DI GRIGIO E DI AZZURRO

 

Marco sbadigliò distratto, tanto ormai non se ne stupiva più. Ogni mattina si risvegliava con la mente piena delle immagini di Tiziana. Lei era il primo pensiero del giorno che iniziava, o l’ultimo della notte passata a rigirarsi tra le coperte. Rimase disteso nel letto a fissare il soffitto della camera, avvolto dal tepore ambiguo di sensazioni che scemavano e di altre che ne prendevano il sopravvento. Provò a raccogliere le forze e dopo si alzò di scatto.

Camminava nell’appartamento silenzioso, seguendo tracce incerte sul pavimento, schivando i cocci taglienti di un sogno infranto. Ascoltava l’eco delle stanze vuote parlargli di lei che gli aveva rapito l’anima, sconvolto l’esistenza e poi lasciato. Così: senza che avessero litigato. Andata, punto. Fosse servito stare male, malissimo, per trattenerla, per convincerla a cambiare idea e continuare ad averla accanto. Avesse potuto spiegarle quello strano dolore che adesso gli alimentava la speranza, o quella frenesia che lo assaliva se pensava che lei c’era, da qualche parte nel mondo. E invece Tiziana era scomparsa, sparita nel nulla. Non aveva radici che la legassero ad un luogo dove cercarla. Uno spiccato senso di indipendenza l’aveva spinta via di casa appena maggiorenne e a farvi ritorno di rado. Telefonarle era inutile. Ovvio che ci aveva provato. Ma una interminabile serie di squilli era sempre stata l’unica risposta ricevuta. I social le procuravano l’orticaria, perché diceva che la sua vita non era uno show da dare in pasto a squali ed avvoltoi. Nella società per la quale lavorava gli avevano detto che era stata collocata in altra sede. Se Marco si voltava indietro, molti avvenimenti si sovrapponevano e si confondevano, appiattiti dalla prospettiva del tempo trascorso che li rendeva poco decifrabili. Ogni cosa gli appariva lontana anni luce da logica e coerenza, comprese le sue azioni e le sue reazioni. Eppure gli era impossibile comportarsi diversamente. Si nutriva di emozioni, qualunque esse fossero, a differenza di Tiziana, troppo cerebrale da riuscire a superare una storia sbagliata avuta prima di incontrarlo. C’era da perdersi nel labirinto delle sue spiegazioni, quasi lo facesse apposta per confonderlo e svicolare; per non dover ammettere di essere ancora prigioniera di chi l’aveva ferita.

Scosse la testa. Lo attendeva una giornata lunga ed impegnativa, meglio se evitava di impantanarsi già in supposizioni pericolose. Si disse che aveva proprio bisogno di un buon caffè e andò in cucina a prepararlo. Lo bevve in piedi, riavvolgendo il nastro dei ricordi a quando le faceva trovare la prima colazione pronta perché lei detestava alzarsi presto. Quello era il posto del tavolo dove si sedeva, di fronte a lui; quella nel pensile aperto sopra il lavandino era la tazza dalla quale sorseggiava il caffellatte, mentre nella credenza c’era sempre il pacco di biscotti al cioccolato dei quali andava matta. Si guardava intorno. Esitava perplesso al centro di uno spazio angusto sprovvisto di vie di fuga. Allora aprì la finestra della cucina e si affacciò. Gli giunse addosso l’aria pungente di quell’inverno metropolitano. Nuvole basse e pesanti sembravano voler sfidare la gravità, venir giù sommergendo il mondo con i suoi perché, la gente con la sua indifferenza, la rabbia urlata al vento per storie nate già morte. Aveva freddo, ma pazienza. Coprirsi gli sarebbe servito a poco. Altri erano i brividi che gli incutevano paura.

“Io ti amo” le aveva detto.

“Potrebbe non bastare” gli aveva risposto Tiziana.

“Proviamoci lo stesso.”

Lei s’era sistemata una ciocca di capelli dietro un orecchio. Aveva esitato come chi valuta insidie ed opportunità di una proposta interessante; detto: “Okay, proviamoci. Spero solo che un giorno non mi odierai per questo.”

Marco ignorava certi sentimenti, se ne considerava immune. Tuttavia dopo quanto successo aveva spesso rischiato di scivolarci dentro. Gli era andata bene, però aveva capito che passioni opposte hanno gli estremi che si toccano; si raccordano in circolo con continuità. E che perciò era facile passare dall’una all’altra senza rendersene conto, senza alcun contraccolpo.

