Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro")

 

Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle leggi assolutamente da seguire fu quella che per questioni d'igiene non era consentito di cambiare determinati articoli ai clienti benché fossero muniti di scontrino.
Ad esempio piatti, posate, grattugie, tappi e bocce di vetro per conserve di ogni tipo, orinali cioè vasi da notte come pappagalli o padelle sanitarie (eh direi!) e numerosi altri oggetti di uso comune.

I cambi potevano avvenire solo ed esclusivamente se gli articoli presentavano difetti di fabbrica oppure delle imperfezioni, cercando tutti noi di stare sempre attenti in modo tale che ciò che si andava a vendere fosse immacolato fin dall’inizio.
Avendo un carattere anche fin troppo buono, nonostante ero tenuto a seguire la loro severa egida, mi capitò a volte di sorvolare ossia di accontentare alcuni clienti in determinati contesti anche per via di una certa insistenza da parte di essi, l’importante e che il prezzo risultasse uguale.
Tornare il denaro indietro non mi era possibile per via che non potevo effettuare nessuna operazione di cassa, a tal proposito il fatto di essere dispensato dall'incarico lo ritenevo positivo avendo così una responsabilità in meno, evitando eventuali errori e magagne dinnanzi a quei ex datori di lavoro dispotici nonché tirchi.
In verità non furono molti i casi in cui appunto cambiai articoli dietro insistenze o suppliche dei clienti, a volte la passavo liscia non venendo sgamato e a volte ahimè erano cazzi amari con tanto di rimproveri con la tipica inclemenza da parte dei Palazzo.
«Perché hai cambiato quei tappi di sughero con due bacili a quel vecchio rincoglionito di poco fa? Mi pare che ti abbiamo dato una precisa disposizione o sbaglio?» fu una delle tante aspre ammonizioni che ricevetti durante quei quattro anni di tedioso lavoro e per giunta mal pagato.

Odiavo le cazziate spesso mirate a farmi rimbambinire con quelle loro voci grevi, in primis da parte dall'anziana proprietaria ovvero la signora Ada e quando ciò accadeva succedeva che, un po' per educazione e un po' per timidezza tendevo in qualche modo a sopportare, sebbene con difficoltà, insomma incassavo i colpi e sistematicamente chinavo il capo con desolazione.

Giustificarmi non sarebbe servito a nulla, se non a peggiorare le cose.

Da segnalare che i rimproveri erano all'ordine del giorno e legati tra l'altro pure su altri contesti, la sera per ovvi motivi tornavo a casa stressato oltre che stanco.

In un paio di occasioni però mi impuntai in maniera decisa con tanto di incazzatura, infatti come si suor dire la pazienza ha un limite, come in una mattina d'estate che per uno stupido bidone di plastica andai fuori dai gangheri.

Quel giorno, un abituale cliente di mezza età acquistò un bidone di plastica da 5 litri dal costo di 2,00 € per poi ritornare qualche ora dopo proponendo una sostituzione poiché a casa si accorse di averne già uno conservato nello sgabuzzino e se ne era quindi dimenticato.

«Ragazzo» mi disse «lo posso cambiare prendendo due bottiglie in vetro da 1,00 € ciascuna?» 

Cercai in tutti i modi di spiegare a quell'uomo che i titolari non accettavano cambi e che rischiavo tediose discussioni se non avessi rispettato il loro ordinamento, ma non ci fu nulla da fare, mi assicurò inoltre che il bidone non l'aveva affatto utilizzato, anzi, per la precisione gli aveva dato solo una sciacquatina utilizzando dell'acqua corrente dal lavabo di casa sua.

In quel preciso istante dal momento che il negozio era abbastanza pieno di gente, pensai:

«Ma si, questo tizio mi sta simpatico, poi all'appello mancano tre dei quattro titolari, c'è solamente la signora Ada, non credo ci farà caso visto che sta servendo una ragazza per la vendita di alcuni stampini per biscotti.» ipotizzai tra me e me.

Accontentai quel signore che mi ringraziò sorridendo con una bella stretta di mano, mi disse che ero molto gentile e in maniera discreta cercò di defilarsi.

Sfortunatamente per l'ennesima volta ebbi la conferma di come la signora nonostante avesse quasi ottant'anni oltre ad avere un occhio di lince non le mancava un buon udito, difatti seguì in qualche modo tutta la trafila malgrado come già accennato il negozio non appariva proprio vuoto.

Appena il locale si svuotò, partì un sonora sgridata da parte della "vecchia" (così soprannominavo la tirannica proprietaria del negozio) che inizialmente cercai pazientemente di resistere finché una frase mi ferì nell'orgoglio facendomi ricordare cosa volesse dire la parola rispetto.

«Perché glielo hai cambiato quel bidone? Uh? Ti pare che sono una vecchia babbiona? Pezzo di scimunito! Ormai quel bidone è come se fosse usato, ho sentito benissimo che quello lì gli ha messo dell'acqua, deficiente che non sei altro!» gracchiò fastidiosamente.

Diventai rosso in viso, strinsi i pugni e i coglioni cominciarono a girarmi come le eliche di un aeroplano.

«Signora Ada, guardi che quel signore ha messo semplicemente dell'acqua non gli ha mica ficcato la minchia!» dissi alzando la voce.

«Come ti permetti? Villano e bifolco!» urlò la "vecchia".

Non ne potevo più, scagliai con violenza con tanto di bestemmia il maledetto bidone a pochi metri da me, presi una rincorsa e alla Roberto Baggio lo calciai a mò di rigore colpendo involontariamente un espositore di tazzine in fine porcellana frantumandone cinque o sei, non prima di farle cascare a terra.

