Da grande appassionato di videogiochi per PC nei miei verdi anni, con la misera paga di 10,00 euro al giorno che percepivo in qualità di commesso in un negozio di casalinghi, mi prodigavo quasi sempre a spendere nell'acquisto di svariate riviste con tanto di CD o DVD contenenti principalmente tantissime demo (versioni dimostrative dei giochi commerciali) delle ultime novità videoludiche, per di più con l’immancabile allegato: un graditissimo gioco in versione completa. In quest’ultimo caso stiamo parlando di quella categoria di games aventi alle spalle dai tre ai quattro anni, considerati in gergo “vetusti” e quindi, oltre ad essere vendibili a basso prezzo, ciò comportava pubblicità sia per le software house e sia per le testate. 

Da segnalare che i nuovi videogiochi che vendevano nei negozi costavano in media sulle 50,00 euro e di conseguenza li ritenevo inaccessibili.  

Adesso mi ritrovo con una vastissima collezione per certi versi inutile, tant'è che conservo i cartacei in un enorme scatolone mentre i dischi ottici in vari cassetti, sebbene anni fa, tramite un noto sito di compravendita, ebbi la possibilità di sbarazzarmi di circa il 30% della raccolta grazie a un collezionista ed estimatore di giochi e riviste degli inizi 2000.

Nonostante ancora oggi mi ritrovi nel giro dell’ambito videoludico, c’è da dire che la scrittura e la lettura di testi narrativi, nonché la cinematografia, risultano ormai le passioni primarie a cui preferisco applicarmi. Col senno di poi, quella specie di mania di acquistare riviste su riviste avrei dovuto cercare in qualche modo di contenerla, poiché avrei potuto soddisfare ben altre esigenze.
Ad ogni modo, le testate che destavano il mio interesse erano: Pc Action, K, Pc Gamer, The Games Machine e soprattutto GMC, che sarebbe l'acronimo di Giochi per il mio Computer, di cui conservo più di 150 numeri.
Mio padre non di rado mi fa la stessa battuta ogni qualvolta rassetto la mia stanza: «Peppe, l'edicolante grazie a te a quest’ora si sta godendo la casa al mare.»
A quel tempo, ovvero durante il periodo scolastico, visto che a causa degli studi lavoravo molto meno, non potendomi concedere quel “vizio” mi sentivo un po’ come Trinchetto (il papà di Braccio di Ferro) senza il suo amato vino. Quindi, con un budget esiguo, mi potevo permettere una sola rivista al mese. Al massimo due Se potevo risparmiavo le 3,00 euro giornaliere che mi elargiva mia madre per la merenda da portare a scuola, solitamente un panino imbottito e una lattina di coca cola.

Al terzo anno delle superiori Giovanni, il mio compagno di banco, anche lui grande fruitore di giochi e in primis di GMC, essendo perlopiù interessato al gioco completo mensile mi propose di dividere le spese. Un mese comprava lui il numero della rivista in questione e un mese il sottoscritto. Chi acquistava si teneva il gioco completo originale, l'altro invece provvedeva a masterizzarlo.

A volte litigammo sull'allegato se riguardava quel genere di giochi che magari non interessava a uno di noi due. Ad esempio il mio compagno di scuola disprezzava i simulatori spaziali mentre io disdegnavo i simulatori di guida, genere di cui Giovanni andava pazzo visto e considerato che oltre i videogames adorava i mezzi su strada. Difatti quando poteva andava a lavorare con entusiasmo nell'officina dello zio, malgrado una paga giornaliera identica alla mia.

Questo finché Giovanni si trovò la ragazza e decise di cimentarsi a fare il meccanico per cinque giorni alla settimana arrivando a guadagnare 200 euro mensili, in quanto desideroso di guadagnare di più a discapito degli studi. Senza troppi giri di parole mi spiegò che per un po’ dovevamo sospendere quel “compro io/compro tu”, dal momento che la “pensione” (così coniava il suo bassissimo salario) nei week end la doveva interamente investire per la benzina del motorino, la pizza, il gelato e qualsivoglia assieme a quella fidanzata.

«Quanto mi costa la sgacchera!», ammetteva ridendo.

Non la presi tanto bene, non per il fatto che si fosse legato sentimentalmente a qualcuna (del resto erano cazzi suoi, anzi, gli feci ironicamente le condoglianze), ma per via del fatto che stavo perdendo il “socio”.

Pensai tra me il perché non riuscisse o non volesse mettere da parte 10,00 euro, in fondo in fondo si trattava di una piccola cifra. Mi insospettii, probabilmente il suo interesse per i videogames era scemato e difatti non mi sbagliai. 

«Amico caro, ormai è da un bel pezzo che da GMC sono passato a GMP», mi disse una mattina durante la ricreazione col chiaro intento di porre fine al nostro sodalizio una volta per tutte. Non capii quell'acronimo e gli chiesi il significato.

Mi rispose istantaneamente: «Giochi per il mio Pisello!»

