Vedere  New York coperta di neve  non era certo uno spettacolo inusuale, ogni anno la città  viene sepolta da coltri di neve più o meno abbondanti. Anche quest’anno come al solito la città era impegnata in una lotta impari fra lei e le condizioni meteo, erano giorni difficili, camminare o procedere con la macchina su quelle strade ghiacciate non era facile né piacevole per nessuno.

Mark e Melrose abitavano al Village in un minuscolo cottage che dava loro solo un  tetto per ripararsi, giusto  per non dormire in strada. Una sola camera con un servizio e un fornello per un caffè. Senza riscaldamento o spazio per muoversi, in pratica loro passavano tutta la giornata al College e in quel rifugio andavano solo per dormire. Erano studenti entrambi iscritti al corso di letteratura americana, la loro storia era iniziata all’inizio dell’anno scolastico, quando si erano incrociati in segreteria per le iscrizioni ai vari corsi. Lui era originario dell'Oregon, lontano molte miglia dalla caotica New York, veniva da un paese dove la maggior parte dell’anno c’era il sole, mentre lei era del Maine, abituata più di lui alla vita frenetica di una grande città.

Incontrarsi e innamorarsi era stato solo questione di minuti, il classico colpo di fulmine. Si erano piaciuti subito. Lei era intelligente, spiritosa e spigliata come può esserlo una ragazza di città. Non aveva  particolari esigenze, un tipo allegro e spensierato, le piaceva godersi la vita. Lui, invece, era più introverso, un carattere chiuso, incline al silenzio e alla riservatezza. veniva dalla campagna, un provinciale e non aveva quella disinvoltura della ragazza. Quando si erano incontrati e parlati, a lui non era parso vero che una ragazza carina come lei si fosse interessata a lui. A lei piaceva proprio per questa sua aria spaesata di bravo ragazzo e anche perché era un fustaccio, di quelli naturali, non pompati come i soliti giganti di cartone, come li definiva lei, i frequentatori di palestre. Un ragazzone alto e robusto dallo sguardo sincero. lo aveva preso in simpatia proprio per quei motivi.

Dopo poco infatti si erano messi insieme e, obbligati dagli studi, avevano preso in affitto quel cottage che li vedeva sempre insieme, studiavano, mangiavano e facevano l’amore in quel bugigattolo. I primi tempi erano stati meravigliosi, avevano vissuto la loro storia d’amore in un crescendo di emozioni, di scoperte reciproche, lei aveva notato che lui non amava le verdure pur arrivando da un paese in prevalenza agricolo, mangiava quasi esclusivamente carne, tanta! Le sue bistecche erano di dimensioni extra large. Lei invece era di chiara impronta vegetariana con qualche strappo solo per il pesce. Due stili di vita opposti, eppure andavano d’accordo, sia per la forza dell’amore che per una forma di educazione che portava al rispetto reciproco.

I problemi cominciarono quando arrivò l’inverno, la temperatura nel cottage calò in modo impressionante e gli effetti sui due giovani furono immediati.  Furono giorni di nervosismo, di disagi, uscirono allo scoperto le vere caratteristiche di ognuno. Ci furono screzi che per fortuna non sfociarono in nulla. L’amore, piano piano, stava prendendo di nuovo il controllo della situazione.   

I due giovani dopo le ore di lezioni evitavano di tornare presto a casa, non c’erano i presupposti per vivere in quel buco, restavano nei paraggi del College. Anche  se era tutto coperto di neve, andavano a passeggio tenendosi per mano, una sosta in un bar per una cioccolata calda, un’altra quasi fissa nei centri commerciali dove al caldo potevano trascorrere il resto della giornata senza spendere nulla della loro grama risorsa finanziaria. Quando la maggior parte della gente era al caldo della loro casa, loro due erano in giro per la città, uniti da quell’alchimia particolare che unisce due anime e due corpi che si chiama amore. Due giovani che, volendo fare riferimento a un vecchio detto che recita “due cuori e una capanna“ dovevano accontentarsi di quello che avevano, ma loro non condividevano.

È semplice parlare di queste cose non vivendole in prima persona, il detto poteva andar bene dalla primavera all’autunno, ma l’inverno  era un’altra cosa, trovarsi in una capanna con mezzo metro di neve intorno senza altro calore che quello dei loro corpi non era sufficiente, nemmeno all’amore. Arrivati alle feste natalizie, di loro si persero le tracce, erano tornati ai rispettivi paesi e il loro amore si era disperso sulla neve come le impronte di un passerotto intirizzito.

Tutti i racconti

2
3
13

Quel colpo mal riuscito a Paperopoli

25 June 2024

Quel colpo mal riuscito a Paperopoli. Era la fine di dicembre del 2019 quando, a Paperopoli, i Beagle Boys, nel loro covo ultrasegreto, ebbero l'idea di associare le loro abilità criminali alla professionalità di un chimico molto noto. Stanchi di vivere nella miseria più assoluta e di confrontarsi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: qui hai fatto contento uno dei ns autori..
    da poco ne aveva parlato di [...]

  • stapelia: Hai saputo trasporre, per me, fantasia, quotidiano, vita a braccetto con convinzioni [...]

