Erika, la bellissima principessa di Norvega, a vent'anni esatti andò in sposa a Zeno, un possente re guerriero d'Itala, spesso in trasferta assieme al suo numeroso esercito a combattere guerre di ogni tipo poiché dominato dalla brama di conquista. 

Il monarca era un tipo temuto e riconosciuto per l'indubbio coraggio, forte come un roccia, virile come un toro ed estremamente geloso, capace di qualsiasi cosa.    

Erika invece, a parte la già citata bellezza, aveva un'altra caratteristica degna di nota ovvero quel suo essere particolarmente focosa e di conseguenza amante del sesso.

Un giorno, Itala dichiarò guerra a Lybian e il sovrano, per mancanza di fiducia, prima della partenza, incaricò un fedele emissario di nome Alessandro per una specifica richiesta: reperire una cintura di castità per la regale consorte.

Infatti, secondo alcune fonti, quest’ultima, durante le precedenti campagne militari, si era intrattenuta con alcuni servi o visitatori, sebbene a tal proposito mancassero le prove inconfutabili.

«La vedete questa?» disse il re alla regina ondeggiando qualcosa tra l'indice e il pollice «Il vostro vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave.»

«Come farò senza di voi e per di più chissà per quanto tempo?» chiese piagnucolando la monarca.

«Mi aspetterete! Comunque non sarete sola, avrete la compagnia di Pollon, il mio pappagallo che mi è stato da poco regalato da un marchese di Roccamaldina.» le rispose il marito indicando con l'indice. «Non è proprio un chiacchierone ma vabbè!»

Entrambi però non sapevano che il volatile parlava poco ma spiava molto.

Dopo aver abbracciato la moglie con la promessa di un ottimo esito della conflagrazione intrapresa, con passo marziale partì assieme alle truppe armate. E fu così che Zeno mancò otto mesi.

Come previsto, il regnante guerrafondaio di Itala, riuscì nell'impresa di soggiogare Lybian per poi trionfante fare immediatamente ritorno alla maestosa reggia. Il primo pensiero fu ovviamente per Erika, d'altro canto avendo le "palle piene" delle estenuanti battaglie e sopratutto per via della lunga astinenza, non vedeva l'ora di adoperare lo "scettro del piacere".

Appena se la ritrovò davanti, fin da subito, ricevette un'amara sorpresa.

«Noooooooooooooooooo!!!!!!!!!» si incazzò di brutto il sovrano «Chi è stato?»

La regina era incinta!

Il re, fece i dovuti ed esatti calcoli, difatti prima della guerra si era prodigato unicamente con gli addestramenti, ragion per cui, per svariate settimane, avendo trascurato totalmente la giovane consorte, non si ritenne responsabile della paternità. 

«E che ne so io? Sarà stata opera del diavolo o una qualche magia nera.» provò a giustificarsi Erika con finta desolazione.

All'improvviso, ai lati del trono, Pollon, il pappagallo da sopra un’asta di metallo cominciò a scuotersi forsennatamente per attirare l'attenzione di tutti i presenti.

«Sire, il vostro nobile pennuto desidera cantare!» osservò Rino il giullare di corte con espressione maliziosa.

Le orecchie e gli occhi dei due regali, dei soldati, e dei servi furono puntati con attenzione sul volatile colorato.

«Ve lo dico aspro: non è stato altro che Sandro Palissandro, il fabbro di Alessandro, assai furbo e tanto scaltro!»

In maniera irreversibile esplose un autentico pandemonio, tant'è che a momenti le urla si sentirono per tutto il regno di Itala.

Come finisce questa fiaba? Sicuramente non da favola!

E vissero infelici e cornuti, tranne qualcuno che ci lasciò le penne. Oh, certamente non il pappagallo! 

 

 

N.d.R.  In "Il re, la regina e il pappagallo" con una leggera modifica viene citato il titolo di un film italiano degli anni settanta. Sono sicuro che molti di voi, tra le righe del componimento riusciranno a scovarlo.

Inoltre, il racconto chiude "La trilogia del Pappagallo" che come "Il pappagallo" e "Epicuro, il pennuto" risulta una storia a sé stante, senza collegamenti diretti o indiretti.

