Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro")

 

Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle leggi assolutamente da seguire fu quella che per questioni d'igiene non era consentito di cambiare determinati articoli ai clienti benché fossero muniti di scontrino.
Ad esempio piatti, posate, grattugie, tappi e bocce di vetro per conserve di ogni tipo, orinali cioè vasi da notte come pappagalli o padelle sanitarie (eh direi!) e numerosi altri oggetti di uso comune.

I cambi potevano avvenire solo ed esclusivamente se gli articoli presentavano difetti di fabbrica oppure delle imperfezioni, cercando tutti noi di stare sempre attenti in modo tale che ciò che si andava a vendere fosse immacolato fin dall’inizio.
Avendo un carattere anche fin troppo buono, nonostante ero tenuto a seguire la loro severa egida, mi capitò a volte di sorvolare ossia di accontentare alcuni clienti in determinati contesti anche per via di una certa insistenza da parte di essi, l’importante e che il prezzo risultasse uguale.
Tornare il denaro indietro non mi era possibile per via che non potevo effettuare nessuna operazione di cassa, a tal proposito il fatto di essere dispensato dall'incarico lo ritenevo positivo avendo così una responsabilità in meno, evitando eventuali errori e magagne dinnanzi a quei ex datori di lavoro dispotici nonché tirchi.
In verità non furono molti i casi in cui appunto cambiai articoli dietro insistenze o suppliche dei clienti, a volte la passavo liscia non venendo sgamato e a volte ahimè erano cazzi amari con tanto di rimproveri con la tipica inclemenza da parte dei Palazzo.
«Perché hai cambiato quei tappi di sughero con due bacili a quel vecchio rincoglionito di poco fa? Mi pare che ti abbiamo dato una precisa disposizione o sbaglio?» fu una delle tante aspre ammonizioni che ricevetti durante quei quattro anni di tedioso lavoro e per giunta mal pagato.

Odiavo le cazziate spesso mirate a farmi rimbambinire con quelle loro voci grevi, in primis da parte dall'anziana proprietaria ovvero la signora Ada e quando ciò accadeva succedeva che, un po' per educazione e un po' per timidezza tendevo in qualche modo a sopportare, sebbene con difficoltà, insomma incassavo i colpi e sistematicamente chinavo il capo con desolazione.

Giustificarmi non sarebbe servito a nulla, se non a peggiorare le cose.

Da segnalare che i rimproveri erano all'ordine del giorno e legati tra l'altro pure su altri contesti, la sera per ovvi motivi tornavo a casa stressato oltre che stanco.

In un paio di occasioni però mi impuntai in maniera decisa con tanto di incazzatura, infatti come si suor dire la pazienza ha un limite, come in una mattina d'estate che per uno stupido bidone di plastica andai fuori dai gangheri.

Quel giorno, un abituale cliente di mezza età acquistò un bidone di plastica da 5 litri dal costo di 2,00 € per poi ritornare qualche ora dopo proponendo una sostituzione poiché a casa si accorse di averne già uno conservato nello sgabuzzino e se ne era quindi dimenticato.

«Ragazzo» mi disse «lo posso cambiare prendendo due bottiglie in vetro da 1,00 € ciascuna?» 

Cercai in tutti i modi di spiegare a quell'uomo che i titolari non accettavano cambi e che rischiavo tediose discussioni se non avessi rispettato il loro ordinamento, ma non ci fu nulla da fare, mi assicurò inoltre che il bidone non l'aveva affatto utilizzato, anzi, per la precisione gli aveva dato solo una sciacquatina utilizzando dell'acqua corrente dal lavabo di casa sua.

In quel preciso istante dal momento che il negozio era abbastanza pieno di gente, pensai:

«Ma si, questo tizio mi sta simpatico, poi all'appello mancano tre dei quattro titolari, c'è solamente la signora Ada, non credo ci farà caso visto che sta servendo una ragazza per la vendita di alcuni stampini per biscotti.» ipotizzai tra me e me.

Accontentai quel signore che mi ringraziò sorridendo con una bella stretta di mano, mi disse che ero molto gentile e in maniera discreta cercò di defilarsi.

Sfortunatamente per l'ennesima volta ebbi la conferma di come la signora nonostante avesse quasi ottant'anni oltre ad avere un occhio di lince non le mancava un buon udito, difatti seguì in qualche modo tutta la trafila malgrado come già accennato il negozio non appariva proprio vuoto.

Appena il locale si svuotò, partì un sonora sgridata da parte della "vecchia" (così soprannominavo la tirannica proprietaria del negozio) che inizialmente cercai pazientemente di resistere finché una frase mi ferì nell'orgoglio facendomi ricordare cosa volesse dire la parola rispetto.

«Perché glielo hai cambiato quel bidone? Uh? Ti pare che sono una vecchia babbiona? Pezzo di scimunito! Ormai quel bidone è come se fosse usato, ho sentito benissimo che quello lì gli ha messo dell'acqua, deficiente che non sei altro!» gracchiò fastidiosamente.

