Due broker se ne stanno beatamente davanti ad un bancone di uno dei più prestigiosi bar di New York a bere allegramente del costoso champagne.

Hanno avuto una giornata ricca di soddisfazioni, difatti i mercati azionari si sono rilevati a loro favore.

Sono entrambi euforici, non è facile chiudere in positivo con 300 mila dollari in un solo giorno e festeggiare risulta imperativo.

Hanno rischiato grosso ma ne è valsa la pena.

Parlano del più e del meno, finchè John Sullivan, il broker più anziano nonchè più curioso, comincia a stuzzicare il suo collega, il quarantenne Michael Green.

“Ehi Mike, un uccellino mi ha raccontato che stai profittando con Lisa , come stai messo a sesso con questa nuova?” gli chiede il primo.

Green beve un sorso del suo champagne e il tuo atteggiamento si fa subito malizioso.

“Te lo spiego in termini di Borsa?

“Si, perché no? Siamo o non siamo broker? frase accompagnata con una amichevole pacca sulle spalle.

Michael Green appoggia sul bancone il pregiato calice di vetro ancora mezzo pieno e da al via la sua lezione.

“Se ad esempio Compro Oro, e lo regalo a Lisa, le azioni vanno in rialzo! E…non solo quelle!” comincia a spiegare con il classico gesto del pugno chiuso tirato orizzontalmente avanti e indietro.

“Quante azioni precisamente?”

“Non più di tre, ti ricordo che non ho più vent’anni e quindi la quarta diventa Rischio di Mercato.

“Insomma, l' indice non è altissimo, però è accettabile, dai!” sorride Sullivan.

“Già, inoltre anche Compro Petrolio quattro volte alla settimana, poiché la mia macchina consuma tantissimo, il nostro lussuoso albergo dista 200 km, non sia mai che mia moglie possa scoprirmi e quindi meglio non rischiare!' racconta Green sempre più divertito e con l’aria di credersi onnipotente.

Sullivan comincia a canzonarlo:

“Se giochi tutti i giorni in maniera sconsiderata con la Leva, a parte che ti spompi, va a finire che tua moglie ti scopre sul serio con l’alta probabilità di rimetterci moltissimi dollari, insomma subirai inizialmente un ribasso poi delle perdite e infine sarai costretto a vendere per pagare il mantenimento di colei che diventerà la tua ex!” 

Green inarca il sopracciglio, non si scompone, anzi, sente che è arrivato il momento giusto per chiedere al suo amico/collega una curiosità che lo attanaglia da tempo.

“A questo punto devo proprio chiedertelo: Come mai Micaela ti ha lasciato? Quale è stato il reale motivo?”

Sullivan comincia a tossire goffamente.

“Emh… innanzitutto nessun tradimento! Diciamo che negli ultimi anni ho dedicato anima e corpo alla Borsa e ho trascurato mia moglie. Per cui, a livello sentimentale andando sempre in perdita, ho subito la crisi, ahimè anche finanziaria”, difatti, ogni mese le devo passare gli alimenti e calcolando altre numerose spese, va a finire che di questo passo rischio il crollo!' afferma Sullivan con un tono della voce leggermente amaro.

“Mi permetti un proverbio inventato da me, che a mio avviso risulta valido sia con la Borsa e sia con le donne?” gli chiede Green.

“Spara pure! Sono davvero curioso di saperlo!”.

“Se non hai le palle…fatti da parte! conclude il più giovane dei due accompagnato da un occhiolino complice e una aggiustatina alla cravatta.

Risate da parte di entrambi e cin cin con i loro rispettivi calici di champagne.

 

 

N.d.r. Le parole inserite in corsivo sono termini utilizzati per coloro che giocano e si interessano di Borsa.

Ho cercato di sfruttare questi termini al fine di ottenere nella maggior parte dei casi, un doppio senso e nel contempo a creare una piccola storia mirata a divertire.

0
0
0

Magic

11 December 2019

La luna piena pendeva in uno atipico cielo blu scuro e fumoso. La luce argentea cadde su un'insegna metallica a forma di calderone che si innalzava sopra alla locanda La Bacchetta, gestita da Grimilde, una ex strega della Magia Nera che per ragioni "oscure" da tempo si era convertita a quella Bianca. [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

1
1
1

Una donna vera

11 December 2019

Silenzio dell'anima Morte nel cuore Nelle orecchie urla Sul viso segni di uno schiaffo Inaspettato Ti guardo e non ti riconosco o forse non ti ho mai davvero conosciuto Le cose finiscono e non possiamo farci niente Delusa Nei tuoi occhi l'impotenza dei deboli capaci solo di mostrare le unghie di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

1
4
9

L'ultimo duello allo stracklett saloon

a parte qualcuno non ne rimase vivo manco uno

10 December 2019

Nella cittadina di Sbrendelow, ai confini con lo stato dell'Arizona, il western è proprio come lo avete visto nei film. Nel saloon più merdoso della città Frank Stracklett faceva il sordo del compare e da dietro il banco serviva il suo zozzo whisky solo a chi pagava. Non si segnava allo Stracklett [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Rara avis: "C'era una volta il Fest". Non c'è che dire, di fantasia [...]