2
6
18

Ridi

25 June 2024

Ridi Su ridi In fondo ti sei solo sbucciato un ginocchio Ma hai segnato Quel pallone è volato tra i pali e zac Abbiamo vinto Come era il motto Non conta cosa vinci, ma come lo conquisti Su ridi In fondo è solo un voto basso in storia Fra qualche anno nessuno ricorderà questa cosa Ma, hai saputo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • An Old Luca: ...un ministro è come un "Colombo" che svolazza: ora c'è [...]

  • stapelia: Pata, scritta di getto o no....la frase che comincia "... Ma come un [...]

1
9
14

Ll'Ammore

Una personale definizione dell'amore.

25 June 2024

Chi non ama non può capire colui che ama e l'intensità del suo amare. Amare una donna, rispettarla, ammirarla, venerarla per la sua esistenza, per la sua grandezza, per la sua presenza è ciò che di più nobile possa esistere. Quando si ama, essere innamorati, è una carezza al tuo corpo e al tuo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Gennarino: An Old Luca: sicuramente si. Grazie per il tuo commento.

  • stapelia: Continua con le tue esperienze! I tuoi testi aiutano.....gli audaci! E anche [...]

2
2
11

PRESENZE

24 June 2024

PRESENZE Di Emma Watson Negli occhi di chi guarda risiede la bellezza, Amore mio, dove ti sei nascosto, nei cieli? A lungo ho aspettato, paziente e sincero, Desiderio di momenti persi senza di te. La dolcezza del desiderio, del desiderio doloroso, La bussola del mio cuore, tu sei il fuoco. Ovunque [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • L’esilioDiRumba: Sulla poesia in italiano nulla da eccepire. Passo al commento delle scelte [...]

  • stapelia: Non conosco l'inglese, mi piacerebbe, ma in italiano rapisce!

4
4
15

La lüsiröla

24 June 2024

Stavano seduti sul tronco al limitare dell’area illuminata dal fuoco, la schiena rivolta alle fiamme. Renato si stiracchiò e aprì la lattina di birra. L’altro uomo non si mosse. Indossava una camicia grigia a maniche corte e jeans neri. In corrispondenza del collo non si vedeva la striscia bianca [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Rubrus: Trovo interessante il principio di indeterminazione perchè, razionalmente, [...]

  • stapelia: Come sempre impeccabile. Rubrus, sai mescolare narrativa e conoscenza. C'è [...]

2
2
8

Gendai Haiku

24 June 2024

il freddo vento - gira il comignolo tra sprazzi di neve Laura Lapietra ©

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
10

L' ARAZZO DELL' AMORE

23 June 2024

L' ARAZZO DELL' AMORE Sulla tela dell'amore, si svela un capolavoro, Due anime intrecciate, tra i turbine del mondo. Nell'arazzo del tempo, la loro storia viene raccontata, Una saga di passione, tenera e audace. Ad ogni alba, il loro amore di nuovo, Una sinfonia di colori, vibranti e veri. Attraverso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • stapelia: Ho vinto qualche cosa? Diceva un comico, del quale ricordo il viso ma non il [...]

3
12
25

RITORNO A TE

23 June 2024

Risacca lenta infida avviluppi con ingannevole abbraccio fin quando svanito l'appiglio comincio a boccheggiare. La riva ancora in vista mi richiama alla vita all'amore. Sguardi implorano lacrime prorompono. Improvvise vigorose bracciate come battiti d'ali accorciano distanze che sembravano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Adribel: Grazie Stapelia per il commento attento e profondo. come ti avevo detto ho [...]

  • stapelia: Pensavo che ti fosse già stata comunicata la mia mail, quindi puoi [...]

3
13
17

Fondi 17 settembre 1987

Una dedica e tanti ricordi.

23 June 2024

Per anni non ricordi più nulla di cose, avvenimenti. Incontri avvenuti tempi addietro, e poi all'improvviso, basta un niente, per far riaffiorare alla mente, come un lampo di luce che all'improvviso illumina prepotentemente il buio, tutta una storia. Ricordi assopiti. Cancellati da altre cose accadute [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • stapelia: Non ho parole.Raro, davvero raro, per me. Ricordi e libri. La tua maestria [...]

  • Gennarino: Stapelia, grazie di cuore. Troppo gentile. Un caro saluto

0
0
10

CELEBRIAMO di Emma Watson

22 June 2024

Nel regno dell'amore, dove i sogni prendono il volo, Due anime convergono, immerse nella luce soffusa dell'amore. Attraverso i colpi di scena del grande disegno del destino, I loro cuori battono all'unisono, nel ritmo divino. Nei momenti di tranquillità, trovano la loro pace, Un santuario dove [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
10

Oltre il silenzio

22 June 2024

Nelle lontane terre del Nord America viveva un anziano signore di nome Haru. Un nome che i compianti genitori gli avevano dato senza essere consapevoli del suo intrinseco significato. Quel "nato in primavera " da sempre aveva costituito un invito a rinascere nella sua lunga ed inarrestabile [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
11

Senza Titolo

22 June 2024

LETTERA ALLA FORMICA Cara formichina ti vorrei parlare, se tu mi vorrai ascoltare. Vorrei parlare a te, al ragno e all’ape, a voi custodi di una terra morente, che piange di dolore per le mille offese a lei inferte. Se mi vorrai ascoltare, ti dirò che ammiro infinitamente la tua saggezza e il [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su