Dopo una notte infuocata "do not disturb" al mattino seguente dondolava sulla maniglia, dei nostri ragazzi neanche un rumorino, una risatina, un sospirino , gnente calma piatta , c'è qualcosa che non quadra, vado a vedere dal buco della serratura. Il letto è sfatto, vedo il posacenere con le cicche, comincio a preoccuparmi , provo a chiamarli . 

-Adrianaaaaa , Oresteeee!

Solo silenzio , per la disperazione mi appoggio alla porta mi viene da piangere . . . . che cazz è aperta!! Non oso entrare , se fossero morti? Adrianaaa..Oresteee..li chiamo ancora sottovoce, Adrianaaaa...Oresteee...entro chiudendo gli occhi..li apro...ma limortaccivostra non c'è nessuno e la porta secondaria che dà sulla strada è aperta, dove sono finiti i nostri amanti?Voi non vi muovete vado ad indagare.In strada non li vedo, vado al bar magari stanno facendo colazione.

-Ciao Fernando hai visto Adriana e Oreste?

-Perchè?

-Sono usciti dalla storia e non li trovo più!

-E' normale se sono andati.

-Ah e dove?

-Hanno fatto la solita ricca colazione, mi hanno detto di non preoccuparmi, prendevano il Maggiolino per andare a fare un giro sulla Route 66.

-E' incredibile ma dove la prendono tutta questa energia?

-Beh, magari sono felici.

E pensare che Oreste era uno che non rideva mai.

-Fernando, io li inseguo, devo vedere quello che succede.

-Và bene, oh, telefonami quando li hai ripresi.

Voi lettori se volete seguitemi, io parto con la Bianchina, ma sì, potete pure mettervi a ridere è proprio quella di fantozzi, però più colorata eh!

La Route 66 è una strada storica che per oltre 3000 km. attraversa l'America da Chicago a Santa Monica sulla costa Californiana, sarà una mission impossible ma devo ritrovarli, voi non siete curiosi di sapere dove e come se la stanno spassando?Mi metto in marcia, accendo il navigatore che è predisposto per fare il giro del mondo con tutte le coordinate per trovare qualsiasi località, ma adesso abbiamo un problema, indizi non ho come farò?Ci vorrebbe un idea, da dove incominciare?.....due peli!!!Ecco la soluzione!..ho trovato due peli intimi dei nostri due amanti, una volta gli ho prestato la Bianchina e vuoi vedere che lo hanno fatto anche lì?Forse queste due tracce sessuali possono aiutarci, ficco i due peli nell'analizzatore materico che ci svelerà dove sono diretti i due, voi nella vostra macchina tutte stè cose non le avete mica, mi dispiace sicuramente in futuro vi saranno fornite come optional..rumble, rumble...Chicago!Chicago?Sono diretti a Chicago?..Io vado!

 

Dopo tre giorni di viaggio nada de nada..devo fermarmi a mangiare un boccone, un ristorante fatto a forma di Paperino attira la mia attenzione, praticamente un Donald Duck gigante, mi ci faccio un selfie ed entro.Sono preparato a mangiare al peggio, mi siedo poco convinto ma ho fame, arriva una bonazza con il grembiule da marinaretta.

-Buongiorno vorrei mangiare qualcosa.

-Buongiorno a lei signore, oggi abbiamo come primi, gnocchetti della sora Lella, rigatoni cò la pajata o tonnarelli a cacio e pepe oppure una bella Amatriciana, per secondo polpette al sugo con contorno di carciofi, in alternativa pollo con i peperoni, se vuole la trippa deve ritornare sabato.

-Ma scusi queste sono specialità Romane!

-Ha ragione le abbiamo imparate da due di passaggio, erano una bella coppia di mattacchioni, Oreste e Adriana con i loro consigli ci hanno stravolto il menù, da quel momento un successo straordinario, peccato che siano ripartiti.

-Non sà dirmi dove sono andati?

-No ma parlavano che dovevano incontrarsi con un certo Osvaldo.

-Vabbè, senti portami da mangiare quello che vuoi, non ci sarà problema.

-Da bere un bel vinello della casa?

-No,no preferisco birra e gazzosa, grazie.

Insomma dopo questa mangiata tipica, pago il conto e riparto, devo trovare Osvaldo e siamo un passo avanti, la radio trasmette musica soul speriamo che Barry White mi aiuti.Lungo l'highway tutto fila liscio si alternano panorami naturali quasi innaturali, per un attimo preso dalla visione naturalistica stò pure per dimenticare Oreste ed Adriana quando la radio interrompe il soul e manda uno spot..."Solo da Osvaldo gli unici calzini bucatii, venite a visitare lo show room a solo un km. dal vostro nasooo"...calzini bucati?Osvaldo?Ma che minchia vende stò Osvaldo?...passato il chilometro però nessuna traccia, vedo una signora, che strano ha con sè un carrello, provo a chiederle un informazione.

-Signora mi scusi sà dirmi dove trovo Osvaldo?

-Quello dei calzini bucati?Ma certo è a due km. da Cucamonga, io vado lì se vuole posso accompagnarla.

-E vabbè ma con il carrello come facciamo?

-Non si preoccupi, mettiamo tutti i libri nella sua automobile e il carrello vuoto lo lasciamo qui.

Non faccio in tempo a dirgli di no che mi ha già riempito la Bianchina di libri, apre lo sportello e con un salto si siede al mio fianco.

-Beh non partiamo?Molto lieta, mi chiamo Dalia, gradisce una grappa?Un gianduiotto?

Mi prende per la gola la fringuella!

-Magari per caso avrebbe pure un goccio di Genepì?

-Naturalmente sì.

Quanto meno il viaggio in sua compagnia sarà armonioso.

-Senta signora Dalia ma con tutti questi libri che ci fà?

-Senta signor?..

-Walter.

-Ecco signor Walter io sono una che legge e scrive molto perciò vede tutti questi libri?Io li scrivo, li leggo, li vendo e li presto, sono una letterata girovagante, mi spostavo con il carrello ma ora ho lei.

-Scusi che vuole dire?

-Beh possiamo diventare amici, gradisce ancora un gianduino?

-Senta qui dobbiamo cercare Osvaldo e poi devo trovare due amici scomparsi.

-Chi sono?

-Due amanti.

-Amanti di chè?

-Ma no, sono due che si amano.

-Che bello!

-Sì ma ora dobbiamo ritrovarli.

-Le devono dei soldi?

-No, rientrare in una storia.

-Ah capisco, sà io me ne intendo eh!

Insomma di Osvaldo ancora nessuna traccia quando....drinn, drinnn!

-Uèè, scunnacchiààà, state cercando Oreste e Adriana?

-Sì ma chi sei?

-Sono Osvaldooo, mi hanno detto che mi cercavate, sentite a me io non ho tempo da perdere con voi tengo da lavorare con 1500 calzini bucati se volete i vostri amici dovete proseguire per 20 km. dove troverete Toro ingrifato, il pellerossa che vende le cianfrusaglie indiane, chiedete a lui che vi aiuterà.

-Beh, allora grazie.

-Grazie alla fava, vi salutooo!

-Walter allora dobbiamo trovare il pellerossa?

-Sembra proprio di sì, metto il turbo, vrooommm!

Detto fatto ecco laggiù una bancarella che poi è una tenda indiana, fuori seduto su una sedia a dondolo dovrebbe essere il toro ingrifato.

-Buongiorno, posso chiederle una informazione? Cerchiamo un uomo e una donna di una certa età, ci hanno detto che lei può aiutarci.

-Ve lo ha detto Osvaldo?

-Sì.

-Io a quei due ho venduto un pò di robba strana.

 

 

 

 

1
1
3

ARIA TERSA

20 January 2019

ARIA TERSA Travolti da un mondo impazzito Inondati da una schiuma assordante Non riusciamo più ad ascoltare La voce del silenzio. Frotte di insetti inutili Si accavallano nel nostro pensare. E l’immagine dello specchio Torna Sempre uguale a se stessa A riflettere un sogno incompiuto. [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
1

luna o cocci?

Quando walter fest scrive è jazz!

20 January 2019

Quando non sai che scrivere, scrivi, scrivi senza paura di sbagliare, questa volta faccio un eccezione, scrivo senza carta e penna, stò alla tastiera e scrivo, mò che ci penso mi paicerebbe la tastiera di un piano forte, anzi le corde di una chitarra, anzi no, voglio cantare tanto a parole se stono [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
2

Io lo conosco l'amore

20 January 2019

Ho attraversato il bosco di notte per poterti abbracciare ma tu non c'eri. Ho accompagnato tramonti fino all'alba per scoprire i tuoi occhi timidi ma tu non c'eri. Ho ascoltato i lamenti del vento nelle lunghe giornate passate a pensarti ma tu non eri li. Ho inseguito le ore e poi i giorni per [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
2

Raccontami una volta più piano

19 January 2019

Raccontami una volta più piano. Eravamo nati nello stesso posto o giù di lì, le case scorrevano in sequenza, c'era qualche attività che si distingueva dalle altre e potevi prenderle come veri e propri punti di riferimento quando dovevi indicare qualcosa a qualcuno che si era perso. I nomi delle [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Puccia: Ricordi arruffati da districare piuttosto difficile il farlo

2
1
4

Impressioni

19 January 2019

Sfilacciati giorni scalzi di pensieri si rincorrono incessanti nel respiro assiduo delle ore in una lenta diaspora continua di me stesso come fine sabbia dentro una clessidra ... e dopo una notte di sogni e scarpe rotte guardo le luci d'alba su una falesia bianca mentre nel cielo vola [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
4
5

Album vuoto

19 January 2019

Cammino rotolando sui miei passi stanchi. Soffia i vento la mia lenta orma e beffarda saluta senza rumore. Abbraccio la salita che mi corre incontro e adagio ripongo le mie pagine vuote. Un quaderno di ricordi che riempir non so.

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Antonella, mi mancavano le tue poesie. Scrivi veramente bene e hai il [...]

  • Anto61: Grazie
    Sei sempre molto attento e sensibile con le tue sincere e sentite [...]

2
1
17

LE COLPE DEI PADRI

18 January 2019

Alessandro Perissinotto, scrittore torinese, classe 1964, ci accompagna e ci porta a conoscere ed incontrare vicende della STORIA di Torino dal dopoguerra ai giorni nostri, raccontando delle evoluzioni, in positivo e in negativo, della Grande Madre, la FIAT, che si intrecciano con la Storia, le [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
15

Senza mi ricorderai ?

18 January 2019

" Mi ricorderai " le chiese con un filo di voce "quando non ci saro più? " Lei lo guardò come si guarda un fiore appena sbocciato con infinita tenerezza e sussurrando rispose " Si ricorda chi è passato nel tuo cuore. Non chi è il tuo cuore perché vive dentro finché tu vivrai ". E nella carezza [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

5
5
22

Il potere di un sorriso

18 January 2019

Non pensavo di poter volare di nuovo. Tutto era buio, non distinguevo nè le forme nè i colori. Ma il sorriso, quello, non si è mai spento. E anche nell'oscurità l'hai notato. Ora non ho più paura del buio. Ora sono felice E fortunata. Tutto qui.

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
8

BAMBINI SENZA SORRISO

17 January 2019

Cari bambini, è a voi che mi rivolgo, vittime innocenti di un mondo insensato che vi ha sottratto ogni speranza di futuro, di libertà e di felicità. Quel mondo del popolo degli Adulti che, a costo della propria vita, avrebbe dovuto proteggervi dalle insidie del male e curare le vostre ansie e paure.. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
13

E che Kaiser!

16 January 2019

Una sera al bar eravamo io Jack Kerouac, un pronipote di Keplero e Kekko dei Moda' che facevamo discorsi sulle discese in kajak nei fiumi del Klondike sorseggiando del Kirsch con una fetta di kiwi, quando dalla porta d'ingresso entrò Kirk, un vecchio membro del Ku-Klux-Klan declamando passi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Rara avis: Oh kacchio, grazie Scili (The king of komments) per
    l'apprezzamento, [...]

  • Puccia: Mi hai ubriacato, sempre piaciuto.

3
3
11

Il gioco del pallone

16 January 2019

Davanti casa mia c'è un campetto di calcio. Erbetta sintetica e vecchia, le porte senza una rete. Sembra proprio un campetto abbandonato, ma ogni sera si riuniscono lì dei ragazzini con un pallone. È ben illuminato dai lampioni della strada, e essendo una zona che ha una brutta nomina in città, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Puccia: Veramente bello la nostalgia è sempre vincente nei racconti.

  • Giuseppe Patti: Ciao e grazie, e pensare che messo il punto finale ho pensato "Questa [...]

Torna su