Il nostro incarico a mio avviso aveva un non so che di paradossale, trovavo strano che noi soldati facessimo la guardia armata ad altri soldati e credo che in realtà non c'è ne fosse proprio bisogno.

Innanzitutto i militari statunitensi apparivano super attrezzati, dall'armamentario ai mezzi, da segnalare che dalla recinzione del Naval Air Station Sigonella non erano rari i casi in cui li vedevamo addestrarsi in maniera professionale, con armi da lancio, arti marziali, capriole ed esercizi di ogni genere.

Tra l'altro la base veniva anche sorvegliata con attenzione da varie pattuglie della polizia militare, automobili molto curiose perché esternamente apparivano di tipo civili dal colore bianco con sirene blu e rosse (come quelle che si vedono in TV) e gli agenti anziché indossare la canonica divisa nera, blu o beige, avevano la mimetica verde, con l'immancabile pistola, manganello e manette.

Scoprimmo in seguito che in un certo senso questi "poliziotti" sorvegliavano anche le nostre mute oltre gli avieri di Sigonella stessa, vigilando a più non posso, cercando inoltre di non far circolare più del dovuto i civili non autorizzati, di cui il più delle volte risultavano spacciatori che sfruttavano quei posti di campagna abbastanza sperduti ed anche isolati per i loro crimini.

Non per questo i carabinieri, tramite segnalazioni, il più delle volte ad opera degli americani andavano ad investigare oppure ad arrestare all'occorrenza alcuni sospetti.

In quei due mesi, non successe niente degno di nota, i giorni passavano lenti, nelle ore libere non c'era un granché da fare e quindi spesso, complice il poco riscaldamento, dormivamo parecchie ore al calduccio nei nostri letti che grazie a Dio i cuscini, le coperte e le lenzuola ci furono presto sostituite con quelle pulite dopo aver segnalato il disagio a chi di dovere.

Per i bagni non ci fu nulla da fare, rimasero sporchi, anzi, sempre più sporchi e con i soliti malfunzionamenti.

Se non dormivamo ci mettevamo a giocare a carte, a farci degli scherzi, a scrivere sms attraverso i cellulari, a parlare delle nostre vite oppure nella lettura di romanzi e riviste.

A tal proposito vorrei raccontare in breve un episodio degno di nota.

In un noioso pomeriggio di pioggia, mentre mi stavo cimentando a leggere "Nato per uccidere" un libro di guerra ambientato in Vietnam, all'improvviso un certo Costa si alzò di scatto dalla sua branda accanto alla mia per lanciarmi addosso un fotoromanzo pornografico colpendomi il viso.

«Fatti gli occhi compare! Te lo presto ma non me lo sgualcire, sto andando in bagno, la voglia chiama ancora!» mi disse ridendo.

Tornò dopo circa mezz'ora chiaramente esausto e si lasciò cadere a peso morto sul letto in posizione fetale per poi infine addormentarsi.

Il romanzo che stavo leggendo poco prima non destò più il mio interesse poiché avevo trovato qualcosa di più interessante e soprattutto più eccitante.

 

Come già detto, non essendoci molto da fare, trovavamo inutile girovagare la base americana visto e considerato che non ci si poteva acquistare nulla, mentre lo spaccio italiano, a parte la mattina, era mal fornito senza neanche la TV, e scendere a Catania non conveniva dato che gli autobus non rispettavano quasi mai gli orari, ed erano problemi se non ci si tornava prima delle 23 nonostante esenti dal servizio.

A proposito di punizioni, la maggioranza dei miei commilitoni fu punita, chi per una cosa o per un'altra, mentre io restai quota a zero cercando sempre di stare concentrato e attento durante i turni.

Essere puniti consisteva a non poter lasciare la caserma.

Alla fin fine cosa cambiava?

Puniti o non puniti restavamo rinchiusi pur sempre nelle nostre stanze a dormire o a fare altro, per cui non faceva la differenza.

I due mesi in qualche modo passarono, finché una mattina gli ufficiali finalmente ci annunciarono il ritorno a Messina, e ci furono date due belle notizie.

Per prima cosa per ogni singolo giorno di servizio prestato in trasferta avremmo percepito un indennizzo che unito allo stipendio gonfiava un po' le nostre tasche e poi una volta ritornati alla nostra caserma di provenienza, l'indomani avremmo ricevuto una graditissima licenza dalla durata di 10 giorni.

