“La fortuna aiuta gli audaci, il pigro si ostacola da solo.”

Cit. Lucio Anneo Seneca

 

 

C’era una volta, un piccolo castello, che era abitato da due vecchissime streghe molto pigre come due orse perennemente in letargo.

Hyra e Fedora, questi erano i loro nomi.

Per svariati motivi, litigavano spesso, infatti oltre gli innumerevoli insulti, a volte, attraverso la magia, si cimentavano a scagliarsi le cose addosso.

Le faccende non mancavano e l’ordine non regnava di certo sovrano.

Ad esempio:

c’era da preparare una miriade di pozioni che anzitempo furono ordinate dietro compenso anticipato da maghi e da alchimisti, (con tanto di missive di sollecito) c’era da spolverare la StegoLibreria oppure da eliminare le migliaia di ragnatele presenti un po’ ovunque, specie nelle antiche scale a spirale.

Le due streghe, dormivano e mangiavano tutto il giorno servendosi di un grifone da loro ammaestrato che andava a fare provviste di cibo già pronto in un emporio vicino.

Un giorno Fedora, si irritò più del solito, in quanto il castello versava in condizioni particolarmente pietose.

«Hyra, diamo una sistemata alla nostra dimora, sono stanca di vivere in questo porcile, cominciamo a prendere due scope!» ordinò.

Non ottenne risposta ma solo un antipatico sbadiglio e un cenno di no con un dito.

«Porco Diavolo, mi devi fare bestemmiare per forza! Dai, su, muovi quel dannato culo, ti dò una mano io!»

Hyra continuò a fare orecchie di mercante, finché si alzò con estrema lentezza dal divano, accompagnato da uno sguardo compiaciuto di una che la sa lunga.

«Invece di logorare le nostre povere ossa, non potremmo risolvere la questione con la magia?» propose.

«Con la magia?» ripetette l’altra strega le ultime tre parole, con espressione interrogativa.

«Se ricordi bene, esistono varie formule magiche mirate a ripulire ambienti di ogni genere.»

«Ora che ci penso, hai ragione, solo che non ne ricordo bene nessuna e mi scoccia andare a cercare nelle enciclopedie.»

Le due streghe rimasero per alcuni minuti a rimuginare.

«Il problema è che se sbagliamo il procedimento, saranno scarafaggi amari!» disse ancora con prudenza Fedora.

«Ebbene vecchia mia, credo proprio di saperne una!» sentenziò Hyra schioccando le dita.

«Una volta pronunciata la formula, le scope si animeranno e faranno tutto al nostro posto!» soggiunse ridacchiando.

Fedora non era tanto convinta ma in verità essendo anche lei piuttosto fannullona, assecondò l’idea della maliarda.

«Hocus Porcus, scope del castello, ripulite sto bordello!!!» evocò Hyra tre volte e in maniera estremamente concentrata chiuse gli occhi con tanto di gesti misteriosi.

Apparve una luce viola che si espanse ovunque e il castello cominciò a tremare.

«Ti sei rincoglionita per caso? Come Hocus Porcus? Hocus Pocus! Hocus Pocus! Manco le basi del mestiere, brutta megera!» si arrabbiò Fedora.

Tutti gli attrezzi per spazzare del castello si animarono quasi istantaneamente, tuttavia i risultati non furono quelli sperati.

Le scope cominciarono a saltellare qua e là, per poi scopare tra di loro, tanto che dalla loro unioni nacquero delle piccole scopette.

Come delle autentiche pesti, grandi e piccine, si divertirono a giocare causando danni praticamente ovunque cosicché sembravano inarrestabili.

Numerose ampolle e pozioni del laboratorio andarono in frantumi, stessa cosa i piatti e i bicchieri della cucina, per poi passare ai vetri di antichissimi mobili, per non parlare di vasi, anfore, lumi, etc.

Hyra e Fedora, a causa del loro avvilimento, non ricordando la contromagia, si misero a piangere come due disperate finché scope e scopette, probabilmente prese da un profondo dispiacere, decisero di placarsi e di ritornare inanimate.

 

 

Il castello finì per essere ridotto malissimo, un vero e proprio scempio nonché più disordinato di prima, come se fosse passato un terribile uragano.

Le due streghe dapprima litigarono furiosamente, tirandosi con ferocia i loro ripugnanti capelli grigi e crespi ma non passò molto tempo che fecero pace.

Non restava altro che rimboccarsi le maniche.

E fu così che le due streghe afferrarono due scope qualsiasi da terra e si cimentarono a pulire nonché a sistemare seriamente.

«Dove non arriva la magia, arriva la buona volontà!» sospirò infine Fedora ed anche Hyra imparò la lezione.

