Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro")

 

Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle leggi assolutamente da seguire fu quella che per questioni d'igiene non era consentito di cambiare determinati articoli ai clienti benché fossero muniti di scontrino.
Ad esempio piatti, posate, grattugie, tappi e bocce di vetro per conserve di ogni tipo, orinali cioè vasi da notte come pappagalli o padelle sanitarie (eh direi!) e numerosi altri oggetti di uso comune.

I cambi potevano avvenire solo ed esclusivamente se gli articoli presentavano difetti di fabbrica oppure delle imperfezioni, cercando tutti noi di stare sempre attenti in modo tale che ciò che si andava a vendere fosse immacolato fin dall’inizio.
Avendo un carattere anche fin troppo buono, nonostante ero tenuto a seguire la loro severa egida, mi capitò a volte di sorvolare ossia di accontentare alcuni clienti in determinati contesti anche per via di una certa insistenza da parte di essi, l’importante e che il prezzo risultasse uguale.
Tornare il denaro indietro non mi era possibile per via che non potevo effettuare nessuna operazione di cassa, a tal proposito il fatto di essere dispensato dall'incarico lo ritenevo positivo avendo così una responsabilità in meno, evitando eventuali errori e magagne dinnanzi a quei ex datori di lavoro dispotici nonché tirchi.
In verità non furono molti i casi in cui appunto cambiai articoli dietro insistenze o suppliche dei clienti, a volte la passavo liscia non venendo sgamato e a volte ahimè erano cazzi amari con tanto di rimproveri con la tipica inclemenza da parte dei Palazzo.
«Perché hai cambiato quei tappi di sughero con due bacili a quel vecchio rincoglionito di poco fa? Mi pare che ti abbiamo dato una precisa disposizione o sbaglio?» fu una delle tante aspre ammonizioni che ricevetti durante quei quattro anni di tedioso lavoro e per giunta mal pagato.

Odiavo le cazziate spesso mirate a farmi rimbambinire con quelle loro voci grevi, in primis da parte dall'anziana proprietaria ovvero la signora Ada e quando ciò accadeva succedeva che, un po' per educazione e un po' per timidezza tendevo in qualche modo a sopportare, sebbene con difficoltà, insomma incassavo i colpi e sistematicamente chinavo il capo con desolazione.

Giustificarmi non sarebbe servito a nulla, se non a peggiorare le cose.

Da segnalare che i rimproveri erano all'ordine del giorno e legati tra l'altro pure su altri contesti, la sera per ovvi motivi tornavo a casa stressato oltre che stanco.

In un paio di occasioni però mi impuntai in maniera decisa con tanto di incazzatura, infatti come si suor dire la pazienza ha un limite, come in una mattina d'estate che per uno stupido bidone di plastica andai fuori dai gangheri.

Quel giorno, un abituale cliente di mezza età acquistò un bidone di plastica da 5 litri dal costo di 2,00 € per poi ritornare qualche ora dopo proponendo una sostituzione poiché a casa si accorse di averne già uno conservato nello sgabuzzino e se ne era quindi dimenticato.

«Ragazzo» mi disse «lo posso cambiare prendendo due bottiglie in vetro da 1,00 € ciascuna?» 

Cercai in tutti i modi di spiegare a quell'uomo che i titolari non accettavano cambi e che rischiavo tediose discussioni se non avessi rispettato il loro ordinamento, ma non ci fu nulla da fare, mi assicurò inoltre che il bidone non l'aveva affatto utilizzato, anzi, per la precisione gli aveva dato solo una sciacquatina utilizzando dell'acqua corrente dal lavabo di casa sua.

In quel preciso istante dal momento che il negozio era abbastanza pieno di gente, pensai:

«Ma si, questo tizio mi sta simpatico, poi all'appello mancano tre dei quattro titolari, c'è solamente la signora Ada, non credo ci farà caso visto che sta servendo una ragazza per la vendita di alcuni stampini per biscotti.» ipotizzai tra me e me.

Accontentai quel signore che mi ringraziò sorridendo con una bella stretta di mano, mi disse che ero molto gentile e in maniera discreta cercò di defilarsi.

Sfortunatamente per l'ennesima volta ebbi la conferma di come la signora nonostante avesse quasi ottant'anni oltre ad avere un occhio di lince non le mancava un buon udito, difatti seguì in qualche modo tutta la trafila malgrado come già accennato il negozio non appariva proprio vuoto.

Appena il locale si svuotò, partì un sonora sgridata da parte della "vecchia" (così soprannominavo la tirannica proprietaria del negozio) che inizialmente cercai pazientemente di resistere finché una frase mi ferì nell'orgoglio facendomi ricordare cosa volesse dire la parola rispetto.

«Perché glielo hai cambiato quel bidone? Uh? Ti pare che sono una vecchia babbiona? Pezzo di scimunito! Ormai quel bidone è come se fosse usato, ho sentito benissimo che quello lì gli ha messo dell'acqua, deficiente che non sei altro!» gracchiò fastidiosamente.

Diventai rosso in viso, strinsi i pugni e i coglioni cominciarono a girarmi come le eliche di un aeroplano.

«Signora Ada, guardi che quel signore ha messo semplicemente dell'acqua non gli ha mica ficcato la minchia!» dissi alzando la voce.

«Come ti permetti? Villano e bifolco!» urlò la "vecchia".

Non ne potevo più, scagliai con violenza con tanto di bestemmia il maledetto bidone a pochi metri da me, presi una rincorsa e alla Roberto Baggio lo calciai a mò di rigore colpendo involontariamente un espositore di tazzine in fine porcellana frantumandone cinque o sei, non prima di farle cascare a terra.

