Corro.

Gli alberi sembrano come prendere vita. Ho le traveggole oppure è l'effetto di una qualche magia nera?

Capitombolo per poi ruzzolare rovinosamente a terra. Le foglie rosso e gialle vorticano in turbinosi mulinelli.

Mi rialzo con tenacia, non sarà certo una caduta a fermarmi.

Fortunatamente, a parte qualche graffio, non sono ferito. A pochi metri da me c'è un terrificante albero dalla corteccia nerissima come la pece.

Oh mio Dio! È orribile ciò che vedono i miei occhi. 

Improvvisamente dei lunghi rami si allungano dell'albero come dita ossute. Si impigliano tra i miei capelli, per poi avvolgere tutto il mio viso, testa compresa.

Cerco di scuotere il capo o di girare il collo, ma la salda presa dei ramoscelli non mi permette ciò. Il respiro si fa affannoso. 

Non riesco a prendere la spada per tentare di spezzare le malefiche grinfie lignee e di conseguenza liberarmi. Sfortunatamente anche le braccia sono bloccate.

I rami diventano via via più spessi e mi avvolgono interamente. Il dolore è indescrivibile, tra l'altro vengo trascinato in direzione della spaventosa pianta legnosa.

Dall'esterno della corteccia, precisamente al centro, si apre un grosso buco con all'interno una figura sinistra che riesco subito a riconoscere. Si tratta di Agnès, una delle due streghe a cui sto dando la caccia. Agnès, proprio colei che in passato aveva soggiogato il mio Regno per nove lunghissimi anni. 

La sua malvagia risata è stridula, roca e profonda, sicuramente vuole risucchiarmi dentro quel largo foro.

Sono spacciato?

Non può e non deve finire così.

«Avery, Avery, Avery….» grido più volte invocando la Fata dell'Amore e in men che non si dica una luce fortissima e intensa rischiara per alcuni istanti il labirintico bosco ombroso.

I raggi scintillanti sortiscono un effetto controproducente nei confronti dell'Albero Nero, tant’è che lo indeboliscono e i rami che mi tengono prigioniero finalmente si allentano quanto basta per liberarmi. Ne approfitto.

Estraggo velocemente dalla fodera la mia fidata nonché taglientissima arma bianca e recido con vigore i rami più invadenti fino a rendere completamente vulnerabile l'odiato nemico.

«Muori!» esclamo sprezzante e colpisco violentemente in verticale in una direzione specifica. La lama trapassa facilmente la strega non prima di averle sputato nell'antro.

Si sente un urlo sgraziato e una lunga tiritera di due parole in bolacco, la lingua di Bolonia uno dei voivodati con il più alto tasso di malefiche maliarde.

«Koghan zhie, Kogham zhie, Koghan zhie...»

Dal cielo arrivano dei fulmini violacei centrando in pieno l'Albero Nero che infine prende fuoco.

Mi metto a debita distanza ed assisto con sguardo fiero la dipartita di quella seguace del Male che divampa velocemente tanto da diventare un cumulo di cenere. 

L'ho uccisa. Il Potere dell'Amore mi ha salvato ancora una volta.

E adesso tocca a Iza. Prima o poi riuscirò a stanarla. 

Mi rimetto in cammino, la spada reclama ancora vendetta.

1
1
5

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su