Vedere la condensa su questo vetro è diventata una consuetudine per me.
Ogni inverno è sempre più rigido e il mio respiro non può fare a meno di appannare il finestrino di fronte a me.
Quando si pensa ad una finestra viene subito in mente una lastra di vetro tra noi e l'infinito, il mondo esterno, il cielo.
Tutte aspettative negate se ci si trova di fronte al finestrino di una carrozza della metropolitana.
Il cielo e il panorama cittadino si annullano in un'oscura sinfonia di mattoni e tunnel sotterranei.
Ricordo di averne parlato con Ellen, di quanto per lei fosse difficile e fastidioso fare lunghi tragitti con la metropolitana, quando non riusciva a vedere il cielo si sentiva morire.
Per me essere avvolta dalla terra, percepire la luce solo attraverso i neon, mi fa sentire a casa, protetta.
Inoltre puoi trovare gente veramente interessante, sopratutto nelle ultime corse, nel silenzio della carrozza quasi vuota, dove d'inverno, il freddo diventa coraggio e ci si siede vicini per non patirlo.
Le migliori storie possono essere ascoltate dalle bocche più insolite, quasi come se quella spoglia, fredda e talvolta lurida carrozza della metropolitana si potesse trasformare in un accogliente salotto, un luogo per pochi eletti e le loro avventure o disavventure.
Rimango tutt'ora estasiata da questi cantori improvvisati, mi piace guardarli fisso negli occhi e cercare di capire dove finisce la verità e iniziano i tortuosi viaggi della loro mente.
La metropolitana per me è un rifugio, Ellen non lo ha mai capito.
Fin da piccola ha sempre preferito gli spazi aperti, probabilmente perché aveva passato fin troppo tempo chiusa nell'armadio della sua stanza durante la sua infanzia.
Molte volte le persone si limitano a descrivere o condividere i loro problemi ma non hanno il coraggio di chiedere aiuto.
Pur conoscendomi da quando aveva memoria, Ellen ci mise 14 lunghi anni a capire come io avrei potuto risolvere il suo problema.
In realtà non che lo avesse capito fino in fondo, ma era riuscita a chiedere aiuto.
A me piaceva il suo armadio, era caldo e confortevole con tutte quelle coperte all'interno.
Mi è dispiaciuto molto non poter più tornare in quella casa, in fondo è lì che sono nata, ma nessuno avrebbe lasciato vivere una quattordicenne da sola in un posto con quel pregnante odore ferruginoso.
Per Ellen la nuova casa doveva essere piena di finestre, non voleva più alcun armadio in camera e la luce avrebbe pervaso quell'ambiente in ogni ora del giorno.
Il fatto che il suo desiderio fosse stato esaudito mi rese triste, non era per questo motivo che l'avevo aiutata a liberarsi dell'Orco.
Per fortuna i suoi spostamenti implicavano lunghi tragitti in metropolitana, un luogo che io trovavo e trovo tutt'ora magico.
 Con il tempo Ellen diventò sempre più felice e sembrò non avere più bisogno di me.
 Oh, come si sbagliava...
Era un venerdì sera, lo ricordo bene, il ventoso autunno stava lasciando il palcoscenico al freddo inverno.
 Le lezioni si erano protratte fino a tarda sera e fuori il sole aveva già abbandonato il cielo.
Erano passati cinque giorni da quando Ellen mi aveva rivolto la parola, ma non riuscivo a lasciarla da sola, temevo per la sua incolumità, le avevo detto che le sarei servita di nuovo, presto, lo sapevo, me lo sentivo, sentivo lo stesso vuoto che provai anni prima...
Dolce piccola Ellen, riesce ancora dopo tutto questo tempo a credere nella bontà degli altri...
Dolce folle piccola Ellen, dolce stupida piccola Ellen...
"Non andare a quella festa." le avevo chiesto più volte, fissandola negli occhi attraverso il riflesso dello specchio.
"Non ho alcun motivo per non andarci, non ho più bisogno di te, lasciami sola!"
Non vedevo Ellen così esasperata da quando suo padre era ancora in vita, se lei non voleva ascoltarmi non l'avrei certamente obbligata io a non uscire, ma di certo non sarebbe stata da sola.
Quel senso di vuoto raggiunse il suo apice proprio durante il viaggio in metropolitana, trenta minuti che la separavano dalla festa più invidiata dell'università, parole di Ellen non mie.
Riuscì quasi a percepire l'istante in cui la carrozza semi deserta divenne territorio di caccia.
Alla terza fermata la carrozza, che oltre Ellen, ospitava solo un senza tetto che dormiva nei posti finali.
Improvvisamente salirono tre uomini, dai volti coperti da sciarpe e occhiali, sentii i peli rizzarsi sul collo i Ellen, il suo battito accelerare e iniziò a spostarsi verso l'uscita più lontana da quella che avevano bloccato.
Nei minuti seguenti successe l'impensabile.
Uno dei tre uomini si diresse verso il senza tetto che dormiva alla fine della carrozza e in un istante si avvicino furtivo al viso dell'ignaro, aveva in mano qualcosa dal luccicore metallico.
Tutto accadde troppo in fretta; il coltello a serramanico era stato usato per tagliare la gola di quel povero uomo e gli unici rumori percepibili erano il mugugnare sofferto frenato da una mano sulla bocca e il gorgoglio del sangue che fuoriusciva copioso dalla vittima.
L'unica ragione per cui Ellen non rigurgitò la cena era perché era talmente paralizzata dalla paura che non riuscì neanche a gridare; un uomo era appena morto di fronte a lei e il suo assalitore sembrava estremamente compiaciuto.
Ellen inizio a battere contro i vetri per attirare l'attenzione ma non sembrava esservi nessuno, allora con le spalle pressate verso l'uscita si tolse le scomode scarpe e le lanciò contro gli aggressori, un azione di difesa puerile.
In un lampo un uomo le blocco la bocca e uno le mani, per quanto cercasse di divincolarsi Ellen non poteva sopraffarli.
In quel momento entrai in gioco io.
"A quanto pare ti serve il mio aiuto Ellen" le dissi con fare pacato, non provavo trionfo nell'avere ragione e non avevo motivo di aggravare la situazione emotiva della ragazza.
"Aiutami! Ti prego aiutami!"avrebbe voluto urlare quest'ultima ma la mano sulla bocca le impediva di parlare.
"Al mio tre lasciati cadere e fidati di me"le dissi dolcemente mentre i suoi occhi si inondavano nuovamente di lacrime.
In tre secondi le porte dietro Ellen si aprirono elei si lasciò cadere, tale mossa prese di sorpresa i suo assalitori ma mentre la ragazza si rialzava per scappare loro erano alle sue calcagna ma sembravano quasi lasciarle degli attimi di vantaggio per qualche motivo a lei sconosciuto.
Ellen era quasi arrivata all'uscita e lì vide un uomo e in lui vide la speranza, era riuscita a seminare gli altri, era salva.
Ellen dolce ingenua Ellen...
L'uomo le sorrise e le corse in contro lei già lo ringraziava che lui le bloccò i polsi e le sbatté la testa sul muro più vicino.
Ellen stava per perdere i sensi ma con le sue ultime forze, mentre sentiva mani estranee strapparle a forza i vestiti, lei continuava a urlare.
"No, NO! Vi prego uccidetemi ma non questo! Non posso! Non di nuovo!" si divincolava come un animale incatenato cercava di mordere o graffiare i suoi assalitori ma era tutto inutile.
"Ellen sai che io posso aiutarti, l'ho già fatto, devi solo volerlo" le dissi calma mentre guardavo lo scempio che facevano delle sue vesti.
"Non posso,non voglio iniziare tutto da capo, non voglio ricordare..."
"Non dovrai ricordare nulla questa volta, mia cara" la interruppi dolcemente.
"Questa volta sarà per sempre, nessuno potrà farti più del male e non avrai memoria di tutto questo..." continuai sorridendo, mentre i suoi assalitori le legavano le mani con i suoi stessi abiti.
"Devi solo dire di si, accettami Ellen e tutto finirà, te lo prometto" le avrei voluto tenere il viso tra le mani mentre la rassicuravo con queste parole, ma erano legate.
Il suo si urlato con tutto il fiato che aveva in corpo, fu l'ultima cosa che riuscì a fare prima di svenire.
"Ellen hai sentito del massacro ieri sera? Per fortuna non ti è successo niente, mi sono preoccupata quando non ti ho vista alla festa..." esordi Carol o almeno credo fosse questo il suo nome.
Ci misi un attimo a rispondere, non ero ancora abituata ad essere chiamata Ellen "Non preoccuparti, adesso va tutto bene." le dissi sorridendo dal mio nuovo volto.
Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

