Raccolta di otto testi di tipo black humour o simil black humour, un sottogenere di satira che tratta di eventi o argomenti generalmente considerati seri o delicati.

In “Black Humor Scilipotiano” almeno un paio di testi possono arrivare a rasentare la barzelletta inoltre gli ultimi due scritti risultano per giunta autobiografici.

Non sarò bravo come i britannici (indiscussi maestri del genere), ma essendo desideroso di sperimentare più generi possibili attraverso la scrittura mi è sembrato giusto e soprattutto divertente provarci anch’io.

 

 

 

Il dottor Marte e il paziente assai malato

 

Il dottor Marte, storpiato col nome di Dottor Morte per il suo modo bizzarro di comunicare notizie per nulla rassicuranti ai pazienti, invita un paziente assai malato ad accomodarsi nello studio medico.

Dottore - "Ho una buona e una cattiva notizia. Quale vorresti ascoltare per prima?"
Paziente - "Quella buona per favore."
Dottore - "Ho l'esito finale dei risultati e purtroppo per te ti restano soltanto sette giorni di vita."
Paziente - "Ah, mentre la notizia cattiva?"
Dottore - "È da una settimana che cerco di contattarti e soltanto stamattina ci sono riuscito."

 

 

Il dottor Marte e l’allettato

 

Il dottor Marte, storpiato col nome di Dottor Morte per il suo modo bizzarro di comunicare notizie per nulla rassicuranti ai pazienti, si piazza davanti al letto di un degente proprio al momento del risveglio.

Dottore - “Bentornato tra i vivi!”

Il medico misurando la temperatura al signore allettato gli comunica che sarà necessaria l’assunzione di farmaci specifichi.

Paziente - “Ma che mi succede? Non riesco a sentire le gambe!"

Dottore - “Non si faccia prendere dal panico, è perfettamente normale. È perché le ho semplicemente amputate!"

 

 

Wallace e il computer intelligente

 

Wallace, uno scienziato di Edimburgo, dopo anni e anni di dedizione riuscì a inventare un computer intelligente capace di rispondere a qualsiasi domanda. Da buon scozzese lo battezzò col nome di Mac. (Macintosh non c'entra!)

«Mac, perché non riesco a trovare una fidanzata?»

Mac, in men che non si dica, attivò la fotocamera frontale e con una cibernetica voce gli disse:

«A vadditi nto' specchiu!»

Purtroppo Wallace aveva impostato erroneamente il computer in lingua siciliana e l'invito a guardarsi nello specchio passò inizialmente inosservato. Realizzò in seguito, precisamente dopo aver impostato l'elaboratore in inglese. 

 

 

L’ex principessa

 

La mia ex ragazza pretendeva un matrimonio proprio come quello di una fiaba.

Le ho dato una pagnotta e l'ho lasciata da sola nel bosco.

L’accontentai, del resto era o non era la mia principessa?

 

 

Dottore…

 

- Dottore per favore venga subito qui, mia figlia ha mangiato del cemento. Cosa posso fare? -

- Innanzitutto, non le dia dell’acqua. Il tempo di chiudere lo studio e vengo da voi. Calma e gesso! -

 

 

Giorgio e Bruna

 

Giorgio, si innamorò fin da subito di una ragazza di nome Bruna, conosciuta al parco proprio mentre facevano jogging.

Si sedettero in una panchina e in brevissimo tempo il ragazzo si dichiarò senza preamboli.

Lei - “Ehi, ma come corri!”

Lui - “Ma se stiamo fermi!”

Lei - “Guarda che io cambio i ragazzi come le scarpe!”

Lui - “Da tennis?

Lei - “Sì, anche!”

Lui - “Quindi non ho speranze?”

Lei - “Guarda, in verità sei molto carino. Oh chissà, magari in seguito mi potrei innamorare di te!”

