Amici lettori, ve lo anticipo, per tutto quello che ora leggerete, riguardo persone, cose, fatti, luoghi realmente esistenti di fantasia, ogni riferimento sarà  puramente  immaginario e casuale. Fra un mistero bislacco e un bagordo, fra un caso risolto e un anfratto seriale, per i nostri investigautori ecco un nuovo enigma.L'intervento era stato richiesto dalla parentela del giornalista di cronaca sportiva Amilcare Cencetti, trovato cadavere nel suo appartamento, fulminato da un infarto.Era un vecchio marpione, battone in giù e in sù per i campi di calcio e nell'ambiente era in, sapeva tenere ben celati vizi e marachelle, da vero filibustiere copriva segreti e affari loschi, compravendite di giocatori, cartellini taroccati, procuratori miscredenti, arbitri infrociati, un tipo che sapeva anche tenere la bocca chiusa, per questo apprezzato nel mondo del calcio grazie al quale aveva guadagnato un bel pò di grana, purtroppo alla sua dipartita non era stato pervenuto un testamento e se lo aveva redatto, vattelapesca dove era nascosto, nessun notaio della zona ne era a conoscenza, l'Amilcare aveva fatto tutto a tarallucci e vino e ora la sua parentela era alla ricerca della pecunia e di qualsivoglia bene appetibile.

-Signori investigautori, conosciamo la vostra fama, dovete aiutarci a ritrovare il testamento del Cencetti.

-Possiamo metterci subito al lavoro ma abbiamo bisogno di qualche indizio (Puccia)

-Non ne abbiamo perchè il nostro parente era un single babbione, conduceva una vita schematica, a parte l'ambito sportivo della sua vita privata nessuno sapeva nulla.

-Quindi un bel figlio di paragnosta(Bibbi)

-Era così riservato, è per questo che ci siamo rivolti a voi.

-E' un bel gatto da pelare (Surya)

-Surya..per favore, proprio un gatto? Non si potrebbe pelare una topa?

-Bando alle chiacchiere, diamoci da fare, và bene signori parenti del Cencetti, ci faremo vivi noi quando avremo notizie(Flavia)

-Contiamo sulla vostra competenza.

-Costiamo cari eh! (Scrittriceimperfetta)

-Non c'è problema l'eredità sarà molto consistente e vi spetterà una bella percentuale.

-Tutti gli investigautori in piedi  per una standing ovation di un ora e un quarto..

Usciti di scena i parenti segue il solito briefing, i nostri eroi si gasano con  i casi incasinati, in questo caso però si brancola nel buio, stò giornalista sembrava proprio una brava persona, un pò paraculo ma senza appigli e il mistero era fitto, quindi decidono di dividersi in coppie, ognuno un compito preciso per scandagliare la vita dell'Amilcare.

-Scilipò, tu vieni con me (Walterfest)

-Certo che vengo, ma dove andiamo?(Scilipoti)

-Al club degli scambisti, lì girano sempre un sacco di voci(Walterfest)

-Ma non ci faranno entrare ormai ci conoscono(Scilipoti)

-Tranquillo, mi vesto da donna, saremo una coppia e ci faranno entrare(Walterfest)

-Ma non hai paura che puoi trovare un mandrillo?(Scilipoti)

-Scilipò, ma ancora non hai capito chi sò io? Lì dentro mi inventerò qualcosa, daje abbi fede(Walterfest)

Con la parrucca bionda non stavo male, mi sono sempre piaciuti i capelli lunghi, Bibbi mi prestò la minigonna, Flavia le scarpe con il tacco a spillo, Rob21 il profumo canale5, Alida la camicetta di pelo di foca, Dario le tette di Tina, Puccia, Surya e Scrittriceimperfetta mi prestarono la chincaglieria e gli addobbi, insomma ero proprio una figata.

-Scilipò, jamme bell (Walterfest)

Giunti davanti al club degli scambisti, il solito portiere di scambio.

-Parola d'ordine.

-Chi te se n'cula (Walterfest in falsetto)

-Entrate, accomodatevi da quella parte.

L'ambiente era soffice, c'era della gente sparpagliata, chi mezzo nudo, chi con la foglia di fico, io Scilipoti tergiversammo scrutando l'acchiappo che ci avrebbe spifferato qualche indicazione sul giornalista.

-Scilipoti, la vedi quella?(Walterfest)

-Chi è?(Scilipoti)

-Ma che sei de coccio?..E' Florinda!(Walterfest)

Amici lettori, Florinda è una bellissima ragazza, peccato che pesa 100 kg. io ho sempre pensato che fosse la ragazza ideale per Giuseppe e finalmente c'era l'occasione per far concludere l'affare fra lei e il nostro investigautore.

