Marinella guardò il cielo ceruleo dalla finestra, le nuvole erano sparse come di contorno e avevano un bianco che puntellava ogni angolo empireo sopra la testa e che gli faceva tornare alla mente i colori d'acquatinta sulla tavolozza e quello che avrebbe potuto farci. Avrebbe provveduto a togliere quel bianco acerbo da qua e da là;  pensò alle tempere di un rosso dei tramonti estivi, quelli al mare che aveva conosciuto negli anni giovani; pensò ad un giallo ocra per le ombre e ad un' ispida delicatezza nei contorni che affievolivano sul mare.

Avrebbe disegnato le persone nei vestiti di un tempo: gli uomini col pastrano e gli occhi stesi sulle labbra delle amate, le donne con la bocca confusa nei baci accendersi, mentre passeggiavano per le vie nei loro lunghi vestiti che avrebbe inventato a proprio piacimento. Posti nuovi e nuovi mondi, poi ancora strade che portavano lontano chissà dove, in quale novizio universo. Alle sette di sera avrebbe potuto pensare di far straripare il Tamigi e cominciare da capo, disegnare qualcos'altro.

Il cielo sopra di lei era la tela dei suoi occhi. Magari si potesse pensò, tutto ad un tratto si ricordò dei fiori, avrebbe disegnato nuove specie e nuovi colori. Avrebbe nuotato ella stessa in oceani a cui avrebbe dato nomi e usato nuove parole, dizionari, etimologie, culture e società.
Tutto ad un tratto  qualcuno dall'altra stanza la chiamò, sollevò lo sguardo dalla finestra, per un attimo si dimenticò di rispondere e dove si trovavasse; guardò la stanza che gli pareva ora diversa, vuota, inusuale. L'orologio segnava un ora più avanti dell'ultima volta che aveva guardato, sospirò, si ricordò dell'appuntamento con le amiche, impiegò qualche minuto per scegliere i vestiti che avrebbe indossato con grazia e davanti allo specchio attentamente curò la sua immagine nei particolari  raffinati,  senza lasciare in sospeso alcunché; e la potevi vedere camminare tra la folla e sfiorire, come un fiore fuori di stagione.

Di bellezza ne era ormai già piena la stanza, le mura, l'aria divenne della fragranza fresca che usava quando si muoveva spostandosi. I libri e le letture erano rimasti aperti al solito posto sulla scrivania e sembravano poter invecchiare... questo le faceva pensare al tempo che cambiava le cose; i libri li avrebbe trovati intatti dove li aveva lasciati e letti quella notte stessa quando sarebbe tornata, o l'indomani se ne avesse avuto voglia. Leggeva di uomini e donne e vibrava delle esperienze che avrebbe voluto fare. Sognava di vivere a Parigi o giù di lì, di diventare una gran donna, pensava al futuro e ci pensava poco; per lo più pensava all'oggi e forse al domani, cercava di andare pari passo con la vita che si svolgeva nello stesso modo in cui filano le ore nei rintocchi senza dimenticarsi degli obiettivi prefissatisi. Non aveva forse mai conosciuto qualcuno che suscitasse il suo interesse o stimolasse la sua curiosità?

Quella sera si ritrovò a bere birra in uno di quei posti per lo più così, che sentiva di non appartenerle, con due delle sue amiche di cui una non le stava particolarmente simpatica. Parlava poco e osservava tanto, il viso bianco sembrava una sua pittura, pareva fosse fatto apposta così in natura di grazia e le donava una tenerezza quasi infantile, come un amore che sbocciava in una fioritura di immagini e parole che presero forma davanti ai miei occhi quando la vidi la prima volta.

Pensai che il mondo doveva essere un bel posto se lo abitasse lei e che avrei voluto rivederla tutte le volte, sentirla parlare e pensare a voce alta, leggerle quei due occhi e stringerla forte a me, farci l'amore, tenerla al sicuro. Avrei voluto saper volare per mostrarle il cielo da vicino e spogliarla di ogni pesantezza per vestirla di leggerezza come nelle cose, come nelle parole, come nelle persone, senza inquietudine come quando ci si sta al vento ad aspettare o a sentirsi addosso l'estate.

Mi avvicinai dicendole ciao, le chiesi il nome. Quello che diventò fu una storia d'amore.

Gli anni passarono in fretta dopo quella volta: "non hai smesso di mancarmi, non ho smesso di amarti", ogni tanto ancora le dico. Non ho smesso di scrivere di te. Un giorno il cielo prenderà nuovi colori, nuovi viola, nuovi arditi. I passeri danzeranno sopra le nuvole bucherellandole qua e là e una sottile pioggia cadrà quando si sentirà triste. Al mattino un sole d'orzo toccherà le cose creando luci e armonie, non sarà strano non sarà diverso né inusuale.

Vorrei vivere in un mondo visto con gli occhi tuoi.

