Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere gli sguardi. Calavo la testa, specie di fronte alle ingiustizie e a tal proposito raramente riuscivo a impormi. Un simil-Fantozzi? Forse! C

on le ragazze? Semplicemente un disastro. Immancabilmente mi infatuavo di quelle che preferivano i fichetti o più semplicemente i cosiddetti ganzi. Il sottoscritto troppo acqua e sapone, esente di particolari pettinature, per non parlare dello scooter truccato e dei vestiti firmati, i grandi assenti.

Fisicamente apparivo magrolino, bianco come un cero pure in estate, per via del fatto che il mare lo vedevo esclusivamente col binocolo dalla terrazza, dal momento che lavoravo mattina e pomeriggio per una misera paga per dei negrieri proprietari di un negozio di articoli casalinghi. Una condizione da autentico sfigato.

Davo la colpa all’estrema sensibilità, molti mi dicevano che tale attitudine risultava dono da preservare, mentre altri fondamentalmente ne approfittavano.

Il bullismo delle superiori ai miei danni fu un'esperienza difficile, nei limiti del possibile cercavo di difendermi alzando le mani piuttosto che la testa o creandomi un mondo tutto mio col chiaro intento di ovattarmi. Non funzionava quasi mai.

Le lacrime cadevano spesso e (mal)volentieri, stringevo i pugni e i denti, per rabbia, per sgomento e per afflizione, al contempo cresceva maggiormente il desiderio di sentirmi parte di un gruppo, voluto bene o amato. In verità qualcuno mi trattò da amico, o perlomeno sembrava così rispetto allo schifo in cui ero circondato. Qualcuna poi inaspettatamente si invaghì di me, una salumiera coetanea piuttosto bruttarella e decisamente poco appetibile sortendo comunque l’effetto positivo che dentro di me si stabilì un barlume di speranza.

In seguito al diploma, arrivarono i VERI verdi anni nel verso senso della parola, ovvero il biennio nell'Esercito in qualità di volontario, dapprima nella compagnia Fucilieri per poi essere trasferito nella Compagnia Controcarri soprannominata Compagnia Controcazzi e le cose cambiarono in meglio.

La divisa diventò la mia migliore amica facendomi sentire protetto in una sorta corazza, specie all'esterno della caserma dove camminavo impettito manco fossi un monarca acquisendo via via sicurezza e padronanza di me stesso.

Il nonnismo ahimè fu evidente fin dal primo giorno però lo affrontai senza particolari difficoltà, probabilmente il precedente bullismo scolastico mi aveva in qualche modo forgiato contribuendo a farmi rispettare, tuttavia non subito in quanto i primi mesi, com'è facile immaginare, il dovuto spaesamento in un ambiente del genere non permette chissà quale raggio di azione e reazione se non quello di denunciare tirannici episodi, cosa che da parte mia non avvenne poiché adocchiai ben altri metodi. Ad esempio rispondevo agli sgarri con degli scherzi creativi oppure nei casi peggiori chiedevo il supporto di un paio di affidabili colleghi conterranei.

Ad un anno esatto di militare, dopo la riafferma, sentivo che l'evoluzione stava dando buoni frutti, diventando abbastanza spigliato, occasionalmente con la risposta pronta e misuratamente scanzonato, mancava soltanto di essere completamente disinvolto.

Arrivò l'agognato riscatto: il grado di caporale.

Ricordo perfettamente il pomeriggio successivo alla nomina. Io, la mia divisa e il meritato baffetto blu sul petto. Mi stavo avviando alla C.C.S. (Compagnia Comando e Servizi) per la consegna di una importante documentazione commissionata da un maresciallo capo responsabile della fureria della Compagnia Controcarri, quando all'improvviso una ventina di reclute collocati ai pressi della mensa, appena entrato nel loro raggio di azione visivo cominciarono ad assumere un'espressione ossequiosa.

Passando proprio dinnanzi al drappello, indossarono febbrilmente il basco in testa e si misero sull'attenti per il saluto militare facendo tremare il selciato con gli anfibi, azione naturalmente accompagnata con la mano sinistra a paletta sulla coscia e mano destra rigidamente alla fronte. Identica cosa avvenne con altri soldati semplici che incrociavo sul mio percorso. Non lo ritenni il classico quarto d'ora di celebrità anche perché l’episodio in questione si ripeté innumerevoli volte.

Finalmente le ultime barriere di insicurezza vennero distrutte, non ero più lo sprovveduto degli anni passati, il tanto sospirato equilibrio e "inquadramento" si concretizzò alla grande. Ero orgoglioso di me stesso.

Purtroppo non ci fu occasione per proseguire la carriera nell'Esercito, una scelta sbagliata mi portò al congedo, precisamente una ex fidanzata che non accettava di buon "grado" il mio lavoro che peraltro svolgevo appassionatamente con autentico amore. Non l’avessi ma fatto!

Mi pentii dolorosamente dell'azzardo che causò peraltro delusione ai miei genitori che, oltre il desiderio di vedermi sistemato in un posto statale, avevano pronosticato il rimorso che su certi versi mi accompagna tutt'oggi. 

Eppure, a distanza di quasi quindici anni, sento di indossare ancora l’amata mimetica e il distintivo blu, nonché le stellette brillano perennemente sul mio petto.