2
4
9

Virulenza!!!

01 June 2020

E basta con questo Coronavirus! Ne abbiamo sentito di tutti i colori: gli americani dicono che è sfuggito da un laboratorio cinese, i cinesi che l'hanno portato gli americani durante un congresso di militari. Poi si dice che abbia fatto un salto di specie dai pipistrelli all'uomo, anzi no! La colpa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Rara avis: Grazie Scili, hai indovinato, il titolo è proprio un richiamo cinematografico [...]

  • Rara avis: Grazie per l'apprezzamento Walter, in quanto alle cicche da gennaio ho [...]

0
0
5

Stati Uniti on the road - 1/2

01 June 2020

Cieli di un azzurro mai immaginato. Strade dritte fino all'orizzonte, e dall'orizzonte ancora dritte fino al prossimo orizzonte. Los Angeles. Metropoli chiassosa e trafficata. Oceano misterioso che si esaurisce sulle spiagge di Venice. Così come la vecchia Historic Route 66 termina al Pier di Santa [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

1
2
23

L'ULTIMO APPUNTAMENTO

01 June 2020

Non è stato facile fissare questo incontro, per ottenerlo ho dovuto mentire sulla mia identità. Mi aspetta nella hall dell'albergo. Mentre mi avvicino perdo tutta la baldanza che mi ha fatto arrivare fino a qui. Vorrei tornare indietro, ma è troppo tardi: mi ha visto. Due occhi grandi e scuri [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
18
56

Armiamoci ed entriamo!

