In età adolescenziale, ero un tipo timido, impacciato, impedito e fortemente insicuro, il rapporto con i coetanei e non, mi sganciava quel senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi non riuscivo a reggere i confronti. Calavo la testa, specie dinanzi alle ingiustizie e a tal proposito raramente reagivo per impormi. Un simil Fantozzi? Forse! 
Con le ragazze? Semplicemente un disastro. Immancabilmente mi infatuavo di quelle che preferivano i fighetti al contrario del sottoscritto, decisamente acqua e sapone, esente di particolari pettinature, senza scooter e completamente disinteressato ai baccanali, ad esempio le discoteche.  Fisicamente apparivo magrolino, bianco come un cero, persino in estate per via che il mare lo vedevo esclusivamente col binocolo dalla terrazza dal momento che lavoravo mattina e pomeriggio per una misera paga in un negozio di articoli casalinghi.
Davo la colpa all'estrema sensibilità, molti mi dicevano che tale attitudine rappresentava un dono da preservare mentre altri fondamentalmente ne approfittavano.
Il bullismo delle superiori ai miei danni fu un'esperienza difficile, nei limiti del possibile cercavo di difendermi alzando le mani piuttosto che il capo o creandomi un mondo tutto mio col chiaro intento di ovattarmi. Non funzionava quasi mai.
Le lacrime cadevano spesso e (mal)volentieri, stringevo i pugni e i denti, per rabbia, per sgomento e per afflizione, al contempo cresceva la voglia di sentirmi parte di un gruppo. In verità qualcuno mi trattò da amico, o perlomeno sembrava così rispetto allo schifo da cui ero circondato.
Una volta conseguito il diploma di scuola superiore, arrivarono i VERI verdi anni nel verso senso della parola ovvero il biennio nell'E.I. in qualità di volontario dapprima nella Compagnia Fucilieri per poi essere trasferito nella Compagnia Controcarri, (soprannominata Compagnia Controcazzi) e seppur gradualmente le cose cambiarono in meglio. La divisa diventò la mia migliore amica facendomi sentire protetto in una sorta corazza tant'è che camminavo impettito manco fossi un monarca acquisendo via via sicurezza e padronanza di me stesso.
Il nonnismo ahimè fu evidente fin dall'inizio però lo affrontai senza troppe difficoltà, sicuramente il precedente bullismo scolastico mi aveva in qualche modo forgiato contribuendo a farmi rispettare, tuttavia non subito in quanto nei primi due mesi il dovuto spaesamento in un ambiente del genere non mi permetteva chissà quale tipologia di reazione se non quello di denunciare tirannici episodi, cosa che non feci poiché col tempo adocchiai ben altri metodi. Ad esempio rispondevo agli sgarri con alcuni scherzi creativi oppure nei casi peggiori chiedevo il supporto di un paio di affidabili colleghi conterranei.
Ad un anno esatto di militare, dopo la rafferma, l’agognata evoluzione stava dando buoni frutti, diventando abbastanza spigliato, occasionalmente con la risposta pronta, e misuratamente scanzonato, mancava soltanto di essere completamente disinvolto. Successivamente arrivò il grado di caporale e quel maledetto cerchio si chiuse.
Ricordo perfettamente il pomeriggio successivo alla nomina. Io, la mia divisa e il meritato baffetto blu sul petto. Mi stavo avviando alla C.C.S. (Compagnia Comando e Servizi) per la consegna di una importante documentazione commissionata da un maresciallo responsabile della fureria della Compagnia Controcarri, quando all'improvviso una ventina di reclute collocate ai pressi della mensa, appena entrato nel loro raggio visivo cominciarono ad assumere un’espressione ossequiosa tant'è vero che febbrilmente indossarono il basco in testa, inoltre, si misero sull'attenti per il saluto militare facendo tremare il selciato con gli anfibi, azione accompagnata con la mano sinistra a paletta sulla coscia e mano destra rigidamente alla fronte.
Non lo ritenni il classico quarto d'ora di celebrità anche perché l’episodio in questione si ripeté innumerevoli volte. Ad ogni modo, da quel giorno le ultime barriere di insicurezza vennero distrutte, il tanto sospirato equilibrio e "inquadramento" si concretizzò alla grande. Ero e sono orgoglioso di me stesso.
Purtroppo non ci fu occasione per proseguire la carriera nell'esercito, mi congedai nel 2006 a causa della fidanzata di allora che non accettava di buon "grado" il mio appassionante lavoro. Non l’avessi ma fatto, infatti, mi pentii e mi pento dolorosamente dell'azzardo peraltro causando delusione ai miei genitori per aver perso un buon impiego statale.
Eppure, a distanza di quasi quindici anni, sento di indossare ancora l’amata mimetica col distintivo blu nonché con le stellette che brillano perennemente sul mio petto.
La divisa non si è divisa da me.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

16
25
62

Lo specchio della bisnonna

Ricordi d'infanzia

03 July 2020

Quando ero piccolo, ogniqualvolta andavo a trovare la mia bisnonna materna, mi divertivo moltissimo a giocare e a fare monellerie di ogni tipo ma al contempo mi angosciavo poiché ritenevo la sua abitazione per certi versi stregata. Uno dei motivi principali, a parte l'atipica architettura della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Angelo. Miii addirittura Silent Hill? Ho giocato solo al primo attraverso [...]

