Dopo una notte infuocata "do not disturb" al mattino seguente dondolava sulla maniglia, dei nostri ragazzi neanche un rumorino, una risatina, un sospirino , gnente calma piatta , c'è qualcosa che non quadra, vado a vedere dal buco della serratura. Il letto è sfatto, vedo il posacenere con le cicche, comincio a preoccuparmi , provo a chiamarli . 

-Adrianaaaaa , Oresteeee!

Solo silenzio , per la disperazione mi appoggio alla porta mi viene da piangere . . . . che cazz è aperta!! Non oso entrare , se fossero morti? Adrianaaa..Oresteee..li chiamo ancora sottovoce, Adrianaaaa...Oresteee...entro chiudendo gli occhi..li apro...ma limortaccivostra non c'è nessuno e la porta secondaria che dà sulla strada è aperta, dove sono finiti i nostri amanti?Voi non vi muovete vado ad indagare.In strada non li vedo, vado al bar magari stanno facendo colazione.

-Ciao Fernando hai visto Adriana e Oreste?

-Perchè?

-Sono usciti dalla storia e non li trovo più!

-E' normale se sono andati.

-Ah e dove?

-Hanno fatto la solita ricca colazione, mi hanno detto di non preoccuparmi, prendevano il Maggiolino per andare a fare un giro sulla Route 66.

-E' incredibile ma dove la prendono tutta questa energia?

-Beh, magari sono felici.

E pensare che Oreste era uno che non rideva mai.

-Fernando, io li inseguo, devo vedere quello che succede.

-Và bene, oh, telefonami quando li hai ripresi.

Voi lettori se volete seguitemi, io parto con la Bianchina, ma sì, potete pure mettervi a ridere è proprio quella di fantozzi, però più colorata eh!

La Route 66 è una strada storica che per oltre 3000 km. attraversa l'America da Chicago a Santa Monica sulla costa Californiana, sarà una mission impossible ma devo ritrovarli, voi non siete curiosi di sapere dove e come se la stanno spassando?Mi metto in marcia, accendo il navigatore che è predisposto per fare il giro del mondo con tutte le coordinate per trovare qualsiasi località, ma adesso abbiamo un problema, indizi non ho come farò?Ci vorrebbe un idea, da dove incominciare?.....due peli!!!Ecco la soluzione!..ho trovato due peli intimi dei nostri due amanti, una volta gli ho prestato la Bianchina e vuoi vedere che lo hanno fatto anche lì?Forse queste due tracce sessuali possono aiutarci, ficco i due peli nell'analizzatore materico che ci svelerà dove sono diretti i due, voi nella vostra macchina tutte stè cose non le avete mica, mi dispiace sicuramente in futuro vi saranno fornite come optional..rumble, rumble...Chicago!Chicago?Sono diretti a Chicago?..Io vado!

 

Dopo tre giorni di viaggio nada de nada..devo fermarmi a mangiare un boccone, un ristorante fatto a forma di Paperino attira la mia attenzione, praticamente un Donald Duck gigante, mi ci faccio un selfie ed entro.Sono preparato a mangiare al peggio, mi siedo poco convinto ma ho fame, arriva una bonazza con il grembiule da marinaretta.

-Buongiorno vorrei mangiare qualcosa.

-Buongiorno a lei signore, oggi abbiamo come primi, gnocchetti della sora Lella, rigatoni cò la pajata o tonnarelli a cacio e pepe oppure una bella Amatriciana, per secondo polpette al sugo con contorno di carciofi, in alternativa pollo con i peperoni, se vuole la trippa deve ritornare sabato.

-Ma scusi queste sono specialità Romane!

-Ha ragione le abbiamo imparate da due di passaggio, erano una bella coppia di mattacchioni, Oreste e Adriana con i loro consigli ci hanno stravolto il menù, da quel momento un successo straordinario, peccato che siano ripartiti.

-Non sà dirmi dove sono andati?

-No ma parlavano che dovevano incontrarsi con un certo Osvaldo.

-Vabbè, senti portami da mangiare quello che vuoi, non ci sarà problema.

-Da bere un bel vinello della casa?

-No,no preferisco birra e gazzosa, grazie.