01 June 2020

Nelle ore pomeridiane la banca normalmente è tranquilla. Scendo dall'auto. Conosco ogni singola telecamera esterna e interna, ogni dipendente, ogni porta etc, infatti, ho imparato ogni minimo dettaglio di questa struttura. Prima di dirigermi all'entrata, ripercorro velocemente le svariate cazzate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò...non posso fare altro che rinnovarti il commento del 14 ottobre [...]

  • Patapump: Ma guarda un po'. Uno pensa sia il mariuolo ed invece è la guardia. [...]

3
4
47

Mai più senza caffè

31 May 2020

Per me la domenica non esiste. È una dimensione spazio–temporale in cui provi a fare delle cose senza successo, perché nemici subdoli e infingardi, travestiti da divano e tv, ti fagocitano, tenendoti in ostaggio fino al giorno dopo. Inutile ribellarsi, bisogna solo aspettare che sia lunedì, momento [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • U1096: Per un attimo mi sono ritrovato al supermercato tra gli scaffali ad osservare [...]

  • Simona Zarcone: I vostri commenti sono una mano santa per il mio umore domenicale...grazie 🙂

1
6
24

MAESTRO della Luce

31 May 2020

Musica Maestro!!! Che abbia inizio il tuo Concerto, tra spettatori e discepoli, tra sudore e lacrime... tra Buio e Luce. Ecco, si accendono i riflettori, lievi e garbati su quel palcoscenico che troppe volte ti ha voltato le spalle. Come dice Maestro? "Ho smesso di domandarmi perchè, ogni problema [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Ho conosciuto lui molto tardi, l ho apprezzato in pieno componendo generi che [...]

  • Roberto Anzaldi: Chiedo preventivamente scusa, Celeste, ma vorrei poter esprimere un pensiero [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

3
7
13

Girasolino e la farfallina

Una preziosa lezione di vita da parte di una farfallina

31 May 2020

Il sole era alto nel cielo, splendeva sull’enorme campo di girasoli e come ogni giorno essi si voltavano verso di lui; questo era il compito che avevano tutti i giorni e i girasoli si sentivano fieri del loro lavoro. Ogni girasole aveva una sua personalità: c’era quello più simpatico, quello più [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • AmorLibre: Ciao Giuseppe mi fa veramente felice che ti sia piaciuto il mio racconto. Io [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Non pensavo che mia disamina ti poteva colpire così tanto, tra l'altro [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

1
5
26

A te, Luna

31 May 2020

Ti ho sognata stanotte, Pallida Luna, camminavi confusa in mezzo alle stelle. Stella brillante di che cosa non so risplendevi, Tu bella lassù... Mi son chiesto spesso la mia ombra cos'è forse un bacio di luce oppure chissà forse solo un sorriso nell'immensitá di questo momento che mai finirà. E [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
7
32

Stanze

31 May 2020

Tornai a casa da un faticoso viaggio ad Istanbul, aprii la porta di casa e, senza neanche riporre lo zaino, accesi una sigaretta e un bastoncino di incenso regalatomi da Tharihr. "Accendilo quando nel vento saprai che qualcuno ti chiama, perché quello è il momento in cui il ricordo soffia sulle [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

5
7
26

Per te

Laura

30 May 2020

Era l’anno 1999, Jovanotti esordì con la fantastica canzone “Per te” e tua madre te la canticchiava sempre, mentre tu eri ancora dentro al suo pancione. La invidiavo, ma ammirandola. La sua serenità e la sua dolcezza mi faceva desiderare ancora di più quel giorno che saresti venuta al mondo. Sapevo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Wow! Bellissimo testo Rossana! Amore incondizionato, l'unico amore dal [...]

  • Boi Rossana Lucia: Grazie Surya. Hai ragione, niente in cambio, solo gioire e consolarsi di quell'amore [...]

18
24
68

Colazione

La ricetta perfetta

30 May 2020

Non sono un cuoco provetto però ho un piatto tutto mio che mi preparo tutte le mattine, una ricetta che non si trova in nessun libro, rivista o programma TV. Nemmeno su Youtube. Oh, stiamo parlando del frutto di anni e anni di esperimenti! La pietanza in questione non è difficile da preparare, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Simona Zarcone: Beato te che riesci a mischiare, nella stessa giornata, calma, buon umore, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Roberto Anzaldi: dammene un bel piatto, va'. :D la inserisco nell'alimentazione [...]

4
5
23

Il teatro di Tirana

30 May 2020

Alle quattro e un quarto del mattino, qualcuno mise in moto una ruspa. Insultò le vie della città percorrendole di notte fino al centro dove, in tenuta antisommossa, i poliziotti si erano schierati già presso uscita secondaria del teatro dove stavano dormendo gli occupanti, niente più che mascalzoni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su