Ciao Loredana, come stai? Immagino stupita, ma spero serena.

Dunque eccomi qua, davanti al mio computer a scriverti questa prima e-mail.Sai, ho riflettuto a lungo su quali fossero le parole migliori per descriverti il mio stato d’animo attuale, ma quando credevo di averle trovate e provavo a metterle sul foglio virtuale che ho di fronte, esse puntualmente svanivano. Alla fine ho deciso di semplificare al massimo i concetti senza preoccuparmi di dare loro una forma precisa, se la sostanza era quella voluta. E con piacere noto che la cosa funziona, le mie dita hanno preso a scorrere veloci sulla tastiera.

Sembrava pazzesco, eppure ieri è successo. Una possibilità, imprevedibile e casuale, e uno squillo, fatto senza molte pretese ma con un’intima speranza. Poi uno scambio di messaggi sempre più serrato. Dopo circa vent’anni il contatto tra noi si è ristabilito e già di per sé è bastato a cancellarne tanti, di giorni. Tutti quelli che da allora sono trascorsi senza di te: sospesi, sbiaditi, anche amari nei quali mi limitavo ad acquisire le poche e frammentarie notizie che riuscivo ad avere sul tuo conto, ma rifiutandomi di accantonare le aspettative migliori. Sì, perché in molte circostanze avvertivo un senso di vuoto e di incompletezza che riusciva però ad amplificare ogni mia percezione. Per questo sentivo che il legame che ci univa era ancora forte, nonostante le apparenze, e pure tutto quanto il resto, che ci ha portato ad incrociare le nostre strade con quelle di altri. Nel frattempo nella mia memoria si cristallizzava l’immagine di una ragazza unica e speciale, mettevano radici profonde i semi piantati in un periodo per me formidabile qual è stata l’adolescenza. E oggi posso dire di aver fatto bene a non smettere di pensare che prima o poi qualcosa avrebbe potuto cambiare il corso degli eventi. Eraclito in un suo frammento afferma che se non ti aspetti l’inaspettato esso non accadrà mai. Proprio vero, anche se adesso mi risulta difficile dare un ordine, una logica, a concetti vecchi e nuovi; a emozioni sconosciute o mai sopite. Mi consolo pensando che io sono così: passionale, vivo intensamente le cose belle che mi capitano e mi indigno per le maldicenze della gente. Mi consola il fatto che le cattiverie vengono sempre a galla e giudicate per ciò che sono, cioè nulla, mentre le altre, le cose belle per l’appunto, spesso ritornano e si ripropongono come, se non più di prima. Per quel che mi riguarda, ho sempre desiderato vivere una vita soltanto: quella nella quale c’eri tu, comunque presente in un modo o nell’altro.

Il primo ricordo che ho di noi risale a quando ci incontravamo ogni mattina mentre andavamo a scuola. Frequentavamo istituti diversi. Tu aspettavi il pullman alla fermata e io, passando dall’altra parte della strada, non appena ti vedevo rallentavo l’andatura. I nostri sguardi si incrociavano, si trasmettevano vibrazioni in mezzo alla folla ed al traffico impazzito di quell’ora. Diventavo insensibile a tutto ciò che mi circondava; esitavo, cercando invano di scrollarmi di dosso la zavorra della mia timidezza. Quanto avrei voluto attraversarla quella strada che ci divideva e parlare con te; farti compagnia fino all’arrivo del tuo pullman; trascorrere il resto della mattinata nell’attesa di rivederti in quello stesso posto al tuo ritorno da scuola. Ma le intenzioni non riuscivano a trasformarsi in determinazione, per avvicinarti e dirti almeno ciao o augurarti una buona giornata. Abbassavo la testa e l’incanto svaniva, si disperdeva come sabbia portata via dal vento da una mano aperta. Crescendo ho imparato a stringere i pugni, se serve; a tenere strette le persone che mi fanno stare bene. Oggi le mie azioni si sono in buona parte liberate di pesi o legacci e cerco semplicemente di essere ciò che sono, di comportarmi con coerenza nelle cose che faccio anche se ognuno è inevitabilmente la somma di esperienze impossibili da cancellare.

