La mia vita è un lavoro e il mio datore è mio fratello. Siamo solo noi in questo appartamento, da tanti anni oramai. Lui non esce di casa e così sono io a dovermi occupare di tutto.

La mia serenità è di un colore azzurro, proprio come un cielo senza nuvole, ma dura così poco... vive in quegli attimi d'incoscienza prima di aprire gli occhi. La poesia finisce qua. È quella corsetta nervosa in corridoio, di Massimo, che mi turba e dà senso alla mia giornata.
Come da bambini, quando mi rincorreva perché​ gli scovassi una lucertola per poi mozzarne la coda, o catturassi una mosca per toglierle le ali e vederla roteare impazzita. I suoi trofei. Lo stesso sguardo eccitato. Vorrei girarmi dall'altra parte e addormentarmi per sempre con i miei peccati, ma non posso. Così tra un rantolo e un'imprecazione mi alzo e lui è già davanti a me, che mi sventola la lista della spesa, scritta in maiuscolo, con i prodotti elencati in sequenza per un preciso percorso nel market, che seguirò: "La candeggina? ancora?”. Allarga le braccia e sorride.
Non parla. Non parla mai quando c'è un ospite.
Mi vesto e vado al bar. Lo cambio spesso, come gli orari. La routine ti fa notare e questo è rischioso.
"Caffè noir", questo è il suo nome e il motivo per cui l'ho scelto.
È affollato, come sempre. Odora di caffè e brioche. Il brusio è un sottofondo che confonde.
Alla porta mi fermo un attimo, come a concentrami sulla parte che devo interpretare. Mediocrità che si mescola tra corpi frettolosi. Scelgo il percorso più sicuro per raggiungere il bancone.
Il barista è lo stesso da sempre e i clienti li annusa, ne distingue il tipo, la natura, spesso solo guardandoli un attimo, ma il mio, di odore, non è gradito e non riesce a nasconderlo, fingendo distrazione: “Prego?”
“Un caffè e una brioche”, stronzo.
Imperturbabile: “Marmellata o crema?”
Sgarbato: “Crema, grazie”.
Accosto le labbra alla tazzina, il caffè non lo zucchero, addento la brioche,​ mentre le briciole si placano sul bancone. Mi guardo attorno, non propriamente per noia, ma perché tra questi corpi ce ne sono alcuni interessanti. Anche quel barista così sospettoso si meriterebbe di diventare preda, come la cassiera dalle unghie smaltate che mi batte lo scontrino e mi dà il resto.

È in questo momento che scende fitta fitta una patina rosso amaranto, depositandosi su cose e persone. Devo affrettarmi, scivolo via e sono in strada. Mi dirigo al market. Quando esco, con quelle due borse di plastica piene, sento tutto il peso degli anni così trascorsi. Inizio a risalire la via fino a raggiungere il condominio. Un edificio degli anni 60 senza ascensore. L'appartamento è al terzo piano. Il corrimano consunto, le pareti beige, i gradini pepe e sale. Massimo mi aspetta, perché non può dedicarsi all'ospite senza di me. Ho l'affanno e le palpitazioni, al pianerottolo di mezzo devo fare una sosta. Sono davanti la porta. Entro. Scricchiola il pavimento in rovere. Faccio ancora un paio di passi, tutt'attorno respira indaco, un colore che conosco molto bene. Ci scivolo dentro e tutto si placa. Nella ciotola di bambù poso le chiavi, alzo lo sguardo con il timore di guardarmi.
Vedo Massimo, che dal fondo del corridoio mi chiama gesticolando goffamente. È davanti alla stanza dell'ospite che sento, ancora, inutilmente strattonare le corde. A Massimo piace quella fame di sopravvivere a ogni costo, lo stimola, lo eccita, ci fa continuare. Quando si rassegnano finisce tutto, non c'è più gusto e devo trovarne un altro.
Poso le borse in cucina e li raggiungo. Sono esausto e sto sudando, barcollo e mi appoggio allo stipite. Massimo freme e con un paio di cesoie gli stacca il pollice, l'ultimo dito rimasto della mano sinistra. L'ospite si agita, urina e sviene. Mi sale una botta d'ansia e una nausea feroce. Cado in ginocchio, un dolore terribile, improvviso, mi dilania il petto.

È il cuore a fermarmi. Sopra di me, con le cesoie in mano, lo sguardo smarrito di Massimo.

Non c'è più tempo per niente e tutto diventa, finalmente, nero.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

5
5
19

Preferivo allacciarmi le scarpe

21 September 2020

Certo Fra le cose che mi capitano quotidianamente, preferisco allacciarmi le scarpe La sveglia la mattina con urla di metallici dolori mi provoca una forma di repulsione e la mano violentemente sbatte contro quel maledetto tastino che vibra per farlo tacere per sempre Gli scarichi del bagno del [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Pata con te sono esigente lo sai....mi è piaciuto (molto) il ritmo [...]

  • Italo Prato: Storia di un giorno di lavoro raccontata in un minuto. Bravo!

5
5
15

Allo Château Mignotteaux

21 September 2020

14 Febbraio, giorno di San Valerio, emh, San Valentino. Da buon innamorato e rispettoso, per non dire obbligato, dalla ricorrenza in questione mi è venuta la brillante idea di portare Francesca, la mia fidanzata, a mangiare fuori nientepopodimeno che allo Château Mignotteaux, presumibilmente il [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Scilipò bravo a essere tornato al tuo stile spassoso, non ho capito [...]

