Mia principessa,
mi sto rendendo conto ogni giorno che passa di quanto ciò che alberga dentro di me nei tuoi confronti è un qualcosa di inedito, unico, meraviglioso e divino.
Sei arrivata nella mia vita in maniera inaspettata così all'improvviso dopo un lungo inverno, anzi, un costante inverno perché in fondo la mia vita mi ha da sempre riservato questa stagione, a parte quei settembrini momenti che sembravano felici per poi dissolversi e riapparire in un alternarsi tedioso, e nel frattempo sognavo la Primavera per poter rinascere, per potermi sentire finalmente parte di questo mondo e poter finalmente dire:
Dio, quanto è bello VIVERE, Dio, grazie per avermi donato la VITA, Dio, perdonami per tutti quei periodi che ho desiderato morire per cercare di capire se realmente sarebbe stato più bello ESISTERE.
Amore mio, voglio raccontarti una favola senza il solito banale c'era una volta:
innanzitutto, sai quante volte sono caduto e quante volte mi sono rialzato? Tantissime, sarebbe impossibile quantificarne il numero, per sentirmi meglio mi ripetevo costantemente "IO VALGO!" "IO POSSO!" ed andare avanti o forse sarebbe meglio dire arrancare, nel frattempo non mi accorgevo che mi stavo creando una armatura via via sempre più robusta, una armatura fatta per difendermi dall'amore dal momento che due streghe dapprima mi avevano ammaliato ed incantesimato dai loro sentimenti ipocriti per poi in seguito essere spinto singolarmente da ognuna nel pozzo più oscuro dell'indifferenza e dell'afflizione.
L'ultima caduta fu più dolorosa della prima.
Provai a risalire, pietra per pietra, non fu assolutamente facile perché il peso dell'armatura mi portava a ricadere in fondo finché dopo innumerevoli tentativi trovai il modo per uscirne ed osservare con odio la tetra cavità in cui ero stato prigioniero, lasciando cadere all'interno di essa una lacrima che promisi sarebbe stata l'ultima.
Mi guardai tra me e me e feci caso di quanto il mio rivestimento in realtà non era servito solo per ammortizzare le ferite ma bensì per il cuore affinché non venisse frantumato da un colpo letale.
Mi incamminai a testa alta e orgogliosamente sfoggiai la mia corazza ovunque andassi, molte "dame" cercarono di conquistarmi con la voglia di "spogliarmi" pezzo per pezzo, e risoluto ed incurante andai avanti, poi arrivasti tu, così come per magia.
Decisi di fermarmi sebbene con uno sguardo vigile ed indagatore.
Inizialmente impugnai l'elsa della spada pronto a difendermi, in quanto l'arma sebbene fosse tagliente non fu forgiata con lo scopo di attacchi diretti.
Mi parlasti, ti apristi, ti esponesti con un meraviglioso incanto, la tua anima appariva troppo pura, abbassai inevitabilmente la mano, l'armatura tremò e via via ogni singolo pezzo fui io stesso a staccare, cercai stoicamente di resistere, non ci riuscii, finché l'ultimo componente fosti proprio tu a togliermelo ovvero l'elmo per poi infine lanciarlo lontano.
Togliendomi il copricapo scopristi la parte più importante di me cioè la testa e sai cosa?
Vedi amore mio, i sentimenti nascono prima da qui e quando un uomo perde la testa per amore, tende a ritrovare il suo cuore, si ricorda di averne uno oppure si sente fiero di averne uno.
Le tue calde mani toccarono il mio volto, un "calore" indescrivibile, attorno a me la neve si scioglieva, per poi spuntare un sole a dir poco radioso, migliaia di colori fecero il loro ingresso e il tuo sorriso realizzò tutto il resto.
Intrecciai le tue mani con le mie, ti guardai con gli occhi lucidi, persino i tuoi lo erano, mi spiegasti che da mesi mi stavi aspettando, che però prefervi guardarmi da lontano senza agire, poiché avevi paura in quanto mi credevi inavvicinabile mentre in realtà ti aspettavo da una vita, purtroppo il copricapo non mi permetteva inizialmente di scorgerti bene.
Mi dicesti inoltre che in realtà io ti ero venuto incontro mentre il sottoscritto pensò il contrario.
Adesso che mi sono sbarazzato da questo equipaggiamento protettivo, ho mantenuto solo il mantello perché desidero proteggerti dal vento delle avversità, sentirti più vicina a me, e farti sentire il mio cuore ogni qualvolta desidererai appoggiarti sul mio petto.
La morale della favola?
Al cuore non si comanda e quando ti innamori non esiste armatura che tenga.
La storia non è finita mica qui, questo è il preludio di quello che sarà la nostra eterna favola.
E con un amorevole inchino, bacio adesso la tua mano, morbida e vellutata e ti sussurro:
"Ti amo F."

