DI GRIGIO E DI AZZURRO

 

Marco sbadigliò distratto, tanto ormai non se ne stupiva più. Ogni mattina si risvegliava con la mente piena delle immagini di Tiziana. Lei era il primo pensiero del giorno che iniziava, o l’ultimo della notte passata a rigirarsi tra le coperte. Rimase disteso nel letto a fissare il soffitto della camera, avvolto dal tepore ambiguo di sensazioni che scemavano e di altre che ne prendevano il sopravvento. Provò a raccogliere le forze e dopo si alzò di scatto.

Camminava nell’appartamento silenzioso, seguendo tracce incerte sul pavimento, schivando i cocci taglienti di un sogno infranto. Ascoltava l’eco delle stanze vuote parlargli di lei che gli aveva rapito l’anima, sconvolto l’esistenza e poi lasciato. Così: senza che avessero litigato. Andata, punto. Fosse servito stare male, malissimo, per trattenerla, per convincerla a cambiare idea e continuare ad averla accanto. Avesse potuto spiegarle quello strano dolore che adesso gli alimentava la speranza, o quella frenesia che lo assaliva se pensava che lei c’era, da qualche parte nel mondo. E invece Tiziana era scomparsa, sparita nel nulla. Non aveva radici che la legassero ad un luogo dove cercarla. Uno spiccato senso di indipendenza l’aveva spinta via di casa appena maggiorenne e a farvi ritorno di rado. Telefonarle era inutile. Ovvio che ci aveva provato. Ma una interminabile serie di squilli era sempre stata l’unica risposta ricevuta. I social le procuravano l’orticaria, perché diceva che la sua vita non era uno show da dare in pasto a squali ed avvoltoi. Nella società per la quale lavorava gli avevano detto che era stata collocata in altra sede. Se Marco si voltava indietro, molti avvenimenti si sovrapponevano e si confondevano, appiattiti dalla prospettiva del tempo trascorso che li rendeva poco decifrabili. Ogni cosa gli appariva lontana anni luce da logica e coerenza, comprese le sue azioni e le sue reazioni. Eppure gli era impossibile comportarsi diversamente. Si nutriva di emozioni, qualunque esse fossero, a differenza di Tiziana, troppo cerebrale da riuscire a superare una storia sbagliata avuta prima di incontrarlo. C’era da perdersi nel labirinto delle sue spiegazioni, quasi lo facesse apposta per confonderlo e svicolare; per non dover ammettere di essere ancora prigioniera di chi l’aveva ferita.

Scosse la testa. Lo attendeva una giornata lunga ed impegnativa, meglio se evitava di impantanarsi già in supposizioni pericolose. Si disse che aveva proprio bisogno di un buon caffè e andò in cucina a prepararlo. Lo bevve in piedi, riavvolgendo il nastro dei ricordi a quando le faceva trovare la prima colazione pronta perché lei detestava alzarsi presto. Quello era il posto del tavolo dove si sedeva, di fronte a lui; quella nel pensile aperto sopra il lavandino era la tazza dalla quale sorseggiava il caffellatte, mentre nella credenza c’era sempre il pacco di biscotti al cioccolato dei quali andava matta. Si guardava intorno. Esitava perplesso al centro di uno spazio angusto sprovvisto di vie di fuga. Allora aprì la finestra della cucina e si affacciò. Gli giunse addosso l’aria pungente di quell’inverno metropolitano. Nuvole basse e pesanti sembravano voler sfidare la gravità, venir giù sommergendo il mondo con i suoi perché, la gente con la sua indifferenza, la rabbia urlata al vento per storie nate già morte. Aveva freddo, ma pazienza. Coprirsi gli sarebbe servito a poco. Altri erano i brividi che gli incutevano paura.

“Io ti amo” le aveva detto.

“Potrebbe non bastare” gli aveva risposto Tiziana.

“Proviamoci lo stesso.”

Lei s’era sistemata una ciocca di capelli dietro un orecchio. Aveva esitato come chi valuta insidie ed opportunità di una proposta interessante; detto: “Okay, proviamoci. Spero solo che un giorno non mi odierai per questo.”

