N.d.R. Dedico sentitamente questo racconto a Puccia, una carissima amica, con cui in passato con molto piacere ed estremo interesse abbiamo condiviso argomenti inerenti al soprannaturale, ovvero esperienze extracorporee, vita dopo la vita ed anche la periodica sospensione dello stato di coscienza chiamata comunemente sonno e relativi sogni.

 

 

I suoi sogni erano viaggi magici e incantati attraverso mondi incredibili e misteriosi. Quasi ogni mattina si svegliava tra l'intorpidito e lo stupore, ponendosi mille perché. Ciò che aveva in mano, anzi, in testa risultavano sequenze fatte di labirintici giardini incantati, laghi e fiumi cristallini, mari di un azzurro invitante in cui nuotare e immergersi senza la necessità di ossigeno, cieli particolarmente cerulei da solcare senza ali e moltissime altre cose a dir poco fantastiche.

«Che cos'è reale e cosa invece non lo è?» si domandò svariate volte. 

Al compimento del suo trentesimo compleanno decise di farsi un regalo: cimentarsi alla ricerca concreta di risposte e ci si prodigò in maniera caparbia.

Gli anni passarono e i suoi studi giunsero a delle conclusioni convincenti, tangibili e riscontrate. Constatò che la vita reale, nonostante le soddisfazioni che riusciva a ricavarne, si trovava sempre e comunque a proprio agio nel suo mondo irreale.

 

Arrivò il periodo delle delusioni esistenziali, dovute a cause lavorative, sentimentali e soprattutto sociali, il nostro mondo non lo ritenne più accogliente, troppo dominato dal male, dall'incertezza, dalla cattiveria e dalla superficialità.

La sua non era depressione ma delusione, sgomento e costernazione, difatti si convinse pienamente di quanto le imperfezioni della Terra, giorno dopo giorno, lo stessero distruggendo. Tra l'altro l'essere sognatore anche ad occhi aperti, benché lo aiutasse, non era di certo una soluzione al suo disagio.

I risvegli diventarono via via sempre più sofferti, a volte credeva che sarebbe stato meglio non focalizzarsi su ciò che accadeva nei viaggi onirici, concentrandosi e rassegnandosi piuttosto alla realtà, mentre in altri casi avrebbe voluto continuare a dormire senza interruzione.

Una mattina non si svegliò per davvero, trovandosi in uno stato transitorio tra il surreale e il sospeso. Probabilmente neanche si accorse che stava per iniziare una inedita esistenza spirituale o almeno non subito.  

«È in una condizione simile al coma!» dissero i dottori ai famigliari e non seppero spiegarsi il perché. 

In un letto d'ospedale, giaceva immobile, finché alcuni giorni dopo non esalò l'ultimo respiro e rivide tutta la sua vita come in un film.

Si aprì una gigantesca spirale che si sovrapponeva a due coni composta peraltro da una nebbiolina colorata particolarmente piacevole, per poi venire trasportato a velocità elevata attraversando numerose galassie e sistemi stellari tanto da restarne strabiliato. Ed era solo l'inizio.

Dai viaggi onirici che fece in vita durante i suoi sonni passò ad un definitivo viaggio astrale, fino a quando raggiunse la sua "sfera" ideale.

Tutto ciò che aveva sempre sognato lo ritrovò, addirittura infinitamente stupendo, nitido, immenso, inoltre i colori gli apparvero ancora più accesi, per non parlare di architetture di incredibile e indicibile bellezza. Tutto era perfetto, come le altre anime che dimoravano in quello scenario dominato dalla luce e dall'amore. 

«Un nuovo ciclo, una nuova rinascita e soprattutto una nuova vita!» disse tra se e se con le lacrime colme di felicità e scoprì finalmente il significato della parola EQUILIBRIO.

