In età adolescenziale, ero un tipo timido, impacciato, impedito e fortemente insicuro, il rapporto con i coetanei e non, mi sganciava quel senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi non riuscivo a reggere i confronti. Calavo la testa, specie dinanzi alle ingiustizie e a tal proposito raramente reagivo per impormi. Un simil Fantozzi? Forse! 
Con le ragazze? Semplicemente un disastro. Immancabilmente mi infatuavo di quelle che preferivano i fighetti al contrario del sottoscritto, decisamente acqua e sapone, esente di particolari pettinature, senza scooter e completamente disinteressato ai baccanali, ad esempio le discoteche.  Fisicamente apparivo magrolino, bianco come un cero, persino in estate per via che il mare lo vedevo esclusivamente col binocolo dalla terrazza dal momento che lavoravo mattina e pomeriggio per una misera paga in un negozio di articoli casalinghi.
Davo la colpa all'estrema sensibilità, molti mi dicevano che tale attitudine rappresentava un dono da preservare mentre altri fondamentalmente ne approfittavano.
Il bullismo delle superiori ai miei danni fu un'esperienza difficile, nei limiti del possibile cercavo di difendermi alzando le mani piuttosto che il capo o creandomi un mondo tutto mio col chiaro intento di ovattarmi. Non funzionava quasi mai.
Le lacrime cadevano spesso e (mal)volentieri, stringevo i pugni e i denti, per rabbia, per sgomento e per afflizione, al contempo cresceva la voglia di sentirmi parte di un gruppo. In verità qualcuno mi trattò da amico, o perlomeno sembrava così rispetto allo schifo da cui ero circondato.
Una volta conseguito il diploma di scuola superiore, arrivarono i VERI verdi anni nel verso senso della parola ovvero il biennio nell'E.I. in qualità di volontario dapprima nella Compagnia Fucilieri per poi essere trasferito nella Compagnia Controcarri, (soprannominata Compagnia Controcazzi) e seppur gradualmente le cose cambiarono in meglio. La divisa diventò la mia migliore amica facendomi sentire protetto in una sorta corazza tant'è che camminavo impettito manco fossi un monarca acquisendo via via sicurezza e padronanza di me stesso.
Il nonnismo ahimè fu evidente fin dall'inizio però lo affrontai senza troppe difficoltà, sicuramente il precedente bullismo scolastico mi aveva in qualche modo forgiato contribuendo a farmi rispettare, tuttavia non subito in quanto nei primi due mesi il dovuto spaesamento in un ambiente del genere non mi permetteva chissà quale tipologia di reazione se non quello di denunciare tirannici episodi, cosa che non feci poiché col tempo adocchiai ben altri metodi. Ad esempio rispondevo agli sgarri con alcuni scherzi creativi oppure nei casi peggiori chiedevo il supporto di un paio di affidabili colleghi conterranei.
Ad un anno esatto di militare, dopo la rafferma, l’agognata evoluzione stava dando buoni frutti, diventando abbastanza spigliato, occasionalmente con la risposta pronta, e misuratamente scanzonato, mancava soltanto di essere completamente disinvolto. Successivamente arrivò il grado di caporale e quel maledetto cerchio si chiuse.
Ricordo perfettamente il pomeriggio successivo alla nomina. Io, la mia divisa e il meritato baffetto blu sul petto. Mi stavo avviando alla C.C.S. (Compagnia Comando e Servizi) per la consegna di una importante documentazione commissionata da un maresciallo responsabile della fureria della Compagnia Controcarri, quando all'improvviso una ventina di reclute collocate ai pressi della mensa, appena entrato nel loro raggio visivo cominciarono ad assumere un’espressione ossequiosa tant'è vero che febbrilmente indossarono il basco in testa, inoltre, si misero sull'attenti per il saluto militare facendo tremare il selciato con gli anfibi, azione accompagnata con la mano sinistra a paletta sulla coscia e mano destra rigidamente alla fronte.
Non lo ritenni il classico quarto d'ora di celebrità anche perché l’episodio in questione si ripeté innumerevoli volte. Ad ogni modo, da quel giorno le ultime barriere di insicurezza vennero distrutte, il tanto sospirato equilibrio e "inquadramento" si concretizzò alla grande. Ero e sono orgoglioso di me stesso.
Purtroppo non ci fu occasione per proseguire la carriera nell'esercito, mi congedai nel 2006 a causa della fidanzata di allora che non accettava di buon "grado" il mio appassionante lavoro. Non l’avessi ma fatto, infatti, mi pentii e mi pento dolorosamente dell'azzardo peraltro causando delusione ai miei genitori per aver perso un buon impiego statale.
Eppure, a distanza di quasi quindici anni, sento di indossare ancora l’amata mimetica col distintivo blu nonché con le stellette che brillano perennemente sul mio petto.
La divisa non si è divisa da me.