Spesso e volentieri chiudo gli occhi e lascio che i ricordi della mia adolescenza affiorino dalla nebbia del tempo passato e allora un’altra scena si definisce chiara e ricorrente: è quella di te che passeggiavi nella villa comunale della nostra città, insieme alle tue amiche e col volto baciato dal sole di un tramonto estivo. Ti muovevi con leggerezza, quasi ballando sulle punte in un contesto nel quale altre presenze servivano solo a giustificare il fatto che io potessi essere lì, in quelle occasioni. All’inizio facevamo ricorso a muti dialoghi, accorciavamo le distanze che ci separavano grazie a sorrisi accennati, a giochi di ammiccamenti, a messaggi corporali e a studiate indifferenze. Poi piano piano io ho cominciato ad approfittare di ogni scusa, di ogni situazione favorevole per scambiare qualche battuta con te. Forse la mia era anche voglia di scoprire e capire istanze particolari, diverse, che mi arrivavano alla mente senza passare dal cuore e per le quali ti osservavo con espressione candida e densa, specialmente quando i tuoi abiti rivelavano senza scoprire ed i tuoi movimenti invitavano senza promettere. Condividendo luoghi ed amicizie finimmo per conoscerci. Fin da subito tra noi ci fu un’intesa forte, magnetica. Ti rivelasti il mio alter ego; l’immagine migliore di me la ritrovavo in te, in alcuni casi ammirandola per la prima volta. Attraverso la diversa prospettiva che mi offrivi del mondo ricevevo un’infinità di stimoli, provavo suggestioni nuove, mi nutrivo di sentimenti veri e profondi. E la mia mente correva libera e felice. Ma un giorno ti trasferisti altrove con la tua famiglia ed il sogno s’interruppe, si chiuse come un bel libro che avevamo appena iniziato a sfogliare.

Hai chiesto di non accelerare i tempi, scritto di non lasciarci travolgere dalle emozioni, che è meglio se in questa fase comunichiamo solo su whatsapp. Per me va bene. Credo però sia sbagliato temere certi stati confusionali. Anzi, è proprio il caos che può scoppiarci dentro a far nascere una stella nuova nel nostro universo. Forse non dovremmo continuare a domandarci se tutto questo sia vero oppure no, ma ritenerlo come una sorta di compensazione fatta dal destino che in realtà ci restituisce quanto ci aveva sottratto. Troppo a lungo ci siamo incontrati ad un livello superiore, quello delle intuizioni e della sensibilità più pura, e adesso che i fili delle nostre esistenze sono tornati ad intrecciarsi, abbiamo avuto la conferma che io e te siamo due gocce uniche, complementari, che non possono più stare divise in un oceano piatto e monotono. Sarà così, vedrai: alla fine coglieremo l’attimo e non ce lo faremo sfuggire.

Tanti baci!

Tua, Francesca (o se preferisci Chicca, come mi chiamavi allora)

 

“Ho capito che nella vita ci sono tante vite,

per quante volte in vita abbiamo amato.”

(Evgenij Aleksandrovič Evtušenko)

 

 

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

0
0
1

Il piccolo aereo rosso

Racconto di Natale

04 April 2020

Per un bambino la realtà non importa, perché sarà sempre accompagnato durante i suoi giorni dalla sua immaginazione. Piccolo racconto natalizio. Mancano pochi giorni a Natale e, una volta giunti al parcheggio del centro commerciale dopo l’acquisto dei regali, io, mia moglie Francesca e il nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

0
0
0

Lontano dal mondo

04 April 2020

Cediamo il passo al silenzio e alla notte. Cediamo il passo alla solitudine ed all'immutabile bellezza. Restiamo sulla soglia della vita come spettatori malinconici innanzi a orizzonti impossibili.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

Marzo 2020 - Numeri

03 April 2020

Ciao umani. Sono la Matematica. Sono la scienza che più di ogni altra definite “arida”. Beh, non mi offendo. In fondo è vero: i miei ubbidienti soldatini, i Numeri, in effetti non hanno cuore, né anima. Malgrado questo, voi umani non riuscite a fare a meno di noi, della Matematica e dei suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
8
19

Nel silenzio di un punto

02 April 2020

Davanti a me la profondità ombrosa della via è un interminabile corridoio con un’unica porta in fondo. Una porta enorme, dischiusa a una lingua di luce: una bianca lama di spada che piove dall’alto e arriva squarciando le tenebre. A brandirla, è la mano del soprannaturale. Dalla porta penetra e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Manuela Cagnoni: Mi è piaciuto molto, è bello il modo in cui scrivi. Anch'io [...]

