Mia principessa,
mi sto rendendo conto ogni giorno che passa di quanto ciò che alberga dentro di me nei tuoi confronti è un qualcosa di inedito, unico, meraviglioso e divino.
Sei arrivata nella mia vita in maniera inaspettata così all'improvviso dopo un lungo inverno, anzi, un costante inverno perché in fondo la mia vita mi ha da sempre riservato questa stagione, a parte quei settembrini momenti che sembravano felici per poi dissolversi e riapparire in un alternarsi tedioso, e nel frattempo sognavo la Primavera per poter rinascere, per potermi sentire finalmente parte di questo mondo e poter finalmente dire:
Dio, quanto è bello VIVERE, Dio, grazie per avermi donato la VITA, Dio, perdonami per tutti quei periodi che ho desiderato morire per cercare di capire se realmente sarebbe stato più bello ESISTERE.
Amore mio, voglio raccontarti una favola senza il solito banale c'era una volta:
innanzitutto, sai quante volte sono caduto e quante volte mi sono rialzato? Tantissime, sarebbe impossibile quantificarne il numero, per sentirmi meglio mi ripetevo costantemente "IO VALGO!" "IO POSSO!" ed andare avanti o forse sarebbe meglio dire arrancare, nel frattempo non mi accorgevo che mi stavo creando una armatura via via sempre più robusta, una armatura fatta per difendermi dall'amore dal momento che due streghe dapprima mi avevano ammaliato ed incantesimato dai loro sentimenti ipocriti per poi in seguito essere spinto singolarmente da ognuna nel pozzo più oscuro dell'indifferenza e dell'afflizione.
L'ultima caduta fu più dolorosa della prima.
Provai a risalire, pietra per pietra, non fu assolutamente facile perché il peso dell'armatura mi portava a ricadere in fondo finché dopo innumerevoli tentativi trovai il modo per uscirne ed osservare con odio la tetra cavità in cui ero stato prigioniero, lasciando cadere all'interno di essa una lacrima che promisi sarebbe stata l'ultima.
Mi guardai tra me e me e feci caso di quanto il mio rivestimento in realtà non era servito solo per ammortizzare le ferite ma bensì per il cuore affinché non venisse frantumato da un colpo letale.
Mi incamminai a testa alta e orgogliosamente sfoggiai la mia corazza ovunque andassi, molte "dame" cercarono di conquistarmi con la voglia di "spogliarmi" pezzo per pezzo, e risoluto ed incurante andai avanti, poi arrivasti tu, così come per magia.
Decisi di fermarmi sebbene con uno sguardo vigile ed indagatore.
Inizialmente impugnai l'elsa della spada pronto a difendermi, in quanto l'arma sebbene fosse tagliente non fu forgiata con lo scopo di attacchi diretti.
Mi parlasti, ti apristi, ti esponesti con un meraviglioso incanto, la tua anima appariva troppo pura, abbassai inevitabilmente la mano, l'armatura tremò e via via ogni singolo pezzo fui io stesso a staccare, cercai stoicamente di resistere, non ci riuscii, finché l'ultimo componente fosti proprio tu a togliermelo ovvero l'elmo per poi infine lanciarlo lontano.
Togliendomi il copricapo scopristi la parte più importante di me cioè la testa e sai cosa?
Vedi amore mio, i sentimenti nascono prima da qui e quando un uomo perde la testa per amore, tende a ritrovare il suo cuore, si ricorda di averne uno oppure si sente fiero di averne uno.
Le tue calde mani toccarono il mio volto, un "calore" indescrivibile, attorno a me la neve si scioglieva, per poi spuntare un sole a dir poco radioso, migliaia di colori fecero il loro ingresso e il tuo sorriso realizzò tutto il resto.
Intrecciai le tue mani con le mie, ti guardai con gli occhi lucidi, persino i tuoi lo erano, mi spiegasti che da mesi mi stavi aspettando, che però prefervi guardarmi da lontano senza agire, poiché avevi paura in quanto mi credevi inavvicinabile mentre in realtà ti aspettavo da una vita, purtroppo il copricapo non mi permetteva inizialmente di scorgerti bene.
Mi dicesti inoltre che in realtà io ti ero venuto incontro mentre il sottoscritto pensò il contrario.
Adesso che mi sono sbarazzato da questo equipaggiamento protettivo, ho mantenuto solo il mantello perché desidero proteggerti dal vento delle avversità, sentirti più vicina a me, e farti sentire il mio cuore ogni qualvolta desidererai appoggiarti sul mio petto.
La morale della favola?
Al cuore non si comanda e quando ti innamori non esiste armatura che tenga.
La storia non è finita mica qui, questo è il preludio di quello che sarà la nostra eterna favola.
E con un amorevole inchino, bacio adesso la tua mano, morbida e vellutata e ti sussurro:
"Ti amo F."

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
19

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

4
4
15

Scalata

18 April 2019

Un tonante appello o cosa? Non si tratta dell'eco, ne sono sicuro. Le alture sono rivolte verso di me e hanno chiamato il mio nome. Mi sfidano a salire e a confrontarmi. Non sono un alpino e non dispongo della tenuta giusta. Che fare? Dai, posso farcela, stare fermo equivale a morire e io voglio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Minchia che roba!!!... A parte il parallellismo con fatti intrinsechi e personali, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, sono contento e soddisfatto del commento che mi hai lasciato. [...]

3
3
11

Regalami una storia

18 April 2019

II vecchio si alzò a fatica, le ginocchia dolenti, un pacco di libri tra le mani. Come gli era venuto in mente di mettere ordine? Erano anni che le cose andavano avanti così, alla rinfusa. Per modo di dire, andavano avanti. Si guardò intorno. Un tempo era stata una bella libreria, non tanto grande, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Si. Confermo il commento di Francesca, ti prende e si fa leggere!

  • Giuseppe Scilipoti: Wow, un "Mi piace! convinto!
    Araba Fenice ci regala una storia, degna [...]

2
6
20

Un'altra occasione - 3/3

18 April 2019

Si fermò a comprare un mazzo di rose, si sentiva di aver avuto una seconda occasione che voleva sfruttare al massimo. L'aver organizzato un fine settimana al mare, poi, sembrava cadere a pennello con i suoi propositi: si sarebbero rilassati lontani dalla routine quotidiana, lì ricominciare sarebbe [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Mi sono sentito nei panni del fedifrago, non so se era più stretto il [...]

  • Francesca: Grazie cercherò di farlo!

Torna su