«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi amici e di conseguenza moriva dalla voglia di ritornare a calciare l’amato pallone.

«Stai sperperando tutta l’estate assieme a quei cinque scapestrati. E per oggi non esci più di casa, sappilo.»

Il ragazzino fece spallucce e si ritenne pronto per pranzare.

«Vai in bagno e sciacquati il viso e le mani, non è igienico sedersi a tavola così… come uno Zulu!», lo rimproverò la donna, scuotendo la testa con aria di disapprovazione. Luca, da sempre insofferente alle regole e ai predicozzi della madre, si sedette con nonchalance.

Sulla tavola apparecchiata trovò un piatto coperto da un altro piatto, un cucchiaio, una salvietta, una michetta, un bicchiere e una bottiglietta d’acqua.

Aveva appena sollevato il piatto che restò letteralmente schifato.

«Ma mamma, non lo sai che detesto la minestra di verdure?», protestò a gran voce.

La madre, essendo già molto adirata, lo squadrò severamente pronta a mollargli un ceffone.

«Che credi? Questa casa non è mica un ristorante!», gli disse ammonendolo duramente e con la mano aperta a mezz’aria. «O mangi la minestra o salti dalla finestra!»

Il figlio sorrise furbamente.

«Salto dalla finestra!», esclamò il monello afferrando la bottiglietta d’acqua e addentando il panino a mo’ di pirata. Fu molto veloce: si alzò dalla tavola per andare in direzione della finestra aperta, per poi scavalcarla e buttarsi di sotto.

Il salto non gli procurò nessuna frattura o ferita, in quanto aveva il vantaggio di abitare a pianterreno. Le urla di “qualcuno” non mancarono, in cui veniva intimato di tornare indietro.

Luca si sentì di rivivere le gesta di Steve McQueen in "La grande fuga", uno dei film preferiti dal padre che diverse volte avevano visionato in TV.

Uscito in strada, si frugò nelle tasche senza riuscire a cavarne neanche un centesimo e dovette accontentarsi del magro “bottino”, ma non gli importava.

«Mi è finita a pane e acqua, come avveniva nelle prigioni medievali che abbiamo studiato a scuola, con la sola differenza che sono libero», pensò ironico seppur consapevole che nel tardo pomeriggio, una volta tornato a casa, sarebbe stato punito e per di più mandato a letto senza cena. Si rassegnò al castigo che lo attendeva, tuttavia con facilità i suoi pensieri si concentrarono su un'unica cosa: il pallone.

Sgranocchiò il croccante panino, preservandosi l’intera bottiglietta d’acqua per quando ne avesse avuto bisogno ovverosia durante le partitelle, e di gran carriera tornò al campetto a giocare con Cesare e gli altri, i quali, a differenza sua, avevano i genitori decisamente più permissivi. In caso di fame o di sete nelle vicinanze si trovava un chiosco dei panini sempre aperto per non parlare del camioncino dei gelati che passava immancabilmente tutti i pomeriggi.

Gli amici si stupirono nel rivedere così presto il loro vivace compagno di gioco e lo salutarono animatamente.

«Forza mezze seghe, passatemi la palla!», gridò Luca euforico.

Era felice.

Tutti i racconti

0
2
9

Lo so che ami un altro

Cose che succedono alla bettola di fronte al porto

10 April 2021

La porta è aperta, Ungaretti alle cinque di mattina prepara “ultimo tango a Parigi” e Steely Dan solo per lui canta “do it again” al porto è buio pesto dove saranno gli scrittori? Che cosa hanno pensato, ideato, scritto, sognato, la notte avrà portato consiglio? Le loro barche ancorate galleggiano [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Betty: Non vedevo l'ora di sapere cosa stava succedendo nella bettola... Pure [...]

  • Patapump: walter anche se mi hai citato alla fine t perdono, me fat rirere. e va buo' [...]