 

0
0
1

Notando e (an)notando

dedicato a Rara Avis

22 July 2019

Sono a Noto, in un noto studio notarile di un noto notaio, che fa notazioni su un atto notarile. «Sono Noto qui a Noto!», nota il pomposo notaio. «Ho notato!», risponde l'altra notabile. Noto che il noto notaio nota più del dovuto la collega notina/giapponese. «Naoto, chi fu? Chi notasti?» «Noto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

Le parole

22 July 2019

Sono state dette queste parole? Già qualcuno ha proferito i suoni, ne ha creato di nuovi, si è dilettato a giostrarsi nella polisemia, ha mostrato il suo turbamento perché i temi delle parole sono sempre gli stessi, le desinenze uguali. Ne abbiamo constatato la pienezza dei vocabolari, ne abbiamo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
2
7

Parodia di"La mia banda suona il rock"di Ivano Fossati

21 July 2019

La mia Panda emette smog e PM10 all'occorrenza/ con la marmitta scarburata e le candele a incandescenza/ Senza il cric, vicino mi sento un po' cretino/ Son costretto, ahi vita trista! di portarla dal gommista/ Viaggio senza revisione costa troppo, é un'estorsione! È scaduto pure il bollo ...son [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
7
15

Luna 20 luglio 1969, io c’ero

21 July 2019

«È pronto, sbrigati!» «Ma mamma, sono le sette, non abbiamo mai cenato così presto!» «Alle 7 e mezza inizia la diretta, non voglio stare in cucina in quel momento» Poso sul mobile il mio LEM che ho costruito con il mio traforo, prendendo la foto dal Paese Sera, che poi ho incollato su un pezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
3
6

Al Golfarone

20 July 2019

Approfitto di un giorno di ferie per andare a sperdermi in un bosco. C'è una cascatella vicino a un ruscello e puoi godere di una piscina full-immersion nella natura. Così preparo lo zaino, prendo il casco e mi faccio una girata di un'oretta per raggiungere uno slargo su una strada provinciale. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ducapaso, è da un pezzo che non pubblichi un pezzo. Adoro i racconti [...]

  • ducapaso: Grazie ragazzi, spero di avervi portato due righe di frescura!

2
0
7

Morire qui

20 July 2019

Al mercato una donna sedeva davanti alle rose, c'erano bancarelle ovunque e i venditori urlavano a buon prezzo la merce consumata in alcuni punti di traforo e cuciture. Sotto al sole le maglie si bagnavano di sudore, le signore più anziane erano intente in un buon affare per la frutta e la verdura [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

6
7
20

U' suonno

il sonno

19 July 2019

La stanza poco prima era completamente al buio. Come una sorta di sfida, il sole volle fare capolino da dietro il Monte Faito e i suoi raggi si infilarono prepotenti tra le stecche delle persiane, ancora chiuse. Invasero quel luogo in una sorta di gioco di luci, creando lunghe scie che si rifrangevano [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Sandro Amici: Ho letto questo scritto con interesse raddoppiato perché amo Napoli [...]

  • Patapump: Sempre un grazie a tutti. Questi personaggi nascono sempre da un vissuto. Che [...]

5
10
24

Notte di sogno

richiamo d'amore

19 July 2019

Cammino nella notte, ammirando le stelle Piccole fiammelle tremolanti nel velluto della notte Mi stai seguendo in silenzio Sento i tuoi passi soffici sull'erba Non sai che percepisco la tua presenza silenziosa Non so cosa vuoi, ma sei sempre più vicino Mi fermerò vicino al laghetto delle ninfee [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
12
34

Lady Fair

ha i suoi cristalli che riflettono

18 July 2019

Io non modulo una personalità consona, non ci riesco, sono fatta di vita e di libertà e non voglio neanche “modularmi”, ma mi piace ascoltare e vedere. E ti ho ascoltata, sempre, ogni tua parola, questo mi ha permesso di vederti, perchè non ne ho potuto fare a meno e quello che vedo è commovente. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Heidina wolf: Beh io ho la mia musa ispiratrice.. :)

  • Hélène De Lafièvre: Gliel avrò detto milioni di volte che è brava a scrivere, e che [...]

2
1
11

Energia: aria terra acqua fuooco

Mondo: spirale di elementi

18 July 2019

Etere che nel tuo spazio tutto raccogli: L'acqua del mare dal movimento continuo, Il fuoco caldo del sole, L'aria della brezza marina, E la terra sabbiosa sulla quale ogni giorno cammino... Tempo che scorre, mentre l'esperienza di vita muta e continua, immersi nella spirale dove nulla è mai fermo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Ilaria, bella poesia, indubbiamente hai dei rimandi con un tuo precedente [...]

1
1
19

P.I.D. - MILANO ANDATA E RITORNO

17 July 2019

Milano, 18 aprile 1975. È sera tardi quando torno al Residence, quell’ex albergone di 13 piani dall'aspetto pretenzioso e dalle stanze molto piccole. È vero, ragionandoci a mente fredda lo ammetti con te stesso: “Hai fatto una piccola stronzata!” Ero seduto sulle scale dell'ingresso principale [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
7
23

Le interminabili nevicate di Agosto

17 July 2019

Le interminabili nevicate di agosto, chi non ne vorrebbe sui propri tetti, proprio quando è più asfissiante la calura, insopportabile l’afa? Basterebbe salire sul terrazzino, tentare coi piedi la prima fila di tegole per sentire immediato dapprima il freddo intenso, concentrato sotto la pianta [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su