 

 

 

0
0
2

Palingenesi

12 November 2019

La palingenesi demoplutocratica della progressione diaframmatica utilitaristica, si estrapola da un contesto musical-postsessantottino sfociante in una semplificazione anagrammatico sillogistica, assimilabile inequivocabilmente alla stesura cantautorale del "trottolino amoroso" di sanremiana memoria. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
3

Il Nero

12 November 2019

Milano ore 23:30 Una donna di mezza età, bionda e abbastanza appariscente da poco divorziata, decide di entrare per la prima volta al Black Lion, un locale multietnico situato in periferia, frequentato prevalentemente da africani. «Visto che mi sono sbolognata quel coglione di Sergio, voglio [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
1
8

L'appuntamento al buio

11 November 2019

La giornata di Carlo si svolge ormai da anni nella stessa, identica, estenuante maniera. Sveglia presto al mattino verso le sei, subito dopo che Mercury, il suo gatto, ha già danzato sulla sua schiena per un quarto d’ora, affondandone le unghie. Un colpo di reni lo fa drizzare sul letto e un istante [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
7
9

ESCAPE ROOM

11 November 2019

Fammi uscire, fammi andar via da questa stanza! Manca l'aria, non rifiato e non trovo la via. Rovesciami parole, come fossero chiavi. Ce ne sarà una che apre. Dammi un indizio, una traccia per scorgere l'uscita. C'è un letto sfatto, una finestra senza vetri, un bagno cieco. E nulla più muove questo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
7

Deutschland Uber alles

10 November 2019

L'assetto cultural letterario della Bassa Baviera dopo l'«Oktober Fest» si esplicita in una metempsicosi teologico animistica di tipo anseatico magdeburghese confrontandosi con la cesura nazionalsocialistica della componente austroungarica ascrivibile al ramo dinastico della principessa Sissi. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Per mille krapfen! Oggi viri sul deutch! Mein Gott!
    Caro Ferry, oggi si [...]

  • Rara avis: Danke, mein freund per i tuoi arguti commenti( in quelli sei imbattibile).
    Mi [...]

4
3
11

L'albero genealogico

10 November 2019

Camillo, fin da piccolo cominciò a interessarsi di genealogia, tant'è che quando divenne adulto non solo presentò tale argomento come tesi di laurea conseguendo il massimo dei voti, ma addirittura progettò di farsi tatuare l'intero albero genealogico della sua famiglia sulla schiena. I genitori [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Walter Fest: Geniale!...Anche se un pò triste nel finale geniale lo stesso!!!.....ho [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Tatianasenzamusica: Quanto hai letto è di un genere diametralmente opposto [...]

2
1
6

Le carte

09 November 2019

Gira, rigirala Giocala bene. Lei è la tua ultima. Può cambiarti la vita. La stanza è fumosa. Sono tante ore che si è seduti. Il colore può non essere determinante. Ma il numero, quello sì. Girala, rigirala. Gli occhi di tutti sono arrossati. E la schiena duole. Quella pistola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
9

Regalo di compleanno

09 November 2019

Anna e Andrea tornavano in macchina verso casa, nel tardo pomeriggio di uno di quei giorni di metà autunno in cui il buio invade il paesaggio troppo presto, togliendo luce alle ore e ai giorni, progressivamente sempre più corti. Avevano passato insieme il fine settimana in un borghetto caratteristico, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
9

Qui lo dico e qui lo nego

08 November 2019

L'inchiappettamento perifrastico convulsamente dissolutorio, estrapolato da un contesto zooprofilattico normograficamente estraneo all'impollinamento serotino del sarchiapone di montagna affetto da meteorismo recidivante, comporta la recrudescenza osmotica protomidollare nella preparazione della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
4
23

La voce

08 November 2019

Del loro primo incontro lei rammentava la voce. Non esattamente il suono o il timbro o la frequenza, ma la voce, come fosse un’entità vivente. Erano ad un party, lei era girata di spalle, con il bicchiere dell’aperitivo tra le mani. Sentì lui dissentire sull’andamento della giornata calcistica. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
9

L'aria

07 November 2019

Nell'aria d'una finestra, chiusa, della stanza e tutto il mondo fuori, energico dell'universo

Tempo di lettura: 30 secondi

15
16
131

Iniezioni di humour - 2/2

07 November 2019

L’aprimitili - Maggio 2004 In quell'anno lavoravo dai Palazzo in qualità di commesso/magazziniere in un negozio di articoli casalinghi, precisamene per il quarto anno consecutivo, e presto mi sarei licenziato in quanto ero in attesa di essere chiamato per il servizio militare. Lavorare in quel [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Giuseppe, non posso ripeterti le stesse cose, rischiamo che gli altri ci guardino [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter! umh, film, culo e camicia... oh, ma lo sai che "Culo e camicia" [...]

Torna su