mano) ebbe la brillante idea di sgattaiolare dentro la casa di una vecchia di ottantadue anni per derubarla. Lui ne aveva ventinove all'epoca e il suo piano gli sembrava talmente prodigioso da fargli decidere di non invischiare nessun complice. Si sarebbe infiltrato dal cortile sul retro passando dai tetti. Era lì, già in proprietà privata, doveva soltanto calarsi furtivo; ma mise il piede sulla tegola sbagliata che lo tradì, fece un capitombolo di tre metri. Il tonfo allertò la povera vecchia, che alle tre del mattino dovette alzarsi dal letto per scoprire, nel proprio cortile, Piu a contorcersi dal dolore con un'anca lussata. La vecchia lo riconobbe subito, lei e sua nonna erano assidue frequentatrici di chiesa, sempre in prima fila a messa per ingraziarsi il prete, a far a gara di decibel durante i canti. Lo aiutò ad alzarsi (a ottantadue anni!) e lo accolse dentro casa. Non gli chiese la ragione per cui in piena notte stesse facendo una passeggiata sul tetto di casa sua né espose denuncia, anzi, chiamò i soccorsi. Subito la croce gialla venne a prenderselo per scaricarlo al pronto soccorso, dove ricevette i medicamenti appropriati. Così Piu il sito alias il chirurgo si fece tre mesi di convalescenza chiuso in casa e altri tre per far digerire alla spietatissima opinione pubblica di paese l'immane figura di merda ormai a uso e consumo di tutti.

Tra le epopee che annovera il mio amico imbecille non si può tralasciare l'arresto. Trecentosessantacinque giorni di domiciliari per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Un figurone. E oggi siamo in quarantena da quanto, due mesi? E Piu ha urgenza di parlarmi. Va bene, vediamo cosa vuole. Lo chiamo. Sta squillando.

“Pronto”, sbraita.

“Pi, cosa mi devi dire di così urgente?”

“È meglio se ci incontriamo.”

“C'è la quarantena, cosa vuoi, dai...”

“Ma al telefono è una mina parlarne.”

“Sei convinto che stanno a intercettare a noi? Mica lavoro per i servizi segreti, se vuoi parla adesso, se no tra due giorni.”

“Ascò, ho un lavoro sicuro. Una cosa facile, ben pensata.”

“E dimmi va.”

“Ieri notte ho sognato che eravamo in chiesa, la sagrestia era piena d'oro...”

“E quindi?!”

“Sai tutti i pezzi preziosi e offerte di soldi che ci sono in chiesa?”

“Non vorrai andare a rubare in chiesa?”

“Andiamo, io e tu, in questi giorni è tutto deserto, non ci vede nessuno, un'ora e abbiamo bell'e fatto.”

“Secondo te io, a trentacinque anni, mi sveglio al mattino per andare a rubare in chiesa?”

“Ti dico che è una cosa sicura, è buona...”

“E vai allora, che vuoi da me?!”

“C'eri anche tu nel sogno!”

“Ma va' a cagare!”

“Fa' come vuoi, poi non chiedermi favori di soldi...”

“Ma quando mai uno sogna di fare qualcosa e con la stessa semplicità si lancia a farla? In chiesa c'è il prete, gli chiedi una confessione quando ti scopre?”

“Il prete è in quarantena come tutti, coglione!”

“E la perpetua? E le illibate che stanno più in chiesa che a casa? Le navate vanno pulite anche se siamo in quarantena, coglione!”

“Fai come vuoi...”, e chiude.

Il sistema ha una falla per cui i designati a rimanere dietro continuano a rimanere dietro, fino a sprofondare dimenticati, seppelliti vivi. E intanto io ho fame... e nutrendomi di soli bastoncini di pesce surgelati non riesco a placarla.

Maledetta borghesia moderata! Sarà colpa dello schiavismo imprenditoriale se ho già addosso il cappuccio nero della felpa? Gli sciacalli della destra bene e le loro cravatte decorose che ti offrono un impiego di sussistenza: mangiare, affitto, benzina, cinema e a fine mese in apnea. Sto stringendo le stringhe a una scarpa. Come se non bastasse il lockdown ha fatto abbassare le serrande, il governo è debole, si offrono demagogie a tutte le ruote. Il mio titolare è sparito. E con seicento euro ci ho pagato l'assicurazione.

'Tra 10 minuti sotto casa tua', scrivo sul cellulare.

Mi porto mascherina, guanti e tronchesi. Le tronchesi tornano sempre utili.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
4
9

Mannaggia alla prostata

solo un occhiata proprio da lì

29 October 2020

-Tony, sbrigati accosta al marciapiede, fammi scendere al volo!- -Mario, aspetta un attimo, che è successo?- -Te lo dico dopo, dai accosta che non ce la faccio più!- Mario detto er benzinaro, sembra che sul sedile anteriore della 500 tenga sotto il proprio fondo schiena degli spilli manco fosse [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Cari amici, prima di tutto cominciamo che mi cospargo il capo di cenere perchè [...]

  • Walter Fest: ahahahahahah...un altra cosa voglio dììì e la voglio dììì [...]

