Non è stato facile fissare questo incontro, per ottenerlo ho dovuto mentire sulla mia identità. Mi aspetta nella hall dell'albergo. Mentre mi avvicino perdo tutta la baldanza che mi ha fatto arrivare fino a qui. Vorrei tornare indietro, ma è troppo tardi: mi ha visto. 
Due occhi grandi e scuri si sono appena posati su di me. Non l'avrei mai detto: sono bellissimi, magnetici. E, d'altra parte, solo gli occhi riesco a vedere di lei. Il suo corpo è avvolto da una lunga tunica bianca, di tessuto leggero. La testa è coperta da un velo color cremisi, che le nasconde completamente i capelli e buona parte del viso, lasciando scoperti solo gli occhi. Mi aveva detto per telefono come sarebbe stata vestita e che, quindi, non avrei avuto difficoltà a riconoscerla. Infatti l'ho individuata subito, senza alcuna possibilità di confonderla con un'altra.

Eccomi ormai in piedi di fronte a lei. Non riesco a evitare che un brivido mi serpeggi lungo la schiena nel momento in cui i suoi occhi penetranti si posano su di me.

Mi viene in mente il titolo di una poesia: "Verrà la morte e avrà i tuoi occhi". Mai verso fu più azzeccato. Sento le gambe molli: il suo è uno sguardo che ti toglie il respiro, tanto è bello. 
"Dunque, eccoti qui", mi dice con la stessa voce soave con cui mi aveva parlato al telefono. "Se sei arrivato fino a questo punto", prosegue, "vuol dire che sei determinato ad andare fino in fondo".

"Sì, certo. Voglio andare fino in fondo", rispondo con una voce che, mio malgrado, risulta incrinata. La paura che fino a ora sono riuscito a governare, comincia a sfuggire al mio controllo. Mi dico che non devo cedere, che tra pochi minuti tutto sarà finito. Tra poco, finalmente, si compirà ciò che desidero da molto tempo.

Intanto mi rendo conto di non riuscire a staccare lo sguardo da quegli occhi meravigliosi. 'Com'è possibile che esistano occhi così?', mi chiedo mentre lei si alza e, in silenzio, mi fa cenno di seguirla, 'Come può avere questi occhi la creatura che da sempre è la più temuta da tutti gli esseri umani?'.

Mi avvio sulla scia dei suoi passi silenziosi. Mentre usciamo dall'albergo nella mia testa si affacciano, indesiderate l'ansia e la paura per quanto di irreparabile sta per accadere. Poi, però, il pensiero che mi percorre la mente diventa solo uno: 'Riuscirò a vedere il suo viso? Se i tratti del suo volto sono straordinari come i suoi occhi, come farò ad accettare che accada ciò per cui sono arrivato sin qui?'

"Vedrai il mio viso", dice lei rompendo il silenzio, come se avesse letto nel mio pensiero, "prima che accada ciò che ormai è destinato ad accadere e che non si può più evitare. Nel momento in cui hai posato il tuo sguardo su di me, il tuo destino ha iniziato a compiersi".

Annuisco mentre le cammino accanto con passo poco sicuro. Mi sento come un bambino che ha imparato a camminare da poco: le stesse incertezze, la stessa paura di cadere. Dopo aver percorso il breve tratto di strada che separa l'hotel dalla spiaggia guadagniamo il bagnasciuga e ci incamminiamo verso sinistra, affondando, uno dopo l'altro, i nostri piedi nella sabbia soffice e fresca. A qualche centinaio di metri da lì, proteso verso il mare, si staglia un promontorio roccioso. Qualcosa mi dice che è lì che accadrà.

Percorriamo la distanza che ci separa da quel luogo in silenzio: riesco a cogliere soltanto i battiti accelerati del mio cuore, accompagnati dal rumore ritmico delle onde. Arriviamo ai piedi del promontorio, lei si dirige con passo sicuro verso una specie di grotta che si apre nella roccia, io la seguo. Chissà quante volte sarà stata lì prima d'ora.

Ci siamo. Si ferma e si volta verso di me. Mi afferra una mano e mi invita ad avvicinarmi. Stranamente ora non ho più paura. "È arrivato il momento", mi dice senza alcuna emozione, togliendosi il velo. Sono annientato da tanta bellezza. Quando le sue labbra si posano sulle mie, solo un ultimo pensiero riesce ad attraversarmi la mente: "Sono morto".