-Daje ragazzo fatte sotto!!(Walterfest)

-Ma sei pazzo?

-Daje, fidati di me andiamo!(Walterfest)

-Mi auguro che il suo amico te lo faccia nero!(Scilipoti)

-Tranquillo, c'è sempre l'imponderabile!(Walterfest)

E così, agganciammo la coppia e fuimmo a luci rosse in camera, Scilipoti con Florinda e io biondo inparruccato con il suo amico, passammo un paio d'ore assai piacevolmente, indagammo e sotto le lenzuola ci svelarono che Amilcare Cencetti aveva un flirt con Carmen la farmacista e che sicuramente lei sapeva tutto, io e Giuseppe ce le siamo proprio meritate queste rivelazioni, modestia a parte ma noi di eros ce ne intendiamo eh...Scilipoti finalmente dopo mesi andati in bianco aveva fatto cantare la traviata alla Florinda, io in camera con il suo amico, che poi non era un lui ma una lei travestita da uomo, ma sììì, una bella gnocca di Gallarate amica di Florinda, che se l'avesse vista Dario gli sarebbe tornata la vista e per  lei avrebbe scritto in Latino tutta la biografia di David Bowie, la gnocca si chiamava Samantha e qui mi fermo, se volete, immaginate quello che abbiamo fatto.Adesso era ora di tornare al lavoro, dovevamo intervistare la farmacista.

-Dottoressa, non faccia la gnorri deve dirci quello che è successo ad Amilcare Cencetti(Surya)

-Vi prego non facciamo scandali, vi dirò tutto ma vi prego discrezione.

-Ci può contare, siamo gli investigautori(Puccia)

-Ecco, ero a casa sua come tutti sabati sera, ero la sua amante e da un sacco di tempo  Amilcare da me voleva una cosa sola, io resistevo ma lui era insistente, mi ha fatto vedere quattro volte "Ultimo tango a Parigi" alla fine grazie a una scommessa persa stava per ottenerlo, aveva anche trovato il burro di tutti i gusti, al gladiolo, al tamarindo ma gli fù fatale quello al peperoncino messicano, perchè gli dissi "Se vuoi mettermelo là, devi spalmartelo anche lì"-strusciando con la mano il pacco di Dario, Alida la fulminò -

-Ma paperotto, la dottoressa avrà 85anni! (Dario)

E così Amilcare al top dell'eccitazione per prima cosa si unse per bene l'arnese con il burro messicano, che super caliente  fulminò all'istante il giornalista facendogli saltare la pompa.

-Fù solo per una sfortunata fatalità, non è stata colpa mia ma del frutto del suo desiderio, ve lo giuro non è stata colpa mia!

-Dottoressa si calmi, e del testamento che può dirci?(Flavia)

-Testamento?Ma Amilcare non teneva più un centesimo, aveva dilapidato tutto per una collezione cosmica di figurine dei calciatori che poi per sbaglio aveva pure gettato nel cassonetto della differenziata, praticamente era povero.

-Và bene dottoressa è meglio che vada, colleghi ora abbiamo un problema alla parentela chi glielo dice che l'eredità cuccù, non c'è più?(Bibbi)

-Io ho un opzione, fuggiamo in vacanza ad Ischia(Rob21)

Anche questo caso è risolto.Firmato gli investigautori, per un pò non ci rivedremo, siamo chiusi per ferie.


 

 

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
3
6

Incroci

07 April 2020

Le campagne sono immense Io sono al centro degli incroci Il mio sguardo ruota e non fissa qualcosa di definito C’è tanto da vedere Il movimento della terra è regolare Brevi picchi di colline alberate si ergono a sud Il fiume che mi corre affianco povero di acqua Non impedisce a due cigni di percorrere [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Hai un animo poetico e con questi incroci mi confermi ancora che sai scrivere [...]

  • callettino: Be', ci volevano proprio queste immagini. Ti fanno "viaggiare" [...]

3
5
10

Come se fossi qui

07 April 2020

“Non ti arrabbiare però!”, mi disse con la voce supplichevole. Io la guardai con la coda dell’occhio. Teneva le labbra imbronciate, come una bambina che ha patito un dispetto. Il labbro inferiore sporto in avanti si accavallava su quello superiore. Ma il disegno delicato della bocca non subiva [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • callettino: Bel contesto, ovviamente nel senso del racconto in sé; a mio giudizio [...]

  • Sandro Amici: Solo come un cane e pure senza il cane... 😊

4
4
9

L'ultimo elfo

06 April 2020

Un elfo di nome Ohtar stava morendo. Uscì dal suo rifugio, ovvero un grandissimo albero, in seguito a un lunghissimo letargo. Si sentì improvvisamente invecchiato sia dentro che fuori e non ci volle molto per capire il perché di quella sgradevole condizione. Vagò barcollando per quel che restava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Io invece ho letto il romanzo di Silvana De Mari, ha una scrittura che ti cattura [...]

