Vi è mai capitato di ricevere una sonora nonché indimenticabile lezione di vita attraverso la visione di un film?

Prima di rispondere io stesso a questa domanda, vi racconto i miei recenti trascorsi.

Era la metà di Ottobre del 2017, un periodo della mia esistenza in cui tutto andava a rotoli con numerosi patimenti e un disagio profondo a livello personale, lavorativo e sentimentale.

Soffermandomi sul piano sentimentale, puntando direttamente sulle note negative evitando al contempo denigrazioni, ho vissuto una relazione manipolatoria, dispotica, dove spesso non potevo esprimere me stesso, ne a voce, ne con la scrittura, dove ero monitorato oppure ostacolato in ogni singola scelta, dove le passioni erano considerate un superfluo da recidere; troppi paletti insomma, in cui riassumendo veniva richiesto fondamentalmente che il mio "libero arbitrio" restasse relegato nella Bibbia.

In verità nei mesi precedenti, cominciai gradualmente a rendermi conto che tali imposizioni mi ferivano sempre di più, che stavo pagando un prezzo salatissimo, che desideravo una persona più simile a me, più complice, più aperta, capace di sapermi prendere e capire.    

Purtroppo ero praticamente soggiogato, non riuscivo ad uscirne da quel pericoloso vortice, probabilmente per paura delle conseguenze, complice pure il cuore di burro che mi ritrovavo oltre a varie questioni che preferirei non raccontare.

Per ovvi motivi mi sentivo come una larva, credo di non aver mai pregato (ed anche bestemmiato, lo confesso!) Dio cosi tanto come in quel periodo e tra l'altro ogni sera invocavo aiuto mentalmente al mio Angelo Guida nel fornirmi la giusta direzione per risalire la china.

La notte del 17 Ottobre, dopo alcune preghiere e dopo essermi coricato, a causa dell'immancabile insonnia causata dai soliti tormentati pensieri, decisi di accendere il tablet per guardarmi un film, uno dei tanti disponibili su YouTube e un'inspiegabile richiamo mi "orientò" per la visione de "Mi ricordo di Anna Frank" che trovai fin da subito nella home della piattaforma.

"Mi ricordo di Anna Frank" mi apparve fin dall'inizio a dir poco sbalorditivo (e poi parlano male di tutte le fiction prodotte dalla RAI!), a parte la drammaticità, il realismo e l'incisività del lungometraggio, alcune linee di dialogo mi rimasero talmente impresse a tal punto che mi condizionarono, contribuendo enormemente a reagire e a riprendere gradualmente in mano la mia vita nei giorni a seguire.

In proposito, è doveroso citare la sequenza più importante del film in cui un titubante ufficiale nazista viene interrogato sulla legge morale da un rabbino ebreo, una sequenza che mi tolse letteralmente il fiato.

Il tedesco Buch dopo aver ricevuto uno schiaffo sia fisico che morale da parte del deportato, estrae la pistola puntandola con tremore, incerto se sparare o meno in direzione di un ottimo Moni Ovadia.

Trascrivo qui le parole più significative di quest'ultimo:

 

"Perché ognuno di noi nel profondo della sua anima, sa bene cosa è giusto e cosa è sbagliato. E come se tutti avessimo una bussola, una bussola segreta che indica in ognuno di noi la stessa direzione. È questa la legge morale di cui tanto parlano i filosofi, ed è la ragione per cui dentro di sé non può voler far del male agli altri quello che di sicuro non vorrebbe che gli altri facessero a lei.

Sappiamo anche che, se lo desidera mi può uccidere. Molti di noi, proprio come ho fatto io quando l'ho colpita non seguono la legge morale, signor capo blocco".

 

Accentuando ancora, codeste parole mi travolsero come un fiume in piena, in cui aprii, anzi, spalancai gli occhi ed una nuova energia positiva mi fece da padrona.

«Adesso basta! Io, Spartacus rompo le catene!» dissi tra me e me con convinzione.

Quattro settimane dopo, grazie ad una benedetta casualità, la situazione andò a mio a favore e potei evadere dal quel "lager psicologico" in cui mi trovavo, smantellando quello che in realtà fin dall'inizio non doveva mai nascere.

Credo sia inutile distribuire delle colpe, anche perché nessuno dispone di una sfera di cristallo funzionante, però i "segnali" paradossalmente li percepivo già da molto tempo e per giunta non velati, infatti avvertivo che dovevo cambiare aria e non a cambiare me stesso.

L'amore non si basa solo sulle belle parole, con l'essere "cuoriciosi" con i classici "cuore, battito, culo..." coi regali, etc. ci vuole           necessariamente affinità, capacità a essere amati per quello che si è, o, meglio, di essere amati a dispetto di quello che si è, capacità a non ostacolare, oppure più generalmente... a non rompere i coglioni!

Tornando al film nonché sul dialogo poc'anzi citato, a parte ciò, il tutto si dirama ben oltre, in quanto tra tante cose ho finalmente imparato ad orientarmi con la mia "bussola dell'anima" a dire sì quando è veramente sì, a dire no quando è veramente no, poi a scegliere, a decidere e valutare in base a quello che sento dentro di me e non in base alle circostanze.

Inoltre, a parte l'importanza della (riacquistata) libertà, ho capito di più come gira il mondo, senza regole, ne legge se non quello di rispettare gli altri, un concetto che francamente ho da sempre attuato ma non ricambiato costantemente.  

Difatti siamo anime di passaggio, si vive una volta sola e ritengo giusto non farsi rivoltare da niente e nessuno, bisogna vivere pienamente la nostra esistenza, assaporando ogni singolo attimo, evitando di essere egoisti a cominciare per noi stessi.

Lo "strumento" in questione va sempre seguito, e in certi casi, persino remando contro l'orgoglio.

Ad esempio, se litighiamo con una persona che amiamo, e il nostro stato interiore vorrebbe fare pace ma l'orgoglio ce lo impedisce, sforziamoci a non assecondarlo, piuttosto cerchiamo di non perdete di vista “l’ago"che ci fornisce la formula o meglio quella formula giusta che facciamo fatica a sfruttare quando siamo incazzati.

Ecco gli ingredienti:

 

1) Chiarire

2) Accarezzare

3) Abbracciare

4) Baciare

 

In conclusione, come già esposto, ho imparato ad usare la "bussola dell'anima" e posso assicurare che ha un potenziale enorme, è indispensabile, serve a non "perdersi", sapete?

Usatela anche voi, sempre e comunque, mi raccomando!

0
0
0

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
1

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su