In età adolescenziale, ero un tipo timido, impacciato, impedito e fortemente insicuro, il rapporto con i coetanei e non, mi sganciava quel senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi non riuscivo a reggere i confronti. Calavo la testa, specie dinanzi alle ingiustizie e a tal proposito raramente reagivo per impormi. Un simil Fantozzi? Forse! 
Con le ragazze? Semplicemente un disastro. Immancabilmente mi infatuavo di quelle che preferivano i fighetti al contrario del sottoscritto, decisamente acqua e sapone, esente di particolari pettinature, senza scooter e completamente disinteressato ai baccanali, ad esempio le discoteche.  Fisicamente apparivo magrolino, bianco come un cero, persino in estate per via che il mare lo vedevo esclusivamente col binocolo dalla terrazza dal momento che lavoravo mattina e pomeriggio per una misera paga in un negozio di articoli casalinghi.
Davo la colpa all'estrema sensibilità, molti mi dicevano che tale attitudine rappresentava un dono da preservare mentre altri fondamentalmente ne approfittavano.
Il bullismo delle superiori ai miei danni fu un'esperienza difficile, nei limiti del possibile cercavo di difendermi alzando le mani piuttosto che il capo o creandomi un mondo tutto mio col chiaro intento di ovattarmi. Non funzionava quasi mai.
Le lacrime cadevano spesso e (mal)volentieri, stringevo i pugni e i denti, per rabbia, per sgomento e per afflizione, al contempo cresceva la voglia di sentirmi parte di un gruppo. In verità qualcuno mi trattò da amico, o perlomeno sembrava così rispetto allo schifo da cui ero circondato.
Una volta conseguito il diploma di scuola superiore, arrivarono i VERI verdi anni nel verso senso della parola ovvero il biennio nell'E.I. in qualità di volontario dapprima nella Compagnia Fucilieri per poi essere trasferito nella Compagnia Controcarri, (soprannominata Compagnia Controcazzi) e seppur gradualmente le cose cambiarono in meglio. La divisa diventò la mia migliore amica facendomi sentire protetto in una sorta corazza tant'è che camminavo impettito manco fossi un monarca acquisendo via via sicurezza e padronanza di me stesso.
Il nonnismo ahimè fu evidente fin dall'inizio però lo affrontai senza troppe difficoltà, sicuramente il precedente bullismo scolastico mi aveva in qualche modo forgiato contribuendo a farmi rispettare, tuttavia non subito in quanto nei primi due mesi il dovuto spaesamento in un ambiente del genere non mi permetteva chissà quale tipologia di reazione se non quello di denunciare tirannici episodi, cosa che non feci poiché col tempo adocchiai ben altri metodi. Ad esempio rispondevo agli sgarri con alcuni scherzi creativi oppure nei casi peggiori chiedevo il supporto di un paio di affidabili colleghi conterranei.
Ad un anno esatto di militare, dopo la rafferma, l’agognata evoluzione stava dando buoni frutti, diventando abbastanza spigliato, occasionalmente con la risposta pronta, e misuratamente scanzonato, mancava soltanto di essere completamente disinvolto. Successivamente arrivò il grado di caporale e quel maledetto cerchio si chiuse.
Ricordo perfettamente il pomeriggio successivo alla nomina. Io, la mia divisa e il meritato baffetto blu sul petto. Mi stavo avviando alla C.C.S. (Compagnia Comando e Servizi) per la consegna di una importante documentazione commissionata da un maresciallo responsabile della fureria della Compagnia Controcarri, quando all'improvviso una ventina di reclute collocate ai pressi della mensa, appena entrato nel loro raggio visivo cominciarono ad assumere un’espressione ossequiosa tant'è vero che febbrilmente indossarono il basco in testa, inoltre, si misero sull'attenti per il saluto militare facendo tremare il selciato con gli anfibi, azione accompagnata con la mano sinistra a paletta sulla coscia e mano destra rigidamente alla fronte.
Non lo ritenni il classico quarto d'ora di celebrità anche perché l’episodio in questione si ripeté innumerevoli volte. Ad ogni modo, da quel giorno le ultime barriere di insicurezza vennero distrutte, il tanto sospirato equilibrio e "inquadramento" si concretizzò alla grande. Ero e sono orgoglioso di me stesso.
Purtroppo non ci fu occasione per proseguire la carriera nell'esercito, mi congedai nel 2006 a causa della fidanzata di allora che non accettava di buon "grado" il mio appassionante lavoro. Non l’avessi ma fatto, infatti, mi pentii e mi pento dolorosamente dell'azzardo peraltro causando delusione ai miei genitori per aver perso un buon impiego statale.
Eppure, a distanza di quasi quindici anni, sento di indossare ancora l’amata mimetica col distintivo blu nonché con le stellette che brillano perennemente sul mio petto.
La divisa non si è divisa da me.

