Vedere la condensa su questo vetro è diventata una consuetudine per me.
Ogni inverno è sempre più rigido e il mio respiro non può fare a meno di appannare il finestrino di fronte a me.
Quando si pensa ad una finestra viene subito in mente una lastra di vetro tra noi e l'infinito, il mondo esterno, il cielo.
Tutte aspettative negate se ci si trova di fronte al finestrino di una carrozza della metropolitana.
Il cielo e il panorama cittadino si annullano in un'oscura sinfonia di mattoni e tunnel sotterranei.
Ricordo di averne parlato con Ellen, di quanto per lei fosse difficile e fastidioso fare lunghi tragitti con la metropolitana, quando non riusciva a vedere il cielo si sentiva morire.
Per me essere avvolta dalla terra, percepire la luce solo attraverso i neon, mi fa sentire a casa, protetta.
Inoltre puoi trovare gente veramente interessante, sopratutto nelle ultime corse, nel silenzio della carrozza quasi vuota, dove d'inverno, il freddo diventa coraggio e ci si siede vicini per non patirlo.
Le migliori storie possono essere ascoltate dalle bocche più insolite, quasi come se quella spoglia, fredda e talvolta lurida carrozza della metropolitana si potesse trasformare in un accogliente salotto, un luogo per pochi eletti e le loro avventure o disavventure.
Rimango tutt'ora estasiata da questi cantori improvvisati, mi piace guardarli fisso negli occhi e cercare di capire dove finisce la verità e iniziano i tortuosi viaggi della loro mente.
La metropolitana per me è un rifugio, Ellen non lo ha mai capito.
Fin da piccola ha sempre preferito gli spazi aperti, probabilmente perché aveva passato fin troppo tempo chiusa nell'armadio della sua stanza durante la sua infanzia.
Molte volte le persone si limitano a descrivere o condividere i loro problemi ma non hanno il coraggio di chiedere aiuto.
Pur conoscendomi da quando aveva memoria, Ellen ci mise 14 lunghi anni a capire come io avrei potuto risolvere il suo problema.
In realtà non che lo avesse capito fino in fondo, ma era riuscita a chiedere aiuto.
A me piaceva il suo armadio, era caldo e confortevole con tutte quelle coperte all'interno.
Mi è dispiaciuto molto non poter più tornare in quella casa, in fondo è lì che sono nata, ma nessuno avrebbe lasciato vivere una quattordicenne da sola in un posto con quel pregnante odore ferruginoso.
Per Ellen la nuova casa doveva essere piena di finestre, non voleva più alcun armadio in camera e la luce avrebbe pervaso quell'ambiente in ogni ora del giorno.
Il fatto che il suo desiderio fosse stato esaudito mi rese triste, non era per questo motivo che l'avevo aiutata a liberarsi dell'Orco.
Per fortuna i suoi spostamenti implicavano lunghi tragitti in metropolitana, un luogo che io trovavo e trovo tutt'ora magico.
 Con il tempo Ellen diventò sempre più felice e sembrò non avere più bisogno di me.
 Oh, come si sbagliava...
Era un venerdì sera, lo ricordo bene, il ventoso autunno stava lasciando il palcoscenico al freddo inverno.
 Le lezioni si erano protratte fino a tarda sera e fuori il sole aveva già abbandonato il cielo.
Erano passati cinque giorni da quando Ellen mi aveva rivolto la parola, ma non riuscivo a lasciarla da sola, temevo per la sua incolumità, le avevo detto che le sarei servita di nuovo, presto, lo sapevo, me lo sentivo, sentivo lo stesso vuoto che provai anni prima...
Dolce piccola Ellen, riesce ancora dopo tutto questo tempo a credere nella bontà degli altri...
Dolce folle piccola Ellen, dolce stupida piccola Ellen...
"Non andare a quella festa." le avevo chiesto più volte, fissandola negli occhi attraverso il riflesso dello specchio.
"Non ho alcun motivo per non andarci, non ho più bisogno di te, lasciami sola!"
Non vedevo Ellen così esasperata da quando suo padre era ancora in vita, se lei non voleva ascoltarmi non l'avrei certamente obbligata io a non uscire, ma di certo non sarebbe stata da sola.
Quel senso di vuoto raggiunse il suo apice proprio durante il viaggio in metropolitana, trenta minuti che la separavano dalla festa più invidiata dell'università, parole di Ellen non mie.