Giorgio scosse la testa e le disse in maniera schietta: “Non spezzare mai il mio cuore. Se proprio devi spezzare qualcosa di me preferisco qualche osso, tanto ne ho circa duecento.”

 

 

Corso di paracadutismo - Testo autobiografico

 

Nel periodo in cui ero nell’esercito feci un corso di paracadutismo. Completai soltanto la parte teorica in quanto, non superando il concorso per accedere alla ferma quadriennale, non fu necessario completarlo visto che due mesi dopo mi sarei congedato.

Confesso che prima di mollare le lezioni mi “lanciai”, cioè mi prodigai, con molto entusiasmo, infatti seguivo con estrema attenzione l’istruttore, tant’è che prendevo appunti in un taccuino.

All’occorrenza esternavo le domande al maresciallo di origine napoletana che paradossalmente di cognome faceva Volo, proprio come il famoso conduttore radiofonico e televisivo

«Marescià, ma se la cordicella non si dovesse aprire?», gli chiesi un pomeriggio mentre il corso era in “corso.”

«Tira la cordicella di emergenza, che si trova all’estrema destra.»

«E se non si dovesse aprire nemmeno quella?»

«Beh, semplicemente capirai al “volo” che il paracadutismo non fa per te.»

E i miei commilitoni gesticolando con fare aleggiante mi intonarono in coro una canzone canzonatoria: «Vola, colomba bianca, volaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!»

 

 

La mensa militare - Testo autobiografico

 

Nel periodo in cui ero nell’esercito, precisamente a due mesi esatti di caserma, una mattina al termine di un duro addestramento il tenente diede ‘il rompete le righe’ in quanto, essendo quasi mezzogiorno, si doveva andare a mensa per pranzare.

La fila risultava lunghissima, la fame mi stava divorando dentro e durante l’attesa io e un certo Trapani, un collega originario di Palermo, discutemmo piacevolmente, constatando che la mensa militare non era affatto male anche perché gestita da una cooperativa esterna, quindi noi militari eravamo esentati dalla corvée e se si veniva puniti… nessuno doveva pelare montagne di patate.

Sull’igiene e soprattutto sulla qualità del cibo dovetti poi “rimangiarmi” le parole poiché, appena mi piazzai col vassoio davanti la bacheca col cibo in esposizione, notai qualcosa in uno dei vogue (contenitori per alimenti in acciaio inox) che mi fece ripugnanza e raccapriccio.

Una civile, precisamente una delle donne addette alla distribuzione dei pasti, notò la mia titubanza.

«Che prendi? C’è la pasta al pomodoro, l’insalata di pomodoro, il riso al pomodoro…»

«Tutto al pomodoro, praticamente!»

«Eh sì!»

Con discrezione indicai con un cenno il contenitore col risotto.

«Scusa, guarda che c’è un moscone morto proprio lì!», le dissi schifato.

La donna strabuzzò gli occhi e nervosamente portò l’indice sulle labbra.

« Shhh, parla piano. Sennò la vogliono tutti e si crea confusione!»

Tutti i racconti

0
0
2

Imput di un killer

20 January 2021

Sul suo calzino bianco una macchiolina rossa richiama il ciondolo a forma di cuore appeso al suo collo, un piccione al semaforo si china poggiando su una spalla dentro a una pozzanghera, il vento soffia forte. La macchiolina ora ha una forma più tondeggiante, ricorda una pesca sul suo lato più [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

Una piccola lezione di pensiero laterale

20 January 2021

“Sol, Sol! Guarda che bei fiori!” Nina, una bambina di appena 11 anni con i capelli biondi e gli occhi azzurri, si trovava insieme a Sol, una ragazza di 23 anni con i capelli rossi e gli occhi verdi in mezzo a un bosco bellissimo, caratterizzato da un piccolo corso d'acqua, maestosi alberi e tantissimi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
5
28