La divisa non si è divisa da me.

0
0
2

La scogliera - 1/2

18 September 2019

SeaVille Un paesino di poche anime situato a nord di Dublino e distante da esso circa venti chilometri. Giunti al crocevia tra le città di Evon e di Small Light, la cappella votiva dedicata a S.Patrizio e un filare di nuvoloni grigi avrebbe indicato il percorso da compiere. Incrociando le [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

0
0
1

Una mente al mare

18 September 2019

C'è il mare di fronte a me, avvolto da una cornice di verdi fronde. Vorrei essere lì, dovrei essere lì.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
17

il professionista

17 September 2019

Era stato educato a combattere per realizzare progetti. In famiglia era il più grande dei figlie quindi quello che doveva essere sempre perfetto e di esempio per gli altri. Non poteva mai sgarrare, altrimenti avrebbe ricevuto il disprezzo dei propri genitori e conseguentemente non sarebbe più risultato [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

9
13
54

Agire

Aforisma

17 September 2019

A volte nella vita, quando cerchi di capire cosa tagliare, può accadere che tu stesso rimanga tagliato fuori e di conseguenza non sai come agire. In realtà tale situazione di stallo è possibile sbrogliarla, proprio perché non si pone il problema di scegliere la prima mossa da compiere.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Scilipo' sei un ermetista straordinario, ma veramente hai un cilindro magico [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Walter, concetto in 2a Edizione ma che rimane totalmente invariato. [...]

10
16
51

Un buon libro in uscita

"Mille e una nota parte seconda-tre anni dopo"

16 September 2019

Non avevo fatto troppo caso e data molta importanza a questa nuova opportunità offerta dallo staff di LDM, scrivo sempre cose nuove e non guardo mai indietro, ma grazie all'esempio di Giuseppe Scilipoti, ho voluto anch'io tentare di provare a realizzare una seconda edizione di un testo. Senza pensarci [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
1
12

Anima gemella

16 September 2019

Venendo al mondo abbiamo intrapreso un cammino, un cammino costellato di bivi e per ognuno di questi una scelta da prendere. Decisioni che ci porteranno verso luoghi in cui vivere. Affronteremo difficoltà di varia natura. Avremo compagni di viaggio, per un giorno o per la vita. Ci creeremo situazioni [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
15

L'ultima vendemmia

www.salvatoreviola.it

15 September 2019

-È fatta!- pensò Marcello Ricciardi mentre Bertoli esponeva la nuova strategia di marketing che avevano messo a punto insieme, lavorando fino a notte fonda. – Il cliente sorride. Il lavoro è nostro!- Andò proprio così. Umberto Spinosa, capo dell’agenzia pubblicitaria, era al settimo cielo. Il contratto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
2
10

Mosto e felicità

Racconto breve

15 September 2019

Eravamo una sgangherata banda di ragazzini tra i sei e gli undici anni. Trascorremmo un'Estate felice e indolente, a pescare nei fossi o a farci la guerra nei campi bruciati dal sole. Conoscevamo ogni zolla, ogni sasso, ogni piega d'albero. Più di qualsiasi altro momento della giornata, ci piaceva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
0
8

Il barcaiolo

14 September 2019

Ho visto un barcaiolo barricato in casa con una barra di burro, una birra bionda e un barracuda barattato con una borraccia di Barbera presso un bar di Barranquilla, gestito da un ex coltivatore di barbabietole con la barba brizzolata e con un debole per la borraggine e per i bicchieri di Baccarat [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

15
19
77

Riposo

Aforisma

14 September 2019

Il vero riposo non è nei momenti di relax o in cui c'è mancanza di attività fisica oppure non ci sono sforzi da fare, ma quando il cuore e la mente si rilevano tranquilli e positivi. Inoltre, è importante curare i nostri pensieri, poiché tutto quello che pensiamo ci porta ad essere ciò che realmente [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: 15 Settembre 2019....hai fatto un fantastico percorso, non hai vinto coppe [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, una delle medaglie me l'hai appesa proprio tu col tuo commento [...]

3
4
14

Petra

14 September 2019

La luce del tramonto filtrava attraverso le spesse tende del Museo. Si stava avvicinando l'orario di chiusura. I visitatori della mostra erano stati parecchi quel giorno e qualcuno di loro ancora si attardava nelle ampie stanze dell'edificio chiacchierando a bassa voce, quasi a non voler turbare [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Necronomidoll: Ringrazio entrambi per i commenti graditissimi. Il racconto si basa su una [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Necronomidoll lieto di di sapere che hai molto gradito la mia "recensione." [...]

1
2
7

Rally, vivere un'emozione

13 September 2019

Rally, cinque lettere, sinonimo di emozione allo stato puro. Se i rally saranno la passione della tua vita, i tuoi genitori se ne accorgeranno sin da quando sarai in tenera età, perché il sacro fuoco della velocità, se presente, farà parte di te fin dalla nascita. Sarai uno di quei bambini che [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Claudio, appena ho letto la parola "Rally" nel titolo, [...]

  • Terrible's: Al "solito" mi ritrovo a ringraziarti per i tuoi commenti riguardanti [...]

Torna su