“La fortuna aiuta gli audaci, il pigro si ostacola da solo.”

Cit. Lucio Anneo Seneca

 

 

C’era una volta, un piccolo castello, che era abitato da due vecchissime streghe molto pigre come due orse perennemente in letargo.

Hyra e Fedora, questi erano i loro nomi.

Per svariati motivi, litigavano spesso, infatti oltre gli innumerevoli insulti, a volte, attraverso la magia, si cimentavano a scagliarsi le cose addosso.

Le faccende non mancavano e l’ordine non regnava di certo sovrano.

Ad esempio:

c’era da preparare una miriade di pozioni che anzitempo furono ordinate dietro compenso anticipato da maghi e da alchimisti, (con tanto di missive di sollecito) c’era da spolverare la StegoLibreria oppure da eliminare le migliaia di ragnatele presenti un po’ ovunque, specie nelle antiche scale a spirale.

Le due streghe, dormivano e mangiavano tutto il giorno servendosi di un grifone da loro ammaestrato che andava a fare provviste di cibo già pronto in un emporio vicino.

Un giorno Fedora, si irritò più del solito, in quanto il castello versava in condizioni particolarmente pietose.

«Hyra, diamo una sistemata alla nostra dimora, sono stanca di vivere in questo porcile, cominciamo a prendere due scope!» ordinò.

Non ottenne risposta ma solo un antipatico sbadiglio e un cenno di no con un dito.

«Porco Diavolo, mi devi fare bestemmiare per forza! Dai, su, muovi quel dannato culo, ti dò una mano io!»

Hyra continuò a fare orecchie di mercante, finché si alzò con estrema lentezza dal divano, accompagnato da uno sguardo compiaciuto di una che la sa lunga.

«Invece di logorare le nostre povere ossa, non potremmo risolvere la questione con la magia?» propose.

«Con la magia?» ripetette l’altra strega le ultime tre parole, con espressione interrogativa.

«Se ricordi bene, esistono varie formule magiche mirate a ripulire ambienti di ogni genere.»

«Ora che ci penso, hai ragione, solo che non ne ricordo bene nessuna e mi scoccia andare a cercare nelle enciclopedie.»

Le due streghe rimasero per alcuni minuti a rimuginare.

«Il problema è che se sbagliamo il procedimento, saranno scarafaggi amari!» disse ancora con prudenza Fedora.

«Ebbene vecchia mia, credo proprio di saperne una!» sentenziò Hyra schioccando le dita.

«Una volta pronunciata la formula, le scope si animeranno e faranno tutto al nostro posto!» soggiunse ridacchiando.

Fedora non era tanto convinta ma in verità essendo anche lei piuttosto fannullona, assecondò l’idea della maliarda.

«Hocus Porcus, scope del castello, ripulite sto bordello!!!» evocò Hyra tre volte e in maniera estremamente concentrata chiuse gli occhi con tanto di gesti misteriosi.

Apparve una luce viola che si espanse ovunque e il castello cominciò a tremare.

«Ti sei rincoglionita per caso? Come Hocus Porcus? Hocus Pocus! Hocus Pocus! Manco le basi del mestiere, brutta megera!» si arrabbiò Fedora.

Tutti gli attrezzi per spazzare del castello si animarono quasi istantaneamente, tuttavia i risultati non furono quelli sperati.

Le scope cominciarono a saltellare qua e là, per poi scopare tra di loro, tanto che dalla loro unioni nacquero delle piccole scopette.

Come delle autentiche pesti, grandi e piccine, si divertirono a giocare causando danni praticamente ovunque cosicché sembravano inarrestabili.

Numerose ampolle e pozioni del laboratorio andarono in frantumi, stessa cosa i piatti e i bicchieri della cucina, per poi passare ai vetri di antichissimi mobili, per non parlare di vasi, anfore, lumi, etc.

Hyra e Fedora, a causa del loro avvilimento, non ricordando la contromagia, si misero a piangere come due disperate finché scope e scopette, probabilmente prese da un profondo dispiacere, decisero di placarsi e di ritornare inanimate.

 

 

Il castello finì per essere ridotto malissimo, un vero e proprio scempio nonché più disordinato di prima, come se fosse passato un terribile uragano.

Le due streghe dapprima litigarono furiosamente, tirandosi con ferocia i loro ripugnanti capelli grigi e crespi ma non passò molto tempo che fecero pace.

Non restava altro che rimboccarsi le maniche.

E fu così che le due streghe afferrarono due scope qualsiasi da terra e si cimentarono a pulire nonché a sistemare seriamente.

«Dove non arriva la magia, arriva la buona volontà!» sospirò infine Fedora ed anche Hyra imparò la lezione.

0
0
0

Elsa

la temeraria

17 February 2019

È domenica. Oggi mi aspetta una grande avventura organizzata dal nostro allenatore. Io faccio parte di una squadra di cicliste donne che predilige le robuste mountain bike alle bici da strada, troppo femminili e delicate per noi. Il contatto con la natura è la motivazione maggiore che ci induce [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
2
3

Racconto - 2/2

17 February 2019

24‭ ‬dicembre‭ ‬1989 Tutto il giorno ad aspettare una chiamata.‭ ‬Almeno lui si può muovere,‭ ‬non ha‭ ‬uno specchio che lo tormenta.‭ ‬A sera finalmente squilla il telefono. ‭"‬Ciao,‭ ‬Nicola,‭ ‬sono Alessandro‭"‬. ‭"‬Ciao,‭ ‬bell'uomo,‭ ‬dimmi qualcosa di bello‭!" " 'Qualcosa di bello‭'! ‬Ma [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come promesso, ho atteso dopo la mezzanotte per seconda parte, davvero interessato [...]

