Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere gli sguardi. Calavo la testa, specie di fronte alle ingiustizie e a tal proposito raramente riuscivo a impormi. Un simil-Fantozzi? Forse! C

on le ragazze? Semplicemente un disastro. Immancabilmente mi infatuavo di quelle che preferivano i fichetti o più semplicemente i cosiddetti ganzi. Il sottoscritto troppo acqua e sapone, esente di particolari pettinature, per non parlare dello scooter truccato e dei vestiti firmati, i grandi assenti.

Fisicamente apparivo magrolino, bianco come un cero pure in estate, per via del fatto che il mare lo vedevo esclusivamente col binocolo dalla terrazza, dal momento che lavoravo mattina e pomeriggio per una misera paga per dei negrieri proprietari di un negozio di articoli casalinghi. Una condizione da autentico sfigato.

Davo la colpa all’estrema sensibilità, molti mi dicevano che tale attitudine risultava dono da preservare, mentre altri fondamentalmente ne approfittavano.

Il bullismo delle superiori ai miei danni fu un'esperienza difficile, nei limiti del possibile cercavo di difendermi alzando le mani piuttosto che la testa o creandomi un mondo tutto mio col chiaro intento di ovattarmi. Non funzionava quasi mai.

Le lacrime cadevano spesso e (mal)volentieri, stringevo i pugni e i denti, per rabbia, per sgomento e per afflizione, al contempo cresceva maggiormente il desiderio di sentirmi parte di un gruppo, voluto bene o amato. In verità qualcuno mi trattò da amico, o perlomeno sembrava così rispetto allo schifo in cui ero circondato. Qualcuna poi inaspettatamente si invaghì di me, una salumiera coetanea piuttosto bruttarella e decisamente poco appetibile sortendo comunque l’effetto positivo che dentro di me si stabilì un barlume di speranza.

In seguito al diploma, arrivarono i VERI verdi anni nel verso senso della parola, ovvero il biennio nell'Esercito in qualità di volontario, dapprima nella compagnia Fucilieri per poi essere trasferito nella Compagnia Controcarri soprannominata Compagnia Controcazzi e le cose cambiarono in meglio.

La divisa diventò la mia migliore amica facendomi sentire protetto in una sorta corazza, specie all'esterno della caserma dove camminavo impettito manco fossi un monarca acquisendo via via sicurezza e padronanza di me stesso.

Il nonnismo ahimè fu evidente fin dal primo giorno però lo affrontai senza particolari difficoltà, probabilmente il precedente bullismo scolastico mi aveva in qualche modo forgiato contribuendo a farmi rispettare, tuttavia non subito in quanto i primi mesi, com'è facile immaginare, il dovuto spaesamento in un ambiente del genere non permette chissà quale raggio di azione e reazione se non quello di denunciare tirannici episodi, cosa che da parte mia non avvenne poiché adocchiai ben altri metodi. Ad esempio rispondevo agli sgarri con degli scherzi creativi oppure nei casi peggiori chiedevo il supporto di un paio di affidabili colleghi conterranei.

Ad un anno esatto di militare, dopo la riafferma, sentivo che l'evoluzione stava dando buoni frutti, diventando abbastanza spigliato, occasionalmente con la risposta pronta e misuratamente scanzonato, mancava soltanto di essere completamente disinvolto.

Arrivò l'agognato riscatto: il grado di caporale.

Ricordo perfettamente il pomeriggio successivo alla nomina. Io, la mia divisa e il meritato baffetto blu sul petto. Mi stavo avviando alla C.C.S. (Compagnia Comando e Servizi) per la consegna di una importante documentazione commissionata da un maresciallo capo responsabile della fureria della Compagnia Controcarri, quando all'improvviso una ventina di reclute collocati ai pressi della mensa, appena entrato nel loro raggio di azione visivo cominciarono ad assumere un'espressione ossequiosa.

Passando proprio dinnanzi al drappello, indossarono febbrilmente il basco in testa e si misero sull'attenti per il saluto militare facendo tremare il selciato con gli anfibi, azione naturalmente accompagnata con la mano sinistra a paletta sulla coscia e mano destra rigidamente alla fronte. Identica cosa avvenne con altri soldati semplici che incrociavo sul mio percorso. Non lo ritenni il classico quarto d'ora di celebrità anche perché l’episodio in questione si ripeté innumerevoli volte.

Finalmente le ultime barriere di insicurezza vennero distrutte, non ero più lo sprovveduto degli anni passati, il tanto sospirato equilibrio e "inquadramento" si concretizzò alla grande. Ero orgoglioso di me stesso.

Purtroppo non ci fu occasione per proseguire la carriera nell'Esercito, una scelta sbagliata mi portò al congedo, precisamente una ex fidanzata che non accettava di buon "grado" il mio lavoro che peraltro svolgevo appassionatamente con autentico amore. Non l’avessi ma fatto!

Mi pentii dolorosamente dell'azzardo che causò peraltro delusione ai miei genitori che, oltre il desiderio di vedermi sistemato in un posto statale, avevano pronosticato il rimorso che su certi versi mi accompagna tutt'oggi. 

Eppure, a distanza di quasi quindici anni, sento di indossare ancora l’amata mimetica e il distintivo blu, nonché le stellette brillano perennemente sul mio petto.

La divisa non si è divisa da me.

2
1
7

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
85

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

1
1
7

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
12
64

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U0858: Bello Giuseppe! Angosciante da morire... che racconto! Sulla pelle ho sentito [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Surya: nei bambini nutro una grande speranza, si potrebbe essere, del resto [...]

1
0
17

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
10

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
2
10

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
11

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

6
3
13

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
17

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su