Rivide una bottega di falegname, lontana nel tempo, profumata di trucioli e con un tappeto di morbida segatura. Un uomo anziano intagliava un ciocco.  Canticchiava, allegro.

«Ti farò gli occhi e tu vedrai. Ti farò la bocca e tu parlerai. Ti farò il cuore e tu amerai.»

Era stato un desiderio, un dono d’amore, una formula magica.

Quattro lunghe ciglia di legno avevano sbattuto stupite, una gamba era balzata giù e si era avvicinata ciottolando, impaziente di riunirsi al resto del corpo.

«Ti chiamerò Pinocchio.»

Il burattino di legno aveva sorriso, i tondi occhi illuminati di malizia. Era un burattino allegro, terribile, vivacissimo. Geppetto, suo padre, lo amava proprio per le sue marachelle.

I primi anni della sua vita erano stati spensierati, poi era venuta la consapevolezza della diversità, il bisogno di apparire un altro. L’innumerevole sfilza di bugie.

Raccontava ai burattini di Mangiafoco che lui era figlio di un sultano.  Vendeva l’abecedario per andare a vedere il teatro. Magico teatro, pieno di maschere, trasformista e bugiardo, fantastico, innocente. Raccontava a Lucignolo che loro due non erano asini, bensì nobili cavalli da corsa, mentre, preoccupati, si tastavano le orecchie pelose nel tetro luna-park del Paese dei Balocchi.

In quella vita aveva portato vestiti di carta fiorita e cappelli di mollica di pane, s’era bruciato i piedi e se n’era fatti intagliare un paio nuovi di zecca da Geppetto, aveva imparato a mangiare bucce e pan di feccia, aveva conversato col grillo parlante.  E aveva sempre Lucignolo con sé.

Lucignolo. Naso all’insù, occhi di pece, una ne fa e cento ne pensa. Lucignolo attore, bugiardo, unico amico.

Quando Lucignolo era uscito dalla galera tutti in paese gli avevano voltato le spalle. Pinocchio per primo, perché ormai dai suoi pantaloni spuntavano rosee ginocchia di ciccia e tutti gli consigliavano di star lontano dalle cattive compagnie. Pensa a studiare, gli dicevano, pensa a tuo padre, pensa a farti una posizione ora che sei un bambino vero, che non hai più la testa di segatura. Così si era trasferito a Firenze e Lucignolo era morto d’overdose nel cesso di un bar.

Ecco dov’era il punto.

La più grossa delle bugie l’aveva detta a se stesso. La bugia era il suo desiderio di apparire per forza come gli altri. Perché uguale è bello, uguale è normale, uguale è vero. Ma lui non era come gli altri. No, lui non era un essere umano, era un burattino di legno. E non era un ingegnere, era un attore. Doveva stare sul palco, insieme agli altri burattini come lui.

Amava il teatro, amava Lucignolo e persino il Gatto e la Volpe. Amava anche la fata, ma solo quando gli si mostrava sotto forma di lucida lumaca o di capretta azzurra.

Dallo schermo piombò su di lui una luce blu, che circondò di un alone le sue mani. La presa divenne una morsa, le dita si contrassero e formicolarono.  Pinocchio le guardò a lungo, stupito. Poi sorrise.

Erano tornate di legno.

Uscì dal cinema con l’andatura guizzosa e scricchiolante della sua gioventù.  Cantava. «Ti farò il cuore e tu amerai»

Passò davanti alla cassiera. Si guardarono: un grosso burattino di legno dall’aria contenta, infagottato in un cappotto di Versace, e una donna di mezza età, con un ammiccante baluginio turchino fra i capelli.

1
1
4

VOYAGE  EXTRAORDINAIRE

20 October 2018

-Il razzo biposto ci lancerà nello spazio- disse Baker a Mac Jeanne. -Si, ma per fare cosa?- ribatté l'amico. -Ma come, è tanto che aspettiamo l'occasione per fare qualcosa di divertente e tu protesti?- -No, mi va anche bene, ma diamoci un obiettivo, ti pare?- -Guarda, è tutto predisposto. Il razzo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
6

ISABEL

20 October 2018

Ennesima sigaretta e con questa sono quaranta esatte oggi. Un goccio di rhum buttato giù di fretta, quasi fosse un atto dovuto. La stanza è quasi vuota. Pochi elementi d’arredo. Un divano, due poltrone, una tavolino quasi interamente ricoperto di cenere e cianfrusaglia. Il comò con i ricordi dei [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

0
0
3

Piccolo grande uomo

Sguardo interiore

20 October 2018

Beato è colui che gode della vita anche in solitudine. Chi trova la pace interiore non teme alcun ronzio che talvolta sorge dall'egocentrico io. Lui non fugge più dal Mondo interiore: Si! Perché oggi è dotato di pura visione, tale da ammirare ogni colore donatoci dalla natura in ogni suo magico [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
11

Senza ali

19 October 2018

Libra lontano, danza se puoi tutto d'un fiato. Lontana è la sera e la notte non fa più paura. Senti il fresco tra le dita e l'azzurro tra i tuoi occhi. Pigro vaga un'ultima volta il tuo pensiero e poi, finalmente vola... vola. Ogni momento al suo posto, ogni respiro è finalmente respiro.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Volare... senza ali!
    Piccola ma intensa poesia che incita a spiccare il [...]

