Erano passati circa sei mesi da quando avevo finito le superiori e finalmente mi lasciavo alle spalle le materie, i professori, i compagni di scuola nonché l' imperante bullismo perpetrato ai miei danni da parte di quest' ultimi.

Avevo 19 anni, nonostante il tedioso periodo scolastico durato cinque anni, mi sentivo come  rinascere.

Ero libero, senza più percosse fisiche e soprattutto psicologiche che tanto avevano reso quel periodo della mia vita un autentico girone dantesco.

Dopo la scuola, lavoravo da circa tre anni, in un negozio di articoli casalinghi, dove parallelamente venivo sfruttato nonché pagato una miseria e attendevo con trepidazione la chiamata alle armi in quanto desideroso di una carriera nell'esercito, mestiere che sognavo fin da bambino.

Non ho alcuna nostalgia delle superiori, principalmente brutti ricordi che ancora oggi risultano vividi nella mia mente.

Un quinquennio che mi apparve per ovvi motivi davvero lunghissimo, difatti i miei compagni di classe e non, me ne fecero di tutti i colori, fin dai primi giorni del primo anno, mi fu affibbiato un brutto epiteto che mi logorava l'anima ogni qualvolta lo udivo.

“PROSCIUTTO”.

Un soprannome che mi fu dato da un compagno di classe per via che all'epoca dei fatti, avevo la carnagione rosa pallido.

Loris Calabrese (non dimenticherò mai questo nome), un pessimo elemento senza alcuna voglia di studiare, che frequentò la scuola per circa tre mesi poiché dopo essere stato sospeso a causa di un gravoso comportamento nei confronti del professore di elettronica, decise di non fare più ritorno.

Ancora oggi mi viene una gran rabbia al solo pensarci.

Si iscrisse inutilmente all' I.P.S.I.A., procurò enormi fastidi (e non solo al sottoscritto) per poi infine, come già detto, ritirarsi e grazie a quel maledetto appellativo mi condannò per tutto il periodo scolastico, specie i primi tre anni che si rilevarono senz'altro i più orrendi.

Sono sempre stato del parere che certa gente viene mandata dal diavolo stesso per scombussolare la vita a chi non merita di essere inquietato.

Il soprannome si propagò facilmente come un morbo e in men che non si dica anche nelle altre classi.

“Prosciutto! Prosciutto! Prosciutto!..”

Venivo così insultato, spesso e volentieri (da uno o più ragazzi, con tanto di cori odiosi) in classe, nel cortile, nei bagni, all'uscita della scuola, anche quando venivo pescato per le vie della mia città in cui bulli sfrecciavano con i loro scooter.

In certi contesti, arrivai addirittura alle mani con singoli individui, battendomi come un leone ma le dolorose rappresaglie venivano fin da subito messe in atto.

Reagivo per difendermi ma dinnanzi ai gruppi non avevo scampo. Erano in troppi e io ero solo.

I professori non mi furono d' aiuto in alcun modo, inoltre a casa non ne parlavo, avevo paura che avrei peggiorato la mia situazione in caso di un intervento dei miei genitori.

A parte Ernesto, il mio compagno di banco che più o meno subiva le mie stesse angherie, non legai con nessuno.

Da segnalare che gli insulti tante volte venivano accompagnati da calci, sgambetti e vigorose manate al collo e nel peggiore dei casi non mancavano sputi e percosse.

Durante la ricreazione per scongiurare problemi, preferivo starmene rintanato in classe, meglio ancora con l'insegnante presente ed evitavo di affacciarmi alla finestra.

Nel 2003 l' incubo finì, seppur mi diplomai con un punteggio davvero modesto, me ne fregai altamente poiché il mio intento principale era sbarazzarmi di tutti coloro che mi fecero patire ogni genere di vessazioni, tra cui un certo Gaetano Castello il carnefice dei carnefici.

Era il primo della classe e primeggiava in tutto, anche in educazione fisica (capitanava una agguerrita squadra locale di calcio) ma allo stesso tempo il peggiore caratterialmente, in primis nei miei confronti.