  • Walter Fest: Feruccio, grazie anche a te, siamo rimasti in tre, tre briganti e non ricordo [...]

2
3
7

Che pazienza!

10 December 2019

Pimpante come un penthatleta palestrato, un po' pederasta, pluripremiato alla Sagra del pesce palla di un piccolo paesino del Polesine, mi presentai presso il presidente di una polisportiva per un provino come pivot per una squadra di pallacanestro del padovano, ma, dopo la prova, purtroppo mi [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Come promesso ora ti commento, con la tua tarantella ci fai impazzir, c'è [...]

  • Rara avis: Ciao Giuseppe, sono particolarmente appagato dai tuoi precisi pareri circa [...]

7
7
16

La Grande Statua

09 December 2019

La Grande Statua in ferro è immune alla pioggia, gli occhi vitrei rivolti al cielo, non si lasciano impressionare dall'imminente e violento tuono. Dura e levigata la figura, impassibile l'espressione. Ma per chi sa sensibilmente scorgere non c'è un cuore arrugginito, semmai tenero, delicato come [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Patapump: come non pensare a quella della Libertà. Ottima riflessione Giuseppe

  • Giuseppe Scilipoti: x Federico: ehilà, bentornato, tra l'altro fa sempre piacere ricevere [...]

2
1
7

"APP" - 2/2

09 December 2019

I suoi soliti occhiali spessi a supporto della vista, consumata nel fare minuziosi disegni a china e su letture infinite. Il basco di lana blù, il collo infagottato in una sciarpa scozzese a dominanza azzurra, il cappotto pesante grigio, la stessa abituale tenuta invernale per le sue infinite e [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

2
1
9

La speranza

nanoracconto 4

08 December 2019

In una notte stellata un soffio di vento vola fra le case e porta con sè tutto l'amore, che è donazione gratuita, assoluta. Un bimbo spera che i genitori possano tornare ad amarsi come un tempo. Nel frattempo prega in silenzio. E Dio lo accarezza.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
10

"APP" - 1/2

08 December 2019

Un Giugno finalmente confortevole dopo interminabili piogge, l'aria è bonaria in un paesaggio limpido di sole. Ben calato nel quantistico mio punto di vista, seduto in compagnia di uno spritz arancio intenso brillante, trasparente al desiderio e polarizzato sul piano di un tavolino di "Giori", [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

4
4
15

Spalare

Una storia più black che humour

07 December 2019

Jacob, un ragazzino di quattordici anni della contea di Manchester, guadagnava una sterlina al giorno per spalare il vialetto di casa sua da foglie, foglioline, sassolini, etc. Fu un'idea del padre giusto per responsabilizzarlo un po', difatti il figlio da tempo era diventato insolente e soprattutto [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Patapump: Direi un forte disagio adolescenziale. E ritorna sempre il "difficile" [...]

  • Giuseppe Scilipoti: x Manuela: grazie, ci tengo molto ai tuoi pareri poichè oltre a soffermarti [...]

2
2
8

Perchè io

07 December 2019

Scedo le scale della metro Parigi ha sempre un fascino particolare Oggi volevo andare nel quartiere latino Mancava dal mio giro turistico Sono quasi trascorse due settimane dalla mia partenza dall’Italia Un vecchio suona un organetto mentre dei ragazzi in roller sfrecciano nei corridoi [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

1
1
9

C è sempre vento

06 December 2019

C'è sempre vento quando il cuore è triste, quando l'oblio del giorno ha tracciato il confine e le speranze si ritrovano per vedere se ne manca qualcuna, mentre le strade deserte restituiscono i rumori che le hanno attraversate per sentirsi vive nelle notti di pioggia. C'è sempre vento quando con [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

10
14
61

NATALE AL LOUVRE CON IL MISTERO DELLA DONNA CON GLI OCCHIALI ROSSI

Natale in giallo

06 December 2019

Mancavano poche ore al Natale e al museo del Louvre c'era il solito casino di visitatori, una massa multicolore di anime alla ricerca dello spettacolo dell’arte. Questi turisti a momenti troppo rumorosi e sobillatori invece in altri fin troppo silenziosi perché logicamente rispettosi, riguardosi [...]

Tempo di lettura: 4 minuti

  • Giuseppe Scilipoti: Walter, rileggere questo racconto, a distanza di un anno... mi ispira per una [...]

  • Walter Fest: Ferruccio, graziemille per il tuo commento ed è un doppio ringraziamento [...]

Torna su