Tutti i racconti

0
0
1

AMORE SENZA TEMPO

Ogni storia ha la propria dimensione

25 January 2021

Giovanna fissava l’interno del bar, un piccolo bar in una piazzetta nei vicoli intersecati della città di Trieste, mentre lo cercava con lo sguardo. Voleva godere tutto dell’attesa prima di incontrarlo. Ed eccolo, ad un tavolino in un angolo nascosto della saletta, lontano il più possibile da sguardi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

I locali della tromba

25 January 2021

Non si può che plaudire all’eleganza dei luoghi in cui si porta a compimento l’atto del suonare la tromba. Ormai sono ovunque in città, e vi si recano uomini e donne, senza distinzione: i giovani sempre più giovani (appena adolescenti oramai) e gli adulti sempre più adulti (maturi direi, assai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
10

Input di un killer

24 January 2021

Sul suo calzino bianco una macchiolina rossa richiama il ciondolo a forma di cuore appeso al suo collo, un piccione al semaforo si china poggiando su una spalla dentro a una pozzanghera, il vento soffia forte. La macchiolina ora ha una forma più tondeggiante, ricorda una pesca sul suo lato più [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
9

il mondo del silenzio

24 January 2021

Tummmmmmmmmm shiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii Un suono continuo, un ronzio nella sua testa. E nessuno lo poteva sentire, era notte, sdraiata sul suo letto, e pensava a quanto la sua vita fino ad allora era stata tranquilla, schiava di un sistema ma tranquilla. Le regole le conosceva benissimo, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
3
16

Balla con me

23 January 2021

Ti ho visto E da quando ti ho visto, le mie gambe hanno iniziato a muoversi Lascia il tavolo dai Dammi la mano I tuoi occhi lo vogliono E anche i miei, dopo aver incrociato i tuoi La terrazza sul mare accoglie un venticello serale Lieve e caldo Ti alzi e mi sobbalza il cuore per aver accettato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
2
19

Una vite per la vita

Storie di fantasmi - Capitolo I°

23 January 2021

Non so dire ora quel che mi spinse né quel che mi guidò, fatto è che percorsi senza esitare la lunga strada tenendo alti i miei pensieri finché arrivai al centro del ponte. Da li si dominava il tortuoso fluire del fiume nero e appena schiumoso di residui chimici sversati a monte E fu lì che precipitosamente [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
22

Al bivio della vita - verso l'Era dell'Acquario

22 January 2021

In quel tempo di transizione l’umanità si trovava al bivio della vita: da una parte attratta dalle lusinghe e seduzioni del maligno e dall’altra dalla conoscenza del sé per poi ascendere verso gli alti cieli della beatitudine. Ma “il mito della ragione“ ebbe la meglio e spinse gli uomini a imboccare [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
41

Il foglio bianco

21 January 2021

Quella notte di Agosto, Roma era deserta e silenziosa in maniera insolita. Ricordo che negli anni passati, dalla mia terrazza sapientemente attrezzata per poter trascorre l’estate, non c’era notte che i rumori della città non giungessero prepotenti. Quella sera no. Sembrava che la città fosse stata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
4
32

Roccavalleoscura

21 January 2021

Italia 1181. Siamo fuggiaschi, impauriti. Le nostre unghie hanno grattato la terra delle carceri ducali. Le nostre labbra hanno assaggiato il sangue delle menzogne con cui ci braccano. Siamo animali in fuga. Ma una cosa è certa. Siamo solo lupi feriti che cercano pace. È quasi sera. Si scorge un'insenatura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: oh che meraviglia..lupi feriti che cercano pace..wow. poche righe ma che grandi [...]

  • Roberta21: Grazie Ricky😃

2
0
21

Una piccola lezione di pensiero laterale

20 January 2021

“Sol, Sol! Guarda che bei fiori!” Nina, una bambina di appena 11 anni con i capelli biondi e gli occhi azzurri, si trovava insieme a Sol, una ragazza di 23 anni con i capelli rossi e gli occhi verdi in mezzo a un bosco bellissimo, caratterizzato da un piccolo corso d'acqua, maestosi alberi e tantissimi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
5
39

Se non fosse per te

19 January 2021

Se non fosse per te lambirei i contorni E non entrerei in quella immensa radura chiamata vita Se non fosse per te navigherei su fragili navi, in mari percossi da venti che porterebbero al largo E incontrerei aggressive balene bianche, pesci martello e ostili genti Se non fosse per te il cibo sarebbe [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
6
31

Anni '60 - 2/2

19 January 2021

L’appuntamento con Salvio era all’ingresso del cinema Splendor, Mimma aspettava già da cinque minuti e si chiedeva se non fosse arrivata troppo in anticipo. Sin dal primo pomeriggio rifletteva su come vestirsi. Dopo varie prove e ripensamenti, decise di non esagerare in eleganza e alla fine indossò [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su