Inutile dire la felicità che albergava nei nostri animi, quei due mesi di "Operazione Domino" ci vennero ripagati in tutti i sensi.

Tornammo a Messina in tarda serata, dapprima ci fu la consegna del nostro equipaggiamento in armeria, per poi avviarci alle nostre camerate e una volta sistemati gli effetti personali nei rispettivi armadietti andammo nelle brande pieni di allegria.

Il giorno seguente, nel piazzale ci fu l'alzabandiera cantando a squarciagola l'inno d'Italia ed in seguito ci furono i complimenti da parte del Comandante di Reggimento, che ritenne soddisfacente il nostro operato e nel contempo rimproverò aspramente senza fare nomi, coloro che si erano resi protagonisti di varie scorrettezze.

Gli elementi in questione non appartenevano alla mia Compagnia e il colonnello si riferì a quelli che avevano prestato servizio alla Raffineria di Milazzo, quali furono le conseguenze non lo venni mai a sapere.

Una volta giunti in Compagnia, ci fecero inquadrare all'esterno, il nostro capitano rinnovò i convenevoli e incaricò il suo subalterno, un giovane tenente di origine napoletana ad assegnarci le licenze chiudendo un occhio con molti che avevano ricevuto alcune punizioni non gravi, chiamate per l'esattezza "consegne semplici" nel corso dei due mesi di operazione militare.

 

La licenza veniva ritirata in questo modo:

Una volta chiamato il proprio nome e cognome, dalla posizione di riposo ci si metteva sugli attenti sbattendo il tallone destro dicendo "comandi" alzando in aria il braccio destro ed abbassarlo in circa due secondi, si effettuava un dietro-front, ci si staccava dalla riga/fila per andare a passo veloce dinnanzi l'ufficiale o sottufficiale sbattendo nuovamente il tallone destro accompagnato dal saluto militare, una volta ricevuto il foglio si ritornava al proprio posto in attesa che venissero consegnate tutte le licenze per poi stare sciolti dopo il rompete le righe.

Passò poco più di mezz'ora e le licenze furono consegnate a tutti, tranne al sottoscritto.

Cominciai a pensare che si erano dimenticati di me ed essendo in prima fila guardai il tenente Palma con aria perplessa chiedendogli con molta umiltà delle spiegazioni.

«Soldato» mi disse «Sei a rapporto dal capitano Mottola, entra nel suo ufficio che ti deve parlare!»

Confesso che provai un certo timore.

«Cosa diavolo è successo?» «Cosa ho fatto?» «Perché non mi hanno consegnato la licenza?» queste furono le domande che mi torturarono.

«Forse dovrò svolgere un servizio alla porta carraia!» pensai cercando anticipatamente di indovinare ma se così fosse stato mi sarebbe stato detto dai furieri e non dal comandante stesso.

Non erano comunque rari i casi in cui all'ultimo minuto a uno o a più soldati, venivano negate le licenze per servizi esterni che non riguardavano la Compagnia.

3
5
10

Il viaggio a Londra

speranza e disperzione

25 June 2019

Una giornata piovigginosa del mese di dicembre dell'anno 1976, un gruppetto di ventiquattro donne è in attesa della carta d'imbarco all'aeroporto di Torino Caselle. Le donne non si conoscono fra di loro e si guardano smarrite e un tantino spaventate, per alcune è la prima volta in aereo e Londra [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
3
7

Una sera, in viaggio

25 June 2019

Vespero fa da valletto a Selene quando Indaco prende cielo al Pavone. Mi congedo con un sorriso dal mio passato e volgo lo sguardo al domani

Tempo di lettura: 30 secondi

4
9
28

Ultimo pensiero

24 June 2019

Stringi forte la mia mano e mi torna alla mente il giorno in cui sei nata e rimasi a contare una ad una le tue piccole dita per assicurarmi che ci fossero tutte. Non essere triste bambina mia, non piangere, sono stata fortunata: ti ho vista crescere, gioire e piangere, anche se solo per sei anni, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Il racconto mi piace e evoca in me quella fredda amarezza che ho cercato per [...]

