Erika, la bellissima principessa di Norvega, a vent'anni esatti andò in sposa a Zeno, un possente re guerriero d'Itala, spesso in trasferta assieme al suo numeroso esercito a combattere guerre di ogni tipo poiché dominato dalla brama di conquista. 

Il monarca era un tipo temuto e riconosciuto per l'indubbio coraggio, forte come un roccia, virile come un toro ed estremamente geloso, capace di qualsiasi cosa.    

Erika invece, a parte la già citata bellezza, aveva un'altra caratteristica degna di nota ovvero quel suo essere particolarmente focosa e di conseguenza amante del sesso.

Un giorno, Itala dichiarò guerra a Lybian e il sovrano, per mancanza di fiducia, prima della partenza, incaricò un fedele emissario di nome Alessandro per una specifica richiesta: reperire una cintura di castità per la regale consorte.

Infatti, secondo alcune fonti, quest’ultima, durante le precedenti campagne militari, si era intrattenuta con alcuni servi o visitatori, sebbene a tal proposito mancassero le prove inconfutabili.

«La vedete questa?» disse il re alla regina ondeggiando qualcosa tra l'indice e il pollice «Il vostro vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave.»

«Come farò senza di voi e per di più chissà per quanto tempo?» chiese piagnucolando la monarca.

«Mi aspetterete! Comunque non sarete sola, avrete la compagnia di Pollon, il mio pappagallo che mi è stato da poco regalato da un marchese di Roccamaldina.» le rispose il marito indicando con l'indice. «Non è proprio un chiacchierone ma vabbè!»

Entrambi però non sapevano che il volatile parlava poco ma spiava molto.

Dopo aver abbracciato la moglie con la promessa di un ottimo esito della conflagrazione intrapresa, con passo marziale partì assieme alle truppe armate. E fu così che Zeno mancò otto mesi.

Come previsto, il regnante guerrafondaio di Itala, riuscì nell'impresa di soggiogare Lybian per poi trionfante fare immediatamente ritorno alla maestosa reggia. Il primo pensiero fu ovviamente per Erika, d'altro canto avendo le "palle piene" delle estenuanti battaglie e sopratutto per via della lunga astinenza, non vedeva l'ora di adoperare lo "scettro del piacere".

Appena se la ritrovò davanti, fin da subito, ricevette un'amara sorpresa.

«Noooooooooooooooooo!!!!!!!!!» si incazzò di brutto il sovrano «Chi è stato?»

La regina era incinta!

Il re, fece i dovuti ed esatti calcoli, difatti prima della guerra si era prodigato unicamente con gli addestramenti, ragion per cui, per svariate settimane, avendo trascurato totalmente la giovane consorte, non si ritenne responsabile della paternità. 

«E che ne so io? Sarà stata opera del diavolo o una qualche magia nera.» provò a giustificarsi Erika con finta desolazione.

All'improvviso, ai lati del trono, Pollon, il pappagallo da sopra un’asta di metallo cominciò a scuotersi forsennatamente per attirare l'attenzione di tutti i presenti.

«Sire, il vostro nobile pennuto desidera cantare!» osservò Rino il giullare di corte con espressione maliziosa.

Le orecchie e gli occhi dei due regali, dei soldati, e dei servi furono puntati con attenzione sul volatile colorato.

«Ve lo dico aspro: non è stato altro che Sandro Palissandro, il fabbro di Alessandro, assai furbo e tanto scaltro!»

In maniera irreversibile esplose un autentico pandemonio, tant'è che a momenti le urla si sentirono per tutto il regno di Itala.

Come finisce questa fiaba? Sicuramente non da favola!

E vissero infelici e cornuti, tranne qualcuno che ci lasciò le penne. Oh, certamente non il pappagallo! 

 

 

N.d.R.  In "Il re, la regina e il pappagallo" con una leggera modifica viene citato il titolo di un film italiano degli anni settanta. Sono sicuro che molti di voi, tra le righe del componimento riusciranno a scovarlo.

Inoltre, il racconto chiude "La trilogia del Pappagallo" che come "Il pappagallo" e "Epicuro, il pennuto" risulta una storia a sé stante, senza collegamenti diretti o indiretti.

