Vi è mai capitato di ricevere una sonora nonché indimenticabile lezione di vita attraverso la visione di un film?

Prima di rispondere io stesso a questa domanda, vi racconto i miei recenti trascorsi.

Era la metà di Ottobre del 2017, un periodo della mia esistenza in cui tutto andava a rotoli con numerosi patimenti e un disagio profondo a livello personale, lavorativo e sentimentale.

Soffermandomi sul piano sentimentale, puntando direttamente sulle note negative evitando al contempo denigrazioni, ho vissuto una relazione manipolatoria, dispotica, dove spesso non potevo esprimere me stesso, ne a voce, ne con la scrittura, dove ero monitorato oppure ostacolato in ogni singola scelta, dove le passioni erano considerate un superfluo da recidere; troppi paletti insomma, in cui riassumendo veniva richiesto fondamentalmente che il mio "libero arbitrio" restasse relegato nella Bibbia.

In verità nei mesi precedenti, cominciai gradualmente a rendermi conto che tali imposizioni mi ferivano sempre di più, che stavo pagando un prezzo salatissimo, che desideravo una persona più simile a me, più complice, più aperta, capace di sapermi prendere e capire.    

Purtroppo ero praticamente soggiogato, non riuscivo ad uscirne da quel pericoloso vortice, probabilmente per paura delle conseguenze, complice pure il cuore di burro che mi ritrovavo oltre a varie questioni che preferirei non raccontare.

Per ovvi motivi mi sentivo come una larva, credo di non aver mai pregato (ed anche bestemmiato, lo confesso!) Dio cosi tanto come in quel periodo e tra l'altro ogni sera invocavo aiuto mentalmente al mio Angelo Guida nel fornirmi la giusta direzione per risalire la china.

La notte del 17 Ottobre, dopo alcune preghiere e dopo essermi coricato, a causa dell'immancabile insonnia causata dai soliti tormentati pensieri, decisi di accendere il tablet per guardarmi un film, uno dei tanti disponibili su YouTube e un'inspiegabile richiamo mi "orientò" per la visione de "Mi ricordo di Anna Frank" che trovai fin da subito nella home della piattaforma.

"Mi ricordo di Anna Frank" mi apparve fin dall'inizio a dir poco sbalorditivo (e poi parlano male di tutte le fiction prodotte dalla RAI!), a parte la drammaticità, il realismo e l'incisività del lungometraggio, alcune linee di dialogo mi rimasero talmente impresse a tal punto che mi condizionarono, contribuendo enormemente a reagire e a riprendere gradualmente in mano la mia vita nei giorni a seguire.

In proposito, è doveroso citare la sequenza più importante del film in cui un titubante ufficiale nazista viene interrogato sulla legge morale da un rabbino ebreo, una sequenza che mi tolse letteralmente il fiato.

Il tedesco Buch dopo aver ricevuto uno schiaffo sia fisico che morale da parte del deportato, estrae la pistola puntandola con tremore, incerto se sparare o meno in direzione di un ottimo Moni Ovadia.

Trascrivo qui le parole più significative di quest'ultimo:

 

"Perché ognuno di noi nel profondo della sua anima, sa bene cosa è giusto e cosa è sbagliato. E come se tutti avessimo una bussola, una bussola segreta che indica in ognuno di noi la stessa direzione. È questa la legge morale di cui tanto parlano i filosofi, ed è la ragione per cui dentro di sé non può voler far del male agli altri quello che di sicuro non vorrebbe che gli altri facessero a lei.

Sappiamo anche che, se lo desidera mi può uccidere. Molti di noi, proprio come ho fatto io quando l'ho colpita non seguono la legge morale, signor capo blocco".

 

Accentuando ancora, codeste parole mi travolsero come un fiume in piena, in cui aprii, anzi, spalancai gli occhi ed una nuova energia positiva mi fece da padrona.

«Adesso basta! Io, Spartacus rompo le catene!» dissi tra me e me con convinzione.

Quattro settimane dopo, grazie ad una benedetta casualità, la situazione andò a mio a favore e potei evadere dal quel "lager psicologico" in cui mi trovavo, smantellando quello che in realtà fin dall'inizio non doveva mai nascere.