1
0
9

Il personaggio

19 August 2019

Aveva aspettato tutta una vita prima di prender vita e avere una forma. Era stato come aver indossato una maschera per potersi confrontare con tutte quelle che costituiscono la società, dentro alla quale si esiste con tutte le cattiverie o le finte benedizioni perché operate in nome dell'egoismo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
5

E quindi...

19 August 2019

Quand'anche avessi fatto quadrato contro una questione circa le quote di un quagliodromo di Tor di Quinto in via Quintino Sella, senza perdermi in quisquiglie, avrei fatto ben presto la quadra presentando una querela in Questura e mettendomi così il cuore in quiescenza. Particolarmente inquietato [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
21

Gli affamati

18 August 2019

Eccola, la fame, voglia vogliosa di morbidezze, di croccanti prelibatezze da mordere, leccare, ingurgitare. Preparo la tavola, stendo la tovaglia, ricompongo per bene i cuscini nelle seggie, trattengo la fame senza mangiar da sola nulla, mi piace di più quando mangio insieme a un altro, è un sodalizio, [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

6
9
24

La divisa

18 August 2019

Nei miei verdissimi anni ero un ragazzo assai timido, impacciato, impedito e indubbiamente smarrito, il rapporto con i coetanei e soprattutto con le persone più grandi mi davano un senso di inferiorità, difatti tra i vari aspetti negativi raramente riuscivo a reggere i confronti, persino a sostenere [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • flavia: o surdato 'nnamurato è una delle mie preferite <<Ohi vita [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Scrittrice Imperfetta: grazie mille. Era da qualche anno che volevo scrivere [...]

5
5
22

per Esempio

17 August 2019

C'era una volta un Esempio non particolarmente importante, né molto interessante: era solo un Esempio. La gente gli passava accanto il più delle volte senza prestargli attenzione, ma a volte qualcuno lo prendeva e lo portava davanti a tutti, lo faceva vedere e studiare. Allora l'Esempio si sentiva [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
5
19

Equibrium

17 August 2019

L'avevano trovato il loro equilibrio del loro non stare insieme, del loro non essere una coppia come tutte le altre. Che noia essere uguale agli altri, che prurito non potersi distinguere dalla massa. Perciò, finalmente, e con grande soddisfazione per entrambe, vi erano riuscite. Non si definivano [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Francesca: Un bel pezzo.. ma difficilissimo da applicare nella pratica

  • Heidina wolf: Dipende.. È stato vero fino a 20 gg fa.. C'erano voluti quasi 20 [...]

3
4
16

Gin tonic con Tanqueray

16 August 2019

Andammo a fare un giro fuori città una sera, c'era quel tizio Don o Dan, Lizzie, Joy e Mark. Carlotta non venne, se ne stava sempre in disparte, la amavo per questo ma non lo sapeva. Entrammo in un locale da schifo, la musica era terribile e c'erano un sacco di tipi con le camice abbottonate fin [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Molto crudo e si, sicuramente sessista , ma scritto bene e ti spinge a leggere [...]

  • Principe dei desideri: Brano piacevole da leggere, che va dritto al punto, senza troppi fronzoli. [...]

3
6
16

Addio

16 August 2019

Avevi la sofferenza scolpita negli occhi. "Cos'hai?" "Niente." In silenzio, mi stavi dicendo addio

Tempo di lettura: 30 secondi

7
8
17

Il regalo

15 August 2019

Ho nel cassetto del salotto un pacchetto regalo che non ho mai aperto. È lì da molto tempo. Non riesco proprio a ricordare chi me l'abbia regalato. E nemmeno in quale occasione. So solo che l'ho portato a casa e non l'ho aperto. Ci sarà stato un motivo ma non ricordo nemmeno quello. Ho chiesto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

7
5
20

Giallo improvvisascion

seconda parte....il finale

15 August 2019

Amici lettori, eccomi di nuovo con voi, ancora improvvisazione, la testa è sgombra da pensieri, fà caldo e si dovrebbe fare altro ma io stò quà seduto davanti la tastiera per scrivere quello che non sò, ve l'avevo detto l'altra volta che questa era una sperimentazione, avrei voluto fare tre parti [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

7
10
25

Fiocco di neve

14 August 2019

Vorrei essere temerario come un fiocco di neve perché non ha paura di cadere

Tempo di lettura: 30 secondi

4
2
9

Macchine

14 August 2019

Percorrendo la Prenestina, un’antica via consolare romana, la mia macchina arrancava. Sentiva il peso degli anni e di conseguenza necessitava di cure amorevoli. Chiamando col termine manutenzione quelle cure mi sembrava di sminuirla. Meglio dire che bisognava avere dell’attenzioni particolari [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Francesca: Carino! Mi ha fatto pensare alla prima macchina.. una cinquecento che dopo [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Buongiorno Ricky! Per mille Fiat! Hai "scaldato i motori" della fantasia [...]

Torna su