Corro.

Gli alberi sembrano come prendere vita. Ho le traveggole oppure è l'effetto di una qualche magia nera?

Capitombolo per poi ruzzolare rovinosamente a terra. Le foglie rosso e gialle vorticano in turbinosi mulinelli.

Mi rialzo con tenacia, non sarà certo una caduta a fermarmi.

Fortunatamente, a parte qualche graffio, non sono ferito. A pochi metri da me c'è un terrificante albero dalla corteccia nerissima come la pece.

Oh mio Dio! È orribile ciò che vedono i miei occhi. 

Improvvisamente dei lunghi rami si allungano dell'albero come dita ossute. Si impigliano tra i miei capelli, per poi avvolgere tutto il mio viso, testa compresa.

Cerco di scuotere il capo o di girare il collo, ma la salda presa dei ramoscelli non mi permette ciò. Il respiro si fa affannoso. 

Non riesco a prendere la spada per tentare di spezzare le malefiche grinfie lignee e di conseguenza liberarmi. Sfortunatamente anche le braccia sono bloccate.

I rami diventano via via più spessi e mi avvolgono interamente. Il dolore è indescrivibile, tra l'altro vengo trascinato in direzione della spaventosa pianta legnosa.

Dall'esterno della corteccia, precisamente al centro, si apre un grosso buco con all'interno una figura sinistra che riesco subito a riconoscere. Si tratta di Agnès, una delle due streghe a cui sto dando la caccia. Agnès, proprio colei che in passato aveva soggiogato il mio Regno per nove lunghissimi anni. 

La sua malvagia risata è stridula, roca e profonda, sicuramente vuole risucchiarmi dentro quel largo foro.

Sono spacciato?

Non può e non deve finire così.

«Avery, Avery, Avery….» grido più volte invocando la Fata dell'Amore e in men che non si dica una luce fortissima e intensa rischiara per alcuni istanti il labirintico bosco ombroso.

I raggi scintillanti sortiscono un effetto controproducente nei confronti dell'Albero Nero, tant’è che lo indeboliscono e i rami che mi tengono prigioniero finalmente si allentano quanto basta per liberarmi. Ne approfitto.

Estraggo velocemente dalla fodera la mia fidata nonché taglientissima arma bianca e recido con vigore i rami più invadenti fino a rendere completamente vulnerabile l'odiato nemico.

«Muori!» esclamo sprezzante e colpisco violentemente in verticale in una direzione specifica. La lama trapassa facilmente la strega non prima di averle sputato nell'antro.

Si sente un urlo sgraziato e una lunga tiritera di due parole in bolacco, la lingua di Bolonia uno dei voivodati con il più alto tasso di malefiche maliarde.

«Koghan zhie, Kogham zhie, Koghan zhie...»

Dal cielo arrivano dei fulmini violacei centrando in pieno l'Albero Nero che infine prende fuoco.

Mi metto a debita distanza ed assisto con sguardo fiero la dipartita di quella seguace del Male che divampa velocemente tanto da diventare un cumulo di cenere. 

L'ho uccisa. Il Potere dell'Amore mi ha salvato ancora una volta.

E adesso tocca a Iza. Prima o poi riuscirò a stanarla. 

Mi rimetto in cammino, la spada reclama ancora vendetta.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
2

Vivi e lascia vivere

09 April 2020

L’eccessivo prodigarsi fa rima con dannarsi. Sono del parere che ogni singolo individuo abbia bisogno di vivere senza stare troppo a preoccuparsi di cosa accade attorno o chi ci sta attorno. La nostra vita dispone di un meccanismo perfetto, sta a noi capirne il complicato funzionamento dal momento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
2

L'evasione

09 April 2020

Uscendo dalla doppia curva dopo i caselli, il conducente schiacciò il freno istintivamente: il furgone cellulare derapò paurosamente a sinistra, poi a destra; percorse ancora alcuni metri, quindi inchiodò con un violento colpo di coda, rilasciando nell’aria fumo nero e un odoraccio di gomme surriscaldate. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
2
12

Da tanto tempo

08 April 2020

Vorrei incontrarti per scambiare con te le parole della pelle i tremori della carne le incertezze delle labbra l'innocenza degli sguardi l'insolenza delle mani E poi con un abbraccio raccontarti che voglio solo te. Ciò che non vedi dentro me è già tuo Assolutamente tuo Da tanto tempo Maurizio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
11