Uscì di casa per andare al lavoro. Camminava col capo chino nelle strade che pulsavano di voci e rumori e clacson impazziti. Lo sorprese il solito carnevale fuori stagione, lo stesso per il quale negli ultimi tempi si affannava a togliere la maschera alle ragazze che incontrava. Quella mattina però non aveva voglia di farlo. Il desiderio di Tiziana gli rallentava i riflessi; si accresceva a dismisura ad ogni respiro trattenuto e poi liberato. Si domandò se fosse più difficile dichiararsi sconfitto e mollare tutto, oppure andare avanti ostinato da far pena; in quale dei due casi ci volesse più coraggio ed in quale più autolesionismo. Si ricordò di una frase del cantante Bob Marley: “Non è strano? Ignoriamo chi ci adora, adoriamo chi ci ignora; amiamo chi ci ferisce, feriamo chi ci ama.” Si fermò e concluse che lui di risposte non ne aveva; che sapeva solo essere quel che era.

Sollevò lo sguardo al cielo. Magari lassù era tutto meno complicato. Però nello spicchio di universo dove gli era toccato vivere bisognava avere spalle larghe. Ci si trovava per caso, si stava insieme a fatica e ci si lasciava con poco. C’erano silenzi che segnavano distanze; si facevano lunghi discorsi buoni soltanto a rimandare il momento dell’addio. Come quando gli aveva detto: “Ti auguro ogni bene. Te lo meriti.”

La sua attenzione si posò sulla spessa coltre di nuvole che adesso si apriva e lasciava il posto ad ampi squarci di sereno. Rivide gli occhi di Tiziana, luccicanti come lo sono l’acciaio che protegge e il mare che ondeggia sotto il sole che li bacia. Erano grigi ed azzurri insieme. Stava con lei e pensava che erano proprio quelli i colori che desiderava, quelli nei quali puntualmente si abbandonava privo di qualunque difesa. Sentiva di non volerne altri, di colori; per il momento non li cercava nemmeno. Nel rigido inverno che lo circondava essi erano tutto ciò che aveva e se li teneva stretti. Avrebbe proseguito imperterrito a dipingere di grigio e di azzurro le sue giornate. Tra mille fragilità e nessun rimpianto, questa era una delle poche certezze che custodiva in fondo al cuore. Si alzò il bavero del cappotto che indossava e riprese a camminare con passo spedito.

1
1
3

Alla ricerca di un eroe

Stava a Napoli ma nessuno lo sapeva

26 March 2019

Amici di letturedametropolitana eccomi di nuovo tornato in azione per presentarvi un nuovo eroe. Questa gente, cari miei, non sono personaggi che si buttano in mezzo al fuoco, nè li troverete fra le rapide di un fiume vorticoso a salvare gente a mollo. Io non cerco eroi da mission impossible, ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
3

La strada della selva - 2/2

Racconto del tempo di guerra

26 March 2019

...ora che la nonna un c'era più a fammele preparare, sicché mi dovevo ingegnà con quel che c'era sul momento. Tante volte ce la facevo, ma tante altre un serviva a nulla, i bimbi eran troppo malati, li vedevo di straforo e di nascosto, perché il prete s'arrabbiava e i babbi un volevano che gli [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
11
29

Tre microscopici racconti

25 March 2019

Lessons Consumano una parte di loro stessi quando vengono raschiati. Ogni singola scaglia dei gessi sulle lavagne istruiscono gli studenti per la vita. E la spugna? Utilissima per cancellare, soprattutto i problemi, non prima di una risoluzione. Cambiare registro? È possibile, basta non autovalutarsi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • ducapaso: Come puoi dedurre dai miei racconti, prediligo le storie che scivolano verso [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Nicola, dalla tua narrativa, fin dal suo primo racconto avevo dedotto [...]

3
6
14

La strada della Selva - 1/2

Racconto del tempo di guerra

25 March 2019

Con questo racconto ho partecipato ad un concorso di scrittura sul tempo di guerra nella provincia di Firenze, per questo è scritto in vernacolo Vai ci risiamo. Arrivano in tre o quattro briachi fradici. Salgan su dalla strada di dietro, quella che passa dall'orto, per non farsi beccare dalla pattuglia, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Piacere Walter, sono Nicola :-)

  • ducapaso: Scrittore, c'era da rappresentà queste genti, semplici ma forti, [...]

