Due broker se ne stanno beatamente davanti ad un bancone di uno dei più prestigiosi bar di New York a bere allegramente del costoso champagne.

Hanno avuto una giornata ricca di soddisfazioni, difatti i mercati azionari si sono rilevati a loro favore.

Sono entrambi euforici, non è facile chiudere in positivo con 300 mila dollari in un solo giorno e festeggiare risulta imperativo.

Hanno rischiato grosso ma ne è valsa la pena.

Parlano del più e del meno, finchè John Sullivan, il broker più anziano nonchè più curioso, comincia a stuzzicare il suo collega, il quarantenne Michael Green.

“Ehi Mike, un uccellino mi ha raccontato che stai profittando con Lisa , come stai messo a sesso con questa nuova?” gli chiede il primo.

Green beve un sorso del suo champagne e il tuo atteggiamento si fa subito malizioso.

“Te lo spiego in termini di Borsa?

“Si, perché no? Siamo o non siamo broker? frase accompagnata con una amichevole pacca sulle spalle.

Michael Green appoggia sul bancone il pregiato calice di vetro ancora mezzo pieno e da al via la sua lezione.

“Se ad esempio Compro Oro, e lo regalo a Lisa, le azioni vanno in rialzo! E…non solo quelle!” comincia a spiegare con il classico gesto del pugno chiuso tirato orizzontalmente avanti e indietro.

“Quante azioni precisamente?”

“Non più di tre, ti ricordo che non ho più vent’anni e quindi la quarta diventa Rischio di Mercato.

“Insomma, l' indice non è altissimo, però è accettabile, dai!” sorride Sullivan.

“Già, inoltre anche Compro Petrolio quattro volte alla settimana, poiché la mia macchina consuma tantissimo, il nostro lussuoso albergo dista 200 km, non sia mai che mia moglie possa scoprirmi e quindi meglio non rischiare!' racconta Green sempre più divertito e con l’aria di credersi onnipotente.

Sullivan comincia a canzonarlo:

“Se giochi tutti i giorni in maniera sconsiderata con la Leva, a parte che ti spompi, va a finire che tua moglie ti scopre sul serio con l’alta probabilità di rimetterci moltissimi dollari, insomma subirai inizialmente un ribasso poi delle perdite e infine sarai costretto a vendere per pagare il mantenimento di colei che diventerà la tua ex!” 

Green inarca il sopracciglio, non si scompone, anzi, sente che è arrivato il momento giusto per chiedere al suo amico/collega una curiosità che lo attanaglia da tempo.

“A questo punto devo proprio chiedertelo: Come mai Micaela ti ha lasciato? Quale è stato il reale motivo?”

Sullivan comincia a tossire goffamente.

“Emh… innanzitutto nessun tradimento! Diciamo che negli ultimi anni ho dedicato anima e corpo alla Borsa e ho trascurato mia moglie. Per cui, a livello sentimentale andando sempre in perdita, ho subito la crisi, ahimè anche finanziaria”, difatti, ogni mese le devo passare gli alimenti e calcolando altre numerose spese, va a finire che di questo passo rischio il crollo!' afferma Sullivan con un tono della voce leggermente amaro.

“Mi permetti un proverbio inventato da me, che a mio avviso risulta valido sia con la Borsa e sia con le donne?” gli chiede Green.

“Spara pure! Sono davvero curioso di saperlo!”.

“Se non hai le palle…fatti da parte! conclude il più giovane dei due accompagnato da un occhiolino complice e una aggiustatina alla cravatta.

Risate da parte di entrambi e cin cin con i loro rispettivi calici di champagne.

 

 

N.d.r. Le parole inserite in corsivo sono termini utilizzati per coloro che giocano e si interessano di Borsa.

Ho cercato di sfruttare questi termini al fine di ottenere nella maggior parte dei casi, un doppio senso e nel contempo a creare una piccola storia mirata a divertire.

0
0
1

FASCINO AUTUNNALE

20 October 2019

La calda stagione estiva é ormai finita; Bussano alla porta i primi segni dell'autunno: e te ne rendi conto passeggiando per le strade, quando, lieve e silenziosa, ti accarezza il volto la fresca brezza autunnale, facendoti così un pochino sobbalzare con un soffio assai speciale. Mi fermo ed osservo [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

0
0
1

UN CAMBIAMENTO DIROMPENTE

20 October 2019

Era il 2035 e il divario fra Ricchi e Poveri era a tal punto insostenibile che la forbice aveva raggiunto il massimo della sua apertura. A questo punto tutti quei beni e prodotti effimeri, voluttuari, gli illusori, i tecnologici, scomparvero dagli scaffali dei negozi e centri commerciali sostituiti [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
12

Connessione di merda!

