«Scusami, per caso hai visto qualcosa?» esordì il commissario.

«Forse!» rispose sorridendo la bellissima patatina dalla corporatura longilinea ed appariscente.

Si presentò come Dixi San Carlo, una assidua frequentatrice del locale.

«Cosa intedevi dire con quel forse?"

«Forse ho visto qualcosa o forse tutto, dipende dai punti vista!» rispose ancora Dixi ammiccando.

«Ho capito l'antifona!» e il poliziotto tirò fuori il portafoglio estraendo una banconota da cento Pai.

«Non voglio essere pagata, o perlomeno non col denaro!»

«E allora in che modo poss...» e non gli fece finire la frase che lo bloccò mettendogli un dito in bocca.

Lui cominciò a sgranocchiarlo con gusto, per continuare ancora con Più Gusto.

«Sei uno gnocco da paura, sai? Se ti faccio risolvere il caso ora stesso, ti andrebbe di passare la notte con me?» supplicò Dixi con fare seducente.

L'investigatore assunse un atteggiamento compiaciuto, per l'ennesima volta aveva fatto colpo.

«Immagino che sei molto dotato e non solo a livello investigativo!» soggiunse la maliarda patatina.

«In effetti è cosi! Ok, ci sto! Dimmi cosa hai visto!»

Dixi raccontò al commissario che mentre era seduta in un tavolino, notò che il proprietario del discopub, aveva nascosto furtivamente sotto la maglietta, uno di quei coltelli usati per tagliare gli agrumi e convinto di non essere visto, con atteggiamento circospetto, si era allontanato piano piano dalla sua postazione.

«Porca Patata! Non mi aveva convinto fin dall'inizio quello lì!» esultò il commissario schioccando le dita, confermando di quanto fosse sempre affidabile il suo sesto senso.

Rientrò dentro al locale per parlare nuovamente con il possibile sospetto e tentare una sorta di bluff per inchiodarlo.

«Un testimone asserisce con sicurezza che proprio tu hai preso uno dei coltelli del bar e dopo averti seguito, ha assistito con i propri occhi, all'uccisione della signorina Snella.» incalzò il poliziotto a muso duro formulando nei confronti di Yonkers una accusa diretta.

Il proprietario del locale cominciò a ingiallirsi in volto.

«Io, io.. non ho fa-t-to nnien-te!» balbettò scuotendo la testa.

«Le prove sono a dir poco scaccianti, inoltre l’utensile utilizzato non è di tipo comune, se hai provveduto a farlo sparire lo cercheremo in maniera accurata mentre se ti sei cimentato a ripulirlo, da qua dentro stesso, ad uno a uno, porteremo tutti i coltelli alla scientifica per analizzarli a dovere. Qualche traccia rimane sempre!»

Il patatino dapprima si mise a tremare per poi scoppiare in lacrime accasciandosi come un disperato sopra il bancone.

«Pata, mi ricattava da circa un anno, se non le davo tremila Pai al mese, avrebbe spifferato tutto a mia moglie sul fatto che l'avevo riempita di pop-corn con alcune clienti.»

Il commissario annuì, ormai certissimo di aver incastrato il colpevole, grazie ad una non difficile confessione, ammanettò Yonkers venendo di fatto portato alla centrale non prima di recuperare l'arma del delitto nascosta dentro un lavabo pieno di schiuma.

Crocco Siffreni dovette però mantenere la promessa a Dixi, infatti dopo aver finito il turno nonché stilato il rapporto riguardo l'indagine conclusa in maniera lampo, si avviò verso la casa dell'appariscente patatina che gli aveva fornito l'indirizzo di casa all'esterno del locale, precisamente prima che venisse arrestato l'assassino.

************************************************************************************************************************

 

«Dixie, scusami, sei così Gustosa che in pochi minuti ti ho già riempita dentro di maionese, mi sa che ho fatto un disastro!»

«Tranquillo Crocco, tanto prendo la Puffpillola!» lo rassicurò lei.

«Io di patate ne ho viste tante, gustose, fragranti. Non ce la faccio a stare senza. Ma nessuna è come te! Fidati di uno che le ha provate tutte, tu sei la migliore!» le disse il poliziotto, con una gran voglia di continuarla a friggerla.

«Mi fido Croccantino mio, ma da oggi vorrei essere più di un Amica!» concluse la patatina.

E ritornarono a patatare, con sottofondo in quel momento la canzone "Evviva la patata, evviva chi l'ha creata!" di Wacko’s Santini.

Registrazione Istantanea Opzionale
Salta

Tutti i racconti

3
4
19

MONTAGNA NOTTURNA

05 August 2020

Mi sveglio di notte, l'insonnia anche in vacanza è mia compagna fedele. Una sigaretta mi tiene compagnia, mentre sono in vacanza e ogni pensiero é spazzato assai via. In uno splendido villaggio dove emergono odori di tigli e profumi di arbusti da me poco conosciuti ma con amore vissuti grazie agli [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Qua Ilaria mi hai fatto rivedere la mia Val Gardena. Buon tutto. RICKY

  • Ilaria: Grazie a tutti per capire i miei stati d'animo più interni

4
6
18

L'archeologo

05 August 2020

Non riesco ancora a crederci. Che scoperta sensazionale! Provo un piacere indescrivibile. Piango, piango e più piango, più accresce la soddisfazione riguardo il ritrovamento archeologico. Ma piango anche per i miei colleghi che non ce l'hanno fatta, vittime delle diaboliche trappole collocate [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Eccomi eccomi...di corsa ma ci sono. Deserto?reperti? Avventura? Io ci sono! [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, sugli elementi che menzioni anch'io "ci sono" in [...]