  • callettino: Ciao, Manuela. Bello il “rumore delle parole”, lo trovo poetico [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

6
5
18

E venne il tempo

01 April 2020

La Primavera non era ancora arrivata E la gente la aspettava, per dare quell’ultimo scossone all’inverno Ma invece di arrivare lei, sopraggiunse una malattia Che voleva spacciarsi per una Regina che portava la corona Ma questa corona aveva spine e pungeva facendo soffrire Papà, ho voglia di correre [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

4
5
12

Il coltellino

01 April 2020

Ammetto che un leggero timore iniziavo ad averlo. Igor, il suo compare, stava ancora girovagando per il treno. Ormai non lo si vedeva da più di un’ora. A pensarci bene però, anche se fosse stato con noi non sarebbe stata la persona ideale alla quale chiedere aiuto, era probabilmente più ubriaco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
18

DALLA LUCE ALLE TENEBRE

31 March 2020

Io sono nato in un piccolo borgo della bassa bresciana, in una vecchia cascina circondata da campi di grano e prati fioriti, incorniciati da una rete di canali di irrigazione e fossati di acqua incontaminata, dove insetti pattinatori ed eterotteri scivolavano danzanti sulla superficie. La felicità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sandro Amici: Mi sono immerso in questa lettura perché il tuo sentire è anche [...]

  • Patapump: Ciao Gianni. Da Bresciano questa trasformazione sia in città che nei [...]

13
18
52

Gifts

Racconto di Natale

31 March 2020

Ci sono regali e regali tra cui quelli mai scartati e quelli mai goduti. Piccolo racconto natalizio di genere drammatico. Cinzia guardò sospirando dalla finestra le magnifiche luci di Natale sulla casa della dirimpettaia dall'altra parte della strada. Verdi, rosse, blu, gialle... sfavillando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
13
34

Colazione calda

COVID-26

30 March 2020

Mi sveglio intontito e ci metto un po' a capire che non è un sogno: il mondo è sconvolto dalla pandemia, ho perso il lavoro e non vedo la fidanzata da due mesi. Apro il frigo, vuoto. Devo uscire a fare la spesa: questioni di necessità. Indosso mascherina e guanti ed esco. Dal balcone la mia vicina [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Hai superato i miei sogni. Mangia leggero di sera!

  • Manuela Cagnoni: Ogni tanto capita a tutti di chiedersi se questo periodo sia solo un brutto [...]

5
7
21

Disquisizioni

29 March 2020

L'estate sta finendo Così dicevano i versi di una canzone Non amo molto l'inverno, ma altrettanto vero che non amo le zanzare Mi piace il sole, ma se ci penso bene anche la neve è accogliente. L'acqua, quella no Non sono animale d'acqua e sul ghiaccio non sono di certo un maestro di equilibrismo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Sandro Amici: Non parlare di fiori in questo periodo. Pure i vivaisti, personaggi pacifici [...]

  • callettino: Un testo ben metaforizzato, direi: l’inverno che, visto come un "troppo [...]

21
30
105

Piccola epistola alla mia donna

29 March 2020

Tesoro mio, in passato sai cosa mi disse colei che si riteneva la donna ideale? Mi promise che sarebbe stata per me una madre, una sorella, la mia migliore amica, la mia donna... ebbene, a parte che fallì su ogni lato, non voglio tutto ciò nel calderone del nostro amore. Guarda, una madre ce l'ho [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

7
5
21

Il dottor Asociale

28 March 2020

Le serrande abbassate sui colori della strada non riuscivano a relegare fuori il resto del mondo. Sgattaiolando dalle intercapedini più in alto, lame di luce esterna infilzavano la penombra e andavano a spiaccicarsi contro lo scorcio di parete appena sopra la testiera del letto. Un trionfante fuoco [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ottima descrizione dell'ambiente,tralasciata quella dell'amante volutamente. [...]

  • callettino: Grazie a tutti, chiedo venia per i tempi d’interazione, ma in questo [...]

Torna su