Durante il periodo del primo superiore la stagione che attendevo con trepidazione era senz'altro l'estate per potermi finalmente rilassare e dedicare ai miei hobby, principalmente a giocare ai videogames, andare al mare, nella lettura dei fumetti, di libri e soprattutto a guardare la televisione, anche fino a tarda notte, insomma  per dirla in gergo: a menarmela!
Non lavoravo ancora nel negozio dei casalinghi, ci sarei andato in qualità di commesso/magazziniere l'anno dopo in quanto diventai più responsabile, per cui l'estate del 1999 protagonista di questo racconto fu l'ultima in totale libertà.

Dopo vari ripensamenti ho deciso di narrare, anzi, di confessare un episodio... cough, cough, cough, cari lettori, scusate la tosse, il fatto è che mi vergogno un pochino, chissà cosa penserete al termine della lettura.

Ok, dai, niente seghe mentali, sono sicuro che assieme a me ci riderete sopra, ragion per cui vado avanti.

Mi ricordo che in quell'anno, qui a casa (vivevo e vivo tutt’ora con i miei genitori) nel soggiorno tenevamo un grande televisore a schermo piatto con un grazioso tavolino basso al centro e ogni sera discutevo con mio padre su chi dovesse piazzarsi davanti all’apparecchio, usufruendo tra l’altro di una comodissima poltrona sdraio per visionare i film e i programmi tv di proprio interesse. In caso contrario, in un'altra stanza ci sarebbe stato il computer per svagarsi, io con i giochi o ascoltando degli mp3, oppure scrivendo raccontini e poesie, mio padre invece con l'installazione e l'uso di svariati software inerenti all'informatica, una delle sue grandi passioni.
Da precisare che non avevamo ancora internet, ma francamente non ne sentivamo la mancanza.
Mia madre assieme alle mie sorelle, invece preferivano una modesta televisione collocata in cucina con un altrettanto confortevole divano con gli immancabili format che già cominciavano a proliferare, in primis l’immancabile Stranamore.
In una afosa notte di luglio, causa la solita mancanza di sonno, dopo aver preso in "ostaggio" la TV, mi misi a cazzeggiare con il telecomando alla ricerca di qualcosa di interessante, comodamente spaparanzato nella citata già poltrona sdraio, con addosso dei pantaloncini corti, delle mutande e rigorosamente senza maglietta.

Si erano fatte le 3:00 passate e dopo innumerevoli zapping, finii in un canale privato in cui veniva trasmesso uno stuzzicante film erotico, credo di produzione francese.

«Minchia!» esclamai quasi a voce alta, inumidendo le labbra e con lo sguardo allupato più che mai.

Mi alzai di scatto per assicurarmi che la porta del soggiorno fosse ben chiusa e con passo veloce ritornai verso la mia postazione.

L’eccitazione era alle stelle, del resto, in piena età adolescenziale, gli ormoni risultavano praticamente impazziti, sebbene anche adesso a 34 anni posso garantire che non si sono calmati per niente.

Dalla tasca estrassi un pacchetto di fazzoletti per sfilarne uno per metà: il cannone era carico e pronto per essere sparato!

In men che non si dica abbassai il vestiario, cominciai a massaggiare lo sventrapapere che quasi istantaneamente divenne eretto come un palo della luce.

Dall'ultima manovella, erano passati soltanto due giorni, un po' troppi per un minatore come me, non per questo a scuola qualcuno mi chiamava Segaiolman, un soprannome che mi dava l'aria da supereroe tanto da immaginarmi orgogliosamente con una grande S davanti al petto, stile Superman.

Ancora oggi ricordo benissimo le piccanti sequenze di quel film libidinoso trasmesso in fascia notturna: una francesina molto magra, dai capelli neri a caschetto con una bella frangetta, un atteggiamento particolarmente voglioso in cui con una sensualità assurda si prodigava a cavalcare appassionatamente un altrettanto giovane ragazzo che in quel preciso istante le toccava nonché le succhiava con avidità le deliziose tettine piccole ma ben proporzionate. 

Entrambi i personaggi, godevano sempre di più come dei forsennati, mentre il sottoscritto aveva già superato la rampa di lancio.

«Oh, oh, oh sì, sì, si oh, oh ohhhhhhhh!!!» quei gemiti e sospiri si fecero via via sempre più arditi, l’immedesimazione fu totale, mi sentivo come se sostituissi quel marcantonio e a scopare quella morettina ci fossi io.

L'asta del pene aveva raggiunto il massimo, continuai a muovere sopra e sotto sempre con maggiore vigore, i due erano all'apice, stavo quasi per venire anch'io finché sentii il rumore della maniglia della porta del soggiorno.

Venni interrotto, nel vero senso della parola, proprio sul più bello, e avevo pochi secondi di vantaggio per non farmi trovare in quello stato.

In maniera goffa mi alzai mutande e pantaloncini, il pacchetto di fazzoletti mi cadde sul pavimento e li coprii con un piede scalzo mentre col telecomando pigiai un tasto a caso finendo in un canale di televendite in cui un tizio proponeva a gran voce dei tappeti persiani.

Entrò mio padre per prendere i suoi occhiali da vista ed un pacchetto di sigarette con relativo accendino sopra il tavolo della stanza. 

Mi ritrovai così in una posizione un po’ strana, non più disteso ma quasi seduto, la gamba sinistra a terra, quella destra sul poggiapiedi, il telecomando più o meno adagiato sopra l'erezione, il braccio sinistro appoggiato sul bracciolo e quello destro che alzai per strofinarmi un occhio con il palmo della mano.

«Tappeti persiani di Tabriz, originali, donano ad ogni ambiente un'atmosfera orientale grazie ai loro splendidi colori...» reclamava il televenditore con estrema disinvoltura e con una vaga somiglianza al noto Roberto da Crema per via dei suoi baffi.

Piano piano ritornai nella posizione originaria, cercando di mantenere un atteggiamento calmo, freddo e impassibile.

Da un lato mi scappava da ridere, dall’altro mi sentii a disagio, speravo dentro di me che mio padre non avesse capito una sega di quanto mi stavo cimentando a fare poco prima e si incamminò in direzione del tavolo, prese gli occhiali e li pulì lentamente con un piccolo panno, mentre io continuai a guardare con finta aria annoiata quel programma televisivo pubblicitario.

Ad un certo punto il babbo assunse un'espressione maliziosa, me ne accorsi poiché nonostante fosse di profilo lo guardai fugacemente per poi indirizzare nuovamente lo sguardo verso l’apparecchio.

«Oh Peppe, chi fà? T'accattari un tappitu?» mi disse in siciliano con un leggero sorriso che tradotto sarebbe «Oh Peppe, che fai? Ti devi comprare un tappeto?»

«No, no, no, è che… è che…  non c'è un cazzo!» provai a farfugliare.

«Sa avia caputu, buona continuazione!» («Si era capito, buona continuazione!») concluse annuendo con aria divertita e se ne andò accendendosi una sigaretta.

Mi aveva sgamato!

 

Avevo 15 anni.                     

0
0
0

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
1

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su