Marco ignorava certi sentimenti, se ne considerava immune. Tuttavia dopo quanto successo aveva spesso rischiato di scivolarci dentro. Gli era andata bene, però aveva capito che passioni opposte hanno gli estremi che si toccano; si raccordano in circolo con continuità. E che perciò era facile passare dall’una all’altra senza rendersene conto, senza alcun contraccolpo.

Uscì di casa per andare al lavoro. Camminava col capo chino nelle strade che pulsavano di voci e rumori e clacson impazziti. Lo sorprese il solito carnevale fuori stagione, lo stesso per il quale negli ultimi tempi si affannava a togliere la maschera alle ragazze che incontrava. Quella mattina però non aveva voglia di farlo. Il desiderio di Tiziana gli rallentava i riflessi; si accresceva a dismisura ad ogni respiro trattenuto e poi liberato. Si domandò se fosse più difficile dichiararsi sconfitto e mollare tutto, oppure andare avanti ostinato da far pena; in quale dei due casi ci volesse più coraggio ed in quale più autolesionismo. Si ricordò di una frase del cantante Bob Marley: “Non è strano? Ignoriamo chi ci adora, adoriamo chi ci ignora; amiamo chi ci ferisce, feriamo chi ci ama.” Si fermò e concluse che lui di risposte non ne aveva; che sapeva solo essere quel che era.

Sollevò lo sguardo al cielo. Magari lassù era tutto meno complicato. Però nello spicchio di universo dove gli era toccato vivere bisognava avere spalle larghe. Ci si trovava per caso, si stava insieme a fatica e ci si lasciava con poco. C’erano silenzi che segnavano distanze; si facevano lunghi discorsi buoni soltanto a rimandare il momento dell’addio. Come quando gli aveva detto: “Ti auguro ogni bene. Te lo meriti.”

La sua attenzione si posò sulla spessa coltre di nuvole che adesso si apriva e lasciava il posto ad ampi squarci di sereno. Rivide gli occhi di Tiziana, luccicanti come lo sono l’acciaio che protegge e il mare che ondeggia sotto il sole che li bacia. Erano grigi ed azzurri insieme. Stava con lei e pensava che erano proprio quelli i colori che desiderava, quelli nei quali puntualmente si abbandonava privo di qualunque difesa. Sentiva di non volerne altri, di colori; per il momento non li cercava nemmeno. Nel rigido inverno che lo circondava essi erano tutto ciò che aveva e se li teneva stretti. Avrebbe proseguito imperterrito a dipingere di grigio e di azzurro le sue giornate. Tra mille fragilità e nessun rimpianto, questa era una delle poche certezze che custodiva in fondo al cuore. Si alzò il bavero del cappotto che indossava e riprese a camminare con passo spedito.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
1
12

Il mio sole

25 October 2020

È inutile che ti nascondi Continui a splendere comunque Ti ammiro da lontano ogni volta sorpreso dalla luce che fai piovere intorno a te Troppo in fretta o troppo tardi Con te è così il tempo non ha confini ma sembra durare poco Sempre un passo avanti A volte mi succede di pensarti a bocca aperta [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
5
25

Solitudine

25 October 2020

Ecco questa è Simona del primo piano che scende a buttare l'immondizia sperando di incrociare il marito della signora della scala A, tra poco sono le 9 scende anche Piero che va a fare la spesa per la mamma, qualche volta è passato anche da me chiedendo se volessi qualcosa... mi sono vergognata. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Bibbi: Grazie Patapump (Ricky) per il commento

  • U0958: Complimenti...sei riuscita in poche righe, e questa secondo me è la [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
6
14

UN PENSIERO PER ME

24 October 2020

Inizia con un sorriso in un giorno disperato. Sola nel mio letto, respiro come distesa fra bianche betulle. Sento assottigliarsi la linea di confine fra la mia pelle e il mondo che racchiude. Così trasparente da vederci dentro come in una boccia di vetro per pesci. Ci ritrovo tempeste di paura [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
16

LA MOGLIE E IL CANE

24 October 2020

Adesso prendete vostra moglie, e senza alcun preavviso chiudetela nel bagagliaio della macchina per almeno mezz'ora. La sua reazione sarà tempestiva: comincerà a sbraitare, a insultarvi, a darvi del pazzo criminale, a minacciarvi, a sbattere i piedi e i pugni contro l’interno della carrozzeria [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: ho già letto varie versioni dello stesso brano su Facebook, gira già [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

