NdR. Chi non conosce il simpatico e ammiccante spot su una nota marca di patatine interpretato dal grande Rocco Siffredi?

Da questo spot, mi è venuta l'ispirazione per scrivere questa sorta di giallino un po' particolare pieno di citazioni “patatinose” o che riguardano le patatine, di cui ho preferito immettere in corsivo.

Buona lettura e buon divertimento.


 

All'esterno del Patata Meccanica, uno dei discopub di Chips City più frequentati dai cipster, una povera patatina se ne stava riversa a terra in un mare di ketchup.

Due giovani patatazzi, di nome Crik e Crok, una volta usciti dal locale, furono i primi a notare l'assassinata e di conseguenza avvertirono la polizia.

Gli agenti, a sirene spiegate, arrivarono immediatamente sulla scena del crimine dove un nugolo di curiosi aveva già circondato la zona.

Il commissario Crocco Siffreni, incaricato delle indagini, una volta sceso dalla vettura di servizio, si mise fin da subito a lavoro.

Per prima cosa osservò con estrema attenzione la vittima.

«Che peccato! Era così giovane e così novella!» constatò con amarezza.

La scientifica in base ad una prima ricostruzione sommaria, stabilì che Pata Snella (il suo nome completo in base ai documenti ritrovati dentro la sua borsa) venne uccisa tramite numerosi fendenti.

Siffreni era arciconvinto che qualcuno dei presenti doveva per forza sapere qualcosa e cominciò innanzitutto ad interrogare Fonzies, un tipo alto, dal giubbotto in pelle con una atipica pettinatura anni cinquanta.

Era il buttafuori del locale.

«Hey, io non so niente!» dichiarò Fonzies con espressione disinvolta, braccia conserte e spalle appoggiate al muro.

Il commissario gli credette e interrogò successivamente Potato, l'inserviente ispanico che tra le sue mansioni aveva l'incarico di gettare i rifiuti in un cassonetto proprio vicino dove venne uccisa la Snella.

«No Señor! No vi nada!» confermò anche lui.

Altri patatini furono interrogati, nessuno sembrava aver notato qualcosa di sospetto, compresa la magrissima Stiki e la rotondetta Ring, le due stewart del discopub.

Inoltre le telecamere guaste, resero l'indagine ancora più complicata, come se la gravosa vicenda fosse stata tutto a vantaggio dell'omicida riuscendo così a colpire nel momento adatto.

Il commissario non si perse d'animo e andò ad investigare assieme ai colleghi, all'interno del Patata Meccanica.

Data la circostanza, l'ambiente appariva semivuoto ma pur sempre operativo, tranne che si decise di tenere la musica spenta.

C'erano quattro avventori seduti ai tavoli, altri tre appoggiati al bancone, cinque cameriere in attesa di ordinazioni, la cassiera, il barista ed infine Yonkers il proprietario del locale che dava saltuariamente una mano al bar.

Non venne ricavata nessuna informazione utile ma Siffreni notò un particolare che ritenne importante:

Yonkers si dimostrò abbastanza nervoso e giustificò il suo comportamento dicendo che i clienti approfittando dell'omicidio avvenuto, erano scappati fuori incuriositi senza pagare il conto.

Per giunta dinnanzi alle domande del commissario, l'ombroso patatino si irritò più di una volta.

Il fiuto investigativo di Siffreni lo portò chiaramente a farlo insospettire, e nel contempo si sentì fin dall'inizio, come seguito da una figura femminile.

«Potrebbe essere una giornalista, oppure no...» pensò tra sé e sé.

Tornò all'esterno del locale e la misteriosa figura era ancora lì che lo guardava maliziosamente, come se lo aspettasse.

1
1
4

CSInstagram

27 January 2020

Era ora di mettersi al lavoro. La ragazza sfoderò il suo cellulare. Per un attimo la cover metallizzata incontrò un raggio di sole e un forte riflesso ne scaturì. Ricordava proprio un guerriero che estraeva la spada dal fodero pronto a combattere i suoi nemici. Il ragazzo che aveva adocchiato si [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

1
2
6

ASSENZE

26 January 2020

Si spezzano in quell’attimo per coincidenze imprevedibili e atroci o infragiliti dalla malattia che vince, oppure d’oblio. Fragili come filamenti di vetro, sebbene sembrassero eterni, si spezzano. Nulla resta da stringere, d’accarezzare, d’amare un’ultima volta. Un vuoto che buca l’anima, solo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
3
10

La cinepresa

26 January 2020

Mi arrivò la telefonata di martedì Era una mattina come tante Seduto al mio tavolo di lavoro, il computer acceso ma il mio sguardo rivolto ai giardini di fronte Mamme con passeggini e altre accorte a far giocare i bambini su consumati scivoli scoloriti Era una scena molto amorevole, che mi aveva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Patapump: Speravo ti piacesse. sopratutto per come te e me si ama la cinematografia. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Guarda, l'ho letto dopo la mezzanotte e non ho aspettato l'indomani [...]

