'Fatti sentire, ti devo parlare, un bel po' urgente', lessi sul cellulare.

Sia che debba propormi di fondare il nuovo ordine dei templari o di esordire con una carriera da accabbadora facendo il giro delle case travestiti da Vergine Maria, sicuro come la quarantena che qualsivoglia merda sia, ci sono di mezzo i soldi. Poco male, visto che sono spiantato come una baldracca in settimana santa, e lo sa. Credo che pure lui sia a secco, be', lui è sempre a secco, figuriamoci.
Siamo agli ultimi due giorni di fase uno e Piu ha (riportando testuali parole) un bel po' urgenza di parlarmi. Dico io, ma non può aspettare quarantotto ore? Perché la gente ha sempre fretta? Cosa genera la fretta? Sembra che la cucinino nei laboratori come con la metanfetamina e poi la liberano nell'aria alla stregua di quel virus là. Appunto, esempio calzante: uno vive di fretta tutta la vita, poi gli prende la polmonite da Covid e bye bye. È inutile avere fretta, se devi morire incompleto muori incompleto. La gente cerca di fare più veloce possibile soltanto per avere più tempo per procrastinare, ecco tutto. Ma lui ha un bel po' urgenza. Certo. Stare reclusi non giova alla salute e per “Piu il chirurgo” cos'è, la quarta? La quinta quarantena?

Si era guadagnato il soprannome di chirurgo quando avevamo quindici anni. Era capodanno, e Piu arrivò al festino con mezza pera di eroina rubata allo zio tossico conclamato. Aveva con sé tutto l'occorrente per pungersi meno il laccio emostatico, che rimediò tirando via il cordone della felpa di qualcuno che era lì con noi, non ricordo chi. Rimase tutta la notte stravacato in un angolo, circondato da lattine di birra e flute di spumante che gli posavamo vicino. Era capodanno, volevamo che festeggiasse con noi, ma era troppo distrutto per brindare, la bava alla bocca, gli occhi in gloria. Il giorno dopo tutto il paese sapeva cosa aveva combinato quello sprovveduto, compresi i genitori, che se lo tennero un anno intero rinchiuso in casa.

Un'altra volta, sempre quel grande genio di Piu alias il chirurgo, altrimenti noto come il sinto (per il vizietto zingaresco di appropriarsi di qualsiasi cosa gli capita sotto mano) ebbe la brillante idea di sgattaiolare dentro la casa di una vecchia di ottantadue anni per derubarla. Lui ne aveva ventinove all'epoca e il suo piano gli sembrava talmente prodigioso da fargli decidere di non invischiare nessun complice. Si sarebbe infiltrato dal cortile sul retro passando dai tetti. Era lì, già in proprietà privata, doveva soltanto calarsi furtivo; ma mise il piede sulla tegola sbagliata che lo tradì, fece un capitombolo di tre metri. Il tonfo allertò la povera vecchia, che alle tre del mattino dovette alzarsi dal letto per scoprire, nel proprio cortile, Piu a contorcersi dal dolore con un'anca lussata. La vecchia lo riconobbe subito, lei e sua nonna erano assidue frequentatrici di chiesa, sempre in prima fila a messa per ingraziarsi il prete, a far a gara di decibel durante i canti. Lo aiutò ad alzarsi (a ottantadue anni!) e lo accolse dentro casa. Non gli chiese la ragione per cui in piena notte stesse facendo una passeggiata sul tetto di casa sua né espose denuncia, anzi, chiamò i soccorsi. Subito la croce gialla venne a prenderselo per scaricarlo al pronto soccorso, dove ricevette i medicamenti appropriati. Così Piu il sito alias il chirurgo si fece tre mesi di convalescenza chiuso in casa e altri tre per far digerire alla spietatissima opinione pubblica di paese l'immane figura di merda ormai a uso e consumo di tutti.

Tra le epopee che annovera il mio amico imbecille non si può tralasciare l'arresto. Trecentosessantacinque giorni di domiciliari per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio. Un figurone. E oggi siamo in quarantena da quanto, due mesi? E Piu ha urgenza di parlarmi. Va bene, vediamo cosa vuole. Lo chiamo. Sta squillando.

