Durante il periodo del primo superiore la stagione che attendevo con trepidazione era senz'altro l'estate per potermi finalmente rilassare e dedicare ai miei hobby, principalmente a giocare ai videogames, andare al mare, nella lettura dei fumetti, di libri e soprattutto a guardare la televisione, anche fino a tarda notte, insomma  per dirla in gergo: a menarmela!
Non lavoravo ancora nel negozio dei casalinghi, ci sarei andato in qualità di commesso/magazziniere l'anno dopo in quanto diventai più responsabile, per cui l'estate del 1999 protagonista di questo racconto fu l'ultima in totale libertà.

Dopo vari ripensamenti ho deciso di narrare, anzi, di confessare un episodio... cough, cough, cough, cari lettori, scusate la tosse, il fatto è che mi vergogno un pochino, chissà cosa penserete al termine della lettura.

Ok, dai, niente seghe mentali, sono sicuro che assieme a me ci riderete sopra, ragion per cui vado avanti.

Mi ricordo che in quell'anno, qui a casa (vivevo e vivo tutt’ora con i miei genitori) nel soggiorno tenevamo un grande televisore a schermo piatto con un grazioso tavolino basso al centro e ogni sera discutevo con mio padre su chi dovesse piazzarsi davanti all’apparecchio, usufruendo tra l’altro di una comodissima poltrona sdraio per visionare i film e i programmi tv di proprio interesse. In caso contrario, in un'altra stanza ci sarebbe stato il computer per svagarsi, io con i giochi o ascoltando degli mp3, oppure scrivendo raccontini e poesie, mio padre invece con l'installazione e l'uso di svariati software inerenti all'informatica, una delle sue grandi passioni.
Da precisare che non avevamo ancora internet, ma francamente non ne sentivamo la mancanza.
Mia madre assieme alle mie sorelle, invece preferivano una modesta televisione collocata in cucina con un altrettanto confortevole divano con gli immancabili format che già cominciavano a proliferare, in primis l’immancabile Stranamore.
In una afosa notte di luglio, causa la solita mancanza di sonno, dopo aver preso in "ostaggio" la TV, mi misi a cazzeggiare con il telecomando alla ricerca di qualcosa di interessante, comodamente spaparanzato nella citata già poltrona sdraio, con addosso dei pantaloncini corti, delle mutande e rigorosamente senza maglietta.

Si erano fatte le 3:00 passate e dopo innumerevoli zapping, finii in un canale privato in cui veniva trasmesso uno stuzzicante film erotico, credo di produzione francese.

«Minchia!» esclamai quasi a voce alta, inumidendo le labbra e con lo sguardo allupato più che mai.

Mi alzai di scatto per assicurarmi che la porta del soggiorno fosse ben chiusa e con passo veloce ritornai verso la mia postazione.

L’eccitazione era alle stelle, del resto, in piena età adolescenziale, gli ormoni risultavano praticamente impazziti, sebbene anche adesso a 34 anni posso garantire che non si sono calmati per niente.

Dalla tasca estrassi un pacchetto di fazzoletti per sfilarne uno per metà: il cannone era carico e pronto per essere sparato!

In men che non si dica abbassai il vestiario, cominciai a massaggiare lo sventrapapere che quasi istantaneamente divenne eretto come un palo della luce.

Dall'ultima manovella, erano passati soltanto due giorni, un po' troppi per un minatore come me, non per questo a scuola qualcuno mi chiamava Segaiolman, un soprannome che mi dava l'aria da supereroe tanto da immaginarmi orgogliosamente con una grande S davanti al petto, stile Superman.

Ancora oggi ricordo benissimo le piccanti sequenze di quel film libidinoso trasmesso in fascia notturna: una francesina molto magra, dai capelli neri a caschetto con una bella frangetta, un atteggiamento particolarmente voglioso in cui con una sensualità assurda si prodigava a cavalcare appassionatamente un altrettanto giovane ragazzo che in quel preciso istante le toccava nonché le succhiava con avidità le deliziose tettine piccole ma ben proporzionate. 

Entrambi i personaggi, godevano sempre di più come dei forsennati, mentre il sottoscritto aveva già superato la rampa di lancio.

«Oh, oh, oh sì, sì, si oh, oh ohhhhhhhh!!!» quei gemiti e sospiri si fecero via via sempre più arditi, l’immedesimazione fu totale, mi sentivo come se sostituissi quel marcantonio e a scopare quella morettina ci fossi io.

L'asta del pene aveva raggiunto il massimo, continuai a muovere sopra e sotto sempre con maggiore vigore, i due erano all'apice, stavo quasi per venire anch'io finché sentii il rumore della maniglia della porta del soggiorno.