Credo sia inutile distribuire delle colpe, anche perché nessuno dispone di una sfera di cristallo funzionante, però i "segnali" paradossalmente li percepivo già da molto tempo e per giunta non velati, infatti avvertivo che dovevo cambiare aria e non a cambiare me stesso.

L'amore non si basa solo sulle belle parole, con l'essere "cuoriciosi" con i classici "cuore, battito, culo..." coi regali, etc. ci vuole           necessariamente affinità, capacità a essere amati per quello che si è, o, meglio, di essere amati a dispetto di quello che si è, capacità a non ostacolare, oppure più generalmente... a non rompere i coglioni!

Tornando al film nonché sul dialogo poc'anzi citato, a parte ciò, il tutto si dirama ben oltre, in quanto tra tante cose ho finalmente imparato ad orientarmi con la mia "bussola dell'anima" a dire sì quando è veramente sì, a dire no quando è veramente no, poi a scegliere, a decidere e valutare in base a quello che sento dentro di me e non in base alle circostanze.

Inoltre, a parte l'importanza della (riacquistata) libertà, ho capito di più come gira il mondo, senza regole, ne legge se non quello di rispettare gli altri, un concetto che francamente ho da sempre attuato ma non ricambiato costantemente.  

Difatti siamo anime di passaggio, si vive una volta sola e ritengo giusto non farsi rivoltare da niente e nessuno, bisogna vivere pienamente la nostra esistenza, assaporando ogni singolo attimo, evitando di essere egoisti a cominciare per noi stessi.

Lo "strumento" in questione va sempre seguito, e in certi casi, persino remando contro l'orgoglio.

Ad esempio, se litighiamo con una persona che amiamo, e il nostro stato interiore vorrebbe fare pace ma l'orgoglio ce lo impedisce, sforziamoci a non assecondarlo, piuttosto cerchiamo di non perdete di vista “l’ago"che ci fornisce la formula o meglio quella formula giusta che facciamo fatica a sfruttare quando siamo incazzati.

Ecco gli ingredienti:

 

1) Chiarire

2) Accarezzare

3) Abbracciare

4) Baciare

 

In conclusione, come già esposto, ho imparato ad usare la "bussola dell'anima" e posso assicurare che ha un potenziale enorme, è indispensabile, serve a non "perdersi", sapete?

Usatela anche voi, sempre e comunque, mi raccomando!

1
2
11

MOSTRO PLANETARIO

17 June 2019

conosco un pianeta abitato da un mostro, ha una bocca immensa di kmq 3.750.000, dotata di 220.000.000.000 di denti, uno sviluppo intestinale di km. 75.000.000, tutti i giorni si alimenta kg 8.000.000.000 di cibo, lt 8.000.000.000 di acqua, brucia klcalorie 4.000.000.000.000 al dì, produce kg. 2.000.000.000 [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: "Mostruoso" sto mostro e tu sei un "mostro" quando ti ci [...]

  • acerbus: sembra innocuo fin che ne consideri un settemiliardicinquecentomilionesimo...che [...]

5
7
18

Ancora una volta quello che penso lo scrivo in Inglese

perchè chi trova due amici trova un tesoro

17 June 2019

And now, all friends of read under the underground, lessen to me only one minute, l want to say you something, don't worry if you don't understand un casso, this thing it's only for to do smile everybody, ok, go on, please l'm shure che now it's start the great hot, very hot, we are in spring but [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Grazie per la citazione anche se del testo all'amatriciana non ho capito [...]

  • Walter Fest: Fla' certo che tu e il ragazzo siete miei amici e amici di altri amici, [...]

4
10
16

Un eroe del nostro tempo

aiutare gli altri

16 June 2019

Come più volte richiesto dall'amico Walter Fest, sempre alla ricerca di eroi, eccone uno dimenticato. Un pomeriggio di maggio caldo e assolato, siamo negli anni settanta, una bimba di quattro anni gioca sul balcone di casa con un piccolo aquilone, la mamma la sorveglia ma l'aquilone le sfugge [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

5
10
30

EternaMetro

16 June 2019

Quando con un fischio penetrante si aprono le porte è come se da un foruncolo se ne esca materia purulenta trattenuta per giorni. Veniamo succhiati fuori come interiora da un ventre bollente e buttati in corridoi dove la luce è tendenzialmente gialla, seguendoci l’un l’altro come acciughe, allo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Sandro.. all'inizio del racconto ho pensato" Ma ancora la metro??" [...]