Arrogante, narcisista, sfacciato, maligno, impietoso, malevole, ostile, perfido... non basterebbero intere pagine per elencare tutti i sinonimi o comunque i suoi lati negativi.

Nonostante ciò, risultava una sorta di leader, in sostanza uno degli studenti più popolari della scuola, tra l'altro aveva parecchia fortuna anche con le ragazze, complice il fatto che era considerato un bel ragazzo.

Capigliatura bionda a caschetto, occhi azzurri, non molto alto, fisicamente atletico, orecchino ed abbigliamento firmato dalla testa ai piedi.

Un tipo odioso ed insopportabile, mi aveva preso praticamente di mira, una persona praticamente impossibile da gestire.

Una mattina del terzo anno, preso dall'esasperazione nonché accecato dall'odio, dopo gli ultimi due giorni davvero infernali ad opera di Gaetano, decisi di infilare dentro il mio zaino, il mattarello di mia madre, pronto a malmenare a sangue il mio diabolico nemico.

Al suono della campanella che annunciava la prima ora, lo vidi vicino al cancello della scuola, e come da copione cominciò a insultarmi.

«Prosciutto, prosciuttazzo!» accompagnato da risate e dai cori crudeli di altri miei compagni di scuola.

Appena fu di spalle, con le mani tremanti, aprii lo zaino pronto a impugnare la mia 'arma' ma all'atto pratico non feci nulla.

Non so come spiegarmelo... forse la decisione finale fu scaturita da una questione morale o forse fu l' angelo custode che mi fece 'ragionare' e desistere dal mio violento proposito.

Immaginai un esito disastroso, con il rischio elevato di una bella denuncia per percosse e addio carriera nell'esercito oltre ad una sospensione che mi avrebbe pregiudicato in maniera inesorabile l'anno scolastico.

Dopo la maturità, nonostante la scuola fosse finita come già detto da sei mesi, Gaetano sempre ancorato al suo vecchio retaggio non mancò sempre e comunque di insultarmi mettendomi in berlina durante i suoi passaggi in qualunque posto mi trovavo.

La mia città, non essendo grandissima, incontrarlo non era affatto difficile ed evitarlo non mi era sempre possibile.

Mi rodeva quel suo solito atteggiamento insolente, ma nel contempo essendo finita la scuola e trattandosi di episodi isolati, preferii non dannarmi più di tanto anche per via che presto sarei partito militare con la ferma di almeno di due anni.

Un episodio degno di nota ribaltò inaspettatamente la situazione a mio favore, un episodio che mi accingo per cui a raccontare attraverso queste righe.

0
0
3

Kind of blue

19 January 2020

Hanno soppresso il buon sapere delle querce e dei tronchi robusti lungo la strada. Alberi immobili e pensanti. Hanno visto passare uomini e donne nei loro vestiti tutte le stagioni, e hanno visto passare me in bici col cuore spezzato e il dopo sbronza. C'erano anche la scorsa notte quando la [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

2
2
8

La ragazza del porto

19 January 2020

Un gabbiano e la sua compagna Un cielo senza nuvole Sole tiepido di primavera Onde che si infrangono sugli scogli rumorosamente Navi che mollano gli ormeggi Volti di pescatori con le loro rughe e le loro storie Guardandoli si leggono dentro, ma solo per chi vuole vedere Sguardi di chi ha visto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
3
8

Turista nella nebbia

18 January 2020

Tanti anni fa, mentre mi trovavo in un paesino dell'Essex, una contea dell'Inghilterra orientale, dopo essere sceso da un autobus non ci volle molto per addentrarmi in una fitta nebbia perdendo così l'orientamento. Confesso che mi inquietai, tra l'altro avevo addosso uno zaino pesante che mi dava [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
5

In treno

18 January 2020

Il ragazzo è entrato con fare sospetto, perplesso, quasi schifato. Realizzai in quell’esatto momento con chi avremmo dovuto passare il resto del viaggio. Io e Vladimir, amici da una vita, tornavamo a casa dalle nostre mogli. Dicevo, il giovane è entrato e mi resi conto che era proprio schifato, [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

