Raccolta di otto testi di tipo black humour o simil black humour, un sottogenere di satira che tratta di eventi o argomenti generalmente considerati seri o delicati.

In “Black Humor Scilipotiano” almeno un paio di testi possono arrivare a rasentare la barzelletta inoltre gli ultimi due scritti risultano per giunta autobiografici.

Non sarò bravo come i britannici (indiscussi maestri del genere), ma essendo desideroso di sperimentare più generi possibili attraverso la scrittura mi è sembrato giusto e soprattutto divertente provarci anch’io.

 

 

 

Il dottor Marte e il paziente assai malato

 

Il dottor Marte, storpiato col nome di Dottor Morte per il suo modo bizzarro di comunicare notizie per nulla rassicuranti ai pazienti, invita un paziente assai malato ad accomodarsi nello studio medico.

Dottore - "Ho una buona e una cattiva notizia. Quale vorresti ascoltare per prima?"
Paziente - "Quella buona per favore."
Dottore - "Ho l'esito finale dei risultati e purtroppo per te ti restano soltanto sette giorni di vita."
Paziente - "Ah, mentre la notizia cattiva?"
Dottore - "È da una settimana che cerco di contattarti e soltanto stamattina ci sono riuscito."

 

 

Il dottor Marte e l’allettato

 

Il dottor Marte, storpiato col nome di Dottor Morte per il suo modo bizzarro di comunicare notizie per nulla rassicuranti ai pazienti, si piazza davanti al letto di un degente proprio al momento del risveglio.

Dottore - “Bentornato tra i vivi!”

Il medico misurando la temperatura al signore allettato gli comunica che sarà necessaria l’assunzione di farmaci specifichi.

Paziente - “Ma che mi succede? Non riesco a sentire le gambe!"

Dottore - “Non si faccia prendere dal panico, è perfettamente normale. È perché le ho semplicemente amputate!"

 

 

Wallace e il computer intelligente

 

Wallace, uno scienziato di Edimburgo, dopo anni e anni di dedizione riuscì a inventare un computer intelligente capace di rispondere a qualsiasi domanda. Da buon scozzese lo battezzò col nome di Mac. (Macintosh non c'entra!)

«Mac, perché non riesco a trovare una fidanzata?»

Mac, in men che non si dica, attivò la fotocamera frontale e con una cibernetica voce gli disse:

«A vadditi nto' specchiu!»

Purtroppo Wallace aveva impostato erroneamente il computer in lingua siciliana e l'invito a guardarsi nello specchio passò inizialmente inosservato. Realizzò in seguito, precisamente dopo aver impostato l'elaboratore in inglese. 

 

 

L’ex principessa

 

La mia ex ragazza pretendeva un matrimonio proprio come quello di una fiaba.

Le ho dato una pagnotta e l'ho lasciata da sola nel bosco.

L’accontentai, del resto era o non era la mia principessa?

 

 

Dottore…

 

- Dottore per favore venga subito qui, mia figlia ha mangiato del cemento. Cosa posso fare? -

- Innanzitutto, non le dia dell’acqua. Il tempo di chiudere lo studio e vengo da voi. Calma e gesso! -

 

 

Giorgio e Bruna

 

Giorgio, si innamorò fin da subito di una ragazza di nome Bruna, conosciuta al parco proprio mentre facevano jogging.

Si sedettero in una panchina e in brevissimo tempo il ragazzo si dichiarò senza preamboli.

Lei - “Ehi, ma come corri!”

Lui - “Ma se stiamo fermi!”

Lei - “Guarda che io cambio i ragazzi come le scarpe!”

Lui - “Da tennis?

Lei - “Sì, anche!”

Lui - “Quindi non ho speranze?”

Lei - “Guarda, in verità sei molto carino. Oh chissà, magari in seguito mi potrei innamorare di te!”

Giorgio scosse la testa e le disse in maniera schietta: “Non spezzare mai il mio cuore. Se proprio devi spezzare qualcosa di me preferisco qualche osso, tanto ne ho circa duecento.”

