In età adolescenziale, ero un tipo timido, impacciato, impedito e fortemente insicuro, il rapporto con i coetanei e non, mi sganciava quel senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi non riuscivo a reggere i confronti. Calavo la testa, specie dinanzi alle ingiustizie e a tal proposito raramente reagivo per impormi. Un simil Fantozzi? Forse! 
Con le ragazze? Semplicemente un disastro. Immancabilmente mi infatuavo di quelle che preferivano i fighetti al contrario del sottoscritto, decisamente acqua e sapone, esente di particolari pettinature, senza scooter e completamente disinteressato ai baccanali, ad esempio le discoteche.  Fisicamente apparivo magrolino, bianco come un cero, persino in estate per via che il mare lo vedevo esclusivamente col binocolo dalla terrazza dal momento che lavoravo mattina e pomeriggio per una misera paga in un negozio di articoli casalinghi.
Davo la colpa all'estrema sensibilità, molti mi dicevano che tale attitudine rappresentava un dono da preservare mentre altri fondamentalmente ne approfittavano.
Il bullismo delle superiori ai miei danni fu un'esperienza difficile, nei limiti del possibile cercavo di difendermi alzando le mani piuttosto che il capo o creandomi un mondo tutto mio col chiaro intento di ovattarmi. Non funzionava quasi mai.
Le lacrime cadevano spesso e (mal)volentieri, stringevo i pugni e i denti, per rabbia, per sgomento e per afflizione, al contempo cresceva la voglia di sentirmi parte di un gruppo. In verità qualcuno mi trattò da amico, o perlomeno sembrava così rispetto allo schifo da cui ero circondato.
Una volta conseguito il diploma di scuola superiore, arrivarono i VERI verdi anni nel verso senso della parola ovvero il biennio nell'E.I. in qualità di volontario dapprima nella Compagnia Fucilieri per poi essere trasferito nella Compagnia Controcarri, (soprannominata Compagnia Controcazzi) e seppur gradualmente le cose cambiarono in meglio. La divisa diventò la mia migliore amica facendomi sentire protetto in una sorta corazza tant'è che camminavo impettito manco fossi un monarca acquisendo via via sicurezza e padronanza di me stesso.
Il nonnismo ahimè fu evidente fin dall'inizio però lo affrontai senza troppe difficoltà, sicuramente il precedente bullismo scolastico mi aveva in qualche modo forgiato contribuendo a farmi rispettare, tuttavia non subito in quanto nei primi due mesi il dovuto spaesamento in un ambiente del genere non mi permetteva chissà quale tipologia di reazione se non quello di denunciare tirannici episodi, cosa che non feci poiché col tempo adocchiai ben altri metodi. Ad esempio rispondevo agli sgarri con alcuni scherzi creativi oppure nei casi peggiori chiedevo il supporto di un paio di affidabili colleghi conterranei.
Ad un anno esatto di militare, dopo la rafferma, l’agognata evoluzione stava dando buoni frutti, diventando abbastanza spigliato, occasionalmente con la risposta pronta, e misuratamente scanzonato, mancava soltanto di essere completamente disinvolto. Successivamente arrivò il grado di caporale e quel maledetto cerchio si chiuse.
Ricordo perfettamente il pomeriggio successivo alla nomina. Io, la mia divisa e il meritato baffetto blu sul petto. Mi stavo avviando alla C.C.S. (Compagnia Comando e Servizi) per la consegna di una importante documentazione commissionata da un maresciallo responsabile della fureria della Compagnia Controcarri, quando all'improvviso una ventina di reclute collocate ai pressi della mensa, appena entrato nel loro raggio visivo cominciarono ad assumere un’espressione ossequiosa tant'è vero che febbrilmente indossarono il basco in testa, inoltre, si misero sull'attenti per il saluto militare facendo tremare il selciato con gli anfibi, azione accompagnata con la mano sinistra a paletta sulla coscia e mano destra rigidamente alla fronte.
Non lo ritenni il classico quarto d'ora di celebrità anche perché l’episodio in questione si ripeté innumerevoli volte. Ad ogni modo, da quel giorno le ultime barriere di insicurezza vennero distrutte, il tanto sospirato equilibrio e "inquadramento" si concretizzò alla grande. Ero e sono orgoglioso di me stesso.
Purtroppo non ci fu occasione per proseguire la carriera nell'esercito, mi congedai nel 2006 a causa della fidanzata di allora che non accettava di buon "grado" il mio appassionante lavoro. Non l’avessi ma fatto, infatti, mi pentii e mi pento dolorosamente dell'azzardo peraltro causando delusione ai miei genitori per aver perso un buon impiego statale.
Eppure, a distanza di quasi quindici anni, sento di indossare ancora l’amata mimetica col distintivo blu nonché con le stellette che brillano perennemente sul mio petto.
La divisa non si è divisa da me.