Tutti i racconti

0
0
1

senza confini

27 September 2022

seduto con i miei pensieri faccio nuvole di fumo e sono vento muto passo da un orecchio all'altro ecco i miei racconti, qui le impressioni le ambizioni e le allucinazioni di uno uomo stanco ecco! qui le sue macerie in macilente notti isteriche si aggrovigliano in un malvagio maelstrom che ingurgita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
0

Haiku

27 September 2022

Fronde bronzate - sbuffi d'aura le spoglia caterve secche © Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

Pallone gonfiato

26 September 2022

Prima mi gonfio, quindi si gonfiano le mie pompose parole. Continuano a gonfiare ancor più la mia figura i sempre nuovi stimatori, che si affrettano a balzare con i loro schiamazzi sulla mia imponente e indiscussa presenza. Nella prossima vita voglio essere un toro meccanico invece che il gigantesco [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
3

Aforisma

25 September 2022

Sul bordo di un tentennamento una stilla di risoluzione può indurre nell'impavido zompo verso la rinascita dal dirupato dei travagli, affinché un saggio obbiettivo sia motivo di essere ancora in volo nella vita che batte nel cuore col respiro devoto all'ottimismo! ©Laura Lapietra

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
8

Il desiderio

25 September 2022

Il desiderio mi aveva portato lontano Lontano da te Cercavo di rimettere a posto la mia vita Ma sentivo l’irrequietezza salire Ero certo che vedendo volti e posti nuovi, avrei cercato di scavare tutto ciò che avevo ben bene coperto con menzogne e bugie Ma la sera, quando si spegnevano i riflettori [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
2
10

Giorno di sole

Impressioni da un quartiere

Fil
24 September 2022

Dalla tangenziale passano macchine e furgoni, tanti tir, quasi mai gli autobus. L'asfalto e lo smog, le finestre in lontananza dentro cui poter immaginare risate e pianti di bimbi, un supermercato decrepito, la farmacia deserta all'angolo del controviale. È come se il mondo fosse andato avanti [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: piaciuto,,,bello il passaggio dell'anziano che ritira lenzuola e rughe..alla [...]

  • Fil: Mi fa molto piacere, grazie dell'interesse! Alla prossima

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
3
18

News

23 September 2022

- E allora, com'è andata? - chiede con ansia. - Vuoi sentire prima la notizia buona o la cattiva? - Dai non tenermi sulle spine, dimmi quella cattiva. - Vuoi quella cattiva allora, va bene, prima quella cattiva. Beh, purtroppo è stato un disastro totale, è andata malissimo, peggio di così non poteva [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Nicola: Grazie per il simpatico commento Giuseppe. Più lungo del mio scritto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Il fatto che le mie disamine nella maggior parte dei casi risultano lunghe/articolate... [...]

1
2
12

Fatti di vetro

Una poesia dal libro "Un titolo Qualunque"

23 September 2022

E vidi uomini su uomini lì per quella valle... li vidi senza pesi sulle spalle. un rumore assordante vi proveniva, crack crack crack. non riuscii a spiegarmi come fosse possibile, come quel rumore fosse plausibile. crack crack crack... la sua derivazione era un mistero. finché non gettai lo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
10

la "donna" centenaria

22 September 2022

Da poco Roma la ospitava. Più i giorni passavano e più si rendeva conto, di quanto forte la stringesse al suo ventre, di quanto, la sua stretta fosse così inesorabile da farle mancare l'aria ogni volta che, per qualche motivo, si allontanava da essa. Giovane, ingenua; osservava, cercando di captare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
2
13

Incrocio

20 September 2022

L'incrocio è deserto a quell'ora. Lo sto attraversando a piedi quando mi fermo perché noto una scena singolare. Proprio davanti a me sta arrivando in senso opposto una bicicletta spedita che non rallenta nonostante il semaforo sia rosso. Sta probabilmente rincasando di fretta, data la tarda ora. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Una scena singolare quanto il componimento
    Questo racconto è un [...]

  • Nicola: Gran bel commento anche questo. Davvero ben scritto, se posso fare un controcommento. [...]

2
4
32

È notte

Il rumore del silenzio

19 September 2022

Vola la civetta fra gli alberi di pino, placido e dolce, il suo verso riecheggia. Una madre è appena riuscita ad addormentare il suo bambino e crolla, sfinita al suo fianco. Due giovani amanti si addormentano abbracciati, ignari del fatto che questa sarà la notte più importante della loro vita. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
13

Pioverà anche nel 2050

18 September 2022

Primavera del 2050. Inizia a piovere. Le gocce tintinnano sulle foglie verdi. Tintinnano anche più in basso, sul terreno, con suono più grave. Quasi fossero mani diverse a suonare strumenti diversi. - Ma sempre le solite cose noiose dovete pensare voi scrittori, le solite nature morte dove non [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su