«Disgraziatooooooooo!!!!!!!» sbraitò la signora Ada e a passo veloce uscii infuriato dal pubblico esercizio per tornarmene a casa.

Nel pomeriggio fui contattato al cellulare da Pino, uno dei figli della signora Ada, per tornare al negozio per dei chiarimenti, seppur titubante accettai, in fondo ritenevo giusto fornire delle spiegazioni riguardo il mio gesto.

Una volta al “Palazzo Ada Casalinghi” pensai di trovarmi davanti la Santa Inquisizione, invece a sorpresa la proprietaria con gli occhi visibilmente lucidi mi porse fin da subito le sue scuse, per poi infine raccontare la mia versione agli altri tre Palazzo che stranamente riuscirono a comprendere.

Avrei voluto licenziarmi, ma riflettei che a breve sarei partito militare, mi servivano dei soldi da mettere da parte e poi quell'episodio mi fece addirittura guadagnare 10 euro in più in quanto mi diedero un leggero aumento, dalle 50 € settimanali passai alle 60 €.

Alla fin fine sapevano che risultavo un grande lavoratore, oltre che bravo ragazzo e che le sfuriate sono una tipica condizione umana.

E il bidone che fine fece?

Siccome venne valutato come "usato" e soprattutto ammaccato dopo la poderosa calciata che gli avevo dato, Gino, il marito della signora, lo sfruttò per uso personale ogni qualvolta scendeva nella tenuta di campagna per prelevare del vino dalle botti della sua cantina.

Chissà, forse ancora oggi l'ho conservano o per utilizzarlo oppure come ricordo del sottoscritto.

1
1
6

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
6

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
12

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
9

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

2
3
54

Il figlio

14 October 2019

Si lasciò cadere sul sedile dell'auto e chiuse gli occhi. "Perderà l'anno", pensò, e subito dopo si accorse dell'assurdità di quel pensiero. All'improvviso la scuola non era più importante, era scivolata all'ultimo posto. Magari avessero potuto tornare a preoccuparsi di quale istituto scegliere [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Notevole. Intenso. Vero.Inaspettato "sempre" per un genitore. Brava!

  • Manuela Cagnoni: Vi ringrazio molto!
    L'idea di questo racconto mi è venuta leggendo [...]

5
8
23

Snake

13 October 2019

Chi non conosce il famoso Snake? Si tratta di un giochino che negli anni ottanta ha praticamente spopolato sugli Home Computer di ogni genere, convertito successivamente pure su Game Boy e addirittura su cellulare. In quest’ultimo caso venne rilasciato precisamente a partire dagli inizi del duemila, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Ahahah..molto divertente! Giusto rammentare...Il cobra non è un serpente [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Patapump, ormai hai già capito qual'è il mio stile [...]

5
4
15

Alcune volte

13 October 2019

Alcune volte trovo che le cose da dire quando si ama siano così difficili da esprimere che l'altra parte le intende come un disinteresse o disattenzione. Alcune volte al posto delle parole inserisco racconti, poesie o canzoni. Alcune volte invece il mio viso è cosi raggiante che anche i colleghi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Questo bellissimo componimento viene omaggiato da due bellissimi commenti, [...]

  • Patapump: Principe...e che ispirazione sia! Sempre ben accetta. Cmq grazie a te a Giuseppe [...]

3
2
11

Arancia al limone

12 October 2019

Dentro di me campeggia un regista perverso e schizofrenico, e tutto sta diventando verde, nel buio riflette le immagini, e nel cielo vedo dei corni alati bianchi, (de)colorare l'immensità.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
9

Il viaggio e la chitarra - 2/2

12 October 2019

Le campagne intorno erano davvero belle, tutte molto curate, e i cavalli inglesi da traino con le criniere fluenti sembravano anche loro far parte di quella effervescenza giovanile. L’ingresso in città ci sembrò trionfale, come se dovessimo ricevere le chiavi della città da qualsivoglia autorità. [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Seconda parte che non delude affatto le mie aspettative, sono sempre più [...]

  • Patapump: Ciao Giuseppe, come sempre un grazie. Fa sempre piacere avere uno stimolo letterario. [...]

2
1
20

Castelli di sabbia

11 October 2019

Tu mi stavi guardando dritto negli occhi Ed io bruciavo come legna secca Poi mi hai detto qualcosa che perso com'ero non ho capito Un sorriso sbadato un gesto svogliato e lentamente hai raccolto la fune a cui ero legato. Non ti è servito molto non c'è voluto molto per spiegarmi il destino. Labbra [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
9

Il viaggio e la chitarra - 1/2

11 October 2019

Ero a Londra in quel periodo. La fine degli anni 60. Gli anni della contestazione giovanile. Intorno a me un gran fermento di gente, idee, propositi. Avevo 18 anni allora. Avevo litigato con i miei genitori per poter fare quel viaggio nella città che, in quel momento, veniva considerata la più [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

5
6
21

Corna (non) di cervo

10 October 2019

Mentre stavo cacciando di cinghiali, caprioli, cervi, mufloni e qualsivoglia nel bosco, all'improvviso sentii dei gemiti. Erano un uomo e una donna che stavano facendo l'amore in un prato aperto. Imbarazzato, mi voltai per andarmene, poi, si sa, la curiosità è donna, anzi rettifico: puttana. Ebbene, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: In un certo senso sono d'accordo con te riguardo il fatto che la vendetta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, ti ringrazio per il commento. Guarda, su dove mi sono "inceppato" [...]

Torna su