 

 

Corso di paracadutismo - Testo autobiografico

 

Nel periodo in cui ero nell’esercito feci un corso di paracadutismo. Completai soltanto la parte teorica in quanto, non superando il concorso per accedere alla ferma quadriennale, non fu necessario completarlo visto che due mesi dopo mi sarei congedato.

Confesso che prima di mollare le lezioni mi “lanciai”, cioè mi prodigai, con molto entusiasmo, infatti seguivo con estrema attenzione l’istruttore, tant’è che prendevo appunti in un taccuino.

All’occorrenza esternavo le domande al maresciallo di origine napoletana che paradossalmente di cognome faceva Volo, proprio come il famoso conduttore radiofonico e televisivo

«Marescià, ma se la cordicella non si dovesse aprire?», gli chiesi un pomeriggio mentre il corso era in “corso.”

«Tira la cordicella di emergenza, che si trova all’estrema destra.»

«E se non si dovesse aprire nemmeno quella?»

«Beh, semplicemente capirai al “volo” che il paracadutismo non fa per te.»

E i miei commilitoni gesticolando con fare aleggiante mi intonarono in coro una canzone canzonatoria: «Vola, colomba bianca, volaaaaaaaaaaaaaaaaaa!!!»

 

 

La mensa militare - Testo autobiografico

 

Nel periodo in cui ero nell’esercito, precisamente a due mesi esatti di caserma, una mattina al termine di un duro addestramento il tenente diede ‘il rompete le righe’ in quanto, essendo quasi mezzogiorno, si doveva andare a mensa per pranzare.

La fila risultava lunghissima, la fame mi stava divorando dentro e durante l’attesa io e un certo Trapani, un collega originario di Palermo, discutemmo piacevolmente, constatando che la mensa militare non era affatto male anche perché gestita da una cooperativa esterna, quindi noi militari eravamo esentati dalla corvée e se si veniva puniti… nessuno doveva pelare montagne di patate.

Sull’igiene e soprattutto sulla qualità del cibo dovetti poi “rimangiarmi” le parole poiché, appena mi piazzai col vassoio davanti la bacheca col cibo in esposizione, notai qualcosa in uno dei vogue (contenitori per alimenti in acciaio inox) che mi fece ripugnanza e raccapriccio.

Una civile, precisamente una delle donne addette alla distribuzione dei pasti, notò la mia titubanza.

«Che prendi? C’è la pasta al pomodoro, l’insalata di pomodoro, il riso al pomodoro…»

«Tutto al pomodoro, praticamente!»

«Eh sì!»

Con discrezione indicai con un cenno il contenitore col risotto.

«Scusa, guarda che c’è un moscone morto proprio lì!», le dissi schifato.

La donna strabuzzò gli occhi e nervosamente portò l’indice sulle labbra.

« Shhh, parla piano. Sennò la vogliono tutti e si crea confusione!»

Tutti i racconti

0
2
7

Lo so che ami un altro

Cose che succedono alla bettola di fronte al porto

10 April 2021

La porta è aperta, Ungaretti alle cinque di mattina prepara “ultimo tango a Parigi” e Steely Dan solo per lui canta “do it again” al porto è buio pesto dove saranno gli scrittori? Che cosa hanno pensato, ideato, scritto, sognato, la notte avrà portato consiglio? Le loro barche ancorate galleggiano [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Betty: Non vedevo l'ora di sapere cosa stava succedendo nella bettola... Pure [...]

  • Patapump: walter anche se mi hai citato alla fine t perdono, me fat rirere. e va buo' [...]

