Erano passati circa sei mesi da quando avevo finito le superiori e finalmente mi lasciavo alle spalle le materie, i professori, i compagni di scuola nonché l' imperante bullismo perpetrato ai miei danni da parte di quest' ultimi.

Avevo 19 anni, nonostante il tedioso periodo scolastico durato cinque anni, mi sentivo come  rinascere.

Ero libero, senza più percosse fisiche e soprattutto psicologiche che tanto avevano reso quel periodo della mia vita un autentico girone dantesco.

Dopo la scuola, lavoravo da circa tre anni, in un negozio di articoli casalinghi, dove parallelamente venivo sfruttato nonché pagato una miseria e attendevo con trepidazione la chiamata alle armi in quanto desideroso di una carriera nell'esercito, mestiere che sognavo fin da bambino.

Non ho alcuna nostalgia delle superiori, principalmente brutti ricordi che ancora oggi risultano vividi nella mia mente.

Un quinquennio che mi apparve per ovvi motivi davvero lunghissimo, difatti i miei compagni di classe e non, me ne fecero di tutti i colori, fin dai primi giorni del primo anno, mi fu affibbiato un brutto epiteto che mi logorava l'anima ogni qualvolta lo udivo.

“PROSCIUTTO”.

Un soprannome che mi fu dato da un compagno di classe per via che all'epoca dei fatti, avevo la carnagione rosa pallido.

Loris Calabrese (non dimenticherò mai questo nome), un pessimo elemento senza alcuna voglia di studiare, che frequentò la scuola per circa tre mesi poiché dopo essere stato sospeso a causa di un gravoso comportamento nei confronti del professore di elettronica, decise di non fare più ritorno.

Ancora oggi mi viene una gran rabbia al solo pensarci.

Si iscrisse inutilmente all' I.P.S.I.A., procurò enormi fastidi (e non solo al sottoscritto) per poi infine, come già detto, ritirarsi e grazie a quel maledetto appellativo mi condannò per tutto il periodo scolastico, specie i primi tre anni che si rilevarono senz'altro i più orrendi.

Sono sempre stato del parere che certa gente viene mandata dal diavolo stesso per scombussolare la vita a chi non merita di essere inquietato.

Il soprannome si propagò facilmente come un morbo e in men che non si dica anche nelle altre classi.

“Prosciutto! Prosciutto! Prosciutto!..”

Venivo così insultato, spesso e volentieri (da uno o più ragazzi, con tanto di cori odiosi) in classe, nel cortile, nei bagni, all'uscita della scuola, anche quando venivo pescato per le vie della mia città in cui bulli sfrecciavano con i loro scooter.

In certi contesti, arrivai addirittura alle mani con singoli individui, battendomi come un leone ma le dolorose rappresaglie venivano fin da subito messe in atto.

Reagivo per difendermi ma dinnanzi ai gruppi non avevo scampo. Erano in troppi e io ero solo.

I professori non mi furono d' aiuto in alcun modo, inoltre a casa non ne parlavo, avevo paura che avrei peggiorato la mia situazione in caso di un intervento dei miei genitori.

A parte Ernesto, il mio compagno di banco che più o meno subiva le mie stesse angherie, non legai con nessuno.

Da segnalare che gli insulti tante volte venivano accompagnati da calci, sgambetti e vigorose manate al collo e nel peggiore dei casi non mancavano sputi e percosse.

Durante la ricreazione per scongiurare problemi, preferivo starmene rintanato in classe, meglio ancora con l'insegnante presente ed evitavo di affacciarmi alla finestra.

Nel 2003 l' incubo finì, seppur mi diplomai con un punteggio davvero modesto, me ne fregai altamente poiché il mio intento principale era sbarazzarmi di tutti coloro che mi fecero patire ogni genere di vessazioni, tra cui un certo Gaetano Castello il carnefice dei carnefici.