Riuscì quasi a percepire l'istante in cui la carrozza semi deserta divenne territorio di caccia.
Alla terza fermata la carrozza, che oltre Ellen, ospitava solo un senza tetto che dormiva nei posti finali.
Improvvisamente salirono tre uomini, dai volti coperti da sciarpe e occhiali, sentii i peli rizzarsi sul collo i Ellen, il suo battito accelerare e iniziò a spostarsi verso l'uscita più lontana da quella che avevano bloccato.
Nei minuti seguenti successe l'impensabile.
Uno dei tre uomini si diresse verso il senza tetto che dormiva alla fine della carrozza e in un istante si avvicino furtivo al viso dell'ignaro, aveva in mano qualcosa dal luccicore metallico.
Tutto accadde troppo in fretta; il coltello a serramanico era stato usato per tagliare la gola di quel povero uomo e gli unici rumori percepibili erano il mugugnare sofferto frenato da una mano sulla bocca e il gorgoglio del sangue che fuoriusciva copioso dalla vittima.
L'unica ragione per cui Ellen non rigurgitò la cena era perché era talmente paralizzata dalla paura che non riuscì neanche a gridare; un uomo era appena morto di fronte a lei e il suo assalitore sembrava estremamente compiaciuto.
Ellen inizio a battere contro i vetri per attirare l'attenzione ma non sembrava esservi nessuno, allora con le spalle pressate verso l'uscita si tolse le scomode scarpe e le lanciò contro gli aggressori, un azione di difesa puerile.
In un lampo un uomo le blocco la bocca e uno le mani, per quanto cercasse di divincolarsi Ellen non poteva sopraffarli.
In quel momento entrai in gioco io.
"A quanto pare ti serve il mio aiuto Ellen" le dissi con fare pacato, non provavo trionfo nell'avere ragione e non avevo motivo di aggravare la situazione emotiva della ragazza.
"Aiutami! Ti prego aiutami!"avrebbe voluto urlare quest'ultima ma la mano sulla bocca le impediva di parlare.
"Al mio tre lasciati cadere e fidati di me"le dissi dolcemente mentre i suoi occhi si inondavano nuovamente di lacrime.
In tre secondi le porte dietro Ellen si aprirono elei si lasciò cadere, tale mossa prese di sorpresa i suo assalitori ma mentre la ragazza si rialzava per scappare loro erano alle sue calcagna ma sembravano quasi lasciarle degli attimi di vantaggio per qualche motivo a lei sconosciuto.
Ellen era quasi arrivata all'uscita e lì vide un uomo e in lui vide la speranza, era riuscita a seminare gli altri, era salva.
Ellen dolce ingenua Ellen...
L'uomo le sorrise e le corse in contro lei già lo ringraziava che lui le bloccò i polsi e le sbatté la testa sul muro più vicino.
Ellen stava per perdere i sensi ma con le sue ultime forze, mentre sentiva mani estranee strapparle a forza i vestiti, lei continuava a urlare.
"No, NO! Vi prego uccidetemi ma non questo! Non posso! Non di nuovo!" si divincolava come un animale incatenato cercava di mordere o graffiare i suoi assalitori ma era tutto inutile.
"Ellen sai che io posso aiutarti, l'ho già fatto, devi solo volerlo" le dissi calma mentre guardavo lo scempio che facevano delle sue vesti.
"Non posso,non voglio iniziare tutto da capo, non voglio ricordare..."
"Non dovrai ricordare nulla questa volta, mia cara" la interruppi dolcemente.
"Questa volta sarà per sempre, nessuno potrà farti più del male e non avrai memoria di tutto questo..." continuai sorridendo, mentre i suoi assalitori le legavano le mani con i suoi stessi abiti.
"Devi solo dire di si, accettami Ellen e tutto finirà, te lo prometto" le avrei voluto tenere il viso tra le mani mentre la rassicuravo con queste parole, ma erano legate.
Il suo si urlato con tutto il fiato che aveva in corpo, fu l'ultima cosa che riuscì a fare prima di svenire.
"Ellen hai sentito del massacro ieri sera? Per fortuna non ti è successo niente, mi sono preoccupata quando non ti ho vista alla festa..." esordi Carol o almeno credo fosse questo il suo nome.
Ci misi un attimo a rispondere, non ero ancora abituata ad essere chiamata Ellen "Non preoccuparti, adesso va tutto bene." le dissi sorridendo dal mio nuovo volto.
4
5
8