Tutti i racconti

2
2
15

Balla con me

23 January 2021

Ti ho visto E da quando ti ho visto, le mie gambe hanno iniziato a muoversi Lascia il tavolo dai Dammi la mano I tuoi occhi lo vogliono E anche i miei, dopo aver incrociato i tuoi La terrazza sul mare accoglie un venticello serale Lieve e caldo Ti alzi e mi sobbalza il cuore per aver accettato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
2
16

Una vite per la vita

Storie di fantasmi - Capitolo I°

23 January 2021

Non so dire ora quel che mi spinse né quel che mi guidò, fatto è che percorsi senza esitare la lunga strada tenendo alti i miei pensieri finché arrivai al centro del ponte. Da li si dominava il tortuoso fluire del fiume nero e appena schiumoso di residui chimici sversati a monte E fu lì che precipitosamente [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
22

Al bivio della vita - verso l'Era dell'Acquario

22 January 2021

In quel tempo di transizione l’umanità si trovava al bivio della vita: da una parte attratta dalle lusinghe e seduzioni del maligno e dall’altra dalla conoscenza del sé per poi ascendere verso gli alti cieli della beatitudine. Ma “il mito della ragione“ ebbe la meglio e spinse gli uomini a imboccare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
41

Il foglio bianco

21 January 2021

Quella notte di Agosto, Roma era deserta e silenziosa in maniera insolita. Ricordo che negli anni passati, dalla mia terrazza sapientemente attrezzata per poter trascorre l’estate, non c’era notte che i rumori della città non giungessero prepotenti. Quella sera no. Sembrava che la città fosse stata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
4
30

Roccavalleoscura

21 January 2021

Italia 1181. Siamo fuggiaschi, impauriti. Le nostre unghie hanno grattato la terra delle carceri ducali. Le nostre labbra hanno assaggiato il sangue delle menzogne con cui ci braccano. Siamo animali in fuga. Ma una cosa è certa. Siamo solo lupi feriti che cercano pace. È quasi sera. Si scorge un'insenatura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: oh che meraviglia..lupi feriti che cercano pace..wow. poche righe ma che grandi [...]

  • Roberta21: Grazie Ricky😃

2
0
21

Una piccola lezione di pensiero laterale

20 January 2021

“Sol, Sol! Guarda che bei fiori!” Nina, una bambina di appena 11 anni con i capelli biondi e gli occhi azzurri, si trovava insieme a Sol, una ragazza di 23 anni con i capelli rossi e gli occhi verdi in mezzo a un bosco bellissimo, caratterizzato da un piccolo corso d'acqua, maestosi alberi e tantissimi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
5
39

Se non fosse per te

19 January 2021

Se non fosse per te lambirei i contorni E non entrerei in quella immensa radura chiamata vita Se non fosse per te navigherei su fragili navi, in mari percossi da venti che porterebbero al largo E incontrerei aggressive balene bianche, pesci martello e ostili genti Se non fosse per te il cibo sarebbe [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
6
31

Anni '60 - 2/2

19 January 2021

L’appuntamento con Salvio era all’ingresso del cinema Splendor, Mimma aspettava già da cinque minuti e si chiedeva se non fosse arrivata troppo in anticipo. Sin dal primo pomeriggio rifletteva su come vestirsi. Dopo varie prove e ripensamenti, decise di non esagerare in eleganza e alla fine indossò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
4
46

Il profumo dei ricordi

Tornare a viaggiare

18 January 2021

La nave era ancora lontana dal porto ma già il vento mi portava l'odore tipico dello zolfo eoliano. Vulcano era ancora indistinguibile nella foschia dell'alba, il sole prometteva già l'incantevole, la linea dell'orizzonte alle mie spalle era tutt'uno col cielo: pareva colorata da un bambino. Ero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
18

Anni '60 - 1/2

18 January 2021

Nel Quartiere Spagnolo, dove abitavano Salvio e il suo gruppo d’amici, le numerose parrocchie esistenti proponevano le più svariate attività, con l’obbiettivo di attrarre i giovani di diversa età e di sottrarli alla strada e all'illegalità. Don Carlo, il parroco di Maria Addolorata, aveva comprato [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
4
15

Majistre

17 January 2021

Quando varcai la soglia dell’ufficio, non sapevo ancora cosa mi sarebbe potuto accadere da lì a poco Da poco laureato, avevo avuto poche esperienze nel mio ambito Tutte piccole cose L’ufficio era nella palazzina anni 50 in Piazza Magni a Milano Gli esperti la indicano come la più riconosciuta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0392: Interessante esperienza, descritta, forse, un po' velocemente. Complimenti!

  • Patapump: ciao U..grazie in primis. Certo, si sarebbe potuto soffermarsi maggiormente, [...]

0
0
9

canta e balla...

17 January 2021

Canta e balla a tempo di musica muovi il tuo corpo e manifesta il ritmo vitale i tuoi sogni più sinceri in tutto questo preparati! ricevi l’abbondanza la benevolenza fa’ piccoli passi verso la crescita verso il tuo dono guardati attorno e impara dall’abbondanza della vita vedi luce in te [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su