1
2
8

Il potere dell'alcool

ESTATE

10 April 2021

Caldo e brezza marina… sulla spiaggia un bar rimediato suona una musica assurda, come siamo arrivati qui.... bha prediamo un drink. Il Bar è frequentato dalle stesse persone che il giorno erano sulla spiaggia a prendere il sole, quindi famiglie, bambini, qualche single, signore over 50 nere come [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

Le indagini di James - 1/2

Parte prima

10 April 2021

James, al secolo Giovanni Calamaretti, guardò nello specchio quasi senza vedersi realmente. I problemi che lo assillavano erano numerosi, troppi anche per uno come lui. Il telefono cordless, ancora in mano, continuava ad avvisare con un fastidioso biiip, che dall'altro capo avevano riattaccato. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

0
1
6

Proverbialmente

10 April 2021

Ho cercato una pagliuzza dentro un sacco di aghi... e mi sono punto! Ho sezionato un uovo ma non ho trovato nessun pelo Ho tagliato la testa al toro e gli animalisti mi hanno denunciato Ho comprato un etto di lardo ma non ho trovato nessun zampino di gatto e non ho visto nemmeno i topi che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
1
13

La gonna con i pizzi

09 April 2021

Ho provato a impegnarmi oggi a impiegare il tempo con il riordino degli armadi. Mal me ne colse! Prima anta: gonne piano inferiore, pantaloni piano superiore e ho cominciato a contare per prima cosa e poi fare una cernita per mettere da parte quegli indumenti che non metterò più, non per improvviso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Anche a me è venuta un po' di nostalgia. Complimenti

2
1
15

Il suo sogno

09 April 2021

Era passata una lunga ed interminabile settimana ed Elena aspettava con ansia quella dannata chiamata per un famoso giornale. Il suo sogno era quello di divenire una notevole scrittrice Ella amava scrivere romanzi d'amore, di fantasia… Aveva appena dato vita ad un suo ennesimo romanzo… La storia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: benvenuta/o. se ti va cambia la U in un nick che ti riconosce. alle tue prox :)

1
3
8

Mareggiata Del Cuore

Poesia

09 April 2021

Onde ineluttabili su di noi a cancellare ogni antico respiro incompreso tra di noi, nelle fredde folate di silenzi celati dai risentimenti. Onde gelate a deturpare tutto ciò che ci circonda sottopelle in questo mare immenso nella sua tempesta di pieno inverno, eppure il suo rumore non dona sgomento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
8
25

Il Biscotto della Fortuna

08 April 2021

Pino, il falegname va in un ristorante giapponese a mangiare nipponerie. Tra i vari posti liberi opta di sedersi nell'unico kotatsu disponibile, un tavolino in legno sopra il quale vi è posto un Futon. «Dice il faggio: persona “levigata”, persona rispettata!» enuncia Ginkgo, il proprietario, accogliendolo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
23

Il potere dell'Angelo

08 April 2021

Gli aghi dei pini mi accarezzano le guance. Amo questi profumi. Le foreste, per me, racchiudono l'anima del creato. Le mie alla candide sfiorano i tronchi rugosi e secolari di queste piante. Vorrei essere come loro. Avere tregua. Sono con voi, vi proteggo. Mi chiamate. Ed io cingo le vostre spalle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
3
13

Sorpresa!

08 April 2021

Recita un famoso proverbio: “Si chiude una porta, si apre un portone”. Non è sempre così, talvolta si chiude una porta e si apre… una botola!

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: e in piena recita da "la bottega del caffè ", speriamo sotto [...]

  • Fulvia: generalmente non lo è!! 😱

1
0
7

TAXI LISBOA - 2/2

parte seconda

08 April 2021

Se solo fosse Jagger. Avrebbe camminato sulle strade dell’amore per vederle, fino all’orlo, andare a fondo nelle lacrime. Per lo meno, ne avrebbe approfittato per plasmare le sue pene trasformandole in canzoni. Cambiò stazione radio. Mentre fuori, in quell’istante, il vecchio stronzo di Fonseca [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
19

AMORE SENZA TEMPO

Ogni relazione vive di propria identità

07 April 2021

Giovanna fissava l’interno del bar, un piccolo bar in una piazzetta nei vicoli intersecati della città di Trieste, mentre lo cercava con lo sguardo. Voleva godere tutto dell’attesa prima di incontrarlo. Ed eccolo, ad un tavolino in un angolo nascosto della saletta, lontano il più possibile da sguardi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su