Erika, la bellissima principessa di Norvega, a vent'anni esatti andò in sposa a Zeno, un possente re guerriero d'Itala, spesso in trasferta assieme al suo numeroso esercito a combattere guerre di ogni tipo poiché dominato dalla brama di conquista. 

Il monarca era un tipo temuto e riconosciuto per l'indubbio coraggio, forte come un roccia, virile come un toro ed estremamente geloso, capace di qualsiasi cosa.    

Erika invece, a parte la già citata bellezza, aveva un'altra caratteristica degna di nota ovvero quel suo essere particolarmente focosa e di conseguenza amante del sesso.

Un giorno, Itala dichiarò guerra a Lybian e il sovrano, per mancanza di fiducia, prima della partenza, incaricò un fedele emissario di nome Alessandro per una specifica richiesta: reperire una cintura di castità per la regale consorte.

Infatti, secondo alcune fonti, quest’ultima, durante le precedenti campagne militari, si era intrattenuta con alcuni servi o visitatori, sebbene a tal proposito mancassero le prove inconfutabili.

«La vedete questa?» disse il re alla regina ondeggiando qualcosa tra l'indice e il pollice «Il vostro vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave.»

«Come farò senza di voi e per di più chissà per quanto tempo?» chiese piagnucolando la monarca.

«Mi aspetterete! Comunque non sarete sola, avrete la compagnia di Pollon, il mio pappagallo che mi è stato da poco regalato da un marchese di Roccamaldina.» le rispose il marito indicando con l'indice. «Non è proprio un chiacchierone ma vabbè!»

Entrambi però non sapevano che il volatile parlava poco ma spiava molto.

Dopo aver abbracciato la moglie con la promessa di un ottimo esito della conflagrazione intrapresa, con passo marziale partì assieme alle truppe armate. E fu così che Zeno mancò otto mesi.

Come previsto, il regnante guerrafondaio di Itala, riuscì nell'impresa di soggiogare Lybian per poi trionfante fare immediatamente ritorno alla maestosa reggia. Il primo pensiero fu ovviamente per Erika, d'altro canto avendo le "palle piene" delle estenuanti battaglie e sopratutto per via della lunga astinenza, non vedeva l'ora di adoperare lo "scettro del piacere".

Appena se la ritrovò davanti, fin da subito, ricevette un'amara sorpresa.

«Noooooooooooooooooo!!!!!!!!!» si incazzò di brutto il sovrano «Chi è stato?»

La regina era incinta!

Il re, fece i dovuti ed esatti calcoli, difatti prima della guerra si era prodigato unicamente con gli addestramenti, ragion per cui, per svariate settimane, avendo trascurato totalmente la giovane consorte, non si ritenne responsabile della paternità. 

«E che ne so io? Sarà stata opera del diavolo o una qualche magia nera.» provò a giustificarsi Erika con finta desolazione.

All'improvviso, ai lati del trono, Pollon, il pappagallo da sopra un’asta di metallo cominciò a scuotersi forsennatamente per attirare l'attenzione di tutti i presenti.

«Sire, il vostro nobile pennuto desidera cantare!» osservò Rino il giullare di corte con espressione maliziosa.

Le orecchie e gli occhi dei due regali, dei soldati, e dei servi furono puntati con attenzione sul volatile colorato.

«Ve lo dico aspro: non è stato altro che Sandro Palissandro, il fabbro di Alessandro, assai furbo e tanto scaltro!»

In maniera irreversibile esplose un autentico pandemonio, tant'è che a momenti le urla si sentirono per tutto il regno di Itala.

Come finisce questa fiaba? Sicuramente non da favola!

E vissero infelici e cornuti, tranne qualcuno che ci lasciò le penne. Oh, certamente non il pappagallo! 

 

 

N.d.R.  In "Il re, la regina e il pappagallo" con una leggera modifica viene citato il titolo di un film italiano degli anni settanta. Sono sicuro che molti di voi, tra le righe del componimento riusciranno a scovarlo.

Inoltre, il racconto chiude "La trilogia del Pappagallo" che come "Il pappagallo" e "Epicuro, il pennuto" risulta una storia a sé stante, senza collegamenti diretti o indiretti.

