Amici lettori, ve lo anticipo, per tutto quello che ora leggerete, riguardo persone, cose, fatti, luoghi realmente esistenti di fantasia, ogni riferimento sarà  puramente  immaginario e casuale. Fra un mistero bislacco e un bagordo, fra un caso risolto e un anfratto seriale, per i nostri investigautori ecco un nuovo enigma.L'intervento era stato richiesto dalla parentela del giornalista di cronaca sportiva Amilcare Cencetti, trovato cadavere nel suo appartamento, fulminato da un infarto.Era un vecchio marpione, battone in giù e in sù per i campi di calcio e nell'ambiente era in, sapeva tenere ben celati vizi e marachelle, da vero filibustiere copriva segreti e affari loschi, compravendite di giocatori, cartellini taroccati, procuratori miscredenti, arbitri infrociati, un tipo che sapeva anche tenere la bocca chiusa, per questo apprezzato nel mondo del calcio grazie al quale aveva guadagnato un bel pò di grana, purtroppo alla sua dipartita non era stato pervenuto un testamento e se lo aveva redatto, vattelapesca dove era nascosto, nessun notaio della zona ne era a conoscenza, l'Amilcare aveva fatto tutto a tarallucci e vino e ora la sua parentela era alla ricerca della pecunia e di qualsivoglia bene appetibile.

-Signori investigautori, conosciamo la vostra fama, dovete aiutarci a ritrovare il testamento del Cencetti.

-Possiamo metterci subito al lavoro ma abbiamo bisogno di qualche indizio (Puccia)

-Non ne abbiamo perchè il nostro parente era un single babbione, conduceva una vita schematica, a parte l'ambito sportivo della sua vita privata nessuno sapeva nulla.

-Quindi un bel figlio di paragnosta(Bibbi)

-Era così riservato, è per questo che ci siamo rivolti a voi.

-E' un bel gatto da pelare (Surya)

-Surya..per favore, proprio un gatto? Non si potrebbe pelare una topa?

-Bando alle chiacchiere, diamoci da fare, và bene signori parenti del Cencetti, ci faremo vivi noi quando avremo notizie(Flavia)

-Contiamo sulla vostra competenza.

-Costiamo cari eh! (Scrittriceimperfetta)

-Non c'è problema l'eredità sarà molto consistente e vi spetterà una bella percentuale.

-Tutti gli investigautori in piedi  per una standing ovation di un ora e un quarto..

Usciti di scena i parenti segue il solito briefing, i nostri eroi si gasano con  i casi incasinati, in questo caso però si brancola nel buio, stò giornalista sembrava proprio una brava persona, un pò paraculo ma senza appigli e il mistero era fitto, quindi decidono di dividersi in coppie, ognuno un compito preciso per scandagliare la vita dell'Amilcare.

-Scilipò, tu vieni con me (Walterfest)

-Certo che vengo, ma dove andiamo?(Scilipoti)

-Al club degli scambisti, lì girano sempre un sacco di voci(Walterfest)

-Ma non ci faranno entrare ormai ci conoscono(Scilipoti)

-Tranquillo, mi vesto da donna, saremo una coppia e ci faranno entrare(Walterfest)

-Ma non hai paura che puoi trovare un mandrillo?(Scilipoti)

-Scilipò, ma ancora non hai capito chi sò io? Lì dentro mi inventerò qualcosa, daje abbi fede(Walterfest)

Con la parrucca bionda non stavo male, mi sono sempre piaciuti i capelli lunghi, Bibbi mi prestò la minigonna, Flavia le scarpe con il tacco a spillo, Rob21 il profumo canale5, Alida la camicetta di pelo di foca, Dario le tette di Tina, Puccia, Surya e Scrittriceimperfetta mi prestarono la chincaglieria e gli addobbi, insomma ero proprio una figata.

-Scilipò, jamme bell (Walterfest)

Giunti davanti al club degli scambisti, il solito portiere di scambio.

-Parola d'ordine.

-Chi te se n'cula (Walterfest in falsetto)

-Entrate, accomodatevi da quella parte.

L'ambiente era soffice, c'era della gente sparpagliata, chi mezzo nudo, chi con la foglia di fico, io Scilipoti tergiversammo scrutando l'acchiappo che ci avrebbe spifferato qualche indicazione sul giornalista.