  • Francesca: Grazie Ducapaso.. contenta ti sia piaciuto😊

5
5
22

FINO ALLE STELLE

24 June 2019

La cella sa di muffa. Fuori il cielo di Saint Louis vibra come lenzuola stese. Sulle pareti, nomi e oscenità. "Johnny was here" la scritta più calcata, come se l’autore avesse avuto troppe ore a disposizione per incidere, temperino sulla pietra, la sua vita là dentro. Ogni giorno un solco. Che [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Molto bello forse un tantino lontano dal mio pensare ma mi è piaciuto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Vito, la musica, una sfrenata voglia di musica e voglia arrivare non semplicemente [...]

5
9
24

Mar D’Amore

23 June 2019

Non siamo che navi sul mare color zaffiro che fluttuano lungo il battito del cuore delle onde. Per troppo tempo, abbiano navigato su un difficile corso seguendo due oceani separati. Ma ora è il momento di cambiare le nostre vele e di incrociare i nostri flussi, navigando dolcemente insieme. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Intanto.. ufficialmente AUGURI per il traguardo raggiunto.. un bel peso in [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Walter: All right!!!

    x Francesca: un "mare" di grazie, [...]

4
5
26

La valigia sul letto

23 June 2019

C'era un gran bisogno d'insegnanti, in Italia, tra la metà degli anni '60 e quasi tutti i '70, specialmente nelle regioni del Nord dove, in caso di necessità, le cattedre erano affidate anche ai non laureati. L'introduzione dell'obbligo scolastico fino a quattordici anni aveva previsto anche una [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
13

Rumore

22 June 2019

Vivo sospeso in questo tempo incerto come foglia d'autunno violentata dal vento Ho l'anima levigata come sasso di fiume nel lento scorrere dei passati anni e rimango con la mia inquietudine con il cuore sgualcito in questa strana liturgia del dispiacere ascoltando in silenzio ...tutto il [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
17
35

Il Commiato

22 June 2019

Il commiato è veloce, spietato, agghiacciante. Il commiato non si serve di mezze parole, di aggiustamenti di tiro, di giravolte verbali. Il commiato è tutto in dieci parole messe in fila e studiate una ad una. Le hanno messe giù fior fiori di “giuslavoristi”, imprenditori, managers… sssssssss… [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Francesca: Sandro mi trovo d'accordo con Walter, bello il tema e scritto benissimo, [...]

  • Sandro Amici: Buonasera Francesca. Devo dissentire, o dobbiamo dare ragione alle statistiche [...]

3
2
14

LA FIAMMELLA DI CARBURO

21 June 2019

Sappiate che il buio copula con la luce, vibra, dardeggia, ansima come il mio esausto coraggio. In questo intestino nella terra del deserto d'Australia, una miniera per sogni miserabili, il miraggio dell'opale mi ha catturato come una ragnatela, io che soffro di claustrofobia sono stato attirato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

JCS - 4/4

21 June 2019

Martedì 11 maggio ero a casa di Gianni a studiare. Accendiamo la radio per ascoltare PER VOI GIOVANI, programma che seguivamo spesso, e, alle 17.15, trasmettono il servizio e l'intervista sulla Prima del nostro JCS. Che emozione sentir parlare di noi e risentire le nostre voci in onda in tutta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Adalberto: Salve, lettrici e lettori. Mi fa piacere abbiate condiviso queste mie "parole". [...]

  • flavia: ti aspettiamo sotto alla Madonnina

4
12
24

La dieta

tutta ciccia e brufoli

20 June 2019

Una coppa di gelato una fetta di torta al cioccolato un cantuccino immerso nel vin santo i confetti sparsi sul sagrato dagli sposi e ho mangiato. Oggi digiuno, frigo vuoto solo una fetta di arrosto raffreddato poco appetitoso se riscaldato, cucinerò stasera un timballo di maccheroni o un pasticcio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
18

JCS - 3/4

20 June 2019

Radunai amici e amiche ed esposi il mio progetto, proponendo a molti di loro di esserne gli interpreti. Mi ero già fatto un'idea sui personaggi principali: Renato sarebbe stato un Gesù un po’ smunto e sofferente, la sua morte in croce sarebbe stata molto sentita; a Rino toccava l'ingrato ruolo [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ho dovuto riscrivere la disamina sia perchè mi ero accorto che c'erano [...]

  • Francesca: Che bella esperienza.. certo che ne hai di storie da raccontare!

Torna su