Mia principessa,
mi sto rendendo conto ogni giorno che passa di quanto ciò che alberga dentro di me nei tuoi confronti è un qualcosa di inedito, unico, meraviglioso e divino.
Sei arrivata nella mia vita in maniera inaspettata così all'improvviso dopo un lungo inverno, anzi, un costante inverno perché in fondo la mia vita mi ha da sempre riservato questa stagione, a parte quei settembrini momenti che sembravano felici per poi dissolversi e riapparire in un alternarsi tedioso, e nel frattempo sognavo la Primavera per poter rinascere, per potermi sentire finalmente parte di questo mondo e poter finalmente dire:
Dio, quanto è bello VIVERE, Dio, grazie per avermi donato la VITA, Dio, perdonami per tutti quei periodi che ho desiderato morire per cercare di capire se realmente sarebbe stato più bello ESISTERE.
Amore mio, voglio raccontarti una favola senza il solito banale c'era una volta:
innanzitutto, sai quante volte sono caduto e quante volte mi sono rialzato? Tantissime, sarebbe impossibile quantificarne il numero, per sentirmi meglio mi ripetevo costantemente "IO VALGO!" "IO POSSO!" ed andare avanti o forse sarebbe meglio dire arrancare, nel frattempo non mi accorgevo che mi stavo creando una armatura via via sempre più robusta, una armatura fatta per difendermi dall'amore dal momento che due streghe dapprima mi avevano ammaliato ed incantesimato dai loro sentimenti ipocriti per poi in seguito essere spinto singolarmente da ognuna nel pozzo più oscuro dell'indifferenza e dell'afflizione.
L'ultima caduta fu più dolorosa della prima.
Provai a risalire, pietra per pietra, non fu assolutamente facile perché il peso dell'armatura mi portava a ricadere in fondo finché dopo innumerevoli tentativi trovai il modo per uscirne ed osservare con odio la tetra cavità in cui ero stato prigioniero, lasciando cadere all'interno di essa una lacrima che promisi sarebbe stata l'ultima.
Mi guardai tra me e me e feci caso di quanto il mio rivestimento in realtà non era servito solo per ammortizzare le ferite ma bensì per il cuore affinché non venisse frantumato da un colpo letale.
Mi incamminai a testa alta e orgogliosamente sfoggiai la mia corazza ovunque andassi, molte "dame" cercarono di conquistarmi con la voglia di "spogliarmi" pezzo per pezzo, e risoluto ed incurante andai avanti, poi arrivasti tu, così come per magia.
Decisi di fermarmi sebbene con uno sguardo vigile ed indagatore.
Inizialmente impugnai l'elsa della spada pronto a difendermi, in quanto l'arma sebbene fosse tagliente non fu forgiata con lo scopo di attacchi diretti.
Mi parlasti, ti apristi, ti esponesti con un meraviglioso incanto, la tua anima appariva troppo pura, abbassai inevitabilmente la mano, l'armatura tremò e via via ogni singolo pezzo fui io stesso a staccare, cercai stoicamente di resistere, non ci riuscii, finché l'ultimo componente fosti proprio tu a togliermelo ovvero l'elmo per poi infine lanciarlo lontano.
Togliendomi il copricapo scopristi la parte più importante di me cioè la testa e sai cosa?
Vedi amore mio, i sentimenti nascono prima da qui e quando un uomo perde la testa per amore, tende a ritrovare il suo cuore, si ricorda di averne uno oppure si sente fiero di averne uno.
Le tue calde mani toccarono il mio volto, un "calore" indescrivibile, attorno a me la neve si scioglieva, per poi spuntare un sole a dir poco radioso, migliaia di colori fecero il loro ingresso e il tuo sorriso realizzò tutto il resto.
Intrecciai le tue mani con le mie, ti guardai con gli occhi lucidi, persino i tuoi lo erano, mi spiegasti che da mesi mi stavi aspettando, che però prefervi guardarmi da lontano senza agire, poiché avevi paura in quanto mi credevi inavvicinabile mentre in realtà ti aspettavo da una vita, purtroppo il copricapo non mi permetteva inizialmente di scorgerti bene.
Mi dicesti inoltre che in realtà io ti ero venuto incontro mentre il sottoscritto pensò il contrario.
Adesso che mi sono sbarazzato da questo equipaggiamento protettivo, ho mantenuto solo il mantello perché desidero proteggerti dal vento delle avversità, sentirti più vicina a me, e farti sentire il mio cuore ogni qualvolta desidererai appoggiarti sul mio petto.
La morale della favola?
Al cuore non si comanda e quando ti innamori non esiste armatura che tenga.
La storia non è finita mica qui, questo è il preludio di quello che sarà la nostra eterna favola.
E con un amorevole inchino, bacio adesso la tua mano, morbida e vellutata e ti sussurro:
"Ti amo F."

0
0
2

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
2

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

10
19
68

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
15

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
18

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
14
68

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: ammazza Giuseppe..argomento tosto e sempre in essere ,,purtroppo. scena molto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, quanto hai letto è forse lo scritto più serioso [...]

1
0
19

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
2
11

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su