  • Walter Fest: Bravo Scilipoti..... sei sempre il solito tir di energia, tu non hai una testa [...]

3
2
14

MEGLIO RIDERE PER NON PIANGERE

06 April 2020

Smette di andare il telefono fisso di casa. Prendiamo il cellulare e chiamiamo il “Cento-eccetera” del nostro operatore: non è che non risponde o ti mette in attesa, proprio termina la chiamata istantaneamente con un peto sommesso ma minaccioso. Riproviamo enne volte e sempre il peto si ripete, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • callettino: E alcuni hanno il coraggio di chiamarlo progresso. Non puoi scansare certe [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Kanozza, il titolo è tutto dire visto che è perfetto per [...]

4
1
16

Marzo 2020 - Regole

05 April 2020

Ciao umani. Sono la Logica. Parlavo in questi giorni con una scienza mia cugina, la Matematica. Mi raccontava di come in questi giorni stesse cercando di guidarvi nella lettura dei Numeri, in modo da evitare effetti distorti e indesiderati. Beh, ci ho pensato su e ho deciso che anch’io dal [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

12
14
53

Il piccolo aereo rosso

Racconto di Natale

04 April 2020

Per un bambino la realtà non importa, perché sarà sempre accompagnato durante i suoi giorni dalla sua immaginazione. Piccolo racconto natalizio. Mancano pochi giorni a Natale e, una volta giunti al parcheggio del centro commerciale dopo l’acquisto dei regali, io, mia moglie Francesca e il nostro [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • callettino: Un punto di vista da bambino colto però dagli adulti, questo è, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie callettino. Al di là del pensiero adulto/fanciullo direi che [...]

3
3
16

Lontano dal mondo

04 April 2020

Cediamo il passo al silenzio e alla notte. Cediamo il passo alla solitudine ed all'immutabile bellezza. Restiamo sulla soglia della vita come spettatori malinconici innanzi a orizzonti impossibili.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: ....ma non cediamo il passo alla meraviglia della vita..sai ieri ne ho avuto [...]

  • Arielseasoon: Grazie Giuseppe per le belle parole. La tristezza di un mondo 'costretto' [...]

4
1
14

Marzo 2020 - Numeri

03 April 2020

Ciao umani. Sono la Matematica. Sono la scienza che più di ogni altra definite “arida”. Beh, non mi offendo. In fondo è vero: i miei ubbidienti soldatini, i Numeri, in effetti non hanno cuore, né anima. Malgrado questo, voi umani non riuscite a fare a meno di noi, della Matematica e dei suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

6
8
22

Nel silenzio di un punto

02 April 2020

Davanti a me la profondità ombrosa della via è un interminabile corridoio con un’unica porta in fondo. Una porta enorme, dischiusa a una lingua di luce: una bianca lama di spada che piove dall’alto e arriva squarciando le tenebre. A brandirla, è la mano del soprannaturale. Dalla porta penetra e [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Manuela Cagnoni: Mi è piaciuto molto, è bello il modo in cui scrivi. Anch'io [...]

  • callettino: Ciao, Manuela. Bello il “rumore delle parole”, lo trovo poetico [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

7
5
21

E venne il tempo

01 April 2020

La Primavera non era ancora arrivata E la gente la aspettava, per dare quell’ultimo scossone all’inverno Ma invece di arrivare lei, sopraggiunse una malattia Che voleva spacciarsi per una Regina che portava la corona Ma questa corona aveva spine e pungeva facendo soffrire Papà, ho voglia di correre [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
6
14

Il coltellino

01 April 2020

Ammetto che un leggero timore iniziavo ad averlo. Igor, il suo compare, stava ancora girovagando per il treno. Ormai non lo si vedeva da più di un’ora. A pensarci bene però, anche se fosse stato con noi non sarebbe stata la persona ideale alla quale chiedere aiuto, era probabilmente più ubriaco [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
19

DALLA LUCE ALLE TENEBRE

31 March 2020

Io sono nato in un piccolo borgo della bassa bresciana, in una vecchia cascina circondata da campi di grano e prati fioriti, incorniciati da una rete di canali di irrigazione e fossati di acqua incontaminata, dove insetti pattinatori ed eterotteri scivolavano danzanti sulla superficie. La felicità [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Sandro Amici: Mi sono immerso in questa lettura perché il tuo sentire è anche [...]

  • Patapump: Ciao Gianni. Da Bresciano questa trasformazione sia in città che nei [...]

Torna su