  • Anto61: Certamente leggerò il tuo testo e grazie.
    Questa breve e piccola [...]

9
9
25

L'Impavido

19 October 2018

Joseph, dopo aver attraversato un impervio sentiero, giunse dinnanzi ad una fitta boscaglia. «Amico mio, mi dispiace ma devo proseguire da solo!» disse a Enrique, il suo cavallo bianco compagno di mille avventure, e lo legò ad un ceppo. «Tornerò a prenderti!» Il principe guerriero accarezzò l'animale [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
8
31

Un'amica

19 October 2018

Chi è un'amica? A volte me lo chiedo. Non riesco a definirlo bene. Le definizioni sono come delle scatole, non mi piace racchiuderci dentro persone o sentimenti. I contorni dei rapporti sono sfumati e non sempre classificabili. Però, troppe volte in passato ho sofferto per atteggiamenti "strani". [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

8
10
28

La rivoluzione di Ottobre

Chi ha paura di Halloween?

18 October 2018

Era un pò di tempo che alla struttura c'era un aria di ribellione, le sedie a rotelle facevano sù e giù in continuazione, il personale coatto scoattava come al loro solito e pensavano ai casi loro senza accorgersi di nulla e loro, loro quelli delle sedie a rotelle, la sapevano lunga, degenti ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Principe dei desideri: Complimenti Walter, dopo tanti brani puramente horror fa molto piacere vedere [...]

  • Walter Fest: Ti ringrazio, Principe con la P maiuscola, ti confesso, vi confesso che inizialmente [...]

5
2
15

Emozioni

18 October 2018

Miele aveva una voce così bella, che ogni volta che cantava vibravano le anime degli ascoltatori. La sua capacità interpretativa di una canzone le permetteva di trasformarla in un canto interiore, che scaturiva dalle sue emozioni. Sì, perché per emozionare, bisogna emozionarsi prima di tutti. È [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Bibbi: Condivido il tuo pensiero è vero L arte ci fa emozionare 👍🏻

  • Giuseppe Scilipoti: Con "arte" hai pubblicato un componimento dove si esaltano emozioni [...]

1
1
10

TEATRO UMBERTO

18 October 2018

Amori e canzoni sulle tavole di un palcoscenico. Napoli, fine anni Cinquanta. Don Franco, proprietario del Teatro Umberto, sala per riviste musicali e comiche dagli anni Venti, racconta in flash-back la storia dei successi artistici e degli amori avvicendatisi sul palcoscenico del teatro. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

9
10
49

La notte di Halloween

Halloween chi ha paura?

17 October 2018

Viveva in quella casa da tempo, era isolata ma le era congeniale, a contatto con la natura... ne aveva bisogno, la ricaricava. Dopo una vita dissoluta tra feste, alcool, droghe e uomini che andavano e venivano aveva bisogno di fermarsi e pensare a lei. Il suo obbiettivo era stare bene . Così quella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Bibbi: Grazie a tutti dei commenti in effetti è un pezzo molto lungo
    In [...]

  • Surya: Bravissima Bibbi! Mi è piaciuto veramente un sacco, storia, ambiente [...]

3
2
15

"L'ultima molecola temeraria"

17 October 2018

L'ultima molecola temeraria È quella che trattiene disperatamente la goccia alla foglia È il ricordo tenace È l'ultima stretta di mano dal finestrino di un treno È colei che rallenta la corsa della piccola lacrima In viaggio dal tuo sguardo verde-nocciola al vuoto Del prossimo istante

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Acerbus, ti ringrazio di averci illuminato con i tuoi versi permettendoci [...]

  • Ilaria: Complimenti!!! Accostamenti perfetti che rendono la tua poesia un quadro emozionante.... [...]

5
3
19

Non basta un po’ d’acqua

Per lavare via il sangue

16 October 2018

Dopo aver scritto su un social un post dedicato alla tragica fine di Stefano Cucchi (“Non so chi potrà mai lavare dall’Italia l’ONta dell’assassinio di STefano Cucchi”), avvenuta ad opera di chi avrebbe dovuto proteggerlo, da melomane acclarato quale io sono, ho voluto scrivere, dedicandolo a [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su