Tutti i racconti

0
2
7

Lo so che ami un altro

Cose che succedono alla bettola di fronte al porto

10 April 2021

La porta è aperta, Ungaretti alle cinque di mattina prepara “ultimo tango a Parigi” e Steely Dan solo per lui canta “do it again” al porto è buio pesto dove saranno gli scrittori? Che cosa hanno pensato, ideato, scritto, sognato, la notte avrà portato consiglio? Le loro barche ancorate galleggiano [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Betty: Non vedevo l'ora di sapere cosa stava succedendo nella bettola... Pure [...]

  • Patapump: walter anche se mi hai citato alla fine t perdono, me fat rirere. e va buo' [...]

0
2
7

Il potere dell'alcool

ESTATE

10 April 2021

Caldo e brezza marina… sulla spiaggia un bar rimediato suona una musica assurda, come siamo arrivati qui.... bha prediamo un drink. Il Bar è frequentato dalle stesse persone che il giorno erano sulla spiaggia a prendere il sole, quindi famiglie, bambini, qualche single, signore over 50 nere come [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

Le indagini di James - 1/2

Parte prima

10 April 2021

James, al secolo Giovanni Calamaretti, guardò nello specchio quasi senza vedersi realmente. I problemi che lo assillavano erano numerosi, troppi anche per uno come lui. Il telefono cordless, ancora in mano, continuava ad avvisare con un fastidioso biiip, che dall'altro capo avevano riattaccato. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
1
5

Proverbialmente

10 April 2021

Ho cercato una pagliuzza dentro un sacco di aghi... e mi sono punto! Ho sezionato un uovo ma non ho trovato nessun pelo Ho tagliato la testa al toro e gli animalisti mi hanno denunciato Ho comprato un etto di lardo ma non ho trovato nessun zampino di gatto e non ho visto nemmeno i topi che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
1
13

La gonna con i pizzi

09 April 2021

Ho provato a impegnarmi oggi a impiegare il tempo con il riordino degli armadi. Mal me ne colse! Prima anta: gonne piano inferiore, pantaloni piano superiore e ho cominciato a contare per prima cosa e poi fare una cernita per mettere da parte quegli indumenti che non metterò più, non per improvviso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Anche a me è venuta un po' di nostalgia. Complimenti

2
1
15

Il suo sogno

09 April 2021

Era passata una lunga ed interminabile settimana ed Elena aspettava con ansia quella dannata chiamata per un famoso giornale. Il suo sogno era quello di divenire una notevole scrittrice Ella amava scrivere romanzi d'amore, di fantasia… Aveva appena dato vita ad un suo ennesimo romanzo… La storia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: benvenuta/o. se ti va cambia la U in un nick che ti riconosce. alle tue prox :)

1
3
8

Mareggiata Del Cuore

Poesia

09 April 2021

Onde ineluttabili su di noi a cancellare ogni antico respiro incompreso tra di noi, nelle fredde folate di silenzi celati dai risentimenti. Onde gelate a deturpare tutto ciò che ci circonda sottopelle in questo mare immenso nella sua tempesta di pieno inverno, eppure il suo rumore non dona sgomento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
8
25

Il Biscotto della Fortuna

08 April 2021

Pino, il falegname va in un ristorante giapponese a mangiare nipponerie. Tra i vari posti liberi opta di sedersi nell'unico kotatsu disponibile, un tavolino in legno sopra il quale vi è posto un Futon. «Dice il faggio: persona “levigata”, persona rispettata!» enuncia Ginkgo, il proprietario, accogliendolo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
23

Il potere dell'Angelo

08 April 2021

Gli aghi dei pini mi accarezzano le guance. Amo questi profumi. Le foreste, per me, racchiudono l'anima del creato. Le mie alla candide sfiorano i tronchi rugosi e secolari di queste piante. Vorrei essere come loro. Avere tregua. Sono con voi, vi proteggo. Mi chiamate. Ed io cingo le vostre spalle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
13

Sorpresa!

08 April 2021

Recita un famoso proverbio: “Si chiude una porta, si apre un portone”. Non è sempre così, talvolta si chiude una porta e si apre… una botola!

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: e in piena recita da "la bottega del caffè ", speriamo sotto [...]

  • Fulvia: generalmente non lo è!! 😱

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
0
7

TAXI LISBOA - 2/2

parte seconda

08 April 2021

Se solo fosse Jagger. Avrebbe camminato sulle strade dell’amore per vederle, fino all’orlo, andare a fondo nelle lacrime. Per lo meno, ne avrebbe approfittato per plasmare le sue pene trasformandole in canzoni. Cambiò stazione radio. Mentre fuori, in quell’istante, il vecchio stronzo di Fonseca [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
19

AMORE SENZA TEMPO

Ogni relazione vive di propria identità

07 April 2021

Giovanna fissava l’interno del bar, un piccolo bar in una piazzetta nei vicoli intersecati della città di Trieste, mentre lo cercava con lo sguardo. Voleva godere tutto dell’attesa prima di incontrarlo. Ed eccolo, ad un tavolino in un angolo nascosto della saletta, lontano il più possibile da sguardi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su