 

2
1
6

Vento

19 November 2019

Cammino e lui mi viene incontro. Mi avvolge. Inizia a giocare con me spostandomi i capelli. I miei occhi si socchiudono come per proteggersi. Ma non c'è da avere timore di lui. Può darti sicurezza. Le sensazioni che ti procura sono davvero belle. Regge le tue ali quando con la mente spazi. Ti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
5

il fiore metropolitano

19 November 2019

L'autobus ritardava e tutti rimanevano in attesa guardando l'orologio. Si sa che non si può essere in ritardo in questa nostra epoca. Si rischia di essere superati dagli altri, come se la vita fosse solo una corsa verso chissà dove. Chi cominciava ad essere nervoso. Chi fumava la sua sigaretta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
5

Di neve e di sole

18 November 2019

... e mentre sopra uno spoglio ramo si posa un corvo nel crepuscolo d'autunno la prima neve rabbrividisce i prati e piega piano foglie e fili d'erba e nel silenzio che penetra le rocce il sole sorge dietro la montagna a rischiarare la sfrenata corsa di cavalli bianchi sulla rena ... mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
18
79

Il bidone di plastica

Il negozio di casalinghi

18 November 2019

Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro") Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle “leggi” [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Non me lo ricordavo ma sapevo della tua esperienza lavorativa nel negozio e [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, ti ringrazio per la rilettura. Ho mandato a LdM molti racconti [...]

1
3
10

Mani

non pulite ma oneste... l'ultimo baluardo dei "tempi moderni"

17 November 2019

Anche se sembrano appartenere al passato, le immagini di mani sporche di lavoro non dovremmo dimenticarle mai. Stampiamole per bene nel nostro cuore e nella nostra mente quelle mani, mani sporche di grasso, sporche di terra, di vernice, sporche di fuliggine, di ruggine, di colla. Manualità scomparsa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Giuseppe, ci tenevo molto alla tua disamina per i motivi che ti avevo anticipato, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Tempi moderni", mi è sfuggito... dalla mani. Mi scusasse [...]

1
1
9

La pallina

17 November 2019

Birichina. Colorata. Salta qua, salta là La si cerca di afferrare. Lei non ne vuole sapere. Mamma perché fa così? Piccola mia, lasciala andare. Lei senza poter saltare non avrebbe senso di esistere. Ma io la voglio per me. Ma lei è già tua. Vedi vuole giocare con te. Corrile dietro. Accompagnala [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

LA PAROLA

16 November 2019

L’urlo, il riso, il pianto e il lamento parlavano al cuore degli uomini. La parola inascoltata vagava libera nell’universo infinito e mai nessuno poté udire la sua voce. Poi un giorno un essere, storpio e ribelle, tese una rete a fitte maglie fra il nulla e tutte le cose, imprigionandola per sempre. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
9
41

Lo steccato

16 November 2019

Nell'aldilà, il Paradiso e l'Inferno sono due proprietà private separate da una chilometrica staccionata e in ambedue i lati c'è la presenza di una moltitudine di cartelli con su scritto: "Adeguate recinzioni fanno buoni e non dannati vicini." Dio e Satana, nonostante appartengono a due regni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò, non ho una grande memoria e non ho la tua stessa capacità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: lieto che sei passato a leggere e commentare questo racconto. Ti [...]

2
1
9

Il caciucco

15 November 2019

La pulsione semantico ormonale ingravescente che genera l'irrancidimento precoce della polpa della pera passacrassana negli scaffali dei discount di provincia, si approccia a un procedimento anticrittogamico risolutorio, contestualizzato alla crasi policistico insurrezionale tetragona a ogni intervento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
8

UN NOTTURNO SVOGLIATO

15 November 2019

La notte in cui vide dove terminava la città comprese anche che qualcosa poteva avere inizio. Davanti a se si rivelò, come dietro un sipario ignoto, la combustione della nicotina tra le sue dita incastrarsi perfettamente con un notturno volgare e gelido firmamento: pieno di bagliori e spasmi scoppiettanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un notturno svogliato ma dannatamente poetico e amaramente introspettivo. Mi [...]

  • U1004: Gratta gratta sotto la superficie c'è sempre un po' di eaistenzialismo.
    Avrebbe [...]

3
2
13

Tum!

14 November 2019

Tum! Il suono rimbomba ossessivamente nelle orecchie, per non parlare del dolore lancinante che mi sta letteralmente consumando il cranio. Faccio fatica a rimanere cosciente. A un certo punto avverto dei lampeggianti. Li vedo e non li vedo. Mi è impossibile trovare una definizione. A malapena [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grande Scilipoti in versione giallo drammatico enigmatico incidente stradale [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, hai visto oggi dove sono andato a "sbattere?" :-) Un [...]

2
1
11

Note

13 November 2019

Sono solo stasera Mi accompagna solo la tromba di Baker Il whisky con ghiaccio mi rilassa Magia delle note La voce della cantante è cosi profonda Si viene subito proiettati in locali come il Blue Note Il pianista attacca il brano Le spazzole del percussionista accarezzano i tamburi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su