«Disgraziatooooooooo!!!!!!!» sbraitò la signora Ada e a passo veloce uscii infuriato dal pubblico esercizio per tornarmene a casa.

Nel pomeriggio fui contattato al cellulare da Pino, uno dei figli della signora Ada, per tornare al negozio per dei chiarimenti, seppur titubante accettai, in fondo ritenevo giusto fornire delle spiegazioni riguardo il mio gesto.

Una volta al “Palazzo Ada Casalinghi” pensai di trovarmi davanti la Santa Inquisizione, invece a sorpresa la proprietaria con gli occhi visibilmente lucidi mi porse fin da subito le sue scuse, per poi infine raccontare la mia versione agli altri tre Palazzo che stranamente riuscirono a comprendere.

Avrei voluto licenziarmi, ma riflettei che a breve sarei partito militare, mi servivano dei soldi da mettere da parte e poi quell'episodio mi fece addirittura guadagnare 10 euro in più in quanto mi diedero un leggero aumento, dalle 50 € settimanali passai alle 60 €.

Alla fin fine sapevano che risultavo un grande lavoratore, oltre che bravo ragazzo e che le sfuriate sono una tipica condizione umana.

E il bidone che fine fece?

Siccome venne valutato come "usato" e soprattutto ammaccato dopo la poderosa calciata che gli avevo dato, Gino, il marito della signora, lo sfruttò per uso personale ogni qualvolta scendeva nella tenuta di campagna per prelevare del vino dalle botti della sua cantina.

Chissà, forse ancora oggi l'ho conservano o per utilizzarlo oppure come ricordo del sottoscritto.

0
0
1

Cincischiando

24 April 2019

Cinguettando come una cinciallegra sopra un ramo di ciliegio dopo un incontro clandestino con un cormorano delle isole Cicladi, cincischiai un poco e poi, colto da un consistente condizionamento, mi fiondai a capofitto su una pista ciclabile circumlacuale, ma calcolai male una curva per cui capitombolai [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
1

Incantesimo speciale

24 April 2019

Nulla di richiesto, né tanto meno ricercato, é il venerdì inaspettato che qui vi é raccontato... Questa descritta é la serata di due donne che non usan' minigonne, ma indossano abiti dal tono assai sportivo adatti ad un ritiro meditativo. Dall'alto estremo le vide "Polvere di Stelle", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
0

Civico 21 - 4/4

Quarta ed ultima parte

24 April 2019

“Cara Maggie, in questi anni di tua permanenza in questa clinica ho imparato a conoscerti bene, il codice deontologico mi ha sempre impedito di venire allo scoperto e di dichiararti il mio amore. Durante questa tua degenza ho apprezzato il tuo modo di essere ed ho appurato che non sei mai stata [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
15

TREDICI PUNTURE

23 April 2019

Sette sulle mani. Quattro sul viso. Due sull’orecchio. In ore pacifiche con giorni bui e piangenti elevata pace nell’atto di comunione con quel che io e lui amiamo: preghiera, poesia e libertà. Immobili, silenziosi senza tenere nulla. Spazi e affreschi di antica geometria con tessuti umidi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
8
26

Incontrarsi, perdersi e ritrovarsi

23 April 2019

Quel famoso pomeriggio lo ricordo come se fosse ieri. Una folgorazione incredibile e di conseguenza un elargire nuova linfa al sottoscritto. Insomma, in poco tempo esplose l'amore tra di noi! Tu fonte di ispirazione ed io pieno di potenziale tanto da ricevere soddisfazioni non da poco, un autentico [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Lo Scrittore: se dovessi scrivere dopo aver passato una giornata davanti a un foglio bianco [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Lo Scrittore, si vede che Scrittore veterano e di grande esperienza con la [...]

1
1
10

Civico 21 - 3/4

Terza parte

23 April 2019

L’agente, dal canto suo, non l’aveva neanche notata, era troppo preso dalla procacità di un’ infermiera che gli aveva chiesto l’ora. La donna consapevole del suo fascino e fiera dei suoi attributi, schiettamente gli proponeva di appartarsi. L’uomo per un momento esitò e si riaffacciò nella stanza: [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Puccia: Bello intrigante per niente banale aspetto il finale

2
4
14

Profezia

22 April 2019

Giorni verranno in cui la Luce scomparirà. Le maschere saranno trasparenti come acqua di ruscello e le anime, nude, grideranno di terrore Giorni verranno in cui la Luce tornerà e potremo amare la Vita come fossimo tutt’uno

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
18

Il vecchio saggio

22 April 2019

Un giorno un uomo e sua figlia bussarono alla porta del vecchio saggio che viveva ai margini del paese. L’uomo si fece attendere, era vecchio ed era lento, ma tutti in paese lo rispettavano e spesso andavano a chiedergli consiglio. Il vecchio aveva girato il mondo e aveva incontrato tanta gente, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Justus, i racconti intrisi di saggezza risultano utili nel leggerti [...]

  • Justus: Giuseppe, le critiche sono il sale che fa lievitare la nostra coscienza, quindi [...]

1
2
18

Civico 21 - 2/4

Seconda parte

22 April 2019

Intanto il suo viaggio vorticoso giunse al termine: fu letteralmente vomitata da un altro monitor con un impeto tale da schiantarsi addosso ad un'altra persona che giaceva su di un pavimento. Istintivamente per parare la caduta posizionò il palmo delle mani a terra. La borsa attutì l’urto, sollevandosi [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Lo Scrittore: intrigante, surreale, la materializzazione del desiderio di avere qualcosa [...]

  • ANNUNZIATA ZINARDI: Grazie per il commento, la storia continua. Questo è la seconda parte [...]

4
7
30

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
3
11

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
0
26

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

Torna su