-Scilipoti, la vedi quella?(Walterfest)

-Chi è?(Scilipoti)

-Ma che sei de coccio?..E' Florinda!(Walterfest)

Amici lettori, Florinda è una bellissima ragazza, peccato che pesa 100 kg. io ho sempre pensato che fosse la ragazza ideale per Giuseppe e finalmente c'era l'occasione per far concludere l'affare fra lei e il nostro investigautore.

-Daje ragazzo fatte sotto!!(Walterfest)

-Ma sei pazzo?

-Daje, fidati di me andiamo!(Walterfest)

-Mi auguro che il suo amico te lo faccia nero!(Scilipoti)

-Tranquillo, c'è sempre l'imponderabile!(Walterfest)

E così, agganciammo la coppia e fuimmo a luci rosse in camera, Scilipoti con Florinda e io biondo inparruccato con il suo amico, passammo un paio d'ore assai piacevolmente, indagammo e sotto le lenzuola ci svelarono che Amilcare Cencetti aveva un flirt con Carmen la farmacista e che sicuramente lei sapeva tutto, io e Giuseppe ce le siamo proprio meritate queste rivelazioni, modestia a parte ma noi di eros ce ne intendiamo eh...Scilipoti finalmente dopo mesi andati in bianco aveva fatto cantare la traviata alla Florinda, io in camera con il suo amico, che poi non era un lui ma una lei travestita da uomo, ma sììì, una bella gnocca di Gallarate amica di Florinda, che se l'avesse vista Dario gli sarebbe tornata la vista e per  lei avrebbe scritto in Latino tutta la biografia di David Bowie, la gnocca si chiamava Samantha e qui mi fermo, se volete, immaginate quello che abbiamo fatto.Adesso era ora di tornare al lavoro, dovevamo intervistare la farmacista.

-Dottoressa, non faccia la gnorri deve dirci quello che è successo ad Amilcare Cencetti(Surya)

-Vi prego non facciamo scandali, vi dirò tutto ma vi prego discrezione.

-Ci può contare, siamo gli investigautori(Puccia)

-Ecco, ero a casa sua come tutti sabati sera, ero la sua amante e da un sacco di tempo  Amilcare da me voleva una cosa sola, io resistevo ma lui era insistente, mi ha fatto vedere quattro volte "Ultimo tango a Parigi" alla fine grazie a una scommessa persa stava per ottenerlo, aveva anche trovato il burro di tutti i gusti, al gladiolo, al tamarindo ma gli fù fatale quello al peperoncino messicano, perchè gli dissi "Se vuoi mettermelo là, devi spalmartelo anche lì"-strusciando con la mano il pacco di Dario, Alida la fulminò -

-Ma paperotto, la dottoressa avrà 85anni! (Dario)

E così Amilcare al top dell'eccitazione per prima cosa si unse per bene l'arnese con il burro messicano, che super caliente  fulminò all'istante il giornalista facendogli saltare la pompa.

-Fù solo per una sfortunata fatalità, non è stata colpa mia ma del frutto del suo desiderio, ve lo giuro non è stata colpa mia!

-Dottoressa si calmi, e del testamento che può dirci?(Flavia)

-Testamento?Ma Amilcare non teneva più un centesimo, aveva dilapidato tutto per una collezione cosmica di figurine dei calciatori che poi per sbaglio aveva pure gettato nel cassonetto della differenziata, praticamente era povero.

-Và bene dottoressa è meglio che vada, colleghi ora abbiamo un problema alla parentela chi glielo dice che l'eredità cuccù, non c'è più?(Bibbi)

-Io ho un opzione, fuggiamo in vacanza ad Ischia(Rob21)

Anche questo caso è risolto.Firmato gli investigautori, per un pò non ci rivedremo, siamo chiusi per ferie.


 

 

0
0
4

Di neve e di sole

18 November 2019

... e mentre sopra uno spoglio ramo si posa un corvo nel crepuscolo d'autunno la prima neve rabbrividisce i prati e piega piano foglie e fili d'erba e nel silenzio che penetra le rocce il sole sorge dietro la montagna a rischiarare la sfrenata corsa di cavalli bianchi sulla rena ... mentre [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

13
18
78

Il bidone di plastica

Il negozio di casalinghi

18 November 2019

Non c'è cattivo più cattivo di un buono quando diventa cattivo (cit. di Bud Spencer in "Chi trova un amico trova un tesoro") Nel periodo in cui lavoravo nel negozio dei casalinghi della famiglia Palazzo, una delle “leggi” [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Walter Fest: Non me lo ricordavo ma sapevo della tua esperienza lavorativa nel negozio e [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Walter, ti ringrazio per la rilettura. Ho mandato a LdM molti racconti [...]

