Il nostro incarico a mio avviso aveva un non so che di paradossale, trovavo strano che noi soldati facessimo la guardia armata ad altri soldati e credo che in realtà non c'è ne fosse proprio bisogno.

Innanzitutto i militari statunitensi apparivano super attrezzati, dall'armamentario ai mezzi, da segnalare che dalla recinzione del Naval Air Station Sigonella non erano rari i casi in cui li vedevamo addestrarsi in maniera professionale, con armi da lancio, arti marziali, capriole ed esercizi di ogni genere.

Tra l'altro la base veniva anche sorvegliata con attenzione da varie pattuglie della polizia militare, automobili molto curiose perché esternamente apparivano di tipo civili dal colore bianco con sirene blu e rosse (come quelle che si vedono in TV) e gli agenti anziché indossare la canonica divisa nera, blu o beige, avevano la mimetica verde, con l'immancabile pistola, manganello e manette.

Scoprimmo in seguito che in un certo senso questi "poliziotti" sorvegliavano anche le nostre mute oltre gli avieri di Sigonella stessa, vigilando a più non posso, cercando inoltre di non far circolare più del dovuto i civili non autorizzati, di cui il più delle volte risultavano spacciatori che sfruttavano quei posti di campagna abbastanza sperduti ed anche isolati per i loro crimini.

Non per questo i carabinieri, tramite segnalazioni, il più delle volte ad opera degli americani andavano ad investigare oppure ad arrestare all'occorrenza alcuni sospetti.

In quei due mesi, non successe niente degno di nota, i giorni passavano lenti, nelle ore libere non c'era un granché da fare e quindi spesso, complice il poco riscaldamento, dormivamo parecchie ore al calduccio nei nostri letti che grazie a Dio i cuscini, le coperte e le lenzuola ci furono presto sostituite con quelle pulite dopo aver segnalato il disagio a chi di dovere.

Per i bagni non ci fu nulla da fare, rimasero sporchi, anzi, sempre più sporchi e con i soliti malfunzionamenti.

Se non dormivamo ci mettevamo a giocare a carte, a farci degli scherzi, a scrivere sms attraverso i cellulari, a parlare delle nostre vite oppure nella lettura di romanzi e riviste.

A tal proposito vorrei raccontare in breve un episodio degno di nota.

In un noioso pomeriggio di pioggia, mentre mi stavo cimentando a leggere "Nato per uccidere" un libro di guerra ambientato in Vietnam, all'improvviso un certo Costa si alzò di scatto dalla sua branda accanto alla mia per lanciarmi addosso un fotoromanzo pornografico colpendomi il viso.

«Fatti gli occhi compare! Te lo presto ma non me lo sgualcire, sto andando in bagno, la voglia chiama ancora!» mi disse ridendo.

Tornò dopo circa mezz'ora chiaramente esausto e si lasciò cadere a peso morto sul letto in posizione fetale per poi infine addormentarsi.

Il romanzo che stavo leggendo poco prima non destò più il mio interesse poiché avevo trovato qualcosa di più interessante e soprattutto più eccitante.

 

Come già detto, non essendoci molto da fare, trovavamo inutile girovagare la base americana visto e considerato che non ci si poteva acquistare nulla, mentre lo spaccio italiano, a parte la mattina, era mal fornito senza neanche la TV, e scendere a Catania non conveniva dato che gli autobus non rispettavano quasi mai gli orari, ed erano problemi se non ci si tornava prima delle 23 nonostante esenti dal servizio.

A proposito di punizioni, la maggioranza dei miei commilitoni fu punita, chi per una cosa o per un'altra, mentre io restai quota a zero cercando sempre di stare concentrato e attento durante i turni.

Essere puniti consisteva a non poter lasciare la caserma.

Alla fin fine cosa cambiava?

Puniti o non puniti restavamo rinchiusi pur sempre nelle nostre stanze a dormire o a fare altro, per cui non faceva la differenza.

I due mesi in qualche modo passarono, finché una mattina gli ufficiali finalmente ci annunciarono il ritorno a Messina, e ci furono date due belle notizie.

Per prima cosa per ogni singolo giorno di servizio prestato in trasferta avremmo percepito un indennizzo che unito allo stipendio gonfiava un po' le nostre tasche e poi una volta ritornati alla nostra caserma di provenienza, l'indomani avremmo ricevuto una graditissima licenza dalla durata di 10 giorni.

Inutile dire la felicità che albergava nei nostri animi, quei due mesi di "Operazione Domino" ci vennero ripagati in tutti i sensi.

Tornammo a Messina in tarda serata, dapprima ci fu la consegna del nostro equipaggiamento in armeria, per poi avviarci alle nostre camerate e una volta sistemati gli effetti personali nei rispettivi armadietti andammo nelle brande pieni di allegria.

