Mi trovavo a Roma, precisamente all'aeroporto di Fiumicino per prendere un volo per Varsavia.  Ero in attesa di attraversare i Controlli. La fila risultava abbastanza lunga ed in mano tenevo una valigia esternamente disseminata di adesivi. 

Avete presente una divisa piena di mostrine e di medaglie? Oppure un frigo con migliaia di calamite piazzate in ogni dove? Ecco, il mio bagaglio a mano c'aveva incollato tantissimi "posti", o comunque luoghi. In sostanza dal "Polo Sud" al "Polo Nord" ovvero dall'alto in basso della Samsonite piena di “tappe.”

Ad un certo punto una giovane donna di origine svizzera diretta a Ginevra, chiaramente annoiata da quel profluvio di persone, attaccò bottone col sottoscritto. Le raccontai che stavo andando in Polonia dalla mia ragazza (ormai ex da circa cinque anni) e che il tempo non prometteva niente di buono. Infatti, nella mattinata avvenne un brutto temporale e ciò aveva procurato disagi e di conseguenza ritardi nella quasi totalità dei voli.

La ginevrina ad un certo punto si focalizzò sulla mia valigia, tant'è che rimase ammirata dalla moltitudine di adesivi. Mi reputò un provetto ed esperto viaggiatore.

«Una valigia di tutto rispetto, da avventuriero proprio.» osservò.

«Ah, guarda c'è di tutto», esposi elencando un po', «Hotel Hilton di New York, Hotel Mediterraneo di Atene, Bangkok, Malaysia, Jakarta, Cheng Resort di Hong Kong, Pretoria, Bogotà, Tibet, Hammamet Resort di Tunisi, Costa Rica, Paraguay... eh avoglia!»

«Ti manca il Panama.»

«Beh, già…»

«Intendevo dire il cappello in testa!»

Sorrisi.

«Però, quanti luoghi!», esclamò la svizzerotta.

«L'unica cosa che stona», ammisi facendo boccuccia, «Sarebbe l'etichetta dell'albergo Trinacria di Palermo.»

«Come mai?»

«Perché finora è l'unico posto in cui sono stato veramente.»

La Suisse scoppiò a ridere.

«Sei troppo simpatico! Sono sicura che la tua ragazza con te si diverte e si divertirà un "mondo", giusto per restare in tema.»

Porco mondo, non proprio. I dieci giorni passati insieme ad A. furono costellati dai litigi per via del suo carattere di merda estremamente lunatico.

Successivamente quando tornai in Italia, cioè a casa, mia madre notò subito che ero profondamente scazzato. Da precisare che avevo comprato dei souvenir, quindi il bagaglio risultava più pesante rispetto alla partenza.

«Ma cosa c'hai messo dentro? mi chiese la mamma soppesando la Samsonite prima di aprirla.»

«Rabbia, incazzature e bestemmie!»

Ad ogni modo tutti quei caccamarini (così chiamavo gli adesivi, giusto per citare Lino Banfi in una sequenza del film “Al bar dello sport”) furono applicati da Elisa, la mia sorellina, poiché glieli aveva regalati una sua compagnetta di classe in quanto il padre gestiva una agenzia di viaggio. Si stupì che non “aggiornai” la valigia con dei posti polacchi. E dire che l’avevo girata in lungo e largo.

In effetti mancavano, ma soprattutto l’adesivo più importante rivolto ad A. la ragazza di allora: Suka! (Stronza, trad. in polacco)

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
1
13

La telefonata - 3/3

04 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Il giorno successivo non andò in ufficio. Il suo direttore non vedendolo arrivare si preoccupò, da quando lo conosceva non era mai successo una cosa del genere. Telefonò a casa sua ma il telefono risultava staccato e la cosa lo insospettì ancora di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ...immaginavo ci sarebbe stato il defunto...ciao

16
26
64

Lo specchio della bisnonna

Ricordi d'infanzia

03 July 2020

Quando ero piccolo, ogniqualvolta andavo a trovare la mia bisnonna materna, mi divertivo moltissimo a giocare e a fare monellerie di ogni tipo ma al contempo mi angosciavo poiché ritenevo la sua abitazione per certi versi stregata. Uno dei motivi principali, a parte l'atipica architettura della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Bella monella questa bis...ma penso si divertisse un mondo, probabilmente tornata [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, la bisnonna oltre che monella sapeva come atterrire. :-) Non sono [...]