Era il primo della classe e primeggiava in tutto, anche in educazione fisica (capitanava una agguerrita squadra locale di calcio) ma allo stesso tempo il peggiore caratterialmente, in primis nei miei confronti.

Arrogante, narcisista, sfacciato, maligno, impietoso, malevole, ostile, perfido... non basterebbero intere pagine per elencare tutti i sinonimi o comunque i suoi lati negativi.

Nonostante ciò, risultava una sorta di leader, in sostanza uno degli studenti più popolari della scuola, tra l'altro aveva parecchia fortuna anche con le ragazze, complice il fatto che era considerato un bel ragazzo.

Capigliatura bionda a caschetto, occhi azzurri, non molto alto, fisicamente atletico, orecchino ed abbigliamento firmato dalla testa ai piedi.

Un tipo odioso ed insopportabile, mi aveva preso praticamente di mira, una persona praticamente impossibile da gestire.

Una mattina del terzo anno, preso dall'esasperazione nonché accecato dall'odio, dopo gli ultimi due giorni davvero infernali ad opera di Gaetano, decisi di infilare dentro il mio zaino, il mattarello di mia madre, pronto a malmenare a sangue il mio diabolico nemico.

Al suono della campanella che annunciava la prima ora, lo vidi vicino al cancello della scuola, e come da copione cominciò a insultarmi.

«Prosciutto, prosciuttazzo!» accompagnato da risate e dai cori crudeli di altri miei compagni di scuola.

Appena fu di spalle, con le mani tremanti, aprii lo zaino pronto a impugnare la mia 'arma' ma all'atto pratico non feci nulla.

Non so come spiegarmelo... forse la decisione finale fu scaturita da una questione morale o forse fu l' angelo custode che mi fece 'ragionare' e desistere dal mio violento proposito.

Immaginai un esito disastroso, con il rischio elevato di una bella denuncia per percosse e addio carriera nell'esercito oltre ad una sospensione che mi avrebbe pregiudicato in maniera inesorabile l'anno scolastico.

Dopo la maturità, nonostante la scuola fosse finita come già detto da sei mesi, Gaetano sempre ancorato al suo vecchio retaggio non mancò sempre e comunque di insultarmi mettendomi in berlina durante i suoi passaggi in qualunque posto mi trovavo.

La mia città, non essendo grandissima, incontrarlo non era affatto difficile ed evitarlo non mi era sempre possibile.

Mi rodeva quel suo solito atteggiamento insolente, ma nel contempo essendo finita la scuola e trattandosi di episodi isolati, preferii non dannarmi più di tanto anche per via che presto sarei partito militare con la ferma di almeno di due anni.

Un episodio degno di nota ribaltò inaspettatamente la situazione a mio favore, un episodio che mi accingo per cui a raccontare attraverso queste righe.

0
0
2

OMERO

19 December 2018

Omero, a former teacher who has just retired, decides to leave Rome, where he taught for 30 years and to get back to Sicily, the place where he was born. Alice, his eight year old grand-daughter, goes with him: she wants to visit her parents' homeland. The pair get to Naples by train and visit [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
7

Er menestrello e l'artigiano

19 December 2018

«’A Riché, ma ‘a finisci de strimpellà inutilmente ‘a chitara? Tanto idee nove nun te vengheno» «Ma smettila Giù, se te da fastidio me ne vado ar mare, pijo er trenino e sparisco, sto’ co’ la panza ar sole tutto er giorno, poi vojo vedè chi te fa svagà mentre metti a posto le sedie che nazzicheno» [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
1
13

Un sorriso

18 December 2018

Lì lontano la sera sta arrivando in questa uggiosa giornata di autunno. Ma io mi sento primavera da quando mi hai sorriso in quell'attimo di infinito Maurizio Gimigliano © Copyright 2018

Tempo di lettura: 30 secondi

1
2
33

La lettera

18 December 2018

Da qualche parte, nel Sud, viveva un giovane lavoratore precario della Pubblica Amministrazione. Avete presente il tipo? Uno di quelli da primo della classe, scrupoloso, mai sopra le righe o fuori dagli schemi?...Ecco, sì. Proprio uno così. Ebbene, a dispetto delle apparenze e della sua condizione, [...]