  • Patapump: Bella monella questa bis...ma penso si divertisse un mondo, probabilmente tornata [...]

1
1
8

La telefonata - 2/3

03 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore E per settimane e mesi continuò così in quel modo. Aveva provato anche a staccare il telefono qualche notte, ma fu del tutto inutile, perché ormai era entrato in un circolo vizioso in cui non poteva fare a meno di quegli squilli notturni. Facevano ormai [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
10

I nodi

02 July 2020

Al mondo esistono vari tipi di nodi. Ci sono i nodi semplici, quelli francescani, i cappuccini, i nodi dell'impiccato e quelli inglesi. Poi ci sono i nodi a bocca di lupo, quelli da gancio, i nodi dell'artigliere e i nodi del marinaio. Quest'ultimi sono i più difficili da sciogliere. Infine ci [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
12

La telefonata - 1/2

02 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Fino alla fine non riuscì a comprendere perché quello che accade, accade proprio a lui. Un mistero inspiegabile e un destino beffardo il suo. Perché il fato, il destino o come lo si vuole chiamare, si era impuntato proprio verso di lui? Cosa aveva fatto [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: e qua incuriosisci caro Michele! a domani per svelare l'arcano. Ah...mi [...]

  • U1102: Grazie! ZeroCalcare, ma dai no io sono più bello... ( - : comunque [...]

3
3
16

Capita

01 July 2020

Capita a volte Un colpo di vento che strappa via il tuo ombrello Un gradino non visto ed un tuo tuffo nel nulla La portiera della macchina che trattiene il tuo dito Capita a volte Nuotare al largo e accorgersi che manca il fiato per tornare a riva Cozzare contro un carrello e rovesciare la spesa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Bella, complimenti.. Tutto ha un suo senso infatti 😊

  • Patapump: Grazie ..una buona serata. Mi dicono ci sia Vasco..lui di.poesia ne sa :)

3
2
13

Il Granchio Reale

01 July 2020

In un affollato ristorante nei caruggi di Genova io e Francesca, la mia fidanzata, ci sediamo nell'unico tavolo libero per ordinare e mangiare pesce. Nell'attesa che ci portano i menù guardo pigramente la vasca dei Granchi Reali di fronte a noi. Noto che l'unico crostaceo rimasto, attraverso le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Oh c.... povero granchio. Ho sentito il vento del mare che arrivava nei caruggi..ciao [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Povero granchio e "povero" me. :D
    Non hai idea di quanta magia [...]

4
2
15

Il pipittunaru

30 June 2020

Oggi non si trova più nessuno a continuare questo mestiere perché i tempi sono cambiati e la globalizzazione, il mercato, porta ogni prodotto nelle tavole dei consumatori a prezzi più ridotti possibile, vuoi per la commercializzazione industriale, vuoi per far arrivare al consumatore un prodotto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Il pipittunaru! Certo che me lo ricordo! Avendo vissuto i miei primi dieci [...]

  • Ilaria: bravo anche se devo ammettere che mi ha colpito molto perché è [...]

5
7
20

L'antidoto umano

30 June 2020

Come un pipistrello nella notte, il Male entrò in picchiata, insinuandosi all'interno della prima vittima. Col tempo il suo veleno si diffuse, infettando milioni, uccidendo migliaia e complicando la vita praticamente a tutti. Le persone si distanziarono per proteggere loro stesse e i loro cari, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
1
16

La camicia rosa chiaro

30 June 2020

In camicia rosa chiaro ben stirata, un tardo pomeriggio, l'uomo prese il regionale verso casa. Il cinturino nero al polso accompagnava il movimento della mano, sollevata lentamente fino a quando, all’altezza della spalla, mostrò cenni di saluto ai passeggeri con le dita, mentre attraversando il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
6
25

Lacrime dolci

29 June 2020

Piove incessantemente da giorni. Piccole pause tra uno scroscio e l'altro, poi le dolci minuscole ampolle si susseguono senza tregua, rincorrendosi in discesa libera. Mi soffermo a guardarle. Alcune, staccandosi dal cornicione, scivolano sul vetro della finestra che si affaccia sui calanchi. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
14

Cose così

29 June 2020

Camminando senza calze in una contrada della Caledonia in compagnia del mio cocker con un collare in corallo di California e circondato dal canto di un cuculo su un cipresso e da coniglietti che attraversavano campi di corbezzoli, incontrai per caso una contadinella con un curioso cappello color [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
6
32

In vasca da bagno coi polsi tagliati

Le persone sono fatte di vetro

29 June 2020

Un accorto osservatore, soltanto nel scorgerla di sfuggita, poteva percepire un'idea pressoché fedele del suo Io interiore. Evelina era di una bellezza diafana, gli occhi cerulei, una scintillante chioma rossa di rubino; e negli affilati tratti ben disegnati del viso portava tenui efelidi della [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Roberto Anzaldi: Senza voler scomodare Dostoevskij o Bulgakov, le mie sono soltanto opinioni, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: La tua risposta mi compiace, dico davvero. Per dimostrarti la mia gratitudine [...]

Torna su