Erano passati circa sei mesi da quando avevo finito le superiori e finalmente mi lasciavo alle spalle le materie, i professori, i compagni di scuola nonché l' imperante bullismo perpetrato ai miei danni da parte di quest' ultimi.

Avevo 19 anni, nonostante il tedioso periodo scolastico durato cinque anni, mi sentivo come  rinascere.

Ero libero, senza più percosse fisiche e soprattutto psicologiche che tanto avevano reso quel periodo della mia vita un autentico girone dantesco.

Dopo la scuola, lavoravo da circa tre anni, in un negozio di articoli casalinghi, dove parallelamente venivo sfruttato nonché pagato una miseria e attendevo con trepidazione la chiamata alle armi in quanto desideroso di una carriera nell'esercito, mestiere che sognavo fin da bambino.

Non ho alcuna nostalgia delle superiori, principalmente brutti ricordi che ancora oggi risultano vividi nella mia mente.

Un quinquennio che mi apparve per ovvi motivi davvero lunghissimo, difatti i miei compagni di classe e non, me ne fecero di tutti i colori, fin dai primi giorni del primo anno, mi fu affibbiato un brutto epiteto che mi logorava l'anima ogni qualvolta lo udivo.

“PROSCIUTTO”.

Un soprannome che mi fu dato da un compagno di classe per via che all'epoca dei fatti, avevo la carnagione rosa pallido.

Loris Calabrese (non dimenticherò mai questo nome), un pessimo elemento senza alcuna voglia di studiare, che frequentò la scuola per circa tre mesi poiché dopo essere stato sospeso a causa di un gravoso comportamento nei confronti del professore di elettronica, decise di non fare più ritorno.

Ancora oggi mi viene una gran rabbia al solo pensarci.

Si iscrisse inutilmente all' I.P.S.I.A., procurò enormi fastidi (e non solo al sottoscritto) per poi infine, come già detto, ritirarsi e grazie a quel maledetto appellativo mi condannò per tutto il periodo scolastico, specie i primi tre anni che si rilevarono senz'altro i più orrendi.

Sono sempre stato del parere che certa gente viene mandata dal diavolo stesso per scombussolare la vita a chi non merita di essere inquietato.

Il soprannome si propagò facilmente come un morbo e in men che non si dica anche nelle altre classi.

“Prosciutto! Prosciutto! Prosciutto!..”

Venivo così insultato, spesso e volentieri (da uno o più ragazzi, con tanto di cori odiosi) in classe, nel cortile, nei bagni, all'uscita della scuola, anche quando venivo pescato per le vie della mia città in cui bulli sfrecciavano con i loro scooter.

In certi contesti, arrivai addirittura alle mani con singoli individui, battendomi come un leone ma le dolorose rappresaglie venivano fin da subito messe in atto.

Reagivo per difendermi ma dinnanzi ai gruppi non avevo scampo. Erano in troppi e io ero solo.

I professori non mi furono d' aiuto in alcun modo, inoltre a casa non ne parlavo, avevo paura che avrei peggiorato la mia situazione in caso di un intervento dei miei genitori.

A parte Ernesto, il mio compagno di banco che più o meno subiva le mie stesse angherie, non legai con nessuno.

Da segnalare che gli insulti tante volte venivano accompagnati da calci, sgambetti e vigorose manate al collo e nel peggiore dei casi non mancavano sputi e percosse.

Durante la ricreazione per scongiurare problemi, preferivo starmene rintanato in classe, meglio ancora con l'insegnante presente ed evitavo di affacciarmi alla finestra.

Nel 2003 l' incubo finì, seppur mi diplomai con un punteggio davvero modesto, me ne fregai altamente poiché il mio intento principale era sbarazzarmi di tutti coloro che mi fecero patire ogni genere di vessazioni, tra cui un certo Gaetano Castello il carnefice dei carnefici.

Era il primo della classe e primeggiava in tutto, anche in educazione fisica (capitanava una agguerrita squadra locale di calcio) ma allo stesso tempo il peggiore caratterialmente, in primis nei miei confronti.

Arrogante, narcisista, sfacciato, maligno, impietoso, malevole, ostile, perfido... non basterebbero intere pagine per elencare tutti i sinonimi o comunque i suoi lati negativi.

Nonostante ciò, risultava una sorta di leader, in sostanza uno degli studenti più popolari della scuola, tra l'altro aveva parecchia fortuna anche con le ragazze, complice il fatto che era considerato un bel ragazzo.

Capigliatura bionda a caschetto, occhi azzurri, non molto alto, fisicamente atletico, orecchino ed abbigliamento firmato dalla testa ai piedi.

Un tipo odioso ed insopportabile, mi aveva preso praticamente di mira, una persona praticamente impossibile da gestire.

Una mattina del terzo anno, preso dall'esasperazione nonché accecato dall'odio, dopo gli ultimi due giorni davvero infernali ad opera di Gaetano, decisi di infilare dentro il mio zaino, il mattarello di mia madre, pronto a malmenare a sangue il mio diabolico nemico.

Al suono della campanella che annunciava la prima ora, lo vidi vicino al cancello della scuola, e come da copione cominciò a insultarmi.

«Prosciutto, prosciuttazzo!» accompagnato da risate e dai cori crudeli di altri miei compagni di scuola.

Appena fu di spalle, con le mani tremanti, aprii lo zaino pronto a impugnare la mia 'arma' ma all'atto pratico non feci nulla.

Non so come spiegarmelo... forse la decisione finale fu scaturita da una questione morale o forse fu l' angelo custode che mi fece 'ragionare' e desistere dal mio violento proposito.

Immaginai un esito disastroso, con il rischio elevato di una bella denuncia per percosse e addio carriera nell'esercito oltre ad una sospensione che mi avrebbe pregiudicato in maniera inesorabile l'anno scolastico.

Dopo la maturità, nonostante la scuola fosse finita come già detto da sei mesi, Gaetano sempre ancorato al suo vecchio retaggio non mancò sempre e comunque di insultarmi mettendomi in berlina durante i suoi passaggi in qualunque posto mi trovavo.

La mia città, non essendo grandissima, incontrarlo non era affatto difficile ed evitarlo non mi era sempre possibile.

Mi rodeva quel suo solito atteggiamento insolente, ma nel contempo essendo finita la scuola e trattandosi di episodi isolati, preferii non dannarmi più di tanto anche per via che presto sarei partito militare con la ferma di almeno di due anni.

Un episodio degno di nota ribaltò inaspettatamente la situazione a mio favore, un episodio che mi accingo per cui a raccontare attraverso queste righe.

0
0
0

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
1

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su