Eppure esiste, state già ridendo perchè tutti la vogliono ma non arriva mai? Sono d'accordo con voi, neanche io ho la bacchetta magica e adesso vi dirò quello che penso.

Di sicuro ci sono un sacco di persone infelici e altre, al contrario, gaudenti e dopo tutto la felicità può anche andare e venire, ma anche questa è una certezza come la scoperta dell'acqua calda, il problema è che si fà quando non c'è.

Bene allora vi propongo amici di letturedametropolitana un esperimento per dedicarci qualche minuto di felicità, bisogna accontentarsi, magari oggi siete un pò incazzati e fra qualche minuto dopo questo esperimento auguro che l'incazzatura vi passerà.

Ok, ci siamo? Molto bene, adesso isolatevi da tutto e da tutti, tranquilli sarà facile, eseguite le mie indicazioni... prendete un vostro brano musicale preferito, io per me ho scelto "Rock the casbah" dei Clash, quindi accomodatevi a vostro piacere, fate partire la musica, non dovrete ballare o cantare, tanto lo so che siete stonati, bene ora mettete da parte per questo momento tutti i pensieri negativi dentro di voi, fuori di voi... fatto? Ok fate partire la musica e lasciate che vi entri dentro, non chiudete gli occhi come nei film, facile no?

Adesso accompagnate il suono con un sorriso, possibilmente grande, a questo punto tutto il vostro corpo è sulla stessa onda della musica, sentitevi perciò come delle persone libere con il sound che vi sta accarezzando l'anima, ogni nota musicale sta facendo vibrare anche la più piccola delle vostre cellule, non dovete neanche affaticare l'immaginazione, lasciatevi guidare dalla musica e basta, ora state muovendo la testa a ritmo, anche il piede e una mano lo stanno facendo ma è solo un'impressione perchè in realtà tutta la vibrazione emozionale si svolge all'interno del vostro corpo, vi sentite un po' più leggeri? Lorena mi raccomando tu con l'hard rock e con il Metal vacci piano ai tuoi vicini piace il jazz... a questo punto a poche note della chiusura del brano ci sta bene un bel "vaffanculo" liberatorio a chi volete voi... a questo punto è finita la musica, magari dopo sarete ancora incazzati, però se tutti i giorni ripetete l'esperimento forse chi sa che la felicità non arrivi.

Vi saluto, vi ringrazio e vi aspetto alla prossima sperimentazione sempre qui su letturedametropolitana.

1
1
10

L'UOMO CHE SORRIDE

15 November 2018

Se ne stava seduto sul penultimo pilone dell’unico pontile di Rouge-du-mer. Chiunque fosse passato sulla sponda di pietra ornata di culi di cannoni lo avrebbe visto in quella posa. Lo sguardo rivolto all’orizzonte del mare, la pipa lunga e bianca di spuma tra le labbra e il gomito appoggiato sul [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
8

COME  L'EROE  DANESE…

15 November 2018

"Come l'eroe danese, la mente vaga..." E non riusciva ad andare oltre. Erano mesi che tentava di terminare quella sceneggiatura e il produttore si faceva sempre più insistente. Avrebbe voluto scrivere un film sulla sua condizione, ma non si sentiva più un Amleto, o almeno così gli sembrava. Stava [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Adalberto, mi hai letteralmente sorpreso con questo componimento, [...]

  • piero: Mi è piaciuto. Originale e al tempo stesso verosimile. Una specie di [...]

3
6
12

Quell'11 novembre 2007

15 November 2018

Sembrava essere una serata normale quella di quel sabato 10 novembre di undici anni fa, una tranquilla cenetta in casa con una coppia di amici, ormai ex, terminata allo scoccare della mezzanotte. In quel periodo se ne facevano diverse di cene in casa mia con gli amici , se non altro per tenermi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
9
21

Due nuvole

14 November 2018

Alzo lo sguardo nel cielo terso. Due strati argentati si avvicinano proprio come noi. Per cambiare le loro forme e per unirsi così delicatamente senza scontrarsi. Alzo lo sguardo nel cielo terso. Due strati argentati si uniscono e si modellano a forma di cuore. Amore mio, abbiamo un appuntamento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Ilaria chi ti ha fatto arrabbiare? Ti riferisci a qualcosa di passato? Perché [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter Fest: Grazie, non dimenticherò mai questo 2018. L'anno [...]