10
19
69

Il coniglietto - 2/2

Ricordi d'infanzia

25 January 2020

Mia nonna si accorse all’istante della gabbia che tenevo tra le mani e la osservò con curiosità. «Guarda cosa ti abbiamo portato!», annunciai candidamente. «Oh, un cunigghieddu!», esclamò. «Io e Peppe te lo affidiamo. Pensaci tu!», disse Cettina. Fu il nonno a prendermi la gabbia, per appoggiarla [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Patapump: ciao Giuseppe..non oso immaginare la faccia di Bianchino, che dalla gabbietta [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Ricky, c'è chi passa dalla padella alla brace e chi dalla gabbia [...]

4
5
16

Mi domando

24 January 2020

Di notte mi domando L’oscurità aiuta Protegge e schiude come un fiore Di notte mi domando La brezza estiva che arriva dal mare Scalda e rincuora Di notte mi domando L’aereo che solca i cieli Scia che indica il percorso di anime in viaggio Di notte mi domando Il gatto E la coda che si intrufola [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

11
11
60

Il coniglietto - 1/2

Ricordi d'infanzia

24 January 2020

Avevo otto anni, abitavo a Termini Imerese assieme ai miei genitori e a Cettina, la mia sorella minore. Eravamo originari della provincia di Messina, ma a causa del lavoro di mio padre ci eravamo stabiliti da tempo in quella ridente cittadina della provincia di Palermo. Un giorno mia sorella ed [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
5
18

Arriva el negro Zumbon

Bailando alegro el Bajon

23 January 2020

“Arriva el negro Zumbon, bailando alegro el bajon” Attraverso tutta la sala la voce di Silvana Mangano. Leda aspetta con la sua cagnetta che qualcuno si avvicini per ballare. Da quando suo marito è morto ha preso l'abitudine di venire qui ogni sabato sera visto che le permettono di tenere la cagnetta [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

4
1
10

e nulla più

22 January 2020

Infine accadde! L'inevitabile divenne storia. Cessai di ricordare. Chiusi per sempre il mio occhio interiore. Allungai le mie stanche gambe tra quelle del tavolo e mi cibai della prima nuvola coraggiosa. La poverina si era fermata a pascolare sul colle. Un verso del guitto Dante intrecciato a me [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

12
16
91

La minestra

22 January 2020

«Ah, alla buonora!», bofonchiò infuriata la madre al discolo Luca. Quest’ultimo si limitò soltanto ad asciugarsi la fronte e il collo con due tovaglioli di carta per poi appallottolarli e lanciarli dentro il cestino della spazzatura. Avrebbe desiderato rimanere ancora fuori a giocare con i suoi [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Surya: Io troverò sicuramente il tempo di leggerlo e anche di commentarlo, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Surya, sono innanzitutto contento che per il giorno di Natale verrà [...]

4
1
11

Canyon

21 January 2020

Mi ero alzato strano quella mattina e non capivo il perché La notte avevo dormito poco Avevo sognato, ma anche fissato il mio orologio sul comodino Continuamente Tutti quei numeri che avanzavano senza sosta mi avevano agitato Ma anche fatto riflettere sul tempo che, a dispetto di tutti, proseguiva [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

13
14
68

Lascia stare la mia mamma!

Donne: un tesoro da salvaguardare. Please stop violence

20 January 2020

Carla si appresta a rincasare stancamente, dopo una dura giornata di lavoro. È sera inoltrata e il quartiere è poco illuminato, sul marciapiede nessun passante, in strada nessuna automobile. C'è uno strano silenzio, a parte il rumore secco dei suoi tacchi. Carla decide di aumentare il passo. Non [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Patapump: ammazza Giuseppe..argomento tosto e sempre in essere ,,purtroppo. scena molto [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Grazie Ricky, quanto hai letto è forse lo scritto più serioso [...]

1
0
19

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

Torna su