Brutta esperienza - 1/2

pedofilo

21 May 2019

Elvira e Giacomo, due anziano coniugi, sessantaquattro anni lui, sessanta lei, percorrevano i loro quarant'anni di matrimonio con la rilassatezza tipica della noia dovuta all'abitudine e dall'usura del troppo tempo passato insieme. Non avevano avuto figli. L'unica sorella di Elvira, Emma, molto [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • flavia: Mi sono ispirata ad una storia vera da voltastomaco

  • Walter Fest: Flavia mi hai sorpreso ancora una volta, dovevi proprio essere incazzata al [...]

3
4
11

12 maggio 2019

Festa della mamma

21 May 2019

Grazie a tutti per i miei messaggi, emotion, pensieri e video che mi avete inviato, scusate se non ho ancora risposto ma sono stata un po' impegnata. Stamattina, dopo aver preparato la colazione per tutti, ho attaccato la lavatrice, ritirato i panni dallo stendino, stirato, riordinato i cassetti, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Buongiorno.. grazie ragazzi, si Giuseppe hai ragione è una sorta di [...]

  • Walter Fest: É una missione dettata dalla natura, un compito duro ma necessario e [...]

3
6
23

IL BUON GESU' E IL CATTIVO CRISTO

20 May 2019

Una riscrittura del Vangelo in chiave forse polemica, narrata come un romanzo storico. Un romanzo, appunto, dove ognuno può leggere le proprie convinzioni e/o idee. Philip Pullman (1946) immagina che Maria partorisca a Betlemme due gemelli: Gesù, sveglio e vivace sin dalla nascita, e Cristo, smunto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: E' bello che tu ti accorga delle piccole imprecisioni si vede che conosci [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Adalberto ma come mai la mia recensione della recensione è sparita?

2
1
10

Al Capone

20 May 2019

Ho incontrato un dì Al Capone con il mitra e il sigarone tre scagnozzi su una Ford ...nel baule un uomo mort scorazzava per Chicago con in tasca la sua Colt e i rivali, pim pum pam li stendeva uno per volt era il boss delle cantine e delle bische clandestine e correva grandi rischi a produr [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
11
25

Due "vecchie" amiche

19 May 2019

Agli inizi degli anni novanta abitavo a Trabia, una cittadina della provincia di Palermo, in un piccolissimo quartiere fatto di case non proprio piacevoli alla vista e con un sovrastante palazzo grigio che senz'altro rendeva ulteriormente monotona la zona. Avevo sette anni e, mentre stavo rientrando [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Walter ha ragione! Flavia scrivi quando vuoi anche email! Non sei sola😘😘😘

  • Giuseppe Scilipoti: Flavia mi accodo al pensiero di Walter e Francesca, ricordati che ci siamo [...]

4
7
17

Punto e virgola

19 May 2019

Ogni tanto ripenso a te. Sono quattro mesi che non ho tue notizie, come se non fossi mai esistito. Ho finalmente smesso di piangere e sono fiera di me stessa per essere riuscita a tornare a ridere. Solo ora mi rendo conto che con te hai portato via tutto, e non parlo solo dei mobili che dicevi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò..ma che ti sei messo d'accordo con Francesca?(scherzo eh!)...tranquillo, [...]

  • Francesca: Ciao Walter credo di aver aver capito cosa intendi.. ok scrivere bene ma cercare [...]

1
2
28

La ciotola

18 May 2019

«Niente Raffa, non so capendo proprio niente. Ma poi dove cavolo è?» «Eccola là, in fondo». «Ma quale?» «Quella là che sembra Cicciolina dei poveri». «Ah, di bene in meglio. Dai, vieni con me e facciamoci spiegare cosa dobbiamo fare per questa pagliacciata». «Aspetta che fin là il tragitto è lungo, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao, il testo mi piace perché ben scritto e sono riuscita ad immaginarmi [...]

  • PillsofJoy: Ciao Francesca,
    Grazie mille per il tuo feedback! Certo che esiste un [...]

7
5
47

Noi

18 May 2019

Mi sono girata e ti ho visto. Per un attimo è stato come se tutto questo tempo, e anni, e giorni, si fossero dileguati. È stato come se ci fossimo solo noi, io e te, quelli di tanti anni fa. Era bello guardarti e scoprirti così simile ad allora, anche se leggermente invecchiato. E nello stesso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
13
24

La Vestale - 2/2

Roma antica

17 May 2019

<<E' una setta che viene da Gerusalemme, si chiamano cristiani e ascolta che scandalo, rinnegano l'imperatore e praticano riti dove si cibano e di carne e sangue umano>> <<Che orrore, sei sicura di quello che dici?>> <<Sicurissima me lo ha detto Sara, la nostra schiava [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: Sei una amica e ricambio l'abbraccio con simpatia

  • Puccia: Brava, come sempre riesci a coinvolgere il lettore ed a trasportarlo in tempi [...]

2
1
12

Anime spente

17 May 2019

Radici contorte tra pudiche labbra nel sogno riflesso di rocce roventi ammaliano anime intrise di noia tra gracili steli di rose purpuree cresciute a fatica nelle crepe spaccate di antichi manieri andati in rovina dimora sicura di ragni e di serpi di gracili uova appese agli sterpi e indicibili [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
6
17

La Vestale - 1/2

Roma antica

16 May 2019

La giovane sacerdotessa uscì dal tempio di Vesta dove l'avevano nominata Prima Custode del fuoco sacro, nonostante la giovane età. Aveva solo quindici primavere e non l'avrebbero mai elevata a tale rango se non fosse stata la nipote di Vespasiano. La sua famiglia era una delle più ricche di Roma [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

2
3
15

Intimi e soli

16 May 2019

Per un po' di tempo siamo stati a punzecchiarci. Allusioni, provocazioni, ammiccamenti, sorrisi, poi abbiamo prenotato un weekend in un b&b. Ho chiuso la porta con i gomiti perché le mani erano impegnate. La bocca, le mani, i pensieri, tutto quanto ballava una danza fatta di preliminari e abiti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Audace.. però senza nemmeno un attimo di tenerezza non si può!bravo

  • ducapaso: Grazie ragazzi, i vostri commenti sono sempre benvenuti!

Torna su