Venni interrotto, nel vero senso della parola, proprio sul più bello, e avevo pochi secondi di vantaggio per non farmi trovare in quello stato.

In maniera goffa mi alzai mutande e pantaloncini, il pacchetto di fazzoletti mi cadde sul pavimento e li coprii con un piede scalzo mentre col telecomando pigiai un tasto a caso finendo in un canale di televendite in cui un tizio proponeva a gran voce dei tappeti persiani.

Entrò mio padre per prendere i suoi occhiali da vista ed un pacchetto di sigarette con relativo accendino sopra il tavolo della stanza. 

Mi ritrovai così in una posizione un po’ strana, non più disteso ma quasi seduto, la gamba sinistra a terra, quella destra sul poggiapiedi, il telecomando più o meno adagiato sopra l'erezione, il braccio sinistro appoggiato sul bracciolo e quello destro che alzai per strofinarmi un occhio con il palmo della mano.

«Tappeti persiani di Tabriz, originali, donano ad ogni ambiente un'atmosfera orientale grazie ai loro splendidi colori...» reclamava il televenditore con estrema disinvoltura e con una vaga somiglianza al noto Roberto da Crema per via dei suoi baffi.

Piano piano ritornai nella posizione originaria, cercando di mantenere un atteggiamento calmo, freddo e impassibile.

Da un lato mi scappava da ridere, dall’altro mi sentii a disagio, speravo dentro di me che mio padre non avesse capito una sega di quanto mi stavo cimentando a fare poco prima e si incamminò in direzione del tavolo, prese gli occhiali e li pulì lentamente con un piccolo panno, mentre io continuai a guardare con finta aria annoiata quel programma televisivo pubblicitario.

Ad un certo punto il babbo assunse un'espressione maliziosa, me ne accorsi poiché nonostante fosse di profilo lo guardai fugacemente per poi indirizzare nuovamente lo sguardo verso l’apparecchio.

«Oh Peppe, chi fà? T'accattari un tappitu?» mi disse in siciliano con un leggero sorriso che tradotto sarebbe «Oh Peppe, che fai? Ti devi comprare un tappeto?»

«No, no, no, è che… è che…  non c'è un cazzo!» provai a farfugliare.

«Sa avia caputu, buona continuazione!» («Si era capito, buona continuazione!») concluse annuendo con aria divertita e se ne andò accendendosi una sigaretta.

Mi aveva sgamato!

 

Avevo 15 anni.                     

1
1
8

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
0
6

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
10

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
5
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Camillina: Adesso mancano i murale ecologici come quello dipinto su una facciata di Roma. [...]

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

1
2
8

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
14

POVERI MA BELLI

Ovvero, dialogo anni ’60 fra due sfigati romani ai tavolini di un bar gelateria di Piazza Navona

14 December 2018

- Ahò! E svejate core!! Che' stai a ffà tutto er giorno ar sole a magnà gelati!!! - Anvedi er Fuffas!!! - Ahò, che ffai? - No’ vedi, pijo er sole, no? E me magno pure er gelato a' Tre scalini, a' faccia loro... - Ma cccambia bare, vattene de fronte e te guardi er Bernini e er Borromini! - Ma che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Enrico Costa: C'erano romani che a RC volevano portare cultura specifica, e romani che [...]

  • Puccia: Bello, poi il dialetto romanesco mi acchiappa sempre anche se sono milanese.

3
1
13

L’ASTICE CUI TENDEVI…

13 December 2018

- Hai messo in freezer il tuo amore! Ti sento lontana! - La solfa si ripeteva da qualche tempo e lei non sapeva come farglielo capire. Eppure quella domenica erano andati a pranzo fuori: finalmente soli! Era una tiepida giornata di metà settembre e avevano deciso per il solito Ristorante sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
0
8

Nel museo dell'opera dei pupi

13 December 2018

Il guardiano controllò che tutte le porte e gli infissi del museo fossero chiusi per la nottata. Quel palazzo, che un tempo era stato adibito ad altre mansioni, ora era stato trasformato per accogliere una tradizione siciliana, che era conosciuta e frequentata da tutti ma che, in seguito alle nuove [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
4
12

solo un padre

12 December 2018

I tuoi occhi nei miei Ti stringo amore mio Tu che mi hai donato l’amore Io che ti ho donato la vita Ti cercherò domani e tu mi darai la mano Cammineremo tra strade senza più barriere, tra giochi d’infinito e sguardi di bellezza Accompagnerò i tuoi sorrisi in silenzio e giocherò alla vita regalandoti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Ilaria: Sono una figlia e leggere queste parole mi fa solo venire in mente l'amore [...]

  • tre stagioni: Grazie Ilaria per le tue parole. Sarò forse un padre all'antica [...]

Torna su