2
2
9

L'acqua

14 November 2018

La Sicilia, circondata dalle acque fresche e azzurre del mar Mediterraneo, è sempre stata un’isola fra l’acqua senza acqua. Questo fatto non è dovuto al clima mediterraneo che a volte si mescola a quello equatoriale ed africano, dato che ogni anno si avvicina con la placca di qualche centimetro [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
8
18

Che fatica l'arte

14 November 2018

«Ecco il lavoro ultimato, letto e riletto. Mi sembra buono» «Ok, ma diamogli un'occhiata prima, noi non guardiamo solo le possibili vendite ma anche la qualità. E questo sarebbe un lavoro buono?» «Non lo è?» «Sì, ma ci sono ancora alcune cose da sistemare.» «Non lo escludevo, per questo prima si [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Patti: Non saprei risponderti: se intendi fare editing professionale a un testo, sto [...]

  • Walter Fest: Giuseppe, allora in bocca al lupo se ci metti passione ed entusiasmo ce la [...]

2
1
12

La lucciola, il bicchiere e l'infinito

13 November 2018

Fino alla noia dirò dell'importanza dell'infanzia. Fino alla nausea dirò della mia infanzia in Toscana. A chi storce il naso, con ragione, dirò che nella vita di ognuno v'è un momento, a volte rapidissimo, dove l'intuizione si dilata a tal punto da scoprire Dio e sorprenderlo "bischero", al punto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

TRIPPA JOE

13 November 2018

Siamo nel 1865 e Trippa Joe è il tenutario del bordello di Santa Cruz del Hombre, centro agricolo del Texas meridionale, non distante dal Messico. Il nomignolo dell'uomo è dovuto alla sua stazza: un metro e mezzo di altezza per centoventi chili di peso. Il locale non è propriamente ben frequentato. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
6
12

LA SELFISTA INCOMPRESA

Categorie dei frequentatori di Facebook - Cap. 2

13 November 2018

Nella notte dei tempi di Facebook, quando l’uomo mono-neurale cacciava con logorroici discorsi filantropici le proprie prede e le donna disquisiva con le amiche sull’importanza di una borsa Gucci rispetto alla crisi siderurgica del Tavoliere delle Puglie, nacque la capostipite della “Selfista Incompresa”. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Fabrizio Arnò: Ciao Giuseppe, mi fa molto piacere che tu abbia trovato stimolante la lettura [...]

  • Fabrizio Arnò: Caro Principe, ti ringrazio per le belle parole spese... amo cimentarmi con [...]

8
9
25

Dolce dormire con te

12 November 2018

Con le labbra socchiuse dormi quietamente, con i tuoi deboli respiri che fluiscono dolcemente. Poso l'orecchio sul tuo seno, avvolgendomi anche nella melodia del tuo cuore.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Surya: Il ritorno del poeta innamorato!
    Cosa non è capace di fare l'amore... [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie un miliardo cara Surya. Non solo l'amore ma anche altre cose belle, [...]

2
1
13

Al cimitero degli inglesi

12 November 2018

Due defunti stavano seduti sulle loro tombe a guardare il cielo. Avevano avuto per tutta la loro vita una visione completamente atea e materialista ed erano stati sepolti nel cimitero acattolico o "cimitero degli inglesi", in un'area rettangolare e circondata da muri a Palermo dove venivano sepolti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
8
25

Ritorno ad Halloween

Gli scherzetti dei vecchietti

12 November 2018

Amici lettori di letturedametropolitana, siamo a Novembre, nei supermercati sono già in bella mostra torroni e panettoni, luminarie e festoni, la tv come al solito passa tante brutte notizie, di esse qualcuna farlocca e, a quanto pare, finalmente hanno confermato che i cambiamenti climatici non [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Principe dei desideri: Un racconto davvero divertentissimo Walter. Fantastica l'idea del diabolico [...]

  • Surya: Bellissimo Walter! Perchè giovani e anziani dovrebbero fare più [...]

Torna su