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

2
1
14

la notte...

04 August 2020

la notte mi cala sugli occhi le palpabre calano sul sipario del mondo per aprirsi nell'universo stellato dell'inconscio rilasso il mio corpo divento scrigno di pensieri raccolti di grano gemme di foglie pietra di fiume e corro per le galassie a parlare con le stelle di giorni lontani per svegliarmi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
18

Terra e anime

Dedicato al Giardino Lorenzo Giusti (L’orto dei Giusti) - Via Ilio Barontini 13 40138 Bologna BO

04 August 2020

"L’orto dei Giusti è ciò che le persone dovrebbero calpestare almeno una volta. Una Porziuncola, un piccolo terreno recintato, incastonato come un diamante nero di terra resa fertile dall’estro e dalle appartenenze degli uomini. Adorno di invasi colmi di terra grassa, coltivata perché potesse esprimere [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
6
16

L’immagine

03 August 2020

Molto spesso, di notte, mi sveglio con un’immagine dentro la mia testa che so che non mi abbandonerà fino all’alba. È sempre la stessa immagine che mi accompagna da quattro anni. Le poche, rare, volte, che non arriva ne sento profondamente la mancanza. So che senza quel'immagine la mia giornata [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: Gabry felice di rivederti....mano infantile che ti riporta alla paternità [...]

  • Gabriele Colombo: Ogni storia parla di Noi. Ma parla di tutti. Un abbraccio.

14
20
72

Concetto di tempo

Guru da quattro soldi

03 August 2020

C’è chi non ha tempo e c'è chi invece ne ha da buttare. Avete mai analizzando in maniera generica il tempo? Io lo faccio sempre, non dico tutto il tempo, sia chiaro. Capisco bene che non è assolutamente facile tracciare una definizione perfetta, e visto che ho qualche secondo di tempo da buttare, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
11

Impeachment

02 August 2020

Impassibile come un ippopotamo impantanato in un pantano, mi improvvisai un impellente impegno con un impiegato della ditta Imperatore di Imperia, impuntandomi sull'implementazione di un'importante impiombatura che avrebbe eliminato le imprecisioni imprevedibili di un'importante e impeccabile impiantistica. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
19

Pane

02 August 2020

Maria Antonietta quando pronunciò la famosa frase “il popolo non ha da mangiare? Dategli le brioche" anche nel dire quella cosa fu molto riduttiva. La sofferenza del suo popolo venne maggiormente acuita dalla sua indifferenza. Dopo qualche secolo, ancora oggi chi non ha pane muore. Questo scritto [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: Ciao Walter e Giuseppe. Che dire! Sembra abbia fatto un buon impasto questa [...]

  • Walter Fest: Pata, in più occasioni ti ho espresso il mio apprezzamento per la tua [...]

1
0
8

Spezzi - 4/4

D

01 August 2020

10) Digrigna i denti, strida sulla lavagna, stenti di grida il popolo lagna. È lo schifo tremendo che sgorga torbido gemendo nel giogo in orgasmo che sfragna l’orecchio colluso ritrito di schifo. Sdegno mio segna e graffia viscidume, un ordigno sballotta e mi bagna di lerciume. Che schifo, io [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

*********************

*********************

Spazio Pubblicitario

*********************

*********************

12
15
51

L'Asceta

01 August 2020

"Non supplicarmi. I Thieves, la gilda per cui lavoro, vuole qualcosa da te. E noi gliela daremo. Manigoldo, non conosci il detto: Mai rubare a casa dei ladri? Tu tagliaborse, io tagliateste. Mi chiamano l'Asceta non perché pratico l’ascetismo, ma per via dell'arma lucente e tagliente che brandisco. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: E con quel finale Shakespeariano di testa brandita tra le mani (teschio diverrà) [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, grazie per aver letto il mio... "pezzo" con quel non [...]

2
0
12

Spezzi - 3/4

C

31 July 2020

7) Vivo attraverso le mie parole. se mai qualcuno le leggerà, sappia che, oggi 23 Giugno 2020, ho 23 anni, e vivo attraverso le mie parole. Se le rileggerò, in futuro, ne sorriderò, o magari me ne rattristerò perché è ancora così. Chiunque tu sia, che stai vivendo e attraversi le mie parole, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
7
18

ASPETTANDO L'ALBA

Piccole disavventure #andràtuttobene

31 July 2020

E allora che fai? Esci di casa e sbatti la porta e lasci la giacca all’attaccapanni e l’ombrello che non c’è, perché l’avrai lasciato in qualche negozio o nell’ufficio del commercialista, e ti prendi l’acqua a scroscio nella schiena perché piove come se qualcuno ti rovesciasse addosso una pentola [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: il testo non è male..ma ostentate le colorate parole, che ritengo sempre [...]

  • Littlepapes: Patapump! Mi piace perché fai i commenti con lo stile e la ricerca (poetica [...]

Torna su