“Pronto”, sbraita.

“Pi, cosa mi devi dire di così urgente?”

“È meglio se ci incontriamo.”

“C'è la quarantena, cosa vuoi, dai...”

“Ma al telefono è una mina parlarne.”

“Sei convinto che stanno a intercettare a noi? Mica lavoro per i servizi segreti, se vuoi parla adesso, se no tra due giorni.”

“Ascò, ho un lavoro sicuro. Una cosa facile, ben pensata.”

“E dimmi va.”

“Ieri notte ho sognato che eravamo in chiesa, la sagrestia era piena d'oro...”

“E quindi?!”

“Sai tutti i pezzi preziosi e offerte di soldi che ci sono in chiesa?”

“Non vorrai andare a rubare in chiesa?”

“Andiamo, io e tu, in questi giorni è tutto deserto, non ci vede nessuno, un'ora e abbiamo bell'e fatto.”

“Secondo te io, a trentacinque anni, mi sveglio al mattino per andare a rubare in chiesa?”

“Ti dico che è una cosa sicura, è buona...”

“E vai allora, che vuoi da me?!”

“C'eri anche tu nel sogno!”

“Ma va' a cagare!”

“Fa' come vuoi, poi non chiedermi favori di soldi...”

“Ma quando mai uno sogna di fare qualcosa e con la stessa semplicità si lancia a farla? In chiesa c'è il prete, gli chiedi una confessione quando ti scopre?”

“Il prete è in quarantena come tutti, coglione!”

“E la perpetua? E le illibate che stanno più in chiesa che a casa? Le navate vanno pulite anche se siamo in quarantena, coglione!”

“Fai come vuoi...”, e chiude.

Il sistema ha una falla per cui i designati a rimanere dietro continuano a rimanere dietro, fino a sprofondare dimenticati, seppelliti vivi. E intanto io ho fame... e nutrendomi di soli bastoncini di pesce surgelati non riesco a placarla.

Maledetta borghesia moderata! Sarà colpa dello schiavismo imprenditoriale se ho già addosso il cappuccio nero della felpa? Gli sciacalli della destra bene e le loro cravatte decorose che ti offrono un impiego di sussistenza: mangiare, affitto, benzina, cinema e a fine mese in apnea. Sto stringendo le stringhe a una scarpa. Come se non bastasse il lockdown ha fatto abbassare le serrande, il governo è debole, si offrono demagogie a tutte le ruote. Il mio titolare è sparito. E con seicento euro ci ho pagato l'assicurazione.

'Tra 10 minuti sotto casa tua', scrivo sul cellulare.

Mi porto mascherina, guanti e tronchesi. Le tronchesi tornano sempre utili.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

16
24
61

Lo specchio della bisnonna

Ricordi d'infanzia

03 July 2020

Quando ero piccolo, ogniqualvolta andavo a trovare la mia bisnonna materna, mi divertivo moltissimo a giocare e a fare monellerie di ogni tipo ma al contempo mi angosciavo poiché ritenevo la sua abitazione per certi versi stregata. Uno dei motivi principali, a parte l'atipica architettura della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
7

La telefonata - 2/3

03 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore E per settimane e mesi continuò così in quel modo. Aveva provato anche a staccare il telefono qualche notte, ma fu del tutto inutile, perché ormai era entrato in un circolo vizioso in cui non poteva fare a meno di quegli squilli notturni. Facevano ormai [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
10

I nodi

02 July 2020

Al mondo esistono vari tipi di nodi. Ci sono i nodi semplici, quelli francescani, i cappuccini, i nodi dell'impiccato e quelli inglesi. Poi ci sono i nodi a bocca di lupo, quelli da gancio, i nodi dell'artigliere e i nodi del marinaio. Quest'ultimi sono i più difficili da sciogliere. Infine ci [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
12

La telefonata - 1/2

02 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Fino alla fine non riuscì a comprendere perché quello che accade, accade proprio a lui. Un mistero inspiegabile e un destino beffardo il suo. Perché il fato, il destino o come lo si vuole chiamare, si era impuntato proprio verso di lui? Cosa aveva fatto [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: e qua incuriosisci caro Michele! a domani per svelare l'arcano. Ah...mi [...]