Diventai rosso in viso, strinsi i pugni e i coglioni cominciarono a girarmi come le eliche di un aeroplano.

«Signora Ada, guardi che quel signore ha messo semplicemente dell'acqua non gli ha mica ficcato la minchia!» dissi alzando la voce.

«Come ti permetti? Villano e bifolco!» urlò la "vecchia".

Non ne potevo più, scagliai con violenza con tanto di bestemmia il maledetto bidone a pochi metri da me, presi una rincorsa e alla Roberto Baggio lo calciai a mò di rigore colpendo involontariamente un espositore di tazzine in fine porcellana frantumandone cinque o sei, non prima di farle cascare a terra.

«Disgraziatooooooooo!!!!!!!» sbraitò la signora Ada e a passo veloce uscii infuriato dal pubblico esercizio per tornarmene a casa.

Nel pomeriggio fui contattato al cellulare da Pino, uno dei figli della signora Ada, per tornare al negozio per dei chiarimenti, seppur titubante accettai, in fondo ritenevo giusto fornire delle spiegazioni riguardo il mio gesto.

Una volta al “Palazzo Ada Casalinghi” pensai di trovarmi davanti la Santa Inquisizione, invece a sorpresa la proprietaria con gli occhi visibilmente lucidi mi porse fin da subito le sue scuse, per poi infine raccontare la mia versione agli altri tre Palazzo che stranamente riuscirono a comprendere.

Avrei voluto licenziarmi, ma riflettei che a breve sarei partito militare, mi servivano dei soldi da mettere da parte e poi quell'episodio mi fece addirittura guadagnare 10 euro in più in quanto mi diedero un leggero aumento, dalle 50 € settimanali passai alle 60 €.

Alla fin fine sapevano che risultavo un grande lavoratore, oltre che bravo ragazzo e che le sfuriate sono una tipica condizione umana.

E il bidone che fine fece?

Siccome venne valutato come "usato" e soprattutto ammaccato dopo la poderosa calciata che gli avevo dato, Gino, il marito della signora, lo sfruttò per uso personale ogni qualvolta scendeva nella tenuta di campagna per prelevare del vino dalle botti della sua cantina.

Chissà, forse ancora oggi l'ho conservano o per utilizzarlo oppure come ricordo del sottoscritto.

1
0
9

Il personaggio

19 August 2019

Aveva aspettato tutta una vita prima di prender vita e avere una forma. Era stato come aver indossato una maschera per potersi confrontare con tutte quelle che costituiscono la società, dentro alla quale si esiste con tutte le cattiverie o le finte benedizioni perché operate in nome dell'egoismo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
5

E quindi...

19 August 2019

Quand'anche avessi fatto quadrato contro una questione circa le quote di un quagliodromo di Tor di Quinto in via Quintino Sella, senza perdermi in quisquiglie, avrei fatto ben presto la quadra presentando una querela in Questura e mettendomi così il cuore in quiescenza. Particolarmente inquietato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
21

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

6
9
24

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: o surdato 'nnamurato è una delle mie preferite <<Ohi vita [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Scrittrice Imperfetta: grazie mille. Era da qualche anno che volevo scrivere [...]

5
5
22

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

3
4
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

  • Principe dei desideri: Brano piacevole da leggere, che va dritto al punto, senza troppi fronzoli. [...]

3
6
16

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

7
8
17

Il regalo

15 August 2019

Ho nel cassetto del salotto un pacchetto regalo che non ho mai aperto. È lì da molto tempo. Non riesco proprio a ricordare chi me l'abbia regalato. E nemmeno in quale occasione. So solo che l'ho portato a casa e non l'ho aperto. Ci sarà stato un motivo ma non ricordo nemmeno quello. Ho chiesto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
5
20

Giallo improvvisascion

seconda parte....il finale

15 August 2019

Amici lettori, eccomi di nuovo con voi, ancora improvvisazione, la testa è sgombra da pensieri, fà caldo e si dovrebbe fare altro ma io stò quà seduto davanti la tastiera per scrivere quello che non sò, ve l'avevo detto l'altra volta che questa era una sperimentazione, avrei voluto fare tre parti [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
10
25

Fiocco di neve

14 August 2019

Vorrei essere temerario come un fiocco di neve perché non ha paura di cadere

Tempo di lettura: 30 secondi

4
2
9

Macchine

14 August 2019

Percorrendo la Prenestina, un’antica via consolare romana, la mia macchina arrancava. Sentiva il peso degli anni e di conseguenza necessitava di cure amorevoli. Chiamando col termine manutenzione quelle cure mi sembrava di sminuirla. Meglio dire che bisognava avere dell’attenzioni particolari [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Carino! Mi ha fatto pensare alla prima macchina.. una cinquecento che dopo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Ricky! Per mille Fiat! Hai "scaldato i motori" della fantasia [...]

Torna su