Il giorno seguente, nel piazzale ci fu l'alzabandiera cantando a squarciagola l'inno d'Italia ed in seguito ci furono i complimenti da parte del Comandante di Reggimento, che ritenne soddisfacente il nostro operato e nel contempo rimproverò aspramente senza fare nomi, coloro che si erano resi protagonisti di varie scorrettezze.

Gli elementi in questione non appartenevano alla mia Compagnia e il colonnello si riferì a quelli che avevano prestato servizio alla Raffineria di Milazzo, quali furono le conseguenze non lo venni mai a sapere.

Una volta giunti in Compagnia, ci fecero inquadrare all'esterno, il nostro capitano rinnovò i convenevoli e incaricò il suo subalterno, un giovane tenente di origine napoletana ad assegnarci le licenze chiudendo un occhio con molti che avevano ricevuto alcune punizioni non gravi, chiamate per l'esattezza "consegne semplici" nel corso dei due mesi di operazione militare.

 

La licenza veniva ritirata in questo modo:

Una volta chiamato il proprio nome e cognome, dalla posizione di riposo ci si metteva sugli attenti sbattendo il tallone destro dicendo "comandi" alzando in aria il braccio destro ed abbassarlo in circa due secondi, si effettuava un dietro-front, ci si staccava dalla riga/fila per andare a passo veloce dinnanzi l'ufficiale o sottufficiale sbattendo nuovamente il tallone destro accompagnato dal saluto militare, una volta ricevuto il foglio si ritornava al proprio posto in attesa che venissero consegnate tutte le licenze per poi stare sciolti dopo il rompete le righe.

Passò poco più di mezz'ora e le licenze furono consegnate a tutti, tranne al sottoscritto.

Cominciai a pensare che si erano dimenticati di me ed essendo in prima fila guardai il tenente Palma con aria perplessa chiedendogli con molta umiltà delle spiegazioni.

«Soldato» mi disse «Sei a rapporto dal capitano Mottola, entra nel suo ufficio che ti deve parlare!»

Confesso che provai un certo timore.

«Cosa diavolo è successo?» «Cosa ho fatto?» «Perché non mi hanno consegnato la licenza?» queste furono le domande che mi torturarono.

«Forse dovrò svolgere un servizio alla porta carraia!» pensai cercando anticipatamente di indovinare ma se così fosse stato mi sarebbe stato detto dai furieri e non dal comandante stesso.

Non erano comunque rari i casi in cui all'ultimo minuto a uno o a più soldati, venivano negate le licenze per servizi esterni che non riguardavano la Compagnia.

0
0
3

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
9

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
4
8

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
5

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
10

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

5
3
12

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
16

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
13
84

Il mio amico Gino Di Losa

14 January 2020

Sono al matrimonio di Gino Di Losa che si tiene in Puglia a Canosa. Davvero carina la sua sposa, anche se purtroppo è odiosa però ha una sorella deliziosa dall'espressione solare e radiosa. Ha una corporatura burrosa e un’espressione assai maliziosa, intuendo che di me è vogliosa. Con un pretesto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Alice Cannizzo: Zio, sai una cosa? Mi piace questo Gino di Losa e sei bravo a scrivere ogni [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Alice, si tratta di una filastrocca nata per caso, felice anche stavolta del [...]

2
1
8

Il mio angolo di Paradiso

13 January 2020

Salii sulla montagna con mio nonno Genitori troppo presi da se stessi per ascoltare e leggere nei miei occhi quel desiderio Il nonno era un uomo forte e saggio Essere solo in montagna con i suoi animali lo avevano abituato a quei silenzi e percepiva bene nelle persone i desideri e i sogni. Lui [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

17
41
110

I due broker

12 January 2020

Due “BROKER” di Wall Street se ne stanno davanti a un bancone di un prestigioso bar di New York a bere allegramente del costoso champagne, difatti i mercati azionari si erano rilevati a loro favore. L'euforia per entrambi è alle stelle in quanto “CHIUDERE IN POSITIVO” con trecentomila dollari significa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Alessandra Leoni: Purtroppo ti capisco benissimo, io ho avuto un periodo bruttissimo che è [...]

  • flavia: Caro Giuseppe, non abbiamo tue notizie da troppo tempo. Siamo tutti in attesa [...]

1
1
6

Publicity man

11 January 2020

Su forza Finisci di mangiare Abbiamo ancora un altro isolato da fare Lo so Tom, do un ultimo morso al sandwich Oggi fa un freddo boia E non vedo il sole da giorni Questo schifo di cibo non lo digerisco proprio Sai Sal che ti lamenti troppo Sì Tom lo so Ho finito. Andiamo Dammi una mano Questo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su