Insomma dopo questa mangiata tipica, pago il conto e riparto, devo trovare Osvaldo e siamo un passo avanti, la radio trasmette musica soul speriamo che Barry White mi aiuti.Lungo l'highway tutto fila liscio si alternano panorami naturali quasi innaturali, per un attimo preso dalla visione naturalistica stò pure per dimenticare Oreste ed Adriana quando la radio interrompe il soul e manda uno spot..."Solo da Osvaldo gli unici calzini bucatii, venite a visitare lo show room a solo un km. dal vostro nasooo"...calzini bucati?Osvaldo?Ma che minchia vende stò Osvaldo?...passato il chilometro però nessuna traccia, vedo una signora, che strano ha con sè un carrello, provo a chiederle un informazione.

-Signora mi scusi sà dirmi dove trovo Osvaldo?

-Quello dei calzini bucati?Ma certo è a due km. da Cucamonga, io vado lì se vuole posso accompagnarla.

-E vabbè ma con il carrello come facciamo?

-Non si preoccupi, mettiamo tutti i libri nella sua automobile e il carrello vuoto lo lasciamo qui.

Non faccio in tempo a dirgli di no che mi ha già riempito la Bianchina di libri, apre lo sportello e con un salto si siede al mio fianco.

-Beh non partiamo?Molto lieta, mi chiamo Dalia, gradisce una grappa?Un gianduiotto?

Mi prende per la gola la fringuella!

-Magari per caso avrebbe pure un goccio di Genepì?

-Naturalmente sì.

Quanto meno il viaggio in sua compagnia sarà armonioso.

-Senta signora Dalia ma con tutti questi libri che ci fà?

-Senta signor?..

-Walter.

-Ecco signor Walter io sono una che legge e scrive molto perciò vede tutti questi libri?Io li scrivo, li leggo, li vendo e li presto, sono una letterata girovagante, mi spostavo con il carrello ma ora ho lei.

-Scusi che vuole dire?

-Beh possiamo diventare amici, gradisce ancora un gianduino?

-Senta qui dobbiamo cercare Osvaldo e poi devo trovare due amici scomparsi.

-Chi sono?

-Due amanti.

-Amanti di chè?

-Ma no, sono due che si amano.

-Che bello!

-Sì ma ora dobbiamo ritrovarli.

-Le devono dei soldi?

-No, rientrare in una storia.

-Ah capisco, sà io me ne intendo eh!

Insomma di Osvaldo ancora nessuna traccia quando....drinn, drinnn!

-Uèè, scunnacchiààà, state cercando Oreste e Adriana?

-Sì ma chi sei?

-Sono Osvaldooo, mi hanno detto che mi cercavate, sentite a me io non ho tempo da perdere con voi tengo da lavorare con 1500 calzini bucati se volete i vostri amici dovete proseguire per 20 km. dove troverete Toro ingrifato, il pellerossa che vende le cianfrusaglie indiane, chiedete a lui che vi aiuterà.

-Beh, allora grazie.

-Grazie alla fava, vi salutooo!

-Walter allora dobbiamo trovare il pellerossa?

-Sembra proprio di sì, metto il turbo, vrooommm!

Detto fatto ecco laggiù una bancarella che poi è una tenda indiana, fuori seduto su una sedia a dondolo dovrebbe essere il toro ingrifato.

-Buongiorno, posso chiederle una informazione? Cerchiamo un uomo e una donna di una certa età, ci hanno detto che lei può aiutarci.

-Ve lo ha detto Osvaldo?

-Sì.

-Io a quei due ho venduto un pò di robba strana.

 

 

 

 

5
5
19

Tre microscopici racconti

25 March 2019

Lessons Consumano una parte di loro stessi quando vengono raschiati. Ogni singola scaglia dei gessi sulle lavagne istruiscono gli studenti per la vita. E la spugna? Utilissima per cancellare, soprattutto i problemi, non prima di una risoluzione. Cambiare registro? È possibile, basta non autovalutarsi [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
3
9

La strada della Selva - 1/2

Racconto del tempo di guerra

25 March 2019

Con questo racconto ho partecipato ad un concorso di scrittura sul tempo di guerra nella provincia di Firenze, per questo è scritto in vernacolo Vai ci risiamo. Arrivano in tre o quattro briachi fradici. Salgan su dalla strada di dietro, quella che passa dall'orto, per non farsi beccare dalla pattuglia, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
3
13

Greta & Susette - 3/3

il finale

24 March 2019

< accidenti a te Susette, stavo così bene fino a poco fa prima che arrivassi tu come un ciclone, tu hai rimesso tutto in discussione. È vero, a quanto pare siamo due donne alle quali fanno difetto gli uomini, sembri dispiaciuta di questa situazione, mentre io ti dico che sto bene così. Dei maschietti [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Lorenzo, la parte conclusiva ed ovviamente tutto il racconto dimostra [...]