Tempo di lettura: 5 minuti

2
1
13

LAST  RING

17 December 2018

Eros era l'unico sopravvissuto sulla Terra, o, almeno, era quello che pensava. Una guerra atomica aveva distrutto il genere umano. Viveva all'ultimo piano di un grattacielo al centro della Capitale e si nutriva con il cibo trovato negli altri appartamenti del palazzo. Trascorreva le giornate [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
0
10

Corrrere per chissà dove... nell'ignoranza della storia

17 December 2018

Ci vogliono far credere che correre sia necessario per non rimanere indietro. Correre per cercare di superare gli altri che corrono, corrono per chissà dove. Ma la competizione può essere utile solo quando è sana e portata avanti secondo i canoni della correttezza e della legalità. Quando invece [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
11

Pioggia

16 December 2018

Muta la tempesta cade senza bussando ai margini dei nostri giorni. Una pagina sgualcita del nostro diario senza tempo lascia spazio alle nostre tristi gioie in attesa del tramonto che presto giungerà.

Tempo di lettura: 30 secondi

6
6
14

La banda di mastro Leonardo e il mistero dell'acqua

Natale in giallo

16 December 2018

-Ivan Graziani che provi quando suoni la chitarra?- -Mastro Leonardo che posso dirti che già non sai?- -Hai ragione, mi piace sentirlo dire da te.- -Sono sensazioni che non si possono spiegare o descrivere, ecco perchè solo gli artisti, attraverso sè stessi possono esprimersi e fare conoscere tutte [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Roberta21: Grande Walter 💙💙💙

  • Puccia: Bravo Walter, ed il giallo continua! Aspettando ti abbraccio per tenerci in [...]

2
4
9

l'araldo del destino

16 December 2018

Jane Dawson avvertiva netta la sensazione che Waynesboro sarebbe stata la prima città della Virginia ad essere invasa dalle truppe unioniste. Il primo posto dove si sarebbe abbattuta, come un tornado, la torma nordista ancora ebbra dalla carneficina di Gettysburg. Perciò radunò immantinente le [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

  • Puccia: Bel racconto, corto ma molto rievocativo in più il ruolo delle "donne" [...]

  • Giampiero: Caro Puccia sono contento ti sia piaciuto

2
1
11

KIDULT

15 December 2018

- Che cosa hai pensato di fare? - La domanda poteva essere anche adeguata, ma non quel giorno e, soprattutto, non in quel luogo e in quella situazione. Si erano conosciuti un mese prima. Al Museo di Cultura interetnica di Stoccarda si presentava l’ultimo saggio di Josef Foria sul dissenso [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
1
13

Il babbìo

15 December 2018

Ridere fa bene. Apre all'ottimismo, rilassa i nostri muscoli facciali, ci predispone alla serenità e all'armonia interiore. Ma il “babbìo” è un'altra cosa. Può essere indisponente per chi ci sta attorno e per chi è preso di mira a meno che non ci si adegui e si sta al babbio, sapendo che non è [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Giuseppe Scilipoti: Come si dice? Scherzando e ridendo in Italia, mentre scherzando e... “babbìando" [...]

6
8
17

La banda di mastro Leonardo e il mistero del sottomarino giallo

Natale in giallo

14 December 2018

Autunno, Autunno che bella stagione, è tempo di castagne, di vendemmia, di cambio di stagione negli interni degli armadi... cambio di stagione? Dipende dal cambiamento climatico come gli gira, comunque l'autunno è bello anche perchè le foglie degli alberi cambiano colore, diventano di quel colore [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

Torna su