1
3
9

Mani

non pulite ma oneste... l'ultimo baluardo dei "tempi moderni"

17 November 2019

Anche se sembrano appartenere al passato, le immagini di mani sporche di lavoro non dovremmo dimenticarle mai. Stampiamole per bene nel nostro cuore e nella nostra mente quelle mani, mani sporche di grasso, sporche di terra, di vernice, sporche di fuliggine, di ruggine, di colla. Manualità scomparsa, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Giuseppe, ci tenevo molto alla tua disamina per i motivi che ti avevo anticipato, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: "Tempi moderni", mi è sfuggito... dalla mani. Mi scusasse [...]

1
1
9

La pallina

17 November 2019

Birichina. Colorata. Salta qua, salta là La si cerca di afferrare. Lei non ne vuole sapere. Mamma perché fa così? Piccola mia, lasciala andare. Lei senza poter saltare non avrebbe senso di esistere. Ma io la voglio per me. Ma lei è già tua. Vedi vuole giocare con te. Corrile dietro. Accompagnala [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
8

LA PAROLA

16 November 2019

L’urlo, il riso, il pianto e il lamento parlavano al cuore degli uomini. La parola inascoltata vagava libera nell’universo infinito e mai nessuno poté udire la sua voce. Poi un giorno un essere, storpio e ribelle, tese una rete a fitte maglie fra il nulla e tutte le cose, imprigionandola per sempre. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

10
9
40

Lo steccato

16 November 2019

Nell'aldilà, il Paradiso e l'Inferno sono due proprietà private separate da una chilometrica staccionata e in ambedue i lati c'è la presenza di una moltitudine di cartelli con su scritto: "Adeguate recinzioni fanno buoni e non dannati vicini." Dio e Satana, nonostante appartengono a due regni [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Scilipò, non ho una grande memoria e non ho la tua stessa capacità [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Patapump: lieto che sei passato a leggere e commentare questo racconto. Ti [...]

2
1
9

Il caciucco

15 November 2019

La pulsione semantico ormonale ingravescente che genera l'irrancidimento precoce della polpa della pera passacrassana negli scaffali dei discount di provincia, si approccia a un procedimento anticrittogamico risolutorio, contestualizzato alla crasi policistico insurrezionale tetragona a ogni intervento [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
8

UN NOTTURNO SVOGLIATO

15 November 2019

La notte in cui vide dove terminava la città comprese anche che qualcosa poteva avere inizio. Davanti a se si rivelò, come dietro un sipario ignoto, la combustione della nicotina tra le sue dita incastrarsi perfettamente con un notturno volgare e gelido firmamento: pieno di bagliori e spasmi scoppiettanti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Un notturno svogliato ma dannatamente poetico e amaramente introspettivo. Mi [...]

  • U1004: Gratta gratta sotto la superficie c'è sempre un po' di eaistenzialismo.
    Avrebbe [...]

3
2
13

Tum!

14 November 2019

Tum! Il suono rimbomba ossessivamente nelle orecchie, per non parlare del dolore lancinante che mi sta letteralmente consumando il cranio. Faccio fatica a rimanere cosciente. A un certo punto avverto dei lampeggianti. Li vedo e non li vedo. Mi è impossibile trovare una definizione. A malapena [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Grande Scilipoti in versione giallo drammatico enigmatico incidente stradale [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, hai visto oggi dove sono andato a "sbattere?" :-) Un [...]

2
1
11

Note

13 November 2019

Sono solo stasera Mi accompagna solo la tromba di Baker Il whisky con ghiaccio mi rilassa Magia delle note La voce della cantante è cosi profonda Si viene subito proiettati in locali come il Blue Note Il pianista attacca il brano Le spazzole del percussionista accarezzano i tamburi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
15

Facce sorridenti

Una storia vera a Colorado Winter

13 November 2019

Tutto succede meglio di notte, quando il silenzio cala, le auto non sibilano e brillano le stelle. Arthur scriveva di notte perchè gli piaceva ascoltare Nina Simone che cantava solo per lui, posava ogni tanto la penna e la ascoltava sorridendo, tanto non perdeva la concentrazione per scrivere quella [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

1
0
9

Palingenesi

12 November 2019

La palingenesi demoplutocratica della progressione diaframmatica utilitaristica, si estrapola da un contesto musical-postsessantottino sfociante in una semplificazione anagrammatico sillogistica, assimilabile inequivocabilmente alla stesura cantautorale del "trottolino amoroso" di sanremiana memoria. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

Torna su