  • Lo Scrittore: era nell'aria che non poteva che finire così, due donne a prima [...]

1
1
13

CINEMA e/è FELICITÀ!

Il cinema della felicità

24 March 2019

Pedro ha un’unica “passione fatale”: il CINEMA. Gira, assembla e monta video con i pochi strumenti che possiede e attorniato da tanti amici, un po’ folli come lui. Organizza, senza grande riscontro di pubblico, CINEMA FELICITÀ, Cineforum per tutti quelli che attraversano un momento difficile nella [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
12

Greta & Susette - 2/3

l'amicizia

23 March 2019

La donna girò il capo come se fosse infastidita dall’esuberanza di quella ragazzina. Certo aveva una bella faccia tosta a rivolgersi a una sconosciuta in quei termini. La fissò a lungo prima di rispondere, stava decidendo quale risposta dare a quella maleducata, nel pensare si mordicchiava le labbra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • flavia: Ha già detto tutto Scilipoti aggiungo solo che mi è molto piaciuto [...]

  • Francesca: Mi associo a Flavia..

2
3
10

Il Pettirosso

Da piatta a sferica fu fatta la Terra

23 March 2019

Il Signore, di fronte alla tanta dolcezza del suo pettirosso — che ancora così non si chiamava — si intenerì e provvide in extremis a trasformare la neo creata piatta terra in una dolce sfera! Il pettirosso riconoscente fece ciò che potè sfilando una spina dalla corona del Cristo in croce, restando [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
3
12

Greta & Susette - 1/3

l'incontro

22 March 2019

Aveva ventidue anni, ma ne dimostrava molti di meno. Era un tipetto tutto pepe, capelli corti biondo cenere, una bocca larga sempre aperta in sorrisi. Indossava spesso jeans e camicette semiaperte che lasciavano intravedere le sue forme ancora da adolescente. Due seni candidi e piccoli come arance. [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • ducapaso: Confermo quello che ha scritto Flavia, bello e intrigante. Vediamo dove ci porti

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Lorenzo, a quanto vedo ritorni ad affrontare la tematica "Donna", [...]

3
3
19

Un fiore tra le tue dita

22 March 2019

Cerniere di emozioni nascondono lo spettacolo degli occhi dopo il nostro primo bacio. Secondi lunghi come racconti. Incapaci di muoverci fermiamo l'aria per sentirci correre. Come un ruscello di montagna ghiacciato in inverno il nostro sangue scorre sotto la pelle bollente. Il silenzio delle parole [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
4
13

Zolfo - 3/3

21 March 2019

Quando mi risveglio, sono nella mia tenda, ma qualcosa non va, mi sento a pezzi e non sono solo: una vecchia del villaggio mi accudisce e mi dice di stare fermo, sono malato. Non c'è problema, sono talmente indolenzito che non ho nessuna intenzione di farlo. Mi riprendo in un paio di giorni e scopro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Ed eccomi giunto alla terza parte, wow che storia da... incubo oppure la "zolfata" [...]

  • ducapaso: Giuseppe, le tue recensioni mi lusingano davvero.
    Soprattutto se penso [...]

3
8
21

pomeriggio di sole

21 March 2019

Era un caldo e soleggiato pomeriggio di una qualsiasi domenica di marzo dei nostri giorni. Il signor Mario Serra se ne stava seduto con gli occhi chiusi e le mani giunte poggiare sulle gambe, in una panchina di ferro battuto in piazza Islanda, piu comunemente conosciuta come la " piazzetta", nel [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
3
9

Zolfo - 2/3

20 March 2019

Chissà cos'è. Molto più importante dedicarsi alle incisioni, belle come un bassorilievo classico anche se la pietra ancora mi è sconosciuta, sembra un marmo nero, ma è esente da venature e dà l'impressione di essere molto più duro. Certamente non è una pietra di questa zona, quindi significa che [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

5
3
11

Fango

20 March 2019

Flebile fiamma tra fetide favelas serpeggia nella notte in un fragile futuro Fuori feste, fiori e fama dentro fumo, freddo e fame È un frenetico fandango frasi fatte niente effetto come un film senza sonoro senza la parola fine Fuochi di notte di frivole falene si spengono tra i muri di case [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Rara avis: Caro Scili, devo farti un plauso per le tue sempre acute recensioni, sai entrare [...]

  • Manuela Cagnoni: È piaciuta molto anche a me la tua poesia, fatta di versi che scivolano [...]

Torna su