0
2
7

Il potere dell'alcool

ESTATE

10 April 2021

Caldo e brezza marina… sulla spiaggia un bar rimediato suona una musica assurda, come siamo arrivati qui.... bha prediamo un drink. Il Bar è frequentato dalle stesse persone che il giorno erano sulla spiaggia a prendere il sole, quindi famiglie, bambini, qualche single, signore over 50 nere come [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
9

Le indagini di James - 1/2

Parte prima

10 April 2021

James, al secolo Giovanni Calamaretti, guardò nello specchio quasi senza vedersi realmente. I problemi che lo assillavano erano numerosi, troppi anche per uno come lui. Il telefono cordless, ancora in mano, continuava ad avvisare con un fastidioso biiip, che dall'altro capo avevano riattaccato. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
1
5

Proverbialmente

10 April 2021

Ho cercato una pagliuzza dentro un sacco di aghi... e mi sono punto! Ho sezionato un uovo ma non ho trovato nessun pelo Ho tagliato la testa al toro e gli animalisti mi hanno denunciato Ho comprato un etto di lardo ma non ho trovato nessun zampino di gatto e non ho visto nemmeno i topi che [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
1
13

La gonna con i pizzi

09 April 2021

Ho provato a impegnarmi oggi a impiegare il tempo con il riordino degli armadi. Mal me ne colse! Prima anta: gonne piano inferiore, pantaloni piano superiore e ho cominciato a contare per prima cosa e poi fare una cernita per mettere da parte quegli indumenti che non metterò più, non per improvviso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Adribel: Anche a me è venuta un po' di nostalgia. Complimenti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
15

Il suo sogno

09 April 2021

Era passata una lunga ed interminabile settimana ed Elena aspettava con ansia quella dannata chiamata per un famoso giornale. Il suo sogno era quello di divenire una notevole scrittrice Ella amava scrivere romanzi d'amore, di fantasia… Aveva appena dato vita ad un suo ennesimo romanzo… La storia [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: benvenuta/o. se ti va cambia la U in un nick che ti riconosce. alle tue prox :)

1
3
8

Mareggiata Del Cuore

Poesia

09 April 2021

Onde ineluttabili su di noi a cancellare ogni antico respiro incompreso tra di noi, nelle fredde folate di silenzi celati dai risentimenti. Onde gelate a deturpare tutto ciò che ci circonda sottopelle in questo mare immenso nella sua tempesta di pieno inverno, eppure il suo rumore non dona sgomento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

6
8
25

Il Biscotto della Fortuna

08 April 2021

Pino, il falegname va in un ristorante giapponese a mangiare nipponerie. Tra i vari posti liberi opta di sedersi nell'unico kotatsu disponibile, un tavolino in legno sopra il quale vi è posto un Futon. «Dice il faggio: persona “levigata”, persona rispettata!» enuncia Ginkgo, il proprietario, accogliendolo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
23

Il potere dell'Angelo

08 April 2021

Gli aghi dei pini mi accarezzano le guance. Amo questi profumi. Le foreste, per me, racchiudono l'anima del creato. Le mie alla candide sfiorano i tronchi rugosi e secolari di queste piante. Vorrei essere come loro. Avere tregua. Sono con voi, vi proteggo. Mi chiamate. Ed io cingo le vostre spalle [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
13

Sorpresa!

08 April 2021

Recita un famoso proverbio: “Si chiude una porta, si apre un portone”. Non è sempre così, talvolta si chiude una porta e si apre… una botola!

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: e in piena recita da "la bottega del caffè ", speriamo sotto [...]

  • Fulvia: generalmente non lo è!! 😱

1
0
7

TAXI LISBOA - 2/2

parte seconda

08 April 2021

Se solo fosse Jagger. Avrebbe camminato sulle strade dell’amore per vederle, fino all’orlo, andare a fondo nelle lacrime. Per lo meno, ne avrebbe approfittato per plasmare le sue pene trasformandole in canzoni. Cambiò stazione radio. Mentre fuori, in quell’istante, il vecchio stronzo di Fonseca [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
19

AMORE SENZA TEMPO

Ogni relazione vive di propria identità

07 April 2021

Giovanna fissava l’interno del bar, un piccolo bar in una piazzetta nei vicoli intersecati della città di Trieste, mentre lo cercava con lo sguardo. Voleva godere tutto dell’attesa prima di incontrarlo. Ed eccolo, ad un tavolino in un angolo nascosto della saletta, lontano il più possibile da sguardi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su