Monologo di un uomo nel tempo della peste

08 April 2020

Un giorno ci alzammo assieme al sole. Credevamo di aver sconfitto il buio della notte con la luce del suo raggio sempre più potente, man mano i minuti si avvicendavano a rincorrersi come fanciulli sulla spiaggia dorata, spensierati cuccioli d'uomo, intenti a inseguire un aquilone. Ognuno di noi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
6
14

Incroci

07 April 2020

Le campagne sono immense Io sono al centro degli incroci Il mio sguardo ruota e non fissa qualcosa di definito C’è tanto da vedere Il movimento della terra è regolare Brevi picchi di colline alberate si ergono a sud Il fiume che mi corre affianco povero di acqua Non impedisce a due cigni di percorrere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
10
17

Come se fossi qui

07 April 2020

“Non ti arrabbiare però!”, mi disse con la voce supplichevole. Io la guardai con la coda dell’occhio. Teneva le labbra imbronciate, come una bambina che ha patito un dispetto. Il labbro inferiore sporto in avanti si accavallava su quello superiore. Ma il disegno delicato della bocca non subiva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
8
17

L'ultimo elfo

06 April 2020

Un elfo di nome Ohtar stava morendo. Uscì dal suo rifugio, ovvero un grandissimo albero, in seguito a un lunghissimo letargo. Si sentì improvvisamente invecchiato sia dentro che fuori e non ci volle molto per capire il perché di quella sgradevole condizione. Vagò barcollando per quel che restava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Be’, se avessi approfondito il commento ti avrei senz'altro tolto [...]

  • Manuela Cagnoni: Uno dei tuoi racconti che sorprendono il lettore nel finale!

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
2
16

MEGLIO RIDERE PER NON PIANGERE

06 April 2020

Smette di andare il telefono fisso di casa. Prendiamo il cellulare e chiamiamo il “Cento-eccetera” del nostro operatore: non è che non risponde o ti mette in attesa, proprio termina la chiamata istantaneamente con un peto sommesso ma minaccioso. Riproviamo enne volte e sempre il peto si ripete, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • callettino: E alcuni hanno il coraggio di chiamarlo progresso. Non puoi scansare certe [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Kanozza, il titolo è tutto dire visto che è perfetto per [...]

4
1
17

Marzo 2020 - Regole

05 April 2020

Ciao umani. Sono la Logica. Parlavo in questi giorni con una scienza mia cugina, la Matematica. Mi raccontava di come in questi giorni stesse cercando di guidarvi nella lettura dei Numeri, in modo da evitare effetti distorti e indesiderati. Beh, ci ho pensato su e ho deciso che anch’io dal [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
14
53

Il piccolo aereo rosso

Racconto di Natale

04 April 2020

Per un bambino la realtà non importa, perché sarà sempre accompagnato durante i suoi giorni dalla sua immaginazione. Piccolo racconto natalizio. Mancano pochi giorni a Natale e, una volta giunti al parcheggio del centro commerciale dopo l’acquisto dei regali, io, mia moglie Francesca e il nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Un punto di vista da bambino colto però dagli adulti, questo è, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie callettino. Al di là del pensiero adulto/fanciullo direi che [...]

3
3
16

Lontano dal mondo

04 April 2020

Cediamo il passo al silenzio e alla notte. Cediamo il passo alla solitudine ed all'immutabile bellezza. Restiamo sulla soglia della vita come spettatori malinconici innanzi a orizzonti impossibili.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ....ma non cediamo il passo alla meraviglia della vita..sai ieri ne ho avuto [...]

  • Arielseasoon: Grazie Giuseppe per le belle parole. La tristezza di un mondo 'costretto' [...]

4
1
16

Marzo 2020 - Numeri

03 April 2020

Ciao umani. Sono la Matematica. Sono la scienza che più di ogni altra definite “arida”. Beh, non mi offendo. In fondo è vero: i miei ubbidienti soldatini, i Numeri, in effetti non hanno cuore, né anima. Malgrado questo, voi umani non riuscite a fare a meno di noi, della Matematica e dei suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su