  • U1102: Grazie! ZeroCalcare, ma dai no io sono più bello... ( - : comunque [...]

3
3
16

Capita

01 July 2020

Capita a volte Un colpo di vento che strappa via il tuo ombrello Un gradino non visto ed un tuo tuffo nel nulla La portiera della macchina che trattiene il tuo dito Capita a volte Nuotare al largo e accorgersi che manca il fiato per tornare a riva Cozzare contro un carrello e rovesciare la spesa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Bella, complimenti.. Tutto ha un suo senso infatti 😊

  • Patapump: Grazie ..una buona serata. Mi dicono ci sia Vasco..lui di.poesia ne sa :)

3
2
13

Il Granchio Reale

01 July 2020

In un affollato ristorante nei caruggi di Genova io e Francesca, la mia fidanzata, ci sediamo nell'unico tavolo libero per ordinare e mangiare pesce. Nell'attesa che ci portano i menù guardo pigramente la vasca dei Granchi Reali di fronte a noi. Noto che l'unico crostaceo rimasto, attraverso le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Oh c.... povero granchio. Ho sentito il vento del mare che arrivava nei caruggi..ciao [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Povero granchio e "povero" me. :D
    Non hai idea di quanta magia [...]

4
2
15

Il pipittunaru

30 June 2020

Oggi non si trova più nessuno a continuare questo mestiere perché i tempi sono cambiati e la globalizzazione, il mercato, porta ogni prodotto nelle tavole dei consumatori a prezzi più ridotti possibile, vuoi per la commercializzazione industriale, vuoi per far arrivare al consumatore un prodotto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Il pipittunaru! Certo che me lo ricordo! Avendo vissuto i miei primi dieci [...]

  • Ilaria: bravo anche se devo ammettere che mi ha colpito molto perché è [...]

5
7
20

L'antidoto umano

30 June 2020

Come un pipistrello nella notte, il Male entrò in picchiata, insinuandosi all'interno della prima vittima. Col tempo il suo veleno si diffuse, infettando milioni, uccidendo migliaia e complicando la vita praticamente a tutti. Le persone si distanziarono per proteggere loro stesse e i loro cari, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
16

La camicia rosa chiaro

30 June 2020

In camicia rosa chiaro ben stirata, un tardo pomeriggio, l'uomo prese il regionale verso casa. Il cinturino nero al polso accompagnava il movimento della mano, sollevata lentamente fino a quando, all’altezza della spalla, mostrò cenni di saluto ai passeggeri con le dita, mentre attraversando il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
6
25

Lacrime dolci

29 June 2020

Piove incessantemente da giorni. Piccole pause tra uno scroscio e l'altro, poi le dolci minuscole ampolle si susseguono senza tregua, rincorrendosi in discesa libera. Mi soffermo a guardarle. Alcune, staccandosi dal cornicione, scivolano sul vetro della finestra che si affaccia sui calanchi. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
14

Cose così

29 June 2020

Camminando senza calze in una contrada della Caledonia in compagnia del mio cocker con un collare in corallo di California e circondato dal canto di un cuculo su un cipresso e da coniglietti che attraversavano campi di corbezzoli, incontrai per caso una contadinella con un curioso cappello color [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
32

In vasca da bagno coi polsi tagliati

Le persone sono fatte di vetro

29 June 2020

Un accorto osservatore, soltanto nel scorgerla di sfuggita, poteva percepire un'idea pressoché fedele del suo Io interiore. Evelina era di una bellezza diafana, gli occhi cerulei, una scintillante chioma rossa di rubino; e negli affilati tratti ben disegnati del viso portava tenui efelidi della [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Roberto Anzaldi: Senza voler scomodare Dostoevskij o Bulgakov, le mie sono soltanto opinioni, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: La tua risposta mi compiace, dico davvero. Per dimostrarti la mia gratitudine [...]

Torna su