Se non fosse per te

19 January 2021

Se non fosse per te lambirei i contorni E non entrerei in quella immensa radura chiamata vita Se non fosse per te navigherei su fragili navi, in mari percossi da venti che porterebbero al largo E incontrerei aggressive balene bianche, pesci martello e ostili genti Se non fosse per te il cibo sarebbe [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
22

Anni '60 - 2/2

19 January 2021

L’appuntamento con Salvio era all’ingresso del cinema Splendor, Mimma aspettava già da cinque minuti e si chiedeva se non fosse arrivata troppo in anticipo. Sin dal primo pomeriggio rifletteva su come vestirsi. Dopo varie prove e ripensamenti, decise di non esagerare in eleganza e alla fine indossò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

4
4
33

Il profumo dei ricordi

Tornare a viaggiare

18 January 2021

La nave era ancora lontana dal porto ma già il vento mi portava l'odore tipico dello zolfo eoliano. Vulcano era ancora indistinguibile nella foschia dell'alba, il sole prometteva già l'incantevole, la linea dell'orizzonte alle mie spalle era tutt'uno col cielo: pareva colorata da un bambino. Ero [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
4
17

Anni '60 - 1/2

18 January 2021

Nel Quartiere Spagnolo, dove abitavano Salvio e il suo gruppo d’amici, le numerose parrocchie esistenti proponevano le più svariate attività, con l’obbiettivo di attrarre i giovani di diversa età e di sottrarli alla strada e all'illegalità. Don Carlo, il parroco di Maria Addolorata, aveva comprato [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
4
14

Majistre

17 January 2021

Quando varcai la soglia dell’ufficio, non sapevo ancora cosa mi sarebbe potuto accadere da lì a poco Da poco laureato, avevo avuto poche esperienze nel mio ambito Tutte piccole cose L’ufficio era nella palazzina anni 50 in Piazza Magni a Milano Gli esperti la indicano come la più riconosciuta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0392: Interessante esperienza, descritta, forse, un po' velocemente. Complimenti!

  • Patapump: ciao U..grazie in primis. Certo, si sarebbe potuto soffermarsi maggiormente, [...]

0
0
8

canta e balla...

17 January 2021

Canta e balla a tempo di musica muovi il tuo corpo e manifesta il ritmo vitale i tuoi sogni più sinceri in tutto questo preparati! ricevi l’abbondanza la benevolenza fa’ piccoli passi verso la crescita verso il tuo dono guardati attorno e impara dall’abbondanza della vita vedi luce in te [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
20

La piuma della speranza

16 January 2021

Una piuma cadeva tutte le mattine di fronte alla sua casa, o a volte qualcuno gliele lasciava. Ma mai aveva capito chi era il responsabile. La chiamava la piuma della felicità perché ogni mattina nel vederla e in seguito raccoglierla si sentiva un'aria diversa, una brezza fresca. Un'aria di [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
4
17

Un arcobaleno di speranza

16 January 2021

Gennaio. Questo è il mio anno. Forse. Ma non correrò troppo. Assaporerò il viaggio aspettando di calpestare la sabbia umida di giugno. Aspettando di poter costruire un castello di sabbia. Aspettando i tuoi sorrisi sereni. Aspettando giorni sereni. La tempesta peggiore è alle spalle. Dicono. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
14

La lacrima

15 January 2021

Umida Salata Nascosta Trattenuta da una diga che ne raccoglie altre Pronta a svelarsi quando succede qualcosa in noi Forte emozioni la fanno emergere Spinta dai canali dell’anima Cade verso il basso E si infrange in altre mille Ogni goccia è una lettera E ognuna di quelle lettere formano parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
4
7

UNA FESTA NEL DESERTO

Monegros

15 January 2021

La sabbia secca del deserto spagnolo quella mattina di luglio bruciava e si crepava come nei film che dipingono uno scenario di disastro apocalittico, il sole bruciava così tanto da non poterlo neanche fissare un secondo. Avevo perso il gruppo del mio bus ormai almeno da 30 ore e sapevo che non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

Torna su