5
8
24

Il libro capovolto

24 October 2020

"Per favore, non farlo!", sussurra il bibliotecario. "Non fare cosa?", domando stupito. "Non capovolgere il libro tenendolo aperto." "Perché no?" "Ti possono cascare tante di quelle cose..." "Tipo cosa?" “Virgole, parole, frasi... nella peggiore delle ipotesi persino i personaggi." Il tizio sembra [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: ottimo Giuseppe, piaciuto tanto, forse un po meno all'autore che si è [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, più che capovolgere la situazione... l'io narrante [...]

4
3
36

Teletrasporto

Incipit per un romanzo che mai scriverò

23 October 2020

Non so come, ma mia figlia si ritrovò in un attimo dentro un quadro di Salvator Dalì. Avevo lasciato il mio teletrasporto puntato verso la copertina del libro «Storia del Surrealismo dei primi del XX secolo», un tomo della Taschen di 400 pagine che avevo messo ben in mostra sullo scaffale della [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Vanessi, con questo brevissimo racconto sai come catapultare, pardon teletrasportare [...]

  • V A N E S S I: Vero. Una casa di produzione me l'ha pure suggerita l'idea... m a h 😉😇

2
3
20

Senza

23 October 2020

Nel confine tra un tempo scaduto ed uno sconosciuto ho visto briciole di stelle ricoprire sogni abbandonati Nuvole figlie del vento conservavano nel cuore racconti sussurrati nelle notti in riva al mare Sfidavo la pioggia ai bordi del bosco mentre ti avvicinavi lentamente come nebbia [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
15

La mongolfiera - 2/2

23 October 2020

La spinta ascensionale maggiore la si aveva quando la temperatura esterna rispetto a quella contenuta nel pallone era molto differente. Piegata la cesta e adagiato il pallone, iniziavo a immettere gas col bruciatore al suo interno. E dolcemente prendeva forma. Salito sulla cesta, tramite una cordicella [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Eccomi, letta anche la seconda parte e posso trarne una disamimina completa.
    "La [...]

  • Patapump: eh si..quando si cerca di contenere lo scritto, come accade per le emozioni [...]

2
2
19

In che senso?

22 October 2020

Il revanscismo parassitario antiderapante, coniugato con l'ovalizzazione logorroica del percolato monosodico di tipo carmelitano scalzo, si estrinseca prevalentemente nel cicaleccio, preserale del gorgoglio idraulico sottomarino, riversando, ahimè, la perequazione polarizzata unicamente nella coagulazione [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
25

L'anima

22 October 2020

Ho esalato l'ultimo respiro. Buio. Interminabili secondi con il continuo chiedermi se sprofonderò nell'oblio senza fine oppure se la cosiddetta vita dopo la vita è una realtà concreta. Che cosa mi sta succedendo? Avverto una vibrazione potentissima. Mi sto sopraelevando. Non ho paura semmai quell'autocontrollo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
11

La mongolfiera - 1/2

22 October 2020

Quel giorno era perfetto. Il vento soffiava dalla direzione giusta. Sarebbe stata la gara migliore della mia vita, ne ero certo. Mi allenavo da parecchio tempo e non potevo mancare quella vittoria. Quella che dovevo affrontare era una competizione che avveniva ogni due anni nello stato dell’Arizona. [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Di un po', sei un fan di Jules Verne? :-)
    Ho appena letto la prima [...]

  • Patapump: amavo Verne da giovane, con le sue 20.000 leghe. yanke certo, sapevo avrebbe [...]

3
2
33

Occhi distanti

21 October 2020

"Il cielo è greve, la pioggia cade con insistenza accompagnando il primo buio della sera. La finestra serrata e immobile gioca con l’alito velato del mio respiro; l’accoglie e lo dissolve per poi accoglierlo per attimi ancora. Non ho misura certa di questa malinconia, che a volta viene a cercarmi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Componimento nel quale un forte registro introspettivo risulta fortemente espresso, [...]

  • Roberto Anzaldi: Ciao, Giuseppe. Potresti registrare all'Accademia della crusca, come neologismo, [...]

Torna su