  • Sandro Amici: Ciao Francesca... vedrai che dal prossimo racconto niente più metropolitana, [...]

6
9
24

Il ladro

15 June 2019

Con movimenti decisi, ho appena piazzato sta Matusalemme in una sedia per poi bloccarla con una cintura. La vecchia mi guarda digrignando i denti e comincia a inveire contro di me. Mi dà del ladro e più volte chiama aiuto. Non è la prima volta che mi trovo in una situazione del genere, ragion per [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
12

Inedia

15 June 2019

Ed è solo giorno, e già mi nutro d'alcol. Sono sdraiato nei tuoi occhi incantevoli Non mi rannicchio mai. È di nuovo notte E sono ancora lì. Passeranno le stagioni sarà come bere un bicchier d'acqua e forse scenderanno nuove piogge. Sarà come guardarti ancora. Torni da me e tornano le rondini, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Domani è un altro giorno, si vedrà, come dice il poeta. Mi piaci

4
7
23

Colloquio

14 June 2019

Sua madre gli aveva stirato la camicia bianca. -Mettiti la giacca. -Ma è per un call center, non serve... -Tu mettila. In bagno certi giorni la chierica non si vedeva. Quella mattina brillava. Aveva preso il caffè in cucina, in piedi, mentre suo padre fissava La7. “Ora me lo chiede, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Mi permetto di dissentire Francesca. Non confonderei “scorrevole” [...]

  • Francesca: Ciao Sandro io intendevo un'altra cosa.. uno può anche scrivere [...]

2
3
10

Shopping

14 June 2019

Il sole stava calando sull'affollata piazza, regalando un'aura di serenità: la primavera era una certezza, sebbene l'aria ancora fresca. Le due donne si incamminarono nella via del centro, che a quell'ora ancora pullulava del via vai dei turisti, oltre ai tanti impiegati che da poco avevano lasciato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Dolce far shopping. :-) Ho trovato carino questo componimentino, lo shopping [...]

  • Palilli: Grazie Flavia e grazie Giuseppe. Mi ha ispirato una amica che si è recata [...]

6
7
33

Non ci si può fidare neanche della morte!

13 June 2019

La tiro fuori da sotto il sudario! È lei, l’ho vista tre giorni fa mentre la sistemavano lì, sembra che nessuno s’interessi di lei, mentre io l’ho sognata tutti i giorni, è stato quell’attimo che mi è rimasto fisso nella mente, mentre le sistemavano la gonna che si era alzata quando l’hanno messa [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Dario De Santis: Grazie Walteruccio, lascia stare, è inutile, come diceva Bennato "tempo [...]

  • flavia: Sei sempre il solito pavoncello tutto coda raggiante, ma ti amiamo anche per [...]

3
3
10

UNIONE COSMICA

OM

13 June 2019

Non sarai più solo Ti ascolterò non solo con l'udito ma aprendoti il mio cuore. Non servirà parlare. Dall' incontro dei nostri sguardi sinceri, nasceranno spontaneamente, invisibili energie che faranno vibrare l'atmosfera di limpida magia... E tutto sarà pace dove attorno solo giace la dolce comunicazione. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
2
19

Che donna sei

12 June 2019

Che donna sei Che donna sei. Diversa direi o meglio una donna che non ha paura di mostrarsi. Di essere pazza dolce casta hot. Di essere se stessa. Capace di amare senza limiti. E di fartelo capire con un sorriso con una carezza con un bacio con un semplice " ti amo ". Che donna sei. Fai parte di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
8
24

180

12 June 2019

Giustina, Giustì, maronna mia, agge sentit’!? Agge sentit’ ca successo? Maronna mia bella, famme assittà ca me sent’ male, Giustina mia… Antonio vamme a pija nu bicchiere d’acqua…bella fresca Antò… Maronna, agge sentit’!? Nun ce posso credè… La 180, la 180, l’ hanno levata la… 180, la legge su [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: (non avevo lasciato una opinione)
    la versione del 2012 aggiunge qualche [...]

  • U1004: Non sapevo esistesse una Molazzana in prov di Lucca. Per quanto uno inventi [...]

Torna su