Tutti i racconti

2
2
9

Majistre

17 January 2021

Quando varcai la soglia dell’ufficio, non sapevo ancora cosa mi sarebbe potuto accadere da lì a poco Da poco laureato, avevo avuto poche esperienze nel mio ambito Tutte piccole cose L’ufficio era nella palazzina anni 50 in Piazza Magni a Milano Gli esperti la indicano come la più riconosciuta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Roberta21: sei un grande talento

  • Patapump: e tu Roberta gentilissima. Son sincero, che facendo la ricerca storica mi sono [...]

0
0
5

canta e balla...

17 January 2021

Canta e balla a tempo di musica muovi il tuo corpo e manifesta il ritmo vitale i tuoi sogni più sinceri in tutto questo preparati! ricevi l’abbondanza la benevolenza fa’ piccoli passi verso la crescita verso il tuo dono guardati attorno e impara dall’abbondanza della vita vedi luce in te [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
16

La piuma della speranza

16 January 2021

Una piuma cadeva tutte le mattine di fronte alla sua casa, o a volte qualcuno gliele lasciava. Ma mai aveva capito chi era il responsabile. La chiamava la piuma della felicità perché ogni mattina nel vederla e in seguito raccoglierla si sentiva un'aria diversa, una brezza fresca. Un'aria di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
4
13

Un arcobaleno di speranza

16 January 2021

Gennaio. Questo è il mio anno. Forse. Ma non correrò troppo. Assaporerò il viaggio aspettando di calpestare la sabbia umida di giugno. Aspettando di poter costruire un castello di sabbia. Aspettando i tuoi sorrisi sereni. Aspettando giorni sereni. La tempesta peggiore è alle spalle. Dicono. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
11

La lacrima

15 January 2021

Umida Salata Nascosta Trattenuta da una diga che ne raccoglie altre Pronta a svelarsi quando succede qualcosa in noi Forte emozioni la fanno emergere Spinta dai canali dell’anima Cade verso il basso E si infrange in altre mille Ogni goccia è una lettera E ognuna di quelle lettere formano parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
4
7

UNA FESTA NEL DESERTO

Monegros

15 January 2021

La sabbia secca del deserto spagnolo quella mattina di luglio bruciava e si crepava come nei film che dipingono uno scenario di disastro apocalittico, il sole bruciava così tanto da non poterlo neanche fissare un secondo. Avevo perso il gruppo del mio bus ormai almeno da 30 ore e sapevo che non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
0
18

L'Angelo di Eudamón

14 January 2021

"Solamente con un amore profondo, Il docile presente Irradierà luce, Accecherà il male E cesserà il suo karma." Abbiate fede. Enciclica papale MCMLV Breve introduzione: Eudamón, proveniente dalla parola eudamonia, ossia felicità come scopo della vita e come fondamento dell'etica. La parola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
28

Il tram numero nove

14 January 2021

Da ragazza lavoravo in un chiosco di fiori. Un angolo verde Tiffany tra il grigiore dei palazzi antichi. Creavo nuvolette di colore che rendevano deliziosa la giornata di qualche signorina ben vestita. A me i vestiti li passava la figlia della proprietaria. Ma non faceva nulla. Ero felice lo stesso. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
19

Una capriola ed oplà

13 January 2021

Oplà Una capriola ed oplà Piedi uniti Un salto E l’arrivo La lunga trave sottile I piedi ben saldi La testa in giù Che strana vista da qua Occhi alla bocca e bocca agli occhi Capelli al cielo Schiena arcuata Disciplina senza esitazioni Scarpette rosse Speranze e sacrifici in pochi attimi La gloria [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
3
11

il cacciatore

13 January 2021

Da cacciatore, sei adesso la preda. Il cacciatore fuggì, e la bestia lo inseguì. Fuggì attraverso il bosco, senza guardarsi indietro. I suoi compagni erano tutti morti. Ma cos'era successo di preciso? Una semplice caccia a qualcosa di indefinito era diventata un incubo. Ancora lui non riusciva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Vincenzo Bevilacqua: Ti ringrazio di aver dedicato il tuo tempo a leggere il mio racconto . Sicuramente [...]

  • Patapump: esatto Vincenzo, il film è proprio quello, consiglio visione. scritto [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
2
18

Un mondo di vibrazioni

12 January 2021

Viviamo in un mondo di vibrazioni. In un mondo di sensazioni. Siamo energia pura e ognuno di noi risponde a ciascuna vibrazione. Vibrazione buona, vibrazione cattiva, vibrazione forte e vibrazione lenta. Il mondo è energia, ogni cosa che ci circonde vibra. La tristezza vibra, la depressione con [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • mysterywhiteboy: Mi piace molto lo stile, mi ricorda la poesia Bukowskiana per certi versi, [...]

  • AmorLibre: Grazie mille ❤
    Anche le parole sono pura energia 😊

1
2
22

Stella

12 January 2021

Abbiamo lo stesso colore degli occhi, le stesse labbra, gli stessi capelli. Tante espressioni uguali. Ma tu sei veramente bella. Brilli con il tuo sorriso solare, luminoso, contagioso. Sei dolce, tenera. Sei tutto per me. Sei tutto quello che ho. Il mio vero amore. Spero di essere la mamma che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su