Tutti i racconti

2
2
33

Il foglio bianco

21 January 2021

Quella notte di Agosto, Roma era deserta e silenziosa in maniera insolita. Ricordo che negli anni passati, dalla mia terrazza sapientemente attrezzata per poter trascorre l’estate, non c’era notte che i rumori della città non giungessero prepotenti. Quella sera no. Sembrava che la città fosse stata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
4
21

Roccavalleoscura

21 January 2021

Italia 1181. Siamo fuggiaschi, impauriti. Le nostre unghie hanno grattato la terra delle carceri ducali. Le nostre labbra hanno assaggiato il sangue delle menzogne con cui ci braccano. Siamo animali in fuga. Ma una cosa è certa. Siamo solo lupi feriti che cercano pace. È quasi sera. Si scorge un'insenatura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: oh che meraviglia..lupi feriti che cercano pace..wow. poche righe ma che grandi [...]

  • Roberta21: Grazie Ricky😃

2
0
18

Una piccola lezione di pensiero laterale

20 January 2021

“Sol, Sol! Guarda che bei fiori!” Nina, una bambina di appena 11 anni con i capelli biondi e gli occhi azzurri, si trovava insieme a Sol, una ragazza di 23 anni con i capelli rossi e gli occhi verdi in mezzo a un bosco bellissimo, caratterizzato da un piccolo corso d'acqua, maestosi alberi e tantissimi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
5
34

Se non fosse per te

19 January 2021

Se non fosse per te lambirei i contorni E non entrerei in quella immensa radura chiamata vita Se non fosse per te navigherei su fragili navi, in mari percossi da venti che porterebbero al largo E incontrerei aggressive balene bianche, pesci martello e ostili genti Se non fosse per te il cibo sarebbe [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
6
28

Anni '60 - 2/2

19 January 2021

L’appuntamento con Salvio era all’ingresso del cinema Splendor, Mimma aspettava già da cinque minuti e si chiedeva se non fosse arrivata troppo in anticipo. Sin dal primo pomeriggio rifletteva su come vestirsi. Dopo varie prove e ripensamenti, decise di non esagerare in eleganza e alla fine indossò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

4
4
39

Il profumo dei ricordi

Tornare a viaggiare

18 January 2021

La nave era ancora lontana dal porto ma già il vento mi portava l'odore tipico dello zolfo eoliano. Vulcano era ancora indistinguibile nella foschia dell'alba, il sole prometteva già l'incantevole, la linea dell'orizzonte alle mie spalle era tutt'uno col cielo: pareva colorata da un bambino. Ero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
4
18

Anni '60 - 1/2

18 January 2021

Nel Quartiere Spagnolo, dove abitavano Salvio e il suo gruppo d’amici, le numerose parrocchie esistenti proponevano le più svariate attività, con l’obbiettivo di attrarre i giovani di diversa età e di sottrarli alla strada e all'illegalità. Don Carlo, il parroco di Maria Addolorata, aveva comprato [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
4
15

Majistre

17 January 2021

Quando varcai la soglia dell’ufficio, non sapevo ancora cosa mi sarebbe potuto accadere da lì a poco Da poco laureato, avevo avuto poche esperienze nel mio ambito Tutte piccole cose L’ufficio era nella palazzina anni 50 in Piazza Magni a Milano Gli esperti la indicano come la più riconosciuta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0392: Interessante esperienza, descritta, forse, un po' velocemente. Complimenti!

  • Patapump: ciao U..grazie in primis. Certo, si sarebbe potuto soffermarsi maggiormente, [...]

0
0
8

canta e balla...

17 January 2021

Canta e balla a tempo di musica muovi il tuo corpo e manifesta il ritmo vitale i tuoi sogni più sinceri in tutto questo preparati! ricevi l’abbondanza la benevolenza fa’ piccoli passi verso la crescita verso il tuo dono guardati attorno e impara dall’abbondanza della vita vedi luce in te [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
24

La piuma della speranza

16 January 2021

Una piuma cadeva tutte le mattine di fronte alla sua casa, o a volte qualcuno gliele lasciava. Ma mai aveva capito chi era il responsabile. La chiamava la piuma della felicità perché ogni mattina nel vederla e in seguito raccoglierla si sentiva un'aria diversa, una brezza fresca. Un'aria di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
4
18

Un arcobaleno di speranza

16 January 2021

Gennaio. Questo è il mio anno. Forse. Ma non correrò troppo. Assaporerò il viaggio aspettando di calpestare la sabbia umida di giugno. Aspettando di poter costruire un castello di sabbia. Aspettando i tuoi sorrisi sereni. Aspettando giorni sereni. La tempesta peggiore è alle spalle. Dicono. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
17

La lacrima

15 January 2021

Umida Salata Nascosta Trattenuta da una diga che ne raccoglie altre Pronta a svelarsi quando succede qualcosa in noi Forte emozioni la fanno emergere Spinta dai canali dell’anima Cade verso il basso E si infrange in altre mille Ogni goccia è una lettera E ognuna di quelle lettere formano parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su