3
2
6

Goleador

29 October 2020

Dopo il vento della sera prima, il sole era tornato per riscaldare l'ultimo giorno di Febbraio. Erano circa le due del pomeriggio. Lui lo capì vedendo il piccolo Enea camminare sul piazzale per dirigersi verso il bar del centro. Di solito usciva sempre a quell'ora. Lo si vedeva entrare nel bar [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

16
19
66

Spot Lemondrink - 2/3

29 October 2020

7) Red Flags Studios: Complimenti! Uno spot stuzzicante e benfatto, comparto audio e video qualitativamente eccellenti. Il motivetto entra facilmente in testa, tant'è che lo sto fischiettando in questo preciso istante. Comunque non mi sono ancora presentato: Mi chiamo Michele Santi, regista della [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Aldo, un pollice su non può che tirarmi su, vuol dire che il [...]

  • Walter Fest: Scilipò come nel 2017...originale, geniale e apppasssssionato!!!!...ciao [...]

6
3
40

Bsl-4

In morte di Lobha White

28 October 2020

Faccio sempre lo stesso incubo da sette anni. Le mie gambe sono ricoperte da squame e non ho voce per urlare. Nuoto in fondo a una metafora e solo le parole sono la mia ancora di salvezza. Lobha White è morto, Jude. L'ho visto ieri mentre lo trasportavano su un pezzo di legno avvolto in una coperta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

15
16
84

Spot Lemondrink - 1/3

28 October 2020

Premessa: ciò che state per leggere è da considerarsi un testo sperimentale. Essendo un appassionato di tutti i generi cinematografici e televisivi, mi è venuta in mente un’idea balzana e di tramutarla in scrittura. Sognatore come sono, ho deciso di improvvisarmi regista e di caricare un immaginario [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Aldo Viano: Confesso d'aver letto (e poi riletto) prima la seconda parte. È [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Aldo, confesso d'aver letto prima il commento su 2/3 :D
    Ti ringrazio [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
0
7

La maschera

28 October 2020

Per un attimo levai la maschera e nessuno mi riconobbe. Chi era quell'uomo che lo specchio rifletteva? Ma certo, sono io, così come sono in realtà, con tutte le mie fragilità, le mie emozioni, le speranze, i sogni. Sì, io bambino, che giocava con l'aquilone sulla spiaggia e si sedeva a contemplare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
3
23

Strani incontri

27 October 2020

Ho incontrato un dentista sdentato insieme a un arrivista mai arrivato che venivano portati da un autista autistico a trovare un caratterista senza carattere che aveva sposato una ballerina sballata che aveva una sorella suora e un fratello molto fraterno che aveva un cane carnivoro e un gatto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Grazie come sempre caro"Scilipotter" un vero maghetto del commento!
    In [...]

  • Aldo Viano: Dopo Giuseppe, impossibile commentare, lui è il giudice Masterchef dei [...]

2
3
9

Nuoce gravemente alla salute

27 October 2020

Quando la botta è arrivata non ho sentito male. Un colpo secco, come quando sbatti la capoccia contro una trave in soffitta cercando un attrezzo che sai essere proprio lì ad aspettarti, in agguato con la sua complice messa di traverso, per ricordarti di chinare la testa nella vita. Oppure quando [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
3
35

Il falegname con il mazzo di chiavi - 2/2

27 October 2020

"È sicuro la chiave del baule!", disse il fruttivendolo. "Ne ero sicuro fosse un furfante", esclamò il calzolaio. "Che ti dicevo?" continuò la sarta rivolgendosi alla perpetua. "Dobbiamo fare tante buche nel bosco, recuperare la refurtiva e metterlo alle sbarre", si convinse alla fine anche il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Aldo Viano: Gran bel pezzo scritto con lo stile di una favola alla "c'era una [...]

  • Bernardo Panzeca: Per Giuseppe
    Sarò ripetitivo ma leggerti è come a volte leggere [...]

2
2
16

Il principio d’invecchiamento

26 October 2020

“Non sono certo che ci sia una stretta correlazione tra il tempo misurato dell'età in comunione o la mia percezione dei valori dimenticati; alcuni disattesi anche da me, in verità. Il peso eccessivo di molte e assurde condizioni umane stringono, con sempre maggiore intenzione, i miei pensieri, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
26

Il taglialegna con il mazzo di chiavi - 1/2

26 October 2020

C'era sempre del fumo che si alzava in aria da quella parte del bosco; proveniva dal comignolo della casa del taglialegna col grosso mazzo di chiavi. In paese tutti lo conoscevano a quel modo; non sapevano niente di lui, neanche il nome, tranne che abitava da sempre in quella casa dentro il bosco [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

12
13
56

Trincee

26 October 2020

Il lungo combattimento volgeva al termine assieme alla cacofonia di spari e grida. Il campo di battaglia era disseminato di corpi, molti dei quali aggrappati al filo spinato, gocciolando sudore e sangue tanto da macchiare l'erba di rosso. Si udì un ultimo sparo causato da una pistola di un agonizzante [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su