 

Tutti i racconti

1
0
5

Racconto contadino - 1/2

La Valsesia scritta

16 September 2021

Zaccaria se ne stava seduto come un patriarca sopra un sasso tondo. D'intorno, oltre il ruscello, un breve pianoro coperto di erba e di mirtilli, di arnica montana e anche di talune erbe medicinali abbastanza rare come la morella. Nei pressi della sorgente, moltissime betulle e alti faggi abbarbicati [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
1
6

Tutto cambia

16 September 2021

Non ho mai avuto paura della morte Fino a ora Perché non perderei la mia vita perderei te Maurizio Gimigliano © Copyright 2021

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

11 Settembre 2001

Istantanee

16 September 2021

L'inizio del Secolo nel segno del più cupo terrore. L'11 settembre 2001 è morto l'ideale coltivato per cultura e storia caratterizzato da opulenta tranquillità. La corrosione è ancora in atto dopo l'assalto aereo di fiamme alle Torri Gemelle del World Trader Center a Nuova York. Il giorno dell'anniversario [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
7

LE JANARE - 2/2

15 September 2021

«Che storia incredibile!», esclamai. «Vi do un consiglio, signor Antonio: mettete del sale all’ingresso della stalla e anche davanti alle porte di casa vostra, così le janare non potranno entrare», disse la signora Parini, con l’affetto di una buona vicina di casa. Seguii il suo consiglio e misi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

0
0
7

LE JANARE - 1/2

14 September 2021

Era una notte d’ottobre cupa e silenziosa e la foschia che c’era per le strade e tra gli alberi ne raddoppiava la cupezza. Nel cielo non c’erano stelle, ma solo una pallida luna, mezza immersa in un mare di cirri lunghi e sottili. Mi svegliai nel cuore della notte, mi era sembrato di sentire qualcuno [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
10

Incancellabile

14 September 2021

Neanche il cuore sapeva mentre incredulo continuava a tremare Danzava in un suono segreto lapidato dalle lunghe attese Indecifrabile lei ferma sul bordo del letto osservava il risultato di un semplice sguardo Troppo uguali si erano trovati nello spazio di un sogno in cui continuavano a raccontarsi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
10

Opinioni diverse.

9

13 September 2021

Certi pomeriggi li trascorro quasi interamente dentro la mia stanza, uscendo da qui soltanto quando ormai è ora di cena, al momento in cui mi corre l’obbligo, così come desidera rigorosamente mio padre, di indossare le scarpe ed un abito adeguato prima di presentarmi in sala da pranzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Adribel: Un testo che mi sembrava pesante ma che ho letto fino ala fine apprezzandone [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
9
18

In quel momento

13 September 2021

E' in quel momento che si alzò quel colpo di vento Né un attimo prima né un attimo dopo Come un bimbo birichino che solleva la gonna della propria madre, così la sollevò a me La cercai di trattenere giù il più possibile Era a fiori molto piccoli e color lilla Mi girai intorno nella speranza che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: grazie di nuovo a tutti :). mo' me magno la seppiolina :)

  • Vicky: Bella e molto delicata.. Mi è piaciuta 👏

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
3
10

Se ci innamoriamo

Block notes

12 September 2021

Questi momenti sono e saranno nostri per sempre. Amiamoci. Tienimi stretta la mano. Uniamo con un forte abbraccio il nostro corpo con il nostro spirito. Namasté. Ansimando avvinghiati sotto le lenzuola, in una calda serata estiva pulsano forte anche i nostri cuori. Fluidi e baci. Questo è quanto, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
6
10

Chimera

Introspezione

12 September 2021

Rimiro afflato il tuo essere emblematico, bramare e fluire in quelle inclinazioni intrise di passione verso l'arte che sol il tuo cuore sa effigiare, e si cinge in quelle nitide e fulve idee che sol la tua essenza focalizza ebbra in un'utopica manifestazione sulla tela della vita e il tuo animo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
22

Le parole del silenzio

12 September 2021

Ciò che non è rumore e di cui è pregno il mondo, è solo taciturno altro. Avvolte nel loro vestito di afonia incolore, le pause mute fanno intendere quanto il rumore sia assenza di silenzio e non l’opposto, come normalmente appare. Nell’ovattata quiete del silente si percepisce il fruscio di riflessioni, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
21
30

L'onda

11 September 2021

Katie osservò la nuvola fermando lo sguardo alla vetrata del salotto: in principio sembrò un monte lontano, con il trascorrere dei minuti il monte prendeva una forma decisamente delineata che si stagliava nel cielo. Dal grigio cenere, al blu, al nero. Il colore mutava rapidamente. Katie restò paralizzata [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Non sono molto costante nella mia produzione, è molto legata al mio [...]

  • Walter Fest: Ducapaso , nessun problema , suggerire il finale all'onda di Betty è [...]

Torna su