1
1
14

La telefonata - 2/3

03 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore E per settimane e mesi continuò così in quel modo. Aveva provato anche a staccare il telefono qualche notte, ma fu del tutto inutile, perché ormai era entrato in un circolo vizioso in cui non poteva fare a meno di quegli squilli notturni. Facevano ormai [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
15

I nodi

02 July 2020

Al mondo esistono vari tipi di nodi. Ci sono i nodi semplici, quelli francescani, i cappuccini, i nodi dell'impiccato e quelli inglesi. Poi ci sono i nodi a bocca di lupo, quelli da gancio, i nodi dell'artigliere e i nodi del marinaio. Quest'ultimi sono i più difficili da sciogliere. Infine ci [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
2
19

La telefonata - 1/2

02 July 2020

LA TELEFONATA racconto di Michele Pingitore Fino alla fine non riuscì a comprendere perché quello che accade, accade proprio a lui. Un mistero inspiegabile e un destino beffardo il suo. Perché il fato, il destino o come lo si vuole chiamare, si era impuntato proprio verso di lui? Cosa aveva fatto [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Patapump: e qua incuriosisci caro Michele! a domani per svelare l'arcano. Ah...mi [...]

  • U1102: Grazie! ZeroCalcare, ma dai no io sono più bello... ( - : comunque [...]

3
3
16

Capita

01 July 2020

Capita a volte Un colpo di vento che strappa via il tuo ombrello Un gradino non visto ed un tuo tuffo nel nulla La portiera della macchina che trattiene il tuo dito Capita a volte Nuotare al largo e accorgersi che manca il fiato per tornare a riva Cozzare contro un carrello e rovesciare la spesa [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Vicky: Bella, complimenti.. Tutto ha un suo senso infatti 😊

  • Patapump: Grazie ..una buona serata. Mi dicono ci sia Vasco..lui di.poesia ne sa :)

3
2
13

Il Granchio Reale

01 July 2020

In un affollato ristorante nei caruggi di Genova io e Francesca, la mia fidanzata, ci sediamo nell'unico tavolo libero per ordinare e mangiare pesce. Nell'attesa che ci portano i menù guardo pigramente la vasca dei Granchi Reali di fronte a noi. Noto che l'unico crostaceo rimasto, attraverso le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Oh c.... povero granchio. Ho sentito il vento del mare che arrivava nei caruggi..ciao [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Povero granchio e "povero" me. :D
    Non hai idea di quanta magia [...]

4
2
16

Il pipittunaru

30 June 2020

Oggi non si trova più nessuno a continuare questo mestiere perché i tempi sono cambiati e la globalizzazione, il mercato, porta ogni prodotto nelle tavole dei consumatori a prezzi più ridotti possibile, vuoi per la commercializzazione industriale, vuoi per far arrivare al consumatore un prodotto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Il pipittunaru! Certo che me lo ricordo! Avendo vissuto i miei primi dieci [...]

  • Ilaria: bravo anche se devo ammettere che mi ha colpito molto perché è [...]

5
7
21

L'antidoto umano

30 June 2020

Come un pipistrello nella notte, il Male entrò in picchiata, insinuandosi all'interno della prima vittima. Col tempo il suo veleno si diffuse, infettando milioni, uccidendo migliaia e complicando la vita praticamente a tutti. Le persone si distanziarono per proteggere loro stesse e i loro cari, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
16

La camicia rosa chiaro

30 June 2020

In camicia rosa chiaro ben stirata, un tardo pomeriggio, l'uomo prese il regionale verso casa. Il cinturino nero al polso accompagnava il movimento della mano, sollevata lentamente fino a quando, all’altezza della spalla, mostrò cenni di saluto ai passeggeri con le dita, mentre attraversando il [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
6
25

Lacrime dolci

29 June 2020

Piove incessantemente da giorni. Piccole pause tra uno scroscio e l'altro, poi le dolci minuscole ampolle si susseguono senza tregua, rincorrendosi in discesa libera. Mi soffermo a guardarle. Alcune, staccandosi dal cornicione, scivolano sul vetro della finestra che si affaccia sui calanchi. [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
14

Cose così

29 June 2020

Camminando senza calze in una contrada della Caledonia in compagnia del mio cocker con un collare in corallo di California e circondato dal canto di un cuculo su un cipresso e da coniglietti che attraversavano campi di corbezzoli, incontrai per caso una contadinella con un curioso cappello color [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su