19 October 2019

Che schifo di connessione, mamma mia! La linea è veramente lentissima. Ho provato a scollegare e collegare numerose volte il router, per non parlare dello smanettare con le configurazioni, ma è tutto inutile. Mi serve per forza una spedita navigazione in Internet poiché tra circa un'ora inizierà [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

  • Walter Fest: Bravo Scilipoti, dalla fucina delle tue idee, prima di tutto la gran voglia [...]

1
1
10

Occhi

19 October 2019

Occhi che guardano il mondo. Occhi che fissano le immagini, come una macchina fotografica. Occhi ampi, spenti, a mandorla. Occhi verdi, azzurri, neri. Occhi che riflettono il cielo. Occhi sorridenti, che piangono, che brillano. Occhi che si aprono dopo il primo vagito, occhi che si chiudono alla [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

4
1
14

La casetta nel bosco

18 October 2019

Mio nonno Arturo non ricordava neanche più quanto tempo fosse passato dalla prima volta che si era alzato alle quattro del mattino per andare a lavorare nei campi. Di sicuro, quando era accaduto, era più basso di almeno trenta centimetri e la sua voce non aveva ancora assunto quei caratteristici [...]

Tempo di lettura: 3 minuti

4
2
15

A tarda notte

Sulla vita e i suoi scogli

18 October 2019

A tarda notte i bluff si smagnificano. Nella mia tazza di caffè sento il sapore della disillusione perché gli eventi non accadranno mai nella sequenza desiderata ed anche quando succederà ci sarà qualche dettaglio fuori posto. Soffro, in altre parole, le piccole differenze dolorose tra la vita [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
14

Eureka!

Ora ho capito perché....

17 October 2019

E già, capito cosa? Veramente me lo sono scordato, non lo ricordo più e ora come al solito improvviserò e se non vi piacerà, beh, stavo per dire una cosaccia, non fateci caso, ecco al pianoforte Ringo Star, che centra? Boh? Avevo il suo volto nella mente e mi piaceva dirvelo...ok, non tergivestriamo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
2
15

Rap-poesia

17 October 2019

Sono andato alla deriva nei naufragi della vita lotta aspra ed insicura lenta e dura è la salita Gioco sporco col destino fango dentro gli stivali denti aguzzi di mastino c'è di peggio a questi mali Giro intorno ad un pensiero nelle notti di sudore faccio finta che sia vero ma ci vuole un po' di [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

3
3
11

Vita

16 October 2019

Tanto tempo fa ero iscritto a Giurisprudenza. Andavo anche bene. Di solito studiavo a Saronno, in biblioteca. Ogni tanto però, quando dovevo frequentare le lezioni, studiavo nell'aula Studi dell'Università Statale di Milano. C'era un sacco di gente. Studiavo insieme a Paolo Consonni. Eravamo stati [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

2
1
8

Senza Titolo

15 October 2019

Il mozzicone brucia ancora, lento, una pausa scriteriata e l'ultima fiamma s'è smorzata sul fondo d'un posacenere zelante.

Tempo di lettura: 30 secondi

2
1
13

Micerino

15 October 2019

Innanzitutto ci dobbiamo chiedere, chi è Micerino? Perché ha una piramide così piccola? Ci sta cercando di dire qualcosa? Era davvero il figlio di Chefren o era invece un vecchio riccone che voleva farsi credere più importante di quanto non fosse in realtà nelle generazioni future? Forse non lo [...]

Tempo di lettura: 1 minuto

3
2
10

Lost

14 October 2019

Perso nell'ombra di un passato antico sfoglio scolorite pagine di pensieri frusti nell'illuso anelito di una vita altra Ho raccolto ricordi di felici momenti nell'estrema speranza di un uguale futuro sotto l'omeopatica cura di un sentimento insano ... e giro scalzo in queste vuote stanze perso [...]

Tempo di lettura: 30 secondi

  • Giuseppe Scilipoti: Lost: perduto ma poi ritrovato... in base alla chiusa.
    Poesia che ha un [...]

  • Ilaria: Spero che presto sarà di nuovo pace e gioia a.
    Forse é solo [...]

Torna su