  • ducapaso: Questo è uno dei più vecchi, non ricordo neppure con precisione [...]

0
0
2

Foto

17 February 2019

Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Tu di profilo e la fotocamera puntata. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. "Vento capriccioso!" dici, tastando i capelli. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Il vento mi è complice, soffiando ti pettina. Sei in posa, sebbene tu non lo sappia. Sparo una [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
1
7

Tutto in un giorno

16 February 2019

Trotterellando come una trota di torrente in trasferta nel Ticino, mi trovai su una tradotta sul tratto Torino-Tirano insieme ad un un frate trappista, una traduttrice tedesca di lingua madre tibetana e un teppistello tredicenne con uno strano turbante in testa a forma di turacciolo. Con tutti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • flavia: la tua confusione mentale è sempre divertente

2
4
14

Racconto - 1/2

16 February 2019

Quante volte capita di guardarsi allo specchio ‭ ‬e di non riconoscersi‭? E quante altre,‭ ‬per un gioco di luci,‭ ‬un riflesso o una distrazione,‭ ‬sembra che si sia qualcun altro al di là del vetro‭? Ci abituiamo a non pensarci,‭ ‬a non far caso,‭ ma qualcuno si pone mai seriamente il problema‭? [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Buondì ducapaso,, "attraverso" uno specchio hai tirato fuori [...]

  • ducapaso: Questo era l'ultimo che avevo.preparati appena iscritto, da allora non [...]

2
2
12

DESTINAZIONE SCONOSCIUTA

16 February 2019

DESTINAZIONE SCONOSCIUTA Giorno di festa L’immagine di un’attesa Dopo un lungo discorso. I gradini di una piazza Mostri che si accavallano Nella mente e negli occhi. Il ricordo di un identico giorno Tante vite trascorse o vissute In un millesimo di vita. Lo stesso vino come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Direi, decisamente, una poesia di buon livello, Un'appropriata metafora [...]

  • flavia: poche pennellate per entrare come in sogno nel ricordo, sottile e lieve come [...]

3
3
12

Annelise

l'oggetto

15 February 2019

< Signor Levinski vi prego concedetemi ancora del tempo, il negozio, lo potete vedere anche voi, si sta riprendendo. C’è stato un periodo di rilassamento a causa di questa maledetta guerra che Napoleone sta lanciando su tutta l’Europa. La gente ha paura e spende poco, ma sembra che il nostro [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

6
10
22

Solitudine sotto la neve

15 February 2019

Dalla finestra guardo il giardino, fuori nevica, ma io sto al caldo. In questi giorni hanno aumentato i gradi perchè nella casa vivono persone molto anziane, quasi centenari. Nella mia solitudine ammiro lo strato bianco che si posa pian piano a coprire ogni cosa. La coperta bianca e fredda della [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • flavia: cara Lory si può essere soli in mezzo alla gente ed è molto brutto, [...]

  • Surya: Bravissima Flavia,
    Testo molto toccante...
    Come si chiamerà [...]

5
5
15

Il papà nel cassetto - 2/2

15 February 2019

Già, la mamma. Perché da quando Papi era andato via le cose non avevano fatto che peggiorare, e la mamma aveva attraversato diverse fasi: dopo il primo momento di rabbia cieca, (in cui Edoardo l’aveva guardata impaurito e tremante da sotto il tavolo fare a pezzi foto e oggetti che avevano a che [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

3
5
20

LA MEGLIO GIOVENTU’  (2003)

14 February 2019

LA MEGLIO GIOVENTU’ (2003) Fra il 1966 ed il 2003 si dipana la storia, privata e pubblica, di Nicola e Matteo, fratelli così diversi fra di loro eppure così vicini. Promettenti studenti universitari, condividono sogni e speranze, fino all'incontro con Giorgia, ragazza psichicamente disturbata, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • piero: Bella recensione di un mega film che racconta bene quegli anni formidabili. [...]

  • Adalberto: LA MEGLIO GIOVENTU' su Raiplay
    https://www.raiplay.it/programmi/lamegliogioventu/

7
6
17

Il papà nel cassetto - 1/2

14 February 2019

Dodici anni: pochi, per poter essere considerato “grande”… troppi, per appartenere ancora a quel mondo, quello dell’infanzia, in cui tutto è forse più semplice. Eh si, se avesse potuto Edoardo sarebbe tornato volentieri indietro di un bel po’. Magari alla scuola materna, per non avere compiti da [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Scrittrice imperfetta: Buongiorno a tutti!! Scily, grazie, come sempre il tuo commento aggiunge sfumature, [...]

  • Surya: Wow! I tuoi testi arrivano dritto dritti al cuore, sei bravissima! E ora vado [...]

4
3
16

Spoon river

14 February 2019

Strane radici invadono corpi sotto un cupo cielo lacerato dal tuono e una pioggia cattiva intride una terra riarsa e immemore di pagani riti mentre vapori indistinti si alzano lenti come anime incerte di vaghi ectoplasmi ...e da lontano cigolando stride una vecchia giostra arrugginita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Nerissimo, ehm... carissimo Ferry, una poesia grigia e bigia, dove ti imperni [...]

  • Walter Fest: Questo è un commento invisibile perché dal momento che tu (per [...]

Torna su