  • Italo Prato: Bravo Giuseppe, come non immedesimarsi nel protagonista alle prese con la nouvelle [...]

3
2
15

PER SEMPRE

20 September 2020

Si svegliò verso l'alba. Nelle sue orecchie ancora risuonavano le urla di bambini scalmanati che si rincorrevano per le scale. Porte che sbattevano, tonfi che scuotevano il solaio come bastoni su tamburi africani. Una bolla d'aria si staccò dalla sua bocca, come una parola che volesse uscire da [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Mi é piaciuto davvero molto! Un racconto breve nella quale l’impianto [...]

  • Silvia: Grazie Giuseppe! È un gran piacere leggere questo commento visto che [...]

2
2
14

Choc 1

20 September 2020

Ho avuto uno choc perdendo scioccamente uno cheque e così, inconsciamente, in preda all'angoscia con una sciabola di uno shogun, ho tagliato una sciarpa di uno scienziato di Sciaffusa piuttosto sciatto, vestito con degli shorts in shantung molto chic mentre, su una TV Sharp, guardava il sequel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Oddio ma non è mica facile scrivere tutti questi scioglilingua :O
    Troppo [...]

  • Rara avis: Grazie A. L per aver gradito.. ti dirò che queste supercazzole mi vengono [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
5
19

Con la scusa del caffè

19 September 2020

"Sei testarda come tua madre", mi hai detto tantissime volte. Sapevi di toccare il mio punto dolente, non per ferirmi, ma per incoraggiarmi a non arrendermi. "Tu sai tenere testa alle cose, e se lo vuoi puoi...", poche parole ma dirette le tue. Mi piace immaginare di averti ora qui da me. Bere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
20

Mio cugino Rodolfo

19 September 2020

Nei miei verdi anni, esattamente nel periodo dell'adolescenza, ricordo che c'era un po’ di pudore nell'esporre certe cose, figuriamoci a farle. Ma intendiamoci, noi ragazzi avevamo comunque una mente curiosa e di certo non eravamo bianchi come meloni (frase idiomatica utilizzata dalle mie parti), [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: Hai capito il cuginetto. Con la bambola ha superato ogni fantasia...Amazon [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, grazie per il commento. Su Amazon le trovi ma rispetto ad altri [...]

2
1
10

P-HEC

Incipit di un romanzo che mai finirò

18 September 2020

Mi svegliai lentamente. Nessun dolore, nessuna emozione, nessun acciacco. Il processo di «oggettizzazione» era iniziato da una settimana e solo ora mi rendevo conto con stupefatta lucidità del peso di ciò che li avevo autorizzati a fare. Ancora 7 giorni nel centro P-HEC e mi avrebbero svuotato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
10

Un calciatore impazzito?

18 September 2020

A volte assistiamo a gesti apparentemente assurdi, privi di senso nel contesto nei quali li vediamo, ma spesso non ne conosciamo il motivo. Probabilmente non tutti si intendono di calcio e non tutti sanno cos’è un calcio di punizione. Quando un calciatore subisce un’azione violenta o si prende [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Justus, un componimento molto interessante, dal valore storico e morale. [...]

  • Patapump: Non conoscevo la storia, ho la pelle d oca. Bella e terribile nello stesso [...]

4
6
22

La tela

17 September 2020

Corro spesso a rivederla Appena ho un attimo mi concedo un’evasione dal mondo intero Mi sottraggo a lui Una fermata lenta, circondato da ritmi frenetici Passo tra sale interamente dipinte e giungo alla mia Esito un istante prima di entrare Prendo posto su quella chaise longue di stoffa marrone [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • AmorLibre: Walter, sono di provincia di Roma in realtà ma ho viaggiato spesso a [...]

  • Patapump: parliamo di un ricordo al Louvre (30 anni orsono) ...pittore fiammingo Vermeer..titolo [...]

4
12
16

La festa vuota

17 September 2020

Alla vigilia del matrimonio, colei che doveva vestirsi di bianco dopo una lunga notte in bianco fece una scelta. Nella sala ricevimenti Torre Rubino le raffinatissime tovaglie sembravano dei fantasmi stesi e con i tovaglioli avvolti come coni senza gelato. I costosi piatti, con relative posate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò (mò, mi dirai un sacco di parolacce)...lo sai perchè [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, grazie per il quadruplo commento e di indirizzarmi sia sul lato [...]

2
1
12

Episodio 2

banca

16 September 2020

L'altro giorno sono stato in banca per richiedere un documento, dato che ho bisogno di alcune informazioni mi sono avvicinato all'impiegato dietro il bancone incurante delle altre persone che erano in fila, tanto è solo per un'informazione, questa è anche la scusa che ti rifilano quando lo fanno [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
3
12

Darsi coraggio

16 September 2020

Smettila, dolce e piccola creatura di vagare nel bosco, assalita dalla tua stessa paura. Ammira scoiattoli che corrono veloci e da in mezzo al bosco giungono sotto ai balconi. Anima pura, dallo sguardo vero e sincero, corri veloce senza portare nel cuore mille paure. Hai fatto vittoria anche [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • AmorLibre: Credo che avevo proprio bisogno di leggere queste parole :)
    molto bella :)

  • Giuseppe Scilipoti: Un sentito decanto che trova nella chiusa in indelebile avallo. Una risolutezza [...]

Torna su