2
2
7

Vento

19 November 2019

Cammino e lui mi viene incontro. Mi avvolge. Inizia a giocare con me spostandomi i capelli. I miei occhi si socchiudono come per proteggersi. Ma non c'è da avere timore di lui. Può darti sicurezza. Le sensazioni che ti procura sono davvero belle. Regge le tue ali quando con la mente spazi. Ti [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Le tue... non sono certo parole... al vento, anzi, è proprio quest'ultimo [...]

  • Ilaria: Parole che suscitano sensazioni sul viso, nei capelli e sopratutto nel cuore [...]

2
1
7

il fiore metropolitano

19 November 2019

L'autobus ritardava e tutti rimanevano in attesa guardando l'orologio. Si sa che non si può essere in ritardo in questa nostra epoca. Si rischia di essere superati dagli altri, come se la vita fosse solo una corsa verso chissà dove. Chi cominciava ad essere nervoso. Chi fumava la sua sigaretta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
5

Di neve e di sole

18 November 2019

... e mentre sopra uno spoglio ramo si posa un corvo nel crepuscolo d'autunno la prima neve rabbrividisce i prati e piega piano foglie e fili d'erba e nel silenzio che penetra le rocce il sole sorge dietro la montagna a rischiarare la sfrenata corsa di cavalli bianchi sulla rena ... mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
18
79

Il bidone di plastica

Il negozio di casalinghi

18 November 2019

Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro") Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle “leggi” [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Non me lo ricordavo ma sapevo della tua esperienza lavorativa nel negozio e [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, ti ringrazio per la rilettura. Ho mandato a LdM molti racconti [...]

1
3
10

Mani

non pulite ma oneste... l'ultimo baluardo dei "tempi moderni"

17 November 2019

Anche se sembrano appartenere al passato, le immagini di mani sporche di lavoro non dovremmo dimenticarle mai. Stampiamole per bene nel nostro cuore e nella nostra mente quelle mani, mani sporche di grasso, sporche di terra, di vernice, sporche di fuliggine, di ruggine, di colla. Manualità scomparsa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Giuseppe, ci tenevo molto alla tua disamina per i motivi che ti avevo anticipato, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Tempi moderni", mi è sfuggito... dalla mani. Mi scusasse [...]

1
1
9

La pallina

17 November 2019

Birichina. Colorata. Salta qua, salta là La si cerca di afferrare. Lei non ne vuole sapere. Mamma perché fa così? Piccola mia, lasciala andare. Lei senza poter saltare non avrebbe senso di esistere. Ma io la voglio per me. Ma lei è già tua. Vedi vuole giocare con te. Corrile dietro. Accompagnala [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

LA PAROLA

16 November 2019

L’urlo, il riso, il pianto e il lamento parlavano al cuore degli uomini. La parola inascoltata vagava libera nell’universo infinito e mai nessuno poté udire la sua voce. Poi un giorno un essere, storpio e ribelle, tese una rete a fitte maglie fra il nulla e tutte le cose, imprigionandola per sempre. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
9
41

Lo steccato

16 November 2019

Nell'aldilà, il Paradiso e l'Inferno sono due proprietà private separate da una chilometrica staccionata e in ambedue i lati c'è la presenza di una moltitudine di cartelli con su scritto: "Adeguate recinzioni fanno buoni e non dannati vicini." Dio e Satana, nonostante appartengono a due regni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò, non ho una grande memoria e non ho la tua stessa capacità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: lieto che sei passato a leggere e commentare questo racconto. Ti [...]

2
1
9

Il caciucco

15 November 2019

La pulsione semantico ormonale ingravescente che genera l'irrancidimento precoce della polpa della pera passacrassana negli scaffali dei discount di provincia, si approccia a un procedimento anticrittogamico risolutorio, contestualizzato alla crasi policistico insurrezionale tetragona a ogni intervento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
8

UN NOTTURNO SVOGLIATO

15 November 2019

La notte in cui vide dove terminava la città comprese anche che qualcosa poteva avere inizio. Davanti a se si rivelò, come dietro un sipario ignoto, la combustione della nicotina tra le sue dita incastrarsi perfettamente con un notturno volgare e gelido firmamento: pieno di bagliori e spasmi scoppiettanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un notturno svogliato ma dannatamente poetico e amaramente introspettivo. Mi [...]

  • U1004: Gratta gratta sotto la superficie c'è sempre un po' di eaistenzialismo.
    Avrebbe [...]

3
2
13

Tum!

14 November 2019

Tum! Il suono rimbomba ossessivamente nelle orecchie, per non parlare del dolore lancinante che mi sta letteralmente consumando il cranio. Faccio fatica a rimanere cosciente. A un certo punto avverto dei lampeggianti. Li vedo e non li vedo. Mi è impossibile trovare una definizione. A malapena [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grande Scilipoti in versione giallo drammatico enigmatico incidente stradale [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, hai visto oggi dove sono andato a "sbattere?" :-) Un [...]

2
1
11

Note

13 November 2019

Sono solo stasera Mi accompagna solo la tromba di Baker Il whisky con ghiaccio mi rilassa Magia delle note La voce della cantante è cosi profonda Si viene subito proiettati in locali come il Blue Note Il pianista attacca il brano Le spazzole del percussionista accarezzano i tamburi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su