3
3
14

Greta & Susette - 3/3

il finale

24 March 2019

< accidenti a te Susette, stavo così bene fino a poco fa prima che arrivassi tu come un ciclone, tu hai rimesso tutto in discussione. È vero, a quanto pare siamo due donne alle quali fanno difetto gli uomini, sembri dispiaciuta di questa situazione, mentre io ti dico che sto bene così. Dei maschietti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Lorenzo, la parte conclusiva ed ovviamente tutto il racconto dimostra [...]

  • Lo Scrittore: era nell'aria che non poteva che finire così, due donne a prima [...]

2
2
15

CINEMA e/è FELICITÀ!

Il cinema della felicità

24 March 2019

Pedro ha un’unica “passione fatale”: il CINEMA. Gira, assembla e monta video con i pochi strumenti che possiede e attorniato da tanti amici, un po’ folli come lui. Organizza, senza grande riscontro di pubblico, CINEMA FELICITÀ, Cineforum per tutti quelli che attraversano un momento difficile nella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: MUSICA, LETTERATURA E CINEMA, le mie tre passioni principali tanto da menzionarle [...]

  • Puccia: Bel racconto, ha suscitato in me, malinconia!

4
3
14

Greta & Susette - 2/3

l'amicizia

23 March 2019

La donna girò il capo come se fosse infastidita dall’esuberanza di quella ragazzina. Certo aveva una bella faccia tosta a rivolgersi a una sconosciuta in quei termini. La fissò a lungo prima di rispondere, stava decidendo quale risposta dare a quella maleducata, nel pensare si mordicchiava le labbra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Ha già detto tutto Scilipoti aggiungo solo che mi è molto piaciuto [...]

  • Francesca: Mi associo a Flavia..

3
3
11

Il Pettirosso

Da piatta a sferica fu fatta la Terra

23 March 2019

Il Signore, di fronte alla tanta dolcezza del suo pettirosso — che ancora così non si chiamava — si intenerì e provvide in extremis a trasformare la neo creata piatta terra in una dolce sfera! Il pettirosso riconoscente fece ciò che potè sfilando una spina dalla corona del Cristo in croce, restando [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
3
13

Greta & Susette - 1/3

l'incontro

22 March 2019

Aveva ventidue anni, ma ne dimostrava molti di meno. Era un tipetto tutto pepe, capelli corti biondo cenere, una bocca larga sempre aperta in sorrisi. Indossava spesso jeans e camicette semiaperte che lasciavano intravedere le sue forme ancora da adolescente. Due seni candidi e piccoli come arance. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Confermo quello che ha scritto Flavia, bello e intrigante. Vediamo dove ci porti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Lorenzo, a quanto vedo ritorni ad affrontare la tematica "Donna", [...]

4
3
20

Un fiore tra le tue dita

22 March 2019

Cerniere di emozioni nascondono lo spettacolo degli occhi dopo il nostro primo bacio. Secondi lunghi come racconti. Incapaci di muoverci fermiamo l'aria per sentirci correre. Come un ruscello di montagna ghiacciato in inverno il nostro sangue scorre sotto la pelle bollente. Il silenzio delle parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
13

Zolfo - 3/3

21 March 2019

Quando mi risveglio, sono nella mia tenda, ma qualcosa non va, mi sento a pezzi e non sono solo: una vecchia del villaggio mi accudisce e mi dice di stare fermo, sono malato. Non c'è problema, sono talmente indolenzito che non ho nessuna intenzione di farlo. Mi riprendo in un paio di giorni e scopro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ed eccomi giunto alla terza parte, wow che storia da... incubo oppure la "zolfata" [...]

  • ducapaso: Giuseppe, le tue recensioni mi lusingano davvero.
    Soprattutto se penso [...]

3
8
22

pomeriggio di sole

21 March 2019

Era un caldo e soleggiato pomeriggio di una qualsiasi domenica di marzo dei nostri giorni. Il signor Mario Serra se ne stava seduto con gli occhi chiusi e le mani giunte poggiare sulle gambe, in una panchina di ferro battuto in piazza Islanda, piu comunemente conosciuta come la " piazzetta", nel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su