3
1
10

Viagra

una storia vera

17 January 2020

Spoleto, notte piena, albergo a tre stelle, camera matrimoniale di dimensioni ridotte. Lui era arrivato in quella camera travolto da una tempesta di eventi uno più intenso e sconvolgente dell’altro. Eppure non si poteva dire di lui che fosse un cinquasettenne pantofolaio e borghese, poco avvezzo [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

14
18
144

L'ascensore

16 January 2020

Oggi è il mio primo giorno di lavoro alla Duke & Nuke, una società finanziaria con sede a New York, precisamente a Hell's Kitchen, un quartiere di Manhattan. Dopo una laurea conseguita a pieni voti, aver trovato un lavoro in una sede così prestigiosa mi inorgoglisce. Prospetto un ottimo stipendio, [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Sandro Amici: Giuseppe, tu lo sai ti apprezzo; per questo mi permetto di farti alcune annotazioni. [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Ciao Sandro, ti ringrazio per il tuo commento, lo so che sei sincero e se devi [...]

5
3
12

Annibale

15 January 2020

Oggi sento i miei anni Sono ottanta se la memoria non mi tradisce Trascino le gambe a volte tra una stanza e l’altra Mi dico sempre che è perché non ho fretta Ma è una bugia con le gambe corte Mi sveglio sempre alle sei al canto di Annibale Vivo ormai solo da diversi anni La mia Anna la vedo [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

7
0
16

Favole diseducative con morale piuttosto equivoca - L'energia alternativa

Una roba di almeno sei anni fa che scrissi quando nemmeno mi era cresciuta la barba

14 January 2020

C’era una volta uno scienziato che ebbe la fortuna di fare una scoperta rivoluzionaria. Euforico, la portò a una grande convention e, arrivato il suo turno di parlare, salì sul palco con un piccolo trenino elettrico. Balbettando per l'emozione disse: -Finalmente sono riuscito a risolvere il grande [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

12
13
84

Il mio amico Gino Di Losa

14 January 2020

Sono al matrimonio di Gino Di Losa che si tiene in Puglia a Canosa. Davvero carina la sua sposa, anche se purtroppo è odiosa però ha una sorella deliziosa dall'espressione solare e radiosa. Ha una corporatura burrosa e un’espressione assai maliziosa, intuendo che di me è vogliosa. Con un pretesto [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Alice Cannizzo: Zio, sai una cosa? Mi piace questo Gino di Losa e sei bravo a scrivere ogni [...]

  • Giuseppe Scilipoti: Alice, si tratta di una filastrocca nata per caso, felice anche stavolta del [...]

2
1
8

Il mio angolo di Paradiso

13 January 2020

Salii sulla montagna con mio nonno Genitori troppo presi da se stessi per ascoltare e leggere nei miei occhi quel desiderio Il nonno era un uomo forte e saggio Essere solo in montagna con i suoi animali lo avevano abituato a quei silenzi e percepiva bene nelle persone i desideri e i sogni. Lui [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

17
41
110

I due broker

12 January 2020

Due “BROKER” di Wall Street se ne stanno davanti a un bancone di un prestigioso bar di New York a bere allegramente del costoso champagne, difatti i mercati azionari si erano rilevati a loro favore. L'euforia per entrambi è alle stelle in quanto “CHIUDERE IN POSITIVO” con trecentomila dollari significa [...]

Tempo di lettura: 2 minuti

  • Alessandra Leoni: Purtroppo ti capisco benissimo, io ho avuto un periodo bruttissimo che è [...]

  • flavia: Caro Giuseppe, non abbiamo tue notizie da troppo tempo. Siamo tutti in attesa [...]

1
1
6

Publicity man

11 January 2020

Su forza Finisci di mangiare Abbiamo ancora un altro isolato da fare Lo so Tom, do un ultimo morso al sandwich Oggi fa un freddo boia E non vedo il sole da giorni Questo schifo di cibo non lo digerisco proprio Sai Sal che ti lamenti troppo Sì Tom lo so Ho finito. Andiamo Dammi una mano Questo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

Torna su