“La fortuna aiuta gli audaci, il pigro si ostacola da solo.”

Cit. Lucio Anneo Seneca

 

 

C’era una volta, un piccolo castello, che era abitato da due vecchissime streghe molto pigre come due orse perennemente in letargo.

Hyra e Fedora, questi erano i loro nomi.

Per svariati motivi, litigavano spesso, infatti oltre gli innumerevoli insulti, a volte, attraverso la magia, si cimentavano a scagliarsi le cose addosso.

Le faccende non mancavano e l’ordine non regnava di certo sovrano.

Ad esempio:

c’era da preparare una miriade di pozioni che anzitempo furono ordinate dietro compenso anticipato da maghi e da alchimisti, (con tanto di missive di sollecito) c’era da spolverare la StegoLibreria oppure da eliminare le migliaia di ragnatele presenti un po’ ovunque, specie nelle antiche scale a spirale.

Le due streghe, dormivano e mangiavano tutto il giorno servendosi di un grifone da loro ammaestrato che andava a fare provviste di cibo già pronto in un emporio vicino.

Un giorno Fedora, si irritò più del solito, in quanto il castello versava in condizioni particolarmente pietose.

«Hyra, diamo una sistemata alla nostra dimora, sono stanca di vivere in questo porcile, cominciamo a prendere due scope!» ordinò.

Non ottenne risposta ma solo un antipatico sbadiglio e un cenno di no con un dito.

«Porco Diavolo, mi devi fare bestemmiare per forza! Dai, su, muovi quel dannato culo, ti dò una mano io!»

Hyra continuò a fare orecchie di mercante, finché si alzò con estrema lentezza dal divano, accompagnato da uno sguardo compiaciuto di una che la sa lunga.

«Invece di logorare le nostre povere ossa, non potremmo risolvere la questione con la magia?» propose.

«Con la magia?» ripetette l’altra strega le ultime tre parole, con espressione interrogativa.

«Se ricordi bene, esistono varie formule magiche mirate a ripulire ambienti di ogni genere.»

«Ora che ci penso, hai ragione, solo che non ne ricordo bene nessuna e mi scoccia andare a cercare nelle enciclopedie.»

Le due streghe rimasero per alcuni minuti a rimuginare.

«Il problema è che se sbagliamo il procedimento, saranno scarafaggi amari!» disse ancora con prudenza Fedora.

«Ebbene vecchia mia, credo proprio di saperne una!» sentenziò Hyra schioccando le dita.

«Una volta pronunciata la formula, le scope si animeranno e faranno tutto al nostro posto!» soggiunse ridacchiando.

Fedora non era tanto convinta ma in verità essendo anche lei piuttosto fannullona, assecondò l’idea della maliarda.

«Hocus Porcus, scope del castello, ripulite sto bordello!!!» evocò Hyra tre volte e in maniera estremamente concentrata chiuse gli occhi con tanto di gesti misteriosi.

Apparve una luce viola che si espanse ovunque e il castello cominciò a tremare.

«Ti sei rincoglionita per caso? Come Hocus Porcus? Hocus Pocus! Hocus Pocus! Manco le basi del mestiere, brutta megera!» si arrabbiò Fedora.

Tutti gli attrezzi per spazzare del castello si animarono quasi istantaneamente, tuttavia i risultati non furono quelli sperati.

Le scope cominciarono a saltellare qua e là, per poi scopare tra di loro, tanto che dalla loro unioni nacquero delle piccole scopette.

Come delle autentiche pesti, grandi e piccine, si divertirono a giocare causando danni praticamente ovunque cosicché sembravano inarrestabili.

Numerose ampolle e pozioni del laboratorio andarono in frantumi, stessa cosa i piatti e i bicchieri della cucina, per poi passare ai vetri di antichissimi mobili, per non parlare di vasi, anfore, lumi, etc.

Hyra e Fedora, a causa del loro avvilimento, non ricordando la contromagia, si misero a piangere come due disperate finché scope e scopette, probabilmente prese da un profondo dispiacere, decisero di placarsi e di ritornare inanimate.

 

 

Il castello finì per essere ridotto malissimo, un vero e proprio scempio nonché più disordinato di prima, come se fosse passato un terribile uragano.

Le due streghe dapprima litigarono furiosamente, tirandosi con ferocia i loro ripugnanti capelli grigi e crespi ma non passò molto tempo che fecero pace.

Non restava altro che rimboccarsi le maniche.

E fu così che le due streghe afferrarono due scope qualsiasi da terra e si cimentarono a pulire nonché a sistemare seriamente.

«Dove non arriva la magia, arriva la buona volontà!» sospirò infine Fedora ed anche Hyra imparò la lezione.

3
5
22

Il truffatore

Incipit

21 April 2019

Sono un bugiardo, uno di quelli senza scrupoli, lo ammetto. Non parlo di piccole bugie, quelle che comunemente si chiamano " bianche ", ma di menzogne serie, in grado di causare danni e dolore alle persone. Perché lo faccio? Ho iniziato per gioco ed ero molto bravo, poi però ho esagerato... mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Francesca: Ciao a tutti e grazie per aver letto nonostante la giornata festiva e auguri [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Dalle mia parti, nel messinese, fanno le cosiddette pizze bianche, ovvero pizze [...]

1
2
9

Parodia di "La canzone del sole" di Lucio Battisti

21 April 2019

Le bianche tette/ gli occhi azzurri e poi/ le tue chiappette sode/ e la peluria tra le gambe tue/ la prugna ancor più rossa/ E la brandina rotta dove noi/ già scopavamo piano/ e le tue cosce e l'eco dei tuoi dai,/ si dai/... mi stai facendo venire/ Dove sei andata, cosa hai fatto mai/ Brutta [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

0
0
12

Civico 21 - 1/4

Prima parte

21 April 2019

Scriveva, scriveva, scriveva… lavorava ininterrottamente. Una confusione tremenda quella mattina. Aveva tantissime nuove pratiche da gestire che, sommate a quelle che non era riuscita a smaltire nei giorni precedenti, facevano aumentare vertiginosamente la mole di lavoro. Intanto, in basso a destra [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
2
11

La prima volta al mare - 2/2

20 April 2019

In testa voleva mettersi un cappellino, ma non l’aveva trovato. Aveva i cappelli lunghi sciolti e con quelli si copriva il viso. Era tempo di rientrare, il sole scottava nonostante fosse presto. Il riverbero del mare aumentava il potere riscaldante, forse poteva arrischiare di bagnarsi i piedi, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
23

Come respirare

20 April 2019

Se il tempo non si fosse fermato a raccontarmi i tuoi occhi il vento gelido mi avrebbe portato via come terra. Ma le tue dita come radici intrecciate alle mie mi hanno aiutato a resistere alle tempeste. Ora ti guardo come non ho fatto mai perché tu mi sommergi con il tuo amore e poi mi lasci sulla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
1
19

THE KILLERS

20 April 2019

Erano giorni che non usciva da quella stanza, quella squallida stanza in quella squallida pensione in quella squallida cittadina poco distante da Chicago, triste e dimenticata da tutti. E l'aveva scelta proprio per questo. Così sperava di farla franca. La Pensione della signora Hirsch, a Summit, [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
5
22

La prima volta al mare - 1/2

19 April 2019

Claudia non aveva dormito per tutta la notte, tanta era l’emozione di trovarsi in riva al mare. Era la sua prima volta. Lei aveva sedici anni e non aveva mai visto il mare così da vicino. I genitori erano rimasti a dormire nella camera che era stata prenotata per loro. Lei, invece, approfittando [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
4
17

Il quadro perfetto

19 April 2019

Nel momento dell'aurora il pittore arrivò sulla spiaggia. Il suo scopo era dipingere il momento migliore, quindi si era ben organizzato, con una macchina fotografica per provare l'effetto di ciò che vedeva una volta messo su carta, quindi aveva tutto il necessario per stampare in macchina. Il momento [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: ducapaso, hai scritto un componimento a regola d'"arte", non [...]

  • ducapaso: Grazie Giuseppe, sempre troppo buono :-)
    Mi sono ricordato che bisogna [...]

3
2
15

Acquisti

19 April 2019

1) Il robot umanoide di produzione tedesca del film "Grandi magazzini" 2) L'Amiga 500 3) Soldatini di plastica, compresi gli indiani e i cowboy 4) Un tubetto di bolle di sapone 5) Tutte le sigle dei cartoon cantante da Enzo Draghi e Marco Destro 6) Un lecca lecca gigante di Arale dell'Autogrill [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: Resta sempre frivolo così e fanciullesc vivrai a lungo felice

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Flavia, senz'altro farò come tu dici. Posso anche superare [...]

4
4
15

Scalata

18 April 2019

Un tonante appello o cosa? Non si tratta dell'eco, ne sono sicuro. Le alture sono rivolte verso di me e hanno chiamato il mio nome. Mi sfidano a salire e a confrontarmi. Non sono un alpino e non dispongo della tenuta giusta. Che fare? Dai, posso farcela, stare fermo equivale a morire e io voglio [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Walter Fest: Minchia che roba!!!... A parte il parallellismo con fatti intrinsechi e personali, [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Walter, sono contento e soddisfatto del commento che mi hai lasciato. [...]

3
3
11

Regalami una storia

18 April 2019

II vecchio si alzò a fatica, le ginocchia dolenti, un pacco di libri tra le mani. Come gli era venuto in mente di mettere ordine? Erano anni che le cose andavano avanti così, alla rinfusa. Per modo di dire, andavano avanti. Si guardò intorno. Un tempo era stata una bella libreria, non tanto grande, [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • ducapaso: Si. Confermo il commento di Francesca, ti prende e si fa leggere!

  • Giuseppe Scilipoti: Wow, un "Mi piace! convinto!
    Araba Fenice ci regala una storia, degna [...]

2
6
20

Un'altra occasione - 3/3

18 April 2019

Si fermò a comprare un mazzo di rose, si sentiva di aver avuto una seconda occasione che voleva sfruttare al massimo. L'aver organizzato un fine settimana al mare, poi, sembrava cadere a pennello con i suoi propositi: si sarebbero rilassati lontani dalla routine quotidiana, lì ricominciare sarebbe [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • ducapaso: Mi sono sentito nei panni del fedifrago